Vai al contenuto

immortalex

Tifoso Juventus
  • Numero contenuti

    878
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

130 Excellent

Su immortalex

  • Livello
    Juventino El Cabezon
  • Compleanno 19/11/1964

Profile Information

  • Sesso:
    Male
  • Scrive da:
    Pistoia
  1. Intervista a Domenech Gaxzetta dello Sport

    Solo in un giornale della minghia come quello possono farsi venire in mente di fare una simile intervista. Fra collioni c'è sempre un certo feeling
  2. Che cosa dovrebbe insegnare Napoli-City ad Allegri

    Premesso che sono anche io abbastanza sconcertato da numerose scelte fatte da Allegri da un po' di tempo a questa parte e perfettamente concordante sul fatto che la Juve può e deve giocare meglio, vorrei far notare alcune cose, a mio parere rilevanti: 1) Con il suo bel gioco organizzato e tutte le sue belle parole, Guardiola, alla fine della giostra, ha vinto ieri sera contro una squadra nettamente inferiore alla sua per qualità e profondità, grazie a 2 dormite su calci piazzati e 2 contropiede coast to coast, rischiando di perdere a sua volta per errori difensivi che, quando sono fatti dai nostri (e purtroppo ultimamente è accaduto), provocano contumelie di ogni genere contro squadra e allenatore. 2) Il Genio della Tuta, come già lo scorso anno contro il Madrid in casa, si mostra capace di far giocare alla grande il Napoli contro un top team, ma, purtroppo per lui e i napulicchi tutti, solo per uno scampolo di partita. Dopo di che raccatta una scoppola memorabile, con oscenità difensive assortite e un centrocampo che si squaglia alla distanza. 3) Fatte queste premesse, siamo sicuri di voler vedere la Juve giocare questo tipo di calcio con tutti i rischi che ne conseguono? Siamo pronti alle inevitabili sconfitte contro squadre che lucrerebbero sugli spazi che lasceremmo e su quelli che adesso consideriamo orrori calcistici? Siamo consapevoli che così giocando col cavolo che avremmo vinto 6 campionati consecutivi? Forse saremmo riusciti, applicando una diversa concezione di gioco (tutto da dimostrare) a portare a casa una Coppa, ma teniamo ben presente che con un simile calcio (peraltro senza i petrodollari a foraggiarlo) 6 anni di vittorie in competizioni basate sulla regolarità dei risultati puoi scordartele. Io non sono contrario di principio a questo cambio di mentalità, ma occorre rendersi conto dell'altra faccia della medaglia. Per una società come la Juventus (anche senza entrare nel merito della filosofia che storicamente la contraddistingue), la quale si mantiene in buona parte grazie ai risultati sportivi, è un rischio sostenibile? Diverso sarebbe il caso se la proprietà immettesse nella Juve un flusso di denaro costantemente rilevante tramite lo sponsor interno (come infatti accade al City), anziché i 2 spicci accattati attualmente. Allora non avresti problemi se per una volta non passi i gironi o non ti assicuri la quota di diritti TV basata sui risultati. Non voglio dare risposte che sarebbero necessariamente fondate su certezze che non possiedo, solo stimolare la riflessione anche su questi aspetti. 4)Qualcuno dirà che, presi come estremi opposti il City di ieri sera e la Juve di Lisbona, esistono vie intermedie. Mi pare infatti che in questi anni di Allegri la Juventus ha mostrato di saper percorrere queste vie, sia in Italia, sia in Europa, con eccellenti risultati. Non generalizziamo quindi la situazione attuale, dimenticando quanto di buono fatto fino a poco fa. Magari è semplicemente vero che il ciclo di Allegri alla Juve è concluso, ma questo è tutto un altro discorso.
  3. Domande al mister....

    Ieri sera ha dato poco anche da quel punto di vista. Segno inequivocabile che non era in condizioni buone.
  4. Stai pur tranquillo che se quel minorato fosse stato già ammonito, mai e poi mai quel gran pezzo di sterco di doveri avrebbe estratto i cartelini per lui è Manzo, sapendo che ciò avrebbe comportato l'espulsione dell'irakeno.
  5. Allegri nella conferenza stampa post partita

    Premesso che non seguo pedissequamente le conferenze di Allegri (per fortuna), a me non pare proprio che questo sia il suo standard. In genere mi pare molto, ma molto più rilassato. Comunque se tu le hai viste tutte e sei certo del contrario, sicuramente sono felice di essere nel torto.
  6. Allegri nella conferenza stampa post partita

