Vai al contenuto

Gonzalo Higuain

Tifoso Juventus
  • Numero contenuti

    1050
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

32 Excellent

Su Gonzalo Higuain

Profile Information

  • Sesso:
    Not Telling

Visite recenti

2832 visite nel profilo
  1. Lega 1

    Anche per me e ok cosi
  2. Tolisso-Juve: ''Era tutto fatto ma...''

    Tolisso-Juve: ''Era tutto fatto ma...'' Il presidente del Lione ha spiegato perché è saltato l'affare. Tolisso è stato ad un passo dalla Juventus prima di trasferirsi al Bayern Monaco. A rivelare cosa ha fatto saltare l’affare che avrebbe portato il francese a Torino è stato Jean-Michel Aulas, presidente del Lione. “Perché Tolisso è andato al Bayern? I bianconeri in estate hanno cambiato strategia” le parole riportate da Tuttosport -. La Juve ha tutto per riuscire a eguagliare il record dei sette campionati consecutivi del Lione. Noi e la Juventus siamo due club capaci di vincere con il giusto mix tra economia e sport. Non sono preoccupato di perdere il primato: la Juve mi è sempre piaciuta e sarei contento per Andrea Agnelli”. Marotta e Paratici hanno poi virato su Matuidi che insieme a Bentancur è uno dei volti nuovi della squadra guidata da Massimiliano Allegri. Sportal.it
  3. Choc in Inghilterra, arrestato Wayne Rooney

    Choc in Inghilterra, arrestato Wayne Rooney L'ex attaccante del Manchester United e della Nazionale inglese finisce nei guai. Wayne Rooney finisce nei guai. L'ex attaccante del Manchester United, ora all'Everton, è stato arrestato nella notte di giovedì. L'ex cannoniere della Nazionale inglese è stato fermato nel Cheshire, nella zona in cui vive, a pochi chilometri dalla sua mega villa: le prime indiscrezioni della stampa britannica parlano di fermo a causa di guida in stato di ebbrezza. Rooney già in passato era stato pizzicato per aver alzato troppo il gomito, come quando lo scorso novembre passò un'intera nottata a un party organizzato nello stesso hotel in cui era in ritiro la Nazionale. L'attaccante inglese ha annunciato l'addio alla selezione dei Tre Leoni nella scorsa settimana, chiudendo con 53 reti in 119 partite. 200 i suoi gol in Premier League, l'ultimo contro il Manchester City. Sportal.it
  4. Inter, che paura per Miranda Il difensore è costretto ad uscire anzitempo durante la partita con il Brasile. Brividi di paura per i tifosi dell'Inter dopo l'uscita anticipata di Miranda durante l'intervallo del match tra Brasile ed Ecuador. Il centrale nerazzurro è uscito per precauzione alla fine del primo tempo dopo un brutto scontro con il compagno di squadra Alisson. Su Twitter, comunque, Miranda ha tranquillizzato i tifosi: "Grazie a Dio è stato solo lo spavento, purtroppo non potrà giocare la prossima partita ma sarò insieme ai 207 milioni di brasiliani a tifare la squadra". Il giocatore farà rientro a Milano dove sarà sottoposto ad ulteriori controlli. Sportal.it
  5. Lega 1

    Scusa, ma infamate di che, questo e il mercato e funziona cosi se tu volevi matuidi potevi rilanciare, in quanto gli orari si dovevano decidere prima come molte volte si e fatto in lega altrimenti valgono le 24 ore.
  6. Lega 1

    Grazie
  7. Lega 1

    per me vanno bene tutte le decisioni che avete preso, l'importante e cominciare prima possibile
  8. Fantacalcio TifosiBianconeri 2017/2018: iscrizioni aperte

