Benvenuto, Ospite!

Registrati, sarai in grado di discutere, condividere e inviare messaggi privati con gli altri membri della nostra community.
Avvisiamo l'utenza che per poter accedere al forum, in seguito agli aggiornamenti effettuati, bisognerà inserire tra i dati di accesso il proprio nickname e non più il nome scelto durante la registrazione.

ragazzo non sono stato io

Tifoso Juventus
  • Numero contenuti

    290
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

13 Good

Su ragazzo non sono stato io

  • Livello
    Juventino Soldatino
  1. Stupidaggine immane cederlo. Solo motivazioni caratteriali e/o ambientali potrebbero giustificare la cessione. Dal punto di vistaa tecnico è un suicidio, dato che: A. Giocatori simili sul mercato non ce n'è. Bernardeschi e Douglas Costa sono entrambi mancini ed entrambi troppo offensivi, oltre a costare di più di qaunto possiamo racimolare dalla sua cessione; B. andremmo inevitabilmente a rafforzare una rivale. Spero non si concretizzi mai questa cessione. Inviato da una Juventus senza paura utilizzando Tapatalk
  2. Dybala daio meglio arrivando dal centro destra del fronte offensivo. Così come Bernardeschi. Non mi sembra che facciano movimenti così diversi come invece indichi tu. Comunque entrambi sono mezzepunte, entrambi sono mancini. Metterebbero comunque in difficoltà gli altri giocatori che li seguono nella fase di possesso. Abbiamo bisogno di un giocatore diverso in tandemo con Dybala, che in questi due anni, lo dicono le statistiche, ha dato il meglio con Cuadrado (che è destro ed allarga sempre andando verso il fondo) e Mandzukic sulla sinistra. Sulla destra cis serve altro. Inviato da una Juventus senza paura utilizzando Tapatalk
  3. Il Real ha vinto con l'equilibrio, ancora prima che coi fenomeni. L'equilibrio lo crei col gioco si, ma anche con le caratteristiche compatibili dei giocatori, prima che che con l'atteggiamento (a tratti ingiustamente rinunciatario da parte del nostro tecnico). Secondo me, se prendiamo Danilo (e ben venga), che da quel poco che so è un giocatore piuttosto offensivo, sulla stessa fascia in avanto abbiamo bisogno di un giocatore che sia: 1. Destro naturale, per convivere bene con Dybala; 2. Completo dal punto di vista fisico e tattico, per riequilibrare la squadra. Quindi, in definita, non va bene Bernardeschi per quel ruolo (bene invece come vice Dybala), come non andava bene Douglas Costa. Meglio uno più simile a Cuadrado. Difficile dare un nome. Ma ci serve uno così a destra. Inviato da una Juventus senza paura utilizzando Tapatalk
  4. Buona analisi. Secondo me però Bernardeschi, qualora venisse acquistato, sarebbe il pronto sostituto di Dybala. Si prospetta a quel punto la cessione (a suon di milioni) dell'argentino nella prossima (2018) campagna acquisti. Non sono fatti per giocare insieme i due secondo me, ma per alternarsi. Ci sta prendere Bernardeschi per avere ricambi all'altezza per poter finalemnte competere alla pari con i top team europei (vedi finale di Champions), non ci sta pensare di poter cedere Dybala che è il vero "crack" della Serie A di questi anni. Vediamo come va. Ma di certo non vedo una convivenza in campo facile tra Dybala e Bernardeschi. Troppo simili nei movimenti e nella zona di azione in campo, anche se diversi nelle caratteristiche fisiche. Inviato da una Juventus senza paura utilizzando Tapatalk
  5. Capisco il malinteso. Ma non ho mai detto che Allegri è scarso. Il concetto di fondo di cui sono convinto, è che Allegri, così come Capello, ha bisogno della squadra migliore come organico per vincere. E noi non l'avremo mai. Per cui, scegli una delle 3: A. La proprietà si mette a fare campagne acquisti alla Real Madrid. B. Cambiamo allenatore, con uno che integra una rosa di alto livello con un gioco basato sul predominio ed il pressing alto invece che semplicemente sul "mantenere l'equilibrio". C. Ci rassegnamo a non vincere mai la Coppa. Inviato da una Juventus senza paura utilizzando Tapatalk
  6. Dove starebbe la contraddizione? Inviato da una Juventus senza paura utilizzando Tapatalk
  7. No, certo. Basta uno che non ha perso due finali di champions e un ottavo giocando per lo più da catenacciaro. Uno che non rischia di bucare l'anno adesso che può solo peggiorarsi (migliorarsi vuol dire vincere tutto... Pensa quanto è difficile). Uno che non perde così tanti scontri diretti (sempre, sin dai tempi del Milan). La lista dei pretendendi mi sa che è lunga. E non ci vogliono i fenomeni in panchina per vincere se gli dai i giocatori giusti a disposizione ed hai pazienza. Se gli cominci a cedere i pezzi da 90 invece... Inviato da una Juventus senza paura utilizzando Tapatalk
