Vai al contenuto

Colpo_Grosso***

Tifoso Juventus
  • Numero contenuti

    2712
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

113 Excellent

Su Colpo_Grosso***

  • Livello
    S C A R R E D
  • Compleanno 22/05/1983

Profile Information

  • Sesso:
    Male
  • Scrive da:
    Rijeka - Fiume
  1. Sul rigore non dato a Higuain ho sentito delle arrampicate sugli specchi che ci sono ancora gli artigli conficcati nel vetro.
  2. Lega 3

    e pensa che se Dybala trasforma il rigore non la pareggi neanche succede di perdere anche se si fanno 4 goal
  3. Meanwhile nel World (Topic Politico - International Edition)

    Come ho detto prima, l'Italia ha dalla sua il non aver perpetrato continue imposizioni e violenze sui vari popoli che la abitano (tranne il Ventennio) e per questo ha conservato quella che e' la grandissima ricchezza del paese, una varieta' incredibile di lingue, costumi, cibi spesso e volentieri senz'alcun legame storico. La sua e' un'unita' relativamente recente e nel complesso ha avuto una politica culturale INCLUSIVA, tutto il contrario della Spagna (o della Francia) che per secoli ha tentato di estirpare tutto cio' che non apparteneva all'idea di Spagna, una, grande e cattolica. Per entrare in Europa ha dovuto sottostare controvoglia a certi diktat. Alle varie "minoranze" non sembrava vero ed anche questo compromesso era oro colato rispetto a quello che c'era prima. Non ha senso quindi mettere sullo stesso piano i due casi. In Spagna il tema del franchismo non e' stato affrontato come si deve, moltissimi sono passati dalla Falange al PP riscoprendosi "democratici". I catalani dal canto loro hanno avuto pessime scelte tipo Jordi Pujol o Artur Mas, vivendo di un tira e molla che sta arrivando al culmine. Non e' che se per secoli si e' andati avanti in un certo modo, questo modo va conservato ad ogni costo. Sulle differenze fra le varie comunita' autonome basterebbe sentire parlare le varie lingue (dal galego, all'asturiano, al catalano...passando per il basco che non e' una lingua romanza) e credo che qualche dubbio su questa grande unita' di Spagna verrebbe a galla. Qualche pagina fa ho scritto di legami fortissimi fra catalano e occitano, galego e portoghese. Parlare per preconcetti e' sempre una trappola. Io non dico che una Catalogna indipendente sia rosa e fiori, ma bisogna chiedersi come mai sia cosi' calato il consenso filospagnolo anche fra i federalisti, i repubblicani...
  4. Meanwhile nel World (Topic Politico - International Edition)

    Yep, ma tieni conto che altre 800000 schede cca non sono state neanche conteggiate perche' la polizia ha impedito l'accesso o distrutto schede, urne e via dicendo. L'atteggiamento idiota di Rajoy e compagnia sta solo versando migliaia di metri cubi di acqua al mulino catalano - un paio di anni fa il no secco avrebbe sicuramente vinto con lo stesso numero di partecipanti, adesso siamo al 90% del si'. E senza il buonsenso si andra' ancora piu' in la'. Io non so quanti oneri avesse per es. la Slovenia inglobata nella Jugoslavia. So che in Jugoslavia erano il motore ed hanno continuato ad essere il punto di riferimento pur essendo usciti.
  5. Meanwhile nel World (Topic Politico - International Edition)

    Il signor Bottura, oltre a necessitare un corso basilare di sociolinguistica, commette l'errore al principio, si mette a fare i paragoni tirando il ballo i dialetti, il folklore, la Serenissima e l'Alto Adige. Non puoi mettere nello stesso sacco due-tre realta' diverse. Cosi' non puoi fare un articolo serio. Lui non argomenta, pontifica, tralasciando troppe cose. Tra l'altro sbaglia clamorosamente quando dice che il catalano e' stato riesumato. Il catalano, anche nelle epoche piu' cupe, e' stato sempre parlato nelle case. C'e' stata un avanzata del castigliano nelle grandi citta' (a BCN e' tutt'ora la lingua piu' parlata), era l'unica lingua permessa ed era ovviamente la variante che ti garantiva il prestigio, il lavoro, la carriera...MA nelle citta' piu' piccole e nelle zone rurali (e questo non solo in Catalogna, ma anche nell'Horta valenziana e nel sud valenziano) il catalano e' sempre stato la lingua d'uso comune. Sempre. Ci sono state nella storia recente due lingue veramente ricostruite e riesumate - una e' il rumeno, l'altra l'ebreo neoaramaico necessario a mettere insieme Israele. Romania ed Israele sono due stati. Oltretutto parlare di cagata tirando in ballo milioni di persone denota veramente mancanza di serieta'.
  6. Meanwhile nel World (Topic Politico - International Edition)