    Male. Molto male Dal suo atteggiamento sopra le righe (che mi ricorda quello che aveva al Milan nei momenti peggiori) si capisce benissimo che è seriamente preoccupato. Spero di sbagliarmi, ma temo veramente che avverta la situazione sfuggirgli di mano.
  7. Cordoba chiede il VAR per il 5 Maggio

    Sono fondamentalmente d'accordo, salvo un particolare non insignificante. Non si può perdere ciò che non si è mai posseduto.
  8. Scusa, ma non condivido e cerco di spiegare. Se Pique` crede ardentemente nella causa indipendentista, come sembrava fino a ieri, salvo successiva e patetica mezza retromarcia (o smorzamento dei toni) dovrebbe essere disposto a sopportare le conseguenze di siffatte idee, comprese eventuali squalifiche. Troppo comodo recitare la parte del capo popolo rivoluzionario in casa propria e il giorno dopo mettere la maglia della Nazione che hai ripudiato e predicare il "volemose bene"! Giocare per la Nazionale non è una cosa indispensabile. Molti giocatori, in accordo con le rispettive federazioni, scelgono di non rispondere alle convocazioni ad un certo punto della carriera. Pique` poteva fare tranquillamente altrettanto e sono certo che la federazione spagnola non avrebbe avuto alcun interesse a gettare benzina sul fuoco infliggendogli una squalifica. Quindi ha poco senso la raffigurazione dell'immagine di Pique` come "prigioniero" del calcio spagnolo ed obbligato per forza a rappresentarlo. Si tratta di una sua libera scelta e come tale tacciabile di incoerenza, se non di ipocrisia. Quanto all'impatto mediatico direi, al contrario di quanto sostieni, che Pique` abbia reso un pessimo servizio alla causa indipendentista, non solo per la pochezza e la confusione delle idee espresse, ma soprattutto per aver mostrato significativamente i limiti e le contraddizioni di una frattura che alla fine sarebbe dannosa per tutti, come tutti sanno, catalani in primis. Al pari di Pique` che non ci pensa nemmeno a mollare la Nazionale e rimanendo in ambito prettamente calcistico, sono convinto infatti che se la situazione volgesse veramente verso l'indipendenza catalana, i primi a moderare i toni e a cercare soluzioni di compromesso poco compatibili col furore indipendentista sarebbero proprio al Barca, dove sanno perfettamente che fuori dalla Liga, con assai minori introiti televisivi, si ridurrebbero né più, né meno che ad un Ajax qualunque.
  9. Esonerato Carlo Ancelotti

    Perdonami, ma non condivido. Una cosa è paraculeggiare a seconda di dove lavori, che è una cosa già poco dignitosa, ma ben altro e più schifoso comportamento è avallare vigliaccamente, come fece Ancelotti, senza peraltro portare alcun argomento concreto, il linciaggio cui erano sottoposti Moggi e Giraudo che lo avevano portato alla Juve. Siamo su piani distanti anni luce in termini di bassezza umana, come ha poi confermato (e non nutrivo dubbi al riguardo) la patetica e grossolana inconsistenza della sua "testimonianza" in tribunale, nei fatti una ritrattazione malcelata. Tuttavia quelle sue indegne parole hanno sortito al momento della loro pronuncia danni incalcolabili per Moggi e la Juve, assumendo la menzognera parvenza di una testimonianza dall'interno. Una persona che ha operato in tal modo, fosse anche il miglior allenatore del mondo (e non lo è), non avrà mai la mia stima, a differenza di Capello
  10. Esonerato Carlo Ancelotti

    1-1 a manchester. Vantaggio nostro con Conte, pareggio in extremis di Giggs subito dopo nostro contropiede sciupato sanguinosamente da Zidane.
  11. Esonerato Carlo Ancelotti

    Parlavo di ancelotti
  12. Esonerato Carlo Ancelotti

    Rancore è ciò che lui ha dimostrato di provare nei confronti della Juve, qualificandosi definitivamente come uomo piccolo e meschino, nonostante ogni altra considerazione che si possa fare sulle sue qualità umane. Ha inferto una miserabile pugnalata alle spalle di un uomo come Moggi che, sfidando tutto e tutti, lo aveva voluto da noi e che non lo avrebbe mai cacciato per volontà propria. Un simile gesto è sufficiente per me per meritare un disprezzo superiore a quello che provo per quella nullità di Mancini.
  13. Europa League - Giornata 2

    In prospettiva del prossimo anno, mi piacerebbe vederlo giocare a dx visto che è lì che noi siamo drammaticamente carenti, ma non penso che Gasp ci darà modo di vederlo su quella fascia. A sx è veramente forte.
  14. Europa League - Giornata 2

    Hai ragione. Il che non toglie che Spinazzola ci avrebbe fatto comodissimo da subito.
×