  8. Bisogna cambiare impostazione. Non abbiamo i soldi di Real, Bayern e Manchester UTD. Un progetto come quello di squadra che si afferma in europa (e non parlo della fugace apparizione di Inter, Chelsea, Borussia Dortmunt, etc.), viene dall'alto. CI vuole un progetto tecnico di gioco ben preciso (addio pragmatismo e utilitarismo, benvenuto gioco propositivo e a viso aperto) ed anche una filosofia di mercato chiara e che non guarda in faccia a nessuno, ma che osserva bene le carte d'identità di chi si va a comprare, basta gente sopra i 28 anni. Come ho detto subito dopo la finale, i primi cambiamenti li deve fare la proprietà. Chiunque siano i responsabili (tecnico, giocatori, dirigenti) che hanno portato ad una squadra che ha dovuto/voluto difendersi in finale, ottenendo così da un primo tempo in cui bisognava fare di più ed uscire in vantaggio, bisogna che li si richiami, si scelga di non rinnovare, di affiancare, di cedere, etc. Nessuno di loro è un povero sprovveduto, sanno che devono vincere quel trofeo, bene, in finale non si sono messi in condizione di farlo: quelli che hanno le colpe più evidenti secondo me, sono Allegri e Marotta, rei di aver posto le basi per una squadra che si non era in condizioni (sia per il tipo di formazione schierata titolare che per la rosa a disposizione in generale) di attaccare con efficacia l'avversario in una finale di Champions League. Quella è la ricetta, senza rancore, chi ha sbagliato (anche se può sembrare ingeneroso), deve cedere il testimone, dato che è anche recidivo (3 anni sono 3 anni, è un tempo relativamente lungo nel calcio moderno).
  9. In verità, tutti quelli che hai nominato, non li abbiamo mai sostituiti fino in fondo. Questo mi convince ancora di più del fatto che Bonucci non va ceduto. Difensori del suo livello non crescono sugli alberi. P.S.: aggiungo che, se per caso (vedi polemica con il Palermo e esclusione con il Porto) ha problemi con Allegri, bisogna non rinnovare il contratto e cogliere la palla al balzo per cambiare. Si ringrazia tantissimo Allegri e gli si dice di cogliere le opportunità che gli vengono dall'estero. Questo bisogna fare, non altro.
  10. Beh... Allora scordiamoci di giocarcela. Il nostro approccio non può essere quello del Real. Nessuno ha la capacità di acquisire campioni che ha il Real. I nostri modelli devono essere altri, Barça degli anni scorsi, Milan di Sacchi e Ajax del passato su tutti. Certo i "colpi giusti" sul mercato ci vogliono. ma prima di tutto un'idea chiara di come si vuole andare a giocare dappertutto (come atteggiamento non parlo di moduli), poi si vince e si perde tutti insieme. La prima Juve di Lippi, che la coppa l'ha vinta, guarda caso si basava su questi concetti e non mi pare che facesse un mercato da nababbi. Bisogna dare una linea chiara sin dal principio, altrimenti l'Allegri di turno si sentirà sempre in condizione di snaturare la squadra perché si trova un avversario forte davanti. Questo approccio è perdente e una proprietà che punta in alto deve mettersi in condizione di poter fare notare alla propria dirigenza e di conseguenza al proprio allenatore che quel tipo di linea è suicida in Europa. Lo dicono i fatti. Se invece devi fare la gara con chi compra più campioni, beh.... Allora restiamo a casa. Non serve andare in finale, non siamo ai livelli del Real, nessuno lo è. Se vincesse sempre chi compra più campioni, il Real avrebbe almeno 20 coppe, non 12.
  11. Quotone. Purtroppo, mi pare che la proprietà confermi tutti. Non cambierà nulla. Se le cose vanno bene, ci sarà un'altra semifinale/finale. Poi il buio. A questo punto, a malincuore, preferisco non guardare.
  12. La mentalità che ha la Juve va bene fino ai turni eliminatori. In finale non siamo mai stati in grado di pensare nel modo giusto. Allegri che parla di "partita che si gioca sull'arco dei 90-120 min" in conferenza stampa, è in perfetta linea con questa mentalità sbagliata, fatta di calcoli come se dovessimo giocare un turno di andata e ritorno. In finale singola devi giocare per andare in vantaggio prima di ogni cosa. Noi abbiamo giocato prima di tutto per "tenere l'equilibrio". Purtroppo devo dire che dopo aver sentito Allegri in conferenza e dopo aver visto la formazione con il ritorno al 3-5-2 (5-3-2), non mi aspettavo molto altro dalla finale. Dovrebbe essere la società a questo punto a fare capire alla conduzione tecnica che questo non è l'atteggiamento atteso. Se cambiamo allenatore, ci dice bene solo se è un offensivista. Ma se anche fosse un Ancelotti (che è uno che bada parecchio all'equilibrio, pur non essendo un difensivista), noi ripercorreremmo i nostri errori. Bisogna che la società adotti una linea da grande europea. Deve alzare la voce con dirigenza ed allenatore, altrimenti, col piffero che vincono una Coppa europea.
  13. Serve Alex Sandro dietro lui. Sennò è "tappato" dalla poca profondità di gioco. Semplice semplice. Speriamo Allegri abbia il coraggio di schierare la fascia sinistra titolare (Alex Sandro - Mandzukic) contro il Barça. Il resto verrà da se.
  14. Giusto. Speriamo non cambi modulo, sarebbe disastroso IMHO. Marchisio, grazie allansua duttilità, può fare rifiatare sia Mandzukic che Quadrado sle forse anche Dybala se servirà. Speriamo Allegri non si spaventi e nob cambi l'undici di partenza. Per i cambi... Marchisio farà la differenza. Inviato dal mio LG-H815 utilizzando Tapatalk
  15. Attaccante completo e moderno. Tecnicamente, non mi ricorda nessuno se non il primo Vialli (quello della Samp), a cui paga dazio in acrobazia, ma da qualche punto dal punto di vista balistico e del senso del goal. Attualmente, Cavani e Suarez (che però è più falso nueve alias attaccante di manovra) hanno più numeri soprattutto a livello internazionale. Ma la sfortuna del Pipa è stato il Real secondo me. Anni buttati per lui. Altrimenti starebbe dove stanno loro. E noi no lo avremmo in bianconero. Per cui bene così. Si convinca di essere il più forte nel suo ruolo e la squadra lo aiuti (ottimo il fatto che inizi ad intendersi bene con Dybala). Il resto verrà.