Vai al contenuto

Jules

Tifoso Juventus
  • Numero contenuti

    35961
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Days Won

    12

Jules last won the day on December 1 2017

Jules had the most liked content!

Reputazione Forum

2587 Excellent

Su Jules

  • Livello
    Juventino Le Roi
  • Compleanno 01/07/1970

Profile Information

  • Sesso:
    Male
  1. Probabilmente spera aprano un'inchiesta a Napoli... Narducci e Capitan Tartaglia si stanno già sfregando le mani!
  2. Il Lego... che scriveva dalla funivia della Ciampinoi...
  3. 09 OTTOBRE 2018 | IN FEMMINISMO & GENDERS. Stampa 93840 Ieri come ogni lunedì, su Italia 1, è andato in onda Tiki Taka, una trasmissione calcistica davvero oscena per bruttezza e contenuti. Una trasmissione assolutamente non degna di nota, se non fosse che nel bel mezzo delle accuse di violenza sessuale nei confronti di Cristiano Ronaldo la trasmissione in questione può essere il termometro di cosa ci aspetta nelle prossime settimane a partire da questa vicenda. In realtà ne abbiamo avuto già abbondanti assaggi. Il 4 ottobre la Juventus FC, la società dell'attuale squadra di CR7, prende le difese del calciatore con un tweet vomitevole che non necessita commenti: "Cristiano Ronaldo ha dimostrato in questi mesi la sua grande professionalità e serietà, apprezzata da tutti alla Juventus. Le vicende asseritamente risalenti a 10 anni fa, non modificano questa opinione, condivisa da chiunque sia entrato in contatto con questo grande campione". Qualcuno dovrebbe dire a questi signori che Ronaldo è accusato di stupro, non di poca professionalità. Dobbiamo purtroppo constatare che per la più grande società di calcio italiano, la professionalità e la bravura nel giocare a calcio cancellano le responsabilità per uno stupro. Alla Juventus chiaramente si allineano tutte le principali testate sportive. Non poteva essere altrimenti visto l'entusiasmo e il servilismo mediatico con cui è stata presentata l'operazione CR7 da tutte le testate giornalistiche italiane, arrivando a riempire pagine e pagine di articoli sul calciatore portoghese, bombardandoci di dettagli inutili e insulsi. Arriviamo così alla prima pagina del Corriere dello Sport del 6 ottobre che titola "CRSEX" già segnalata su facebook dal lavoro di Minuto Settantotto che commentava così: Il sesso è piacere, coinvolgimento. Lo stupro è violenza, prevaricazione. Premessa la presunzione d'innocenza, Cristiano Ronaldo è accusato di stupro, un reato. Il solo accostamento, o peggio l'uso intercambiabile, delle parole sesso e stupro è qualcosa di aberrante. Il giornalista dovrebbe saper maneggiare con cura le parole, soprattutto quando si parla di argomenti così delicati come una violenza sessuale. Un titolo vomitevole, come il retroterra culturale che lo ha partorito. Questo è il giornalismo sportivo in Italia".Una prima pagina che assume connotati ancor più schifosi e vomitevoli alla luce della foto scelta che, estrapolata dal contesto del campo da gioco e legata a quel titolo, sembra mimare un gestaccio. Sempre il Corriere dello Sport continua con il titolo di stamattina "Cristiano in c roce". Inutile parlare di Tutto Sport: "Più forte del fango" e "Giù le mani da CR7" sono solo alcuni dei titoli del giornale torinese. E' il classico ribaltamento dei ruoli e delle responsabilità. La vittima di tutto questo diventa Cristiano Ronaldo. Chi denuncia diventa l'imputata, la responsabile, la carnefice. Succede sempre, eppure questa volta sembra assumere caratteristiche ancor più aggressive, spudorate, esplicite. Veniamo al punto di partenza. A Tiki Taka. Dalla trasmissione parte un servizio sulla vicenda. Il titolo segue la linea del resto della stampa italiana: "Campione sotto pressione". Anche in questo caso per la narrazione mediatica la vittima è il calciatore portoghese. Le questioni sollevate sempre le stesse e sempre vergognose: la distanza di tempo tra l'episodio contestato e la denuncia, il perché abbia accettato di seguirlo nella camera d'albergo, l'aver accettato i soldi e così via. Ma l'apice lo si raggiunge quando la trasmissione torna in studio e la parola passa agli ospiti. La sagra dell'infamia. Per Giampiero Mughini (un nome che è già sinonimo di cloaca) "si tratta di un semplice rapporto non consenziente, non è uno stupro". Anche in questo caso risulta piuttosto superfluo commentare. Se dico NO è NO. Se dinanzi ad un NO continui è stupro. Non ci stancheremo mai di ripeterlo. Poi arriva il turno di Giuseppe Cruciani che si scaglia contro il Metoo ricordandoci che a riguardo il suo pensiero è assolutamente negativo. Il tutto condito dalle solite retoriche con le quali abbiamo purtroppo imparato a fare i conti. Cristiano Ronaldo è un intoccabile. E' il beniamino di grandi e piccini in tutto il mondo. Ma soprattutto è una macchina da soldi infernale. Gli scudi che da tutte le parti si levano a sua difesa sono scudi offensivi, pericolosi, che possono far male e nuocere gravemente in una fase storico-politica già caratterizzata da un forte attacco al corpo delle donne e alla possibilità di autodeterminazione. La narrazione che si sta sviluppando in questi giorni attorno alla vicenda in questione tende in maniera sfrontata e spietata alla banalizzazione della violenza sulle donne, quasi ridicolizzandola. E' una narrazione che produce e alimenta le retoriche più becere. Lega la denuncia della violenza ad un ritorno economico o comunque ad un tornaconto personale; riafferma la società come struttura gerarchizzata in senso patriarcale e maschilista; mortifica il corpo e il ruolo della donna affermando il totale asservimento al maschio, ancor di più se ricco e potente. La difesa di Ronaldo rischia di diventare un grande attacco nei confronti delle donne. E si sa, quando di mezzo c'è il calcio, quando si tratta di grandi campioni, la razionalità, l'obiettività e lo sguardo critico rischiano di venire ulteriormente meno. Questa vicenda può essere, in parte, il termometro di quello che dobbiamo aspettarci nei mesi a venire. Sul corpo delle donne, sulla violenza e sulle possibilità di autodeterminazione si gioca una battaglia cruciale, che purtroppo passa anche da casi mediatici come questi. Il femminismo che difende l'onore di una tr**a e come un sindacato che difende i diritti del lavoratore assenteista. In entrambi i casi fanno un dispetto a coloro che dovrebbero realmente rappresentare....
  4. Lo scorso anno ci si lamentava del non gioco... Quest'anno che, almeno per il momento, la solfa non funziona più, ci si lamenta per come si giocava lo scorso anno! Che poi, guarda un po', improvvisamente Allegri ha capito come si gioca a calcio. Mannaggia a sti corsi del CEPU, va'!
  5. Ma anche di un certo Cancelo, di un certo Can e di Alex sandro al posto del fratello scarso...
  6. Ma scrivere semplicemente che abbiamo giocato bene, no?
  7. Anche secondo me... ho come l'iompressione che ormai Alex Sandro debba esssere criticato a prescindere.
  8. Uefa Champions League 2018-19

