Benvenuto, Ospite!

Registrati, sarai in grado di discutere, condividere e inviare messaggi privati con gli altri membri della nostra community.
Avvisiamo l'utenza che per poter accedere al forum, in seguito agli aggiornamenti effettuati, bisognerà inserire tra i dati di accesso il proprio nickname e non più il nome scelto durante la registrazione.

colmax

Tifoso Juventus
  • Numero contenuti

    307
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

28 Excellent

Su colmax

  • Livello
    Juventino Soldatino
  1. Il mio pensiero è che Totti abbia sempre avuto una discreta tecnica, una eccellente visione di gioco (qui probabilmente tra i migliori di sempre), una grande capacità nel tocco di prima, ed un ottimo tiro. Non lo ritengo però assolutamente il miglior italiano della storia, sarebbe tra l’altro bambinesco cercare di fare una classifica tra giocatori che hanno militato in epoche, squadre e contesti diversi, tuttavia è stato sicuramente uno dei calciatori più forti degli ultimi 20 anni. Dalla sua ha sempre goduto PERO’ di grande protezione dalla stampa, che anche quando doveva “bacchettarlo” lo ha sempre difeso. Anche per questo, in campo è spesso stato “protetto” da una certa classe arbitrale che si è fatta spesso spintonare, insultare e mandare a quel paese e che molte volte gli ha consentito di avere atteggiamenti da bulletto di provincia. In una delle ultime partite vinte contro la Juventus, grazie al suo siluro di prima, sappiamo tutti che andava espulso per un fallo che ritengo cattivo, volontario e studiato QUASI scientificamente (azzoppare Pirlo, fulcro del gioco Juventino di quegl’anni, per limitare il gioco della Juve); ciò non è successo. Le TV, i giornali e gli addetti ai lavori hanno celebrato il campione, con quasi nessun accenno al fatto che andava espulso (si parlava al massimo di ammonizione). Senza parlare necessariamente del nostro Alex, vorrei ricordavi che per l’opinione pubblica, anche il Roberto Baggio Juventino era spesso criticato, e che quest’ultimo è diventato “leggendario” nel momento in cui ha lasciato la nostra maglia. Anche Pirlo, mediaticamente più silenzioso e riservato, ma probabilmente tecnicamente, professionalmente, caratterialmente migliore di Totti (nonché più vincente), non è mai stato osannato quanto al romanista.
  2. Piede a martello. Ci sta.
  3. Vorrei il real in finale, perché ci prenderebbero sottogamba. L'atletico è rognosi, quindi preferisco, ovviamente, il Monaco.
  4. Quelli che lo dicono sono gli stesssi che dopo la rimonta col PSG dicevano che erano mostruosi. Per me sono calati rispetto a qualche anno fa, ma lo dicevo anche dopo il ritorno con i francesi.
  5. Assolutamente orrendo. Un logo deve essere semplice. Qua nom si capisce nemmeno cosa sia... una P e una D? E la maschera, quale sarebbe? È troppo cervellotico.
  6. Sicuramente la verità sta nel mezzo. L'autore del topic ha sicuramente estremizzato il concetto, perchè è ovvio che qualcosa in allenamento si faccia. Tuttavia ultimamente, vedendo la Juventus giocare, anche io mi chiedo su cosa si basi l'allenamento di Allegri. In campo non si vede uno schema. Uno solo. Per me la squadra si muove in campo (almeno in fase offensiva) senza un'idea che sia una, solo improvvisando. Nel disordine più totale. Poi ripeto, siamo primi e quindi può andar bene così. Sinceramente però, non capisco i paragoni con Roma, Napoli e le altre squadre, quando è acclarato che la nostra rosa è ampiamente più forte e completa delle altre. Bisognerebbe fare un'equazione "gioco-rosa-allenatore-punti".
  7. Sono daccordo. Su tutto. Ero uno dei pochi a dire che affidarsi ad Asamoah era una cavolata nonostante lo si facesse passare per un giocatore ritrovato, fisicamente integro e dalla classe cristallina. Io sono pessimista e ho sempre paura del peggio, quindi lo so che i campionati vanno giocati fino all'ultima partita, ma di contro non mi aspettavo di soffrire costantemente con la maggior parte delle squadre incontrate finora (anche dove abbiamo vinto).
  8. Ricordo. Mi riferivo in realtà all'anno in corso. E' da quest'anno che sono partite le critiche al gioco di Allegri sopratutto alla luce delle dichiarazioni di voler puntare in alto (champions) e sulla base della campagna acquisti faraonica (ma incompleta). In estate si diceva che avevamo indebolito le avversarie e che era tutto facile. Quanti di noi erano sicuri di dominare a mani basse la serie A? Quante dichiarazioni dopo l'arrivo di Higuain sul fatto che il campionato poteva anche non iniziare?
  9. Io veramente non riesco a capire perché “scazzottiamo” tra di noi tifosi sulla questione Allegri. Mi sono sempre chiesto il perché sia possibile muovere delle critiche ai singoli giocatori, ma non sia consentito criticare i vari Dirigenti (Marotta in particolare) ed il Mister senza finire per attirare le attenzioni dei difensori ad oltranza; Detto ciò, tornando ad Allegri. Sostengo da sempre, nonostante la finale di Champions, che la Juve con il Mister Allegri abbia quasi sempre giocato al di sotto delle proprie possibilità. Ricordo a memoria poche partite giocate bene (altre magari le ho dimenticate) ma ad ogni modo ritengo che dopo due stagioni e mezzo il gioco espresso sia di basso livello. Un anno c’è stato un grandissimo Tevez, che diciamolo, nei momenti più difficili ha vinto le partite da solo, l’anno successivo stessa cosa con Dybala e Pogba. Quest’anno??? Vedremo.- Per quanto riguarda invece la gestione di tutto il contorno, le conferenze stampa, le interviste, il rapporto con i giocatori. Qui nulla da dire. Su questa parte Allegri probabilmente non è secondo a nessuno, soprattutto nel saper gestire le interviste con la dovuta leggerezza. La mia opinione personale è che Allegri non sia adatto alla panchina di una squadra che vuole vincere in Europa e che soprattutto vuole affermarsi stabilmente tra le prime del continente. Spero di essere smentito ma la mia sensazione è che per riuscire a rimanere nelle Top 4/8 bisogna avere un gioco collaudato con un ordine tattico ben preciso (nelle interviste precedenti Allegri cercava quasi di far passare il “disordine” tattico come un’arma in più (follia, perché i giocatori in campo non sanno che fare).- D’altra parte però (in Italia almeno) i risultati danno ragione ad Allegri, ma in questa Serie A la Juve è come una macchina di Formula 1 che gareggia con delle Ford Fiesta. E’ prima e probabilmente vincerà la corsa, ma è sempre tallonata dalle altre macchine quando in realtà non dovrebbe neanche vederle dallo specchietto. Per me è difficile non dare la colpa al pilota.
  10. Ora tutti dietro. mi raccomando.