Vai al contenuto

marcotardelli

Tifoso Juventus
  • Numero contenuti

    3350
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

312 Excellent

Su marcotardelli

  • Livello
    Juventino Le Roi

Profile Information

  • Sesso:
    Not Telling

Visite recenti

2186 visite nel profilo
  1. Uscire dall'ortodossia italianista

    Ma il calcio propositivo lo ha fatto anche Allegri , interpretando sempre le fasi della partita . Se però abbiamo davanti agli occhi la gara di Napoli , oppure quelle contro dei mostri sacri come quelli del Barcellona allora è ovvio che non dovendo fare la partita andiamo a difenderci , e se avessimo voluto affrontarli sullo stesso piano ci avrebbero fatto neri . Se poi a te non piace Allegri è un altro discorso , ma io vedo un calcio propositivo anche nel nostro .
  2. No , non è uno scandalo . Ma ti dico che anche oggi se mi trovassi ad allenare Roberto Baggio non gli chiederei di rincorrere i difensori ...
  3. Vicino a Manzu secondo me ( il suo primo anno in bianconero ) diede il meglio . Ecco , lo impiegherei così . Ma Allegri ha cercato e cerca giustamente nuove soluzioni per schierare tutti gli elementi di maggior classe , anche se talvolta sbaglia anche lui tanta è la qualità media della nostra rosa .
  4. Io non posso sapere , conoscere , quale atteggiamento hanno in società verso il giocatore .Mentre per quanto concerne il rendimento , tutti , e rimarco tutti , sono sotto la lente , anche i campionissimi o presunti tali , dentro e fuori dal campo . Sulla maglia numero 10 ribadisco che per la società è ormai solo marketing . Non esistono altri valori se non quelli commerciali , e interessa il giusto anche al calciatore che sa benissimo che ormai i contratti vanno rivisti anno dopo anno e quindi non ha e non avrebbe senso affermare di aver indossato la dieci della Juve per due / tre anni , perché se la 10 è sinonimo anche di appartenenza e di bandiera e non solo qualità tecniche , allora nel calcio di oggi tutto questo è ormai anacronismo .
  5. Uscire dall'ortodossia italianista

    Riflessioni che condivido completamente .
  6. Uscire dall'ortodossia italianista

    Queste squadre da te citate non possono rappresentare nessun punto di riferimento per chi ha voluto portare novità a livello tattico . Ma proprio nulla .
  7. Uscire dall'ortodossia italianista

    Non proprio . L'Inter di Simoni giocava un vero e proprio catenaccio . La Lazio di Eriksson stesso discorso , giocava di rimessa , Capello all'italiana , Sacchi ormai fuori dai giochi , lo stesso Parma di Scala non è che giocasse in maniera così spettacolare . E rimane Lippi , lui davvero uno dei pochi a portare novità , gioco e spettacolo . Per il resto possiamo solo concordare sul fatto che avevamo i più grandi campioni e la serie A era campionato per eccellenza a livello mondiale .
  8. Uscire dall'ortodossia italianista

    Capello è amatissimo a Madrid , ma il suo gioco non è mai stato offensivo e spettacolare . E lo abbiamo visto anche in bianconero .
  9. Uscire dall'ortodossia italianista

    Chrim , converrai che Mou ha vinto con i prescritti giocando un catenaccio d'altri tempi . Di Matteo stesso discorso . Lo stesso Zidane , non gioca un catenaccio , ma lo spettacolo lo offrono i suoi campioni e le loro giocate prima che un gioco armonioso , fatto di schemi e movimenti senza palla . Diamo ad Allegri il Real e si porta a casa tre Champions di seguito .
  10. Uscire dall'ortodossia italianista

    E chi ha detto che Pjanic non va bene ?, Non sarò io di certo a scrivere certe eresie .Ho precisato che a loro mancava un uomo d'ordine e con Borca Valero lo hanno trovato . L'Inter è rimasta più o meno la stessa , due innesti/tre in pianta stabile e tutti gli altri praticamente gli stessi con un undici titolare chiaro e definito e considera che non hanno le coppe , quindi con la possibilità di gestire risorse fisiche ed allenarsi sui movimenti per tutta la settimana . Ormai vanno a memoria , come Napoli e Roma che loro hanno le coppe ma mantengono una rosa uguale da tre anni a questa parte . Tre squadre leggibili e con una identità chiara . Noi ogni anno stravolgiamo un reparto e pretendiamo gioco e schemi a memoria . Guarda che io difendo Allegri in questo caso , mi accontento del gioco che reputo soddisfacente se consideriamo le difficoltà che ha incontrato fino ad oggi il mister , ma non nascondo che sarei curioso di sperimentare nuovi programmi tecnici . Per quanto concerne Pirlo e Allegri , secondo me non stai tenendo conto che Pirlo attraversava una leggera fase calante , ma era comunque un fuoriclasse assoluto che il suo lo faceva sempre con indubbia maestria . Come poteva essere Del Piero nella sua ultima stagione con Conte , sapevi che se lo mandavi in campo il problema non era tuo ma per gli avversari . In ultimo , capitolo Conte e Nazionale : che il suo gioco fosse spettacolare è opinabile , questione di gusti. Squadra compatta , corta e aggressiva . Ma non è sempre sinonimo di spettacolo . Gli riconosco di aver comunque sempre saputo fare " squadra " . E non è poco .
  11. Uscire dall'ortodossia italianista

    Ma non lo facciamo perché la nostra squadra non è mai la stessa . Ogni partita ci sono due /tre avvicendamenti . Difficile lavorare in questo modo sugli automatismi .
  12. Uscire dall'ortodossia italianista

    Anche Sacchi lo era se è per questo . E allora ?
  13. Uscire dall'ortodossia italianista

    L'Inter a differenza della Roma per esempio ha inserito a centrocampo una mente come Borca Valero . Mi dici nulla ?. Conte nel suo primo anno quanto deve a Pirlo ?..Per me tanto , tantissimo . La Roma , come il Napoli di Sarri , sono rimasti gli stessi . Si parte da una base che è sempre quella , devi solo lavorare sui concetti . Se permetti non è la stessa cosa .
×