    Username: mast3r No presidente No assenze
  9. Placido: 'Dirigenza Juve come Messi, Neymar e CR7. Se a Cardiff...' Michele Placido, famosissimo e tra i migliori attori e registi italiani, è da sempre un grande tifoso bianconero, bellissima il suo omaggio a Del Piero, recitato nella notte dell'inaugurazione dello Stadium. Proprio di questo e della prossima stagione ha parlato sulle pagine di Tuttosport: «Ho letto l’intervista di Minoli su Tuttosport di ieri. Stimo tanto Giovanni, ma la penso all’opposto sul mercato della Juventus. Noi indeboliti? Ma stiamo scherzando!». Partiamo dalla cessione di Bonucci, uno dei casi più discussi di quest’estate. «No, io inizierei da più indietro». Da Cardiff? «No, dall’estate 2014. Più o meno in questo periodo, Marotta fu criticato tantissimo per aver puntato su Allegri per sostituire da un giorno all’altro il dimissionario Antonio Conte. Insulti, sputi, offese e poi sono arrivati altri tre scudetti, tre Coppe Italia e siamo arrivati due volte in finale di Champions. Sbaglio? I campioni passano, la Juventus resta: è questa la forza. Io mi fido della dirigenza. Agnelli, Marotta, Paratici e Nedved valgono come Messi, Neymar e Cristiano Ronaldo». Tornando a Bonucci: si è sentito tradito per il trasferimento ai rivali del Milan? «Sarò sempre grato a Leonardo, ma non ci sono rimasto male: sinceramente già da un anno mi aveva rotto le scatole, si vedeva che aveva perso il contatto con i compagni. E’ stato Bonucci a voler lasciare la Juventus, Marotta si è limitato ad agevolare una sua scelta, una suà volontà precisa». Un rischio? «Marotta ha fatto bene. Il calcio è come il cinema: c’è bisogno di serenità per rendere al massimo. Se io mi accorgo che un primo attore non si trova a suo agio con la scenaggiatura, lo cambio. In Vallanzasca ero indeciso tra Kim Rossi Stuart e Scamarcio. Alla fine, nonostante il bene e la stima per Riccardo, ho scelto Kim perché lo ritevo più adatto per la parte». Chi si aspetta in difesa per il dopo Bonucci? «Il rinforzo lo abbiamo in casa. Rugani è pronto per essere un titolarissimo. E per i prossimi anni ci siamo già assicurati anche Caldara dell’Atalanta». Higuain sostiene che la Juventus sia diversa, ma più forte. «Concordo. E sono certo che sarà l’anno del Pipita. Con tutto il ben di Dio che avrà alle spalle, penso a Douglas Costa, Bernardeschi, Dybala, Mandzukic, Pjaca, supererà i 32 gol della passata stagione. Buffon ha detto che restiamo la difesa più forte e se lo dice San Gigi mi fido, l’attacco è stato potenziato alla grande e se arriva pure Keita non ce n’è per nessuno. E non scordiamo che in panchina è rimasto Allegri, che ritengo il miglior allenatore del mondo. In Italia la Juve resta la squadra da battere». Chi sarà l’anti Juve? «Mi immagino un testa a testa con il Napoli. Non con il Milan: non basta spendere 200 milioni per vincere. Bonucci è un gran difensore, però non è un fuoriclasse. Non è Pirlo». Il vero obiettivo, a maggior ragione dopo la delusione di Cardiff, resta la Champions: sensazioni? «Potenziando l’attacco siamo diventati meno italiani e più europei. In Coppa lotteremo ancora per vincere. Nel secondo tempo di Cardiff non abbiamo fatto un tiro in porta, penso che se avessimo potuto far entrare gente come Douglas Costa o Bernardeschi non avremmo perso 4-1 contro il Real Madrid. Il mercato è ottimo pure perché stiamo ampliando la qualità delle alternative». A centrocampo tanti tifosi sognano un top assoluto: lei? «Matuidi è il mio preferito. Aggiungerebbe alla squadra fisicità e dinamismo, qualità che ci mancano». Preoccupato per le mire del Barcellona su Dybala? «No, sono certo che resterà con noi». Avrebbe dato il 10 a Bernardeschi? «Mi sembra più giusto partire col 33, con umiltà. Per il 10 ci sarà tempo. Bernardeschi lo considero un colpo top, è il miglior talento azzurro e la forza della Juventus è sempre stata quella di avere una base italiana. Ho sentito qualcuno storcere il naso sul prezzo: per me vale più di 40 milioni. Rivedo in lui l’attore hollywoodiano Michael Fassbender, il protagonista di “Alien: Covenant”, “Steve Jobs”... Federico mi trasmette un magnetismo particolare: da lui mi aspetto una carriera alla Del Piero, con noi». http://www.ilbianconero.com
×