Vai al contenuto

JUtente

Tifoso Juventus
  • Numero contenuti

    7064
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

700 Excellent

Su JUtente

  • Livello
    ONORE ALLA TRIADE
  • Compleanno 14/11/1975

Profile Information

  • Sesso:
    Not Telling
  • Scrive da:
    Kiev

Visite recenti

2534 visite nel profilo
  1. Io più che della classifica o dei giocatori mosci mi preoccupo della mancanza di gioco, e di quello, spiace dirlo perché mi sta pure simpatico, l'unico responsabile è il mister.
  2. TAVECCHIO si è dimesso

    Comunque io una serata droga alcohol e mignotte con lui me la farei
  3. La rosa sarebbe la più forte Ma in effetti è quella che gioca peggio
  4. TAVECCHIO si è dimesso

    Ahahahahah sembra una caricatura Quando parla in francese
  5. Chiellini Rugani Chiellini Asamoah Chiellini Rugani Lichtsteiner palla persa Ho la nausea ormai
  6. Gli servono 21 partite per superare Maldini (647-627) e ne mancano 25, può saltarne solo 4
  7. Pjaca quando torna....

  8. Daspo ad ulcuni membri del gruppo Viking

    e Dan Brown muto!!!
  9. AC Milan - La stagione dei rossoneri

    Milan, il New York Times: "Li Yonghong non è il proprietario delle miniere del suo patrimonio" Il quotidiano statunitense getta ombre sul presidente rossonero: il giacimento di fosforo indicato come suo principale asset apparterrebbe a una società che ha cambiato 4 padroni in 2 anni. E uno di questi sarebbe indirettamente legato a mr. Li 17 NOVEMBRE 2017 - MILANO Denaro “oscuro” e un proprietario misterioso. Il New York Times ha dedicato al Milan un articolo sul quotidiano in edicola e su nytimes.com. Sui-Lee Wee, Ryan McMorrow e Tariq Panja, gli autori dell’articolo, hanno analizzato la condizione di Li Yonghong, da aprile proprietario del club, e il Guizhou Fuquan Group, indicato nel curriculum ufficiale di Mr. Li come il suo principale asset: un gruppo proprietario “della più grande miniera di fosforo cinese”. Il New York Times scrive che l’impero minerario descritto da Li Yonghong “era a malapena conosciuto” nel settore minerario e pone dubbi circostanziati sulla proprietà della miniera, che apparterrebbe invece a Guangdong Lion Asset Management, una società che ha cambiato quattro proprietari negli ultimi due anni. Tra loro, Li Shangbing, che appare come rappresentante legale di Sino-Europe Asset Management, conosciuta come una delle scatole cinesi con cui sette mesi fa è stato acquistato il Milan. Una persona rimasta fin qui sullo sfondo della vicenda rossonera, ma che potrebbe acquisire importanza. Li Shangbing ha detto al NYT di non conoscere Li Yonghong ma il quotidiano americano li collega, oltre che per Sino-Europe Asset Management, per una disputa legale in cui Li Yonghong e Guangdong Lion sono stati accusati congiuntamente. I giornalisti del NYT hanno visitato gli uffici di Guangdong Lion a Guangzhou lo scorso agosto, trovandoli “chiusi, con un avviso di sfratto alla porta; all’interno, le scrivanie e le sedie erano in disordine, i computer erano privi di disco fisso e i vermi infestavano un cestino della spazzatura”. LA MINIERA — Il New York Times sottolinea come la miniera abbia cambiato per quattro volte proprietario, due volte a costo zero. Curiosamente, quasi tutti i proprietari si chiamano Li, cognome comunque comune in Cina. Li Shangsong, co-proprietario con Li Shangbing, ha ceduto le sue quote a Li Qianru. Successivamente Li Shangbing e Li Qianru hanno ceduto a costo zero a Li Yalu l’intera miniera, che tre settimane dopo per lo stesso prezzo è passata a Zhang Zhiling. Come si intuisce, non è semplice ricostruire la ragioni di queste operazioni e quanto abbiano a che fare con il Milan. LI YONGHONG — Nell’articolo, il NYT ricorda i precedenti di Li Yonghong e della sua famiglia. “Nel 2013, l’autorità di sicurezza ha multato Mr. Li di 90.250 dollari (circa 76.500 euro al cambio attuale) per la mancata comunicazione della cessione di azioni per 51,1 milioni di dollari (circa 43,3 milioni di euro al cambio attuale). (…) Nel 2004 secondo The Shanghai Securities News, l’organo di informazione ufficiale dell’autorità di sicurezza cinese, l’azienda di famiglia di Mr. Li, la Guangdong Green River Company, si è associata con altre due compagnie per truffare più di 5.000 investitori per 68,3 milioni di dollari (circa 57,8 milioni di euro al cambio attuale). Il papà e il fratello di Mr. Li furono condannati alla prigione. Mr. Li secondo il resoconto venne investigato ma non accusato di comportamento scorretto”. I COMMENTI — Il New York Times ha contattato i protagonisti della vicenda. Mr. Li attraverso il Milan ha rifiutato una intervista. Rothschild, advisor di Mr. Li nella trattativa con Berlusconi, ha preferito non commentare. Li Shangbing in una intervista telefonica ha detto di non conoscere Li Yonghong, ha negato di aver costituito Sino-Europe e di possedere quote del Milan, rifiutandosi di rispondere ad altre domande. Il Milan non ha voluto rilasciare commenti su Li Shangbing ma un portavoce del club ha detto che il controllo di Mr. Li sulla miniera è stato verificato dagli avvocati e dalle banche coinvolti nella trattativa. Lo stesso portavoce, secondo il NYT, ha detto che Li non aveva nulla a che vedere con le accuse ai parenti ed è stato una vittima nel caso giudiziario con Guangdong Lion, mentre la multa da 90.250 dollari si spiegherebbe con la sua poca familiarità con le regole di borsa. Il NYT non è riuscito a rintracciare Chen Huashan, legale rappresentante di Sino Europe Sports Investment Management (protagonista dell’acquisizione del club ad aprile), la persona che più di un giornalista ha identificato come prestanome di Li Yonghong.
  10. Non poteva finire che cosi'

    E io godo
×