Benvenuto, Ospite!

Registrati, sarai in grado di discutere, condividere e inviare messaggi privati con gli altri membri della nostra community.
Avvisiamo l'utenza che per poter accedere al forum, in seguito agli aggiornamenti effettuati, bisognerà inserire tra i dati di accesso il proprio nickname e non più il nome scelto durante la registrazione.

Asmita

Tifoso Juventus
  • Numero contenuti

    1886
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

212 Excellent

Su Asmita

  • Livello
    Juventino Pinturicchio
  1. uhm è vero ci sono parecchi utenti saccenti e odiosi (spesso anche moderatori), ma tant'è la simpatia non è determinabile a tavolino come una vittoria dell'inter. Comunque dopo Cardiff con un eventuale triplete (dico per intenderci, perché è un termine che odio e che non ha senso) ci sarà sempre gente pronta a lamentarsi, quindi perché preoccuparsene adesso? Poi va distinta chi si lamenta a prescindere da chi semplicemente vuole stimolare la discussione su una questione tattica, perché si deve amare il gioco e non il tifo coi paraocchi (molte volte un allenatorie sbaglia ma è aiutato da fattori fortunati e la sfanga comunque). Quindi alla fine credo sia un problema che non ha una soluzione e per questo non vale la pena perdere tempo a discuterne. A me preme vincere quella p*****a di coppa che quest'anno sosterà per una sera a Cardiff, tutto il resto è fuffa (record o tris di titoli che dir si voglia).
  2. Queste voci giravano a Sassuolo già più di due anni fa, mi scoccia più che certi intertristi avessero ragione allora che non avere Berardi in rosa....
  3. Direttamente dall'adunata degli alpini....
  4. Ma no, ma che dice l'agente? Il campionato italiano è ipermegacompetitivo, pieno di squadre allettanti e certamente non solo intenzionate a vendere i pezzi migliori senza un progetto per vincere l'anno dopo...
  5. condivido. Avremmo vinto comunque, ma non così tanto (alludo alle coppe italia, storicamente snobbate dalla nostra società) e in modo così assoluto. E anche il percorso in champions sarebbe stato differente, soprattutto due anni fa (quest'anno abbiamo fatto un mercato all'altezza delle altre big d'Europa quindi è una questione differente).
  6. A chi ha voglia di annoiarsi per due ore consiglio questo video di una conferenza di due giorni fa tenutasi a Bologna con Furio Camillo (più volte collaboratore della Juve). Si parla quasi interamente del futuro della statistica nel calcio (nulla di eclatante e che non si sappia da parecchio tempo), ma tra un discorso e l'altro si fa accenno più volte alla bravura di Allegri sia come psicologo ma anche come analisi delle partite (la Juve conta 5 match analyst, il capo è come sapete Scirea). video facebook
  7. Rispondo a te (perché è il messaggio più corto) ma vale per tutti. Ho sbagliato a fare questo tipo di discorso in questo topic perché potrebbe dare l'impressione di sminuire il lavoro di Allegri, e non era quello il mio intento. Quello che voglio dire è che la fortuna di un allenatore la fanno i giocatori che ha a disposizione. Ed è un concetto espresso più volte anche Allegri durante questi tre anni. Non solo tecnicamente, ma professionalmente e anche mentalmente. Chiedersi perché in passato la BBBC non ha sempre vinto è come chiedere perché Cristiano Ronaldo non ha vinto il pallone d'oro a 18 se è così forte...primo non si può vincere, e la sconfitta fa parte della vita come del processo di crescita di ognuno. Secondo i tempi non erano ancora maturi (intendo ai tempi di Del Neri o Prandelli), la difesa non dipende più dal talento di quanto dipenda dall'affiatamento e della meccanizzazione dei movimenti in campo. La BBBC di adesso non è quella di 7 anni fa, ma nemmeno quella di 3 anni fa. Si cambia, si migliora tutti insieme. Però il contributo di quei quattro dietro è quello che tutto Europa ci riconosce, è più determinante di quello del centrocampo e dell'attacco a conti fatti (ci siamo liberati di tutti tranne che di