    Beh direi che e' un buon punto. I catalani per es. avranno non una, ma tre lingue ufficiali nel futuro paese, sempre se dovesse andare in porto il distacco da mamita Espanya. Fondamentalmente questo sarebbe un'indipendenza progressista e per questo ha il mio supporto.
  7. Meanwhile nel World (Topic Politico - International Edition)

    Si', ma quella non e' una nazione. La nazione che conosciamo oggi nasce con la rivoluzione francese. Che cacchio ne potevano sapere di "nazione" le varie tribu' di allora? E' sbagliato il ragionamento di fondo.
  8. Meanwhile nel World (Topic Politico - International Edition)

    Si', con la differenza che se un piemontese, un lombardo, un emiliano, un veneto e un friulano si mettono a comunicare nelle loro lingue, non si capirebbero, per non elencare le notevoli differenze culturali...tanto per dirti le contraddizioni "padane". L' italiano un suo punto di forza ce l'ha nel fatto che non e' mai stato una lingua imposta brutalmente nel suo estendersi in tutta la penisola, per questo si e' conservata questa frammentazione che secondo me e' un merito. Qualcosa di simile e' impensabile per es. in Francia. Tu prendi uno di Perpinya' (Francia) e uno di Elx (Valencia) ognuno nel proprio dialetto e si capiscono a meraviglia (tanto che il catalano accetta tre diverse varieta' di lingua standard, una vera rarita') e non ci sono queste distanze siderali riguardo la cultura...
  9. Meanwhile nel World (Topic Politico - International Edition)

    Si', ma vai a vedere come sono state fatte queste nazioni - con la violenza, mettendo insieme gente con culture e lingue eterogenee, in un'epoca dove l'ignoranza regnava sovrana, la massima opposizione ai signori erano i moti contadini. Non e' che sono nate prima le nazioni e poi quelli che se ne vogliono andare. Oriol di Girona ha veramente poco da spartire con Miguel di Badajoz, nonostante li abbiano bombardati di ispanita'.
  10. Meanwhile nel World (Topic Politico - International Edition)

    Anche l'Impero romano se per questo...il mondo cambia, va avanti. Le entita' socio-politiche sono degli accordi che prima o poi mutano - ieri c'erano gli imperi, oggi vari tipi di stati, un domani ci sara' qualcos'altro.
  11. Meanwhile nel World (Topic Politico - International Edition)

    Che cos'e' la nazione iberica? A me come sintagma piace e in linea utopica ci potrebbe anche stare, solo che non e' mai esistita. Se invece parli di nazione spagnola, non si puo' dire che la Catalogna non ne abbia condiviso il destino dal 1714 in poi (ma c'e' stato anche un importante periodo indipedente con gli aragonesi) - due sono i problemi: 1. Tutte le limitazioni e persecuzioni culturali, oltre a politiche economiche scellerate che da allora si sono avvicendate sul territorio. 2. Un'idea generalmente assimilata da buona parte della gente di una Spagna in cui ogni diversita' culturale e' un intralcio, qualcosa di poco conto, di folcloristico (anche quando magari si parla di milioni di persone), addirittura da estirpare nel nome di questa Spagna una, grande e cattolica (vi sorprendereste quanti vadano dietro a quest'idea). Poi, linguisticamente e culturalmente il catalano ha tanto in comune con l'occitano (altra cultura perseguitata, ma a nord dei Pirenei), molto di piu' che con zone aliene tipo Extremadura, Andalusia e le varie Castille...come per es. il galiziano e' il papa' del portoghese (e sarebbe forse logico che stiano insieme), poi sono cose che si vedono con i propri occhi, senza manuali o articoli di giornale. Sul federalismo: in Catalogna sono stanchi e delusi. Sono decenni che gli parlano di federalismo e non se n'e' fatto nulla. Adesso si sono rotti i co*****i e cercano la propria strada. Tanto che fra chi vuole andarsene sono tanti quelli che credevano nel federalismo - che per me rimane una buona strada, ma non con questo establishment.
  12. Meanwhile nel World (Topic Politico - International Edition)

    un compromesso mal fatto (per farsi accettare in Europa, non per un'idea progressista) da franchisti che hanno imposto la monarchia come forma di governo infatti adesso i nodi stanno arrivando al pettine
  13. Meanwhile nel World (Topic Politico - International Edition)

    E sbagli perche' c'e' un abisso fra le due cose.
  14. Meanwhile nel World (Topic Politico - International Edition)

    Anche se i catalani sono "i genovesi di Spagna" quanto al rapporto col denaro, non credo che avrebbero problemi a negoziare. Se se ne vanno loro e i baschi, Madrid collassa.
×