Vai al contenuto

mgcgio

Tifoso Juventus
  • Numero contenuti

    2088
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

321 Excellent

Su mgcgio

  • Livello
    Juventino Pinturicchio

Profile Information

  • Sesso:
    Not Telling
  1. Idee per aver la meglio sui muri difensivi

    Non è che fanno la partita della madonna: si chiudono in difesa e si impegnano al massimo. Ma è normale che sia così, mettiti nei loro panni: se affronti la squadra più forte del campionato, che ogni anno vince lo scudetto, è ovvio che ti impegni di più rispetto alle altre partite, perché anche solo un pareggio, è un qualcosa che puoi raccontare ai tuoi nipoti, è un qualcosa di cui ti puoi vantare.Ed è ovvio che ti chiudi in difesa, perché pensi di non potertela giocare alla pari, l'unica cosa che puoi fare è chiuderti.
  2. Idee per aver la meglio sui muri difensivi

    Magari Allegri con la squadra del primo anno di Conte, non avrebbe combinato nulla (del resto, ha perso il campionato, contro quella squadra). Ma chi se ne frega? Allegri non ha quella squadra, ne ha un'altra. E, per inciso, le squadrette, allora, non giocavano contro di noi chiudendosi in 11 in difesa, perché all'epoca era un'altra Juve che ancora non aveva vinto tutti quei scudetti consecutivi. E, come fa notare @Bradipo76, lo stesso Conte quando ha avuto a disposizione attaccanti del livello di Tevez, e nel complesso una squadra più forte rispetto a quella del suo primo anno, ha fatto un gioco più speculativo, tanto è vero che ricordo che qui si criticava il suo "gioco", esattamente come ora si critica quello di Allegri. Quello che io non capisco, di tutti i discorsi su questo topic, è quale sia il problema. Le partite contro le squadre che si difendono in 11, le stiamo vincendo tutte. L'ho già scritto in un precedente post, e lo ribadisco: noi non abbiamo problemi contro i muri difensivi. Il modo che abbiamo di affrontarli è quello giusto. Se giochi contro una squadretta che si mette a fare muro, 11 giocatori che si impegnano a difendere, questo è un problema solo se non hai giocatori forti. Noi i giocatori forti li abbiamo, e le partite le vinciamo, proprio grazie alle giocate, come è giusto che sia, perché è così che vinci contro i muri difensivi: con le giocate, con le punizioni, ecc. Non servono a nulla gli schemi se i tuoi avversari affollano l'area di rigore. Non serve a nulla il "bel gioco" (contro i muri difensivi). Servono i calciatori forti. Se non li avessimo, dovremmo inventarci qualcos'altro (ma se non li avessimo, gli avversari non farebbero muro difensivo, quindi il problema non si pone neanche). Visto che ce li abbiamo, qual è il problema? L'importante è giocare con pazienza, non farsi prendere dalla frenesia e dal nervosismo, perché altrimenti perdi lucidità. Tutto qua.
  3. Il Napoli e l'inter sono le migliori, ma nessuna delle due mi sembra comunque in grado di contenderci davvero lo scudetto.
  4. Paulo Dybala vestirà la maglia numero 10