loro, e non possiamo dire che di offerte no nce ne fossero state). Nella storia la Juve di questi 6 anni sarà ricordata come la Juve di quei 4, come la prima Juve di Lippi era la Juve del tridente Vialli-Ravanelli-Del Piero. E cnon credo che nessun allenatore sano di mente si sentirebbe offeso a riconoscere che senza quei quattro là dietro non avrebbe avuto lo stesso successo (basti guardare anche agli ultimi Europei che senza loro non avremmo passato nemmeno il girone). Poi il calcio è un gioco di squadra, non si vince da soli ma nemmeno in 4 quindi i meriti vanno condivisi, ma se dovessi scrivere un articolo su questa Juve tra 20 anni partirei sempre da Buffon, Barzagli, Bonucci e Chiellini. E poi basta perché questo topic è dedicato ad Allegri e ai suoi meriti.
  8. In tutto. La spina dorsale della squadra ha acquistato consapevolezza che non poteva avere all'innizio del cammino di questo gruppo, è fisiologico. La qualità dei giocatori messi in campo in ogni reparto (senza soffermarci sulla noiosa ed inutile diatriba se il centrocampo sia migliore o meno, bisoogna guardare l'undici della squadra). Il fatturato della Juve che ci ha permesso giocatori che fino a due anni fa potevamo solo sognarci. Si cresce in tutto e si cresce tutti, nessuno escluso.
  9. Quindi tu prendi 2 partite nell'arco di 6 anni per ribaltare la carriera di quattro monumenti? Oltretutto partite in cui hanno delle colpe marginali (erano partite nelle quali dovevi segnare e non lo hai fatto). Con quei quattro là dietro fa bella figura persino Ventura in nazionale...
  10. Lo diceva anche Tacchinardi ieri sera: l'ossatura italiana è troppo importante storicamente per la Juve. Non si può sottovalutare quanto siano importanti quei 4 là dietro, danno la tranquillità all'allenatore di sperimentare quanto e come vuole tanto dietro non si passa.
  11. Sami è fondamentale per questa squadra, ma l'impatto di Marchisio alla sua entrata è stato determinante ieri sera. Avere il tedesco sarebbe importante, ma sono sicuro che il Principino non lo farebbe rimpiangere.
  12. Qui si continua a parlare di tecnici o dirigenza (forse perché l'utenza è abbastanza avanti con gli anni e non riesce ad immedesimarsi con altro...), ma senza Buffon, Bonucci, Barzagli e Chiellini non si sarebbe andati da nessunissima parte. Anche ieri sera all'inizio senza di loro si sarebbe rischiato tantissimo e Gigi l'ha fatto capire che è stata più dura di quel che è sembrato, perché sono l'ultima linea. Questi sei anni hanno dimostrato che puoi cambiare sia il centrocampo che l'attacco, rivoltarli come dei calzini, inventarti i moduli più sciccosi del mondo...ma dietro devi avere loro quattro!
  13. Si discute di schemi o tattica. Di mercato o di fatturato. Di politica sportiva o di federazione. Ma la Juve è essenzialmente permeata su loro quattro. E non è un caso che il 50% di questo quartetto arriva direttamente dall'epopea di Moggi, Giraudo e Bettega. Perché fanno parte di una Juve senza tempo o proprietà o conduzione tecnica. Loro sono la Juve, nell'animo, nella cattiveria, nello spirito. Questa nella storia non sarà ricordata come la Juve di Conte o di Allegri. Nè come la Juve di Agnelli o Marotta. Ma, come da prinicipio ad oggi, è e sempre sarà la Juve di Buffon-Barzagli-Bonucci-Chiellini!
  14. ragazzi no, questa è la scusa che si danno i perdenti. Bisogna vincerla. Le medaglie d'argento non se le ricorda nessuno. AVVERSARIE IMPORTANTI?!? Due squadre che hanno puntato più a rimpinguare le casse vedendo i pezzi migliori? Il Milan di Allegri è stato l'ultimo avversario importante. Sono come la Roma avversaria importante dell'Inter di Mancini/Mourinho...stessa storia. Roma e Napoli non saranno mai avversarie importanti.
  15. Questo tipo di record nel tuo campionato (qualunque esso sia) storicamente li fai nei momenti di depressione, quando i migliori giocatori sono negli altri campionati. Quando vinci la champions vuol dire che batti il meglio che c'è in giro in assoluto.