    Comunque noto che Ancelotti si è già ben integrato nel contesto chiagnefottese...
  9. Uefa Champions League 2018-19

    Mi pare di poter dire che Kloppete se la sia messa in saccoccia da solo... E, d'altronde, se al suo Liverpool non lasci gli spazi per partire in contropiede, ne limiti le potenzialità di oltre il 50%. Quando leggo di Klopp al posto di Allegri mi viene sempre un po' da sorridere...
  10. Mah... a parte che mi pare di aver detto una cosa diversa, ossia che non è in casi come questo che si vedono gli "schemi"... Dopodiché, quando ti trovi il classico pullman davanti alla riga di porta non credo siano gli schemi, applicati o meno in velocità, che possano risolverti il problema. Opinione mia, eh?
  11. Io l'unico "schema" realmente innovativo rispetto a ciò che siamo soliti vedere è quello della difesa avversaria che, contrariamente a quelle che incontriamo quasi sempre in Italia, non ha intasato in modo esagerato tutti gli spazi dentri e appena fuori l'area, rendendo possibile quel giro palla veloce... Con questo non voglio dire che la Juve non abbia schemi... ma che non è in queste situazioni che si vedono gli schemi. In queste situazioni si vedono le qualità tecniche di chi attacca e tattiche di chi difende.
  12. A me pare più idiozia! Sarà...
  13. Il problema è la "responsabilità oggettiva"... Si vuol fare in modo che le società non siano ostaggio dei gruppi organizzati e poi si mantiene in vigore il mezzo che ne permette e ne facilita l'esecuzione. Identificassero i responsabili e li cacciassero a pedate nel chiulo una volta per tutte, senza stupide, pretestuose e inutili ammende o penalizzazioni alle società!
×