    Ma è lo stesso ruolo che faceva lo scorso anno. Io le considerazioni sul ruolo e posizione di Dybala, sinceramente non le capisco (probabilmente per limite mio). Perché a me sembra che in questi anni di Juve abbia sempre fatto, sostanzialmente, lo stesso ruolo ed i stessi "compiti". Certo, possono esserci delle differenze, ma sono minime, a mio parere. Io non credo, a differenza di alcuni, che Dybala sia una pippa. Penso che sia semplicemente fuori condizione (e ieri, a dire il vero, non mi sembra nemmeno che abbia giocato così male come lo si vuole far passare). Ha un po' di problemi nel dribbling e nello scatto. Anche meno lucido rispetto alle scorse stagioni, ma non mi sembra un dramma: non è il primo a non iniziare in maniera ottimale una stagione, ed io francamente preferisco che inizi così così per poi fare bene nei mesi che contano, piuttosto che fare 10000 gol nelle prime tre partite e poi fare schifo nelle partite importanti. Io sono fiducioso: secondo me in primavera rileggeremo questi commenti e ne rideremo. Detto questo, proprio perché si trova in una condizione non ottimale, è un motivo in più per non metterlo più avanti, contro squadre che si difendono in 11. Perché significherebbe ingabbiarlo tra i difensori avversari, in un periodo in cui non ha la brillantezza fisica e tecnica per liberarsene facilmente, sia senza palla (con movimenti a sfuggire la marcatura) sia con la palla (con i dribbling). Questa è, ovviamente, solo la mia opinione. Ma trovo comunque semplicistica l'idea che se metti uno un po' più avanti allora segna di più. No, dipende dalla sue caratteristiche, dal suo stato di forma e da come giocano gli avversari (perché c'è differenza a giocare contro gente che fa le barricate e chi invece gioca in maniera più aperta)
  5. Idee per aver la meglio sui muri difensivi

    Io non credo che per noi i muri difensivi siano davvero un problema. La soluzione è fare esattamente quello che abbiamo fatto ieri: continuare ad attaccare, con pazienza e senza farsi prendere dall'agitazione. Ed alla fine il gol arriva, perché abbiamo giocatori molto forti e perché difendere tutto il tempo è logorante, prima o poi qualcosa lasci passare.
  6. Uefa Champions League 2018-19

    Sono d'accordo al 100 percento, praticamente su ogni singola parola
  7. Bentancur, il futuro play della juve

    Perché verticalizzare a c**** significa dare palla agli avversari. Lo dici tu stesso: Allegri sbraita su una verticalizzazione sbagliata (se il tuo compagno viene anticipato, significa che quella verticalizzazione non era da fare). Verticalizzare va bene quando viene fatto bene, non a c****. Allegri ha quindi ragione.
  8. Secondo me, sono discussioni inutili. Io prima mi ci infervoravo, ora non più, perché ho capito che si tratta di modi diversi di vedere il calcio, e nessuno di questi è "giusto" o "sbagliato", ma ognuno (io compreso) è convinto che il proprio modo di vedere il calcio sia quello oggettivamente giusto, e gli altri non capiscono nulla o sono in malafede. Il punto è questo: ci sono i RISULTATI e c'è il GIOCO. A livello di risultati, è oggettivo che Allegri in questi 4 anni abbia fatto grandi cose. Ragazzi, non c'è NESSUNO, in questi ultimi anni, tra gli allenatori delle varie big europee, che abbia avuto la sua stessa continuità. Nessuno, nemmeno Guardiola, che quella continuità mostruosa ce l'aveva, ma l'ha persa da un po' (per dire, l'anno scorso è stato eliminato in FA cup da una squadra di terza divisione). Poi c'è il GIOCO, e qui il discorso si fa più complesso e variegato. Alcuni parlando di "bel gioco", ma che cos'è il bel gioco? Già solo il "bel" pone una questione soggettiva, perché la bellezza è soggettiva: io adoro le squadre che si difendono eroicamente e giocano di contropiede, altri invece no. Non penso che si possa chiedere ad un allenatore di preoccuparsi dell'estetica, il calcio è uno sport. Ma capisco che alcuni vogliano vedere la propria squadra fare il tipo di gioco che prediligono. Ma c'è anche una questione diversa dal "bel gioco", e più concreta, cioè: una grande squadra, contro le piccole, dovrebbe dominare. Noi, le partite contro le piccole le vinciamo quasi sempre, ma soffriamo spesso o comunque se anche la controlliamo, raramente devastiamo gli avversari. Questo è vero, è una cosa oggettiva. A me non frega nulla, ad altri sì, e non è che io sono nel giusto e gli altri sono scemi. Però bisogna tenere conto che le squadre italiane si chiudono in difesa contro di noi. E' comunque vero che Allegri ha un approccio pragmatico, e capisco che possa non piacere. Poi, naturalmente, c'è la questione più specifica su ALLEGRI, che in parte deriva da quanto detto sopra (dal fatto di essere più per i risultati piuttosto che per il gioco, o viceversa) ed in parte penso sia dovuta ad antipatie o nostalgie. Ad esempio, vedo che si parla di Lippi. Ragazzi, io me lo ricordo come giocava la Juve al secondo anno di Lippi, l'anno in cui vincemmo la CL. A me faceva schifo. Avevo solo 12 anni, ma me la ricordo la doppia sfida contro il Real ai quarti, nel 96, non fosse stato per Peruzzi col cavolo che passavamo. E ricordo che il campionato lo vinse il Milan senza che noi fummo mai davvero in grado di metterlo in difficoltà. Io ricordo che la serie A di allora era molto diversa (più difficile) di quella di ora. Ma ricordo anche che la situazione europea era molto diversa da quella di questi anni. Io ricordo le grandi partite disputate in CL con Lippi. Ma ricordo anche le grandi partite disputate in CL con Allegri, francamente non mi sembra che ci siano grandi differenze. Lippi è stato un grande. Ma essendo un allenatore del passato, viene mitizzato, a discapito di Allegri. E' normale: tra qualche anno, Allegri verrà mitizzato rispetto all'allenatore di turno. Perché io ricordo anche le critiche che riceveva, ci fossero stati i social allora, non credo che ci sarebbero discorsi molto diversi da quelli che si fanno ora per Allegri. Perché io ricordo che soffrivamo anche allora! Ricordo una partita vinta contro il Verona, in rimonta, grazie ad un gol di Del Piero, alla Del Piero: immaginatela ora, una cosa del genere... tutti a dire che vinciamo grazie alle giocate dei campioni, e non per merito del gioco dell'allenatore Tutto questo pippone, per dire che non c'è una vera verità a riguardo, e tutte le discussioni saranno sempre un muro contro muro. Riassumendo: 1) C'è chi pensa che contano di più i RISULTATI e chi pensa che conti di più il GIOCO. Nessuno dei due ha torto o ragione (ma ad allenatore e giocatori interessano i risultati, questo è sicuro!) 2) Al di là di come la si pensi al punto 1, i giudizi sugli allenatori sono influenzati da simpatie, antipatie, ricordi nostalgici, umori del momento. Come può non esserci un muro contro muro, con due presupposti del genere?
  9. TOPIC TATTICO: Paulo Dybala punta centrale

    Magari la prima punta la può anche fare, ma giusto in casi sporadici. Il suo ruolo ideale, è quello che ha ricoperto in questi 3 anni di Juve, dove è esploso. Seconda punta, o trequartista, ma comunque non prima punta. Ha fatto molto bene in questi anni, non capisco perché all'improvviso bisogna cambiargli ruolo. Lo ha ricoperto ai tempi del Palermo, ma in primis il Palermo non è la Juve, e poi non mi sembra che abbia fatto chissà quanti gol quell'anno. Ne varrebbe la pena se questo sacrificio fosse comunque utile per far esprimere Ronaldo ai massimi livelli, ma per me non è affatto così. Non capisco come spostare un giocatore in un ruolo non adatto a lui, possa essere di utilità per Ronaldo, quali vantaggi ne tragga. Per inciso, se non ricordo male, Ronaldo non ha mai giocato in un tridente con un falso nove, o comunque con una prima punta come Dybala, per cui non abbiamo nemmeno nessun riscontro a riguardo. Non abbiamo esperienza (continuativa, non sporadica) di Dybala prima punta; non abbiamo esperienza di Ronaldo a fianco di una prima punta "dybalesca", e però siamo così convinti che sia una soluzione efficace? Credo che sia una soluzione che può avere senso in alcuni, sporadici, casi. Magari in alcune partite di champions la vedremo, contro determinati avversari. Anche perché, parliamoci chiaro. Se mi dite che Ronaldo per esprimersi al meglio deve giocare con una prima punta, a me sembra ovvio che Mandzukic sarebbe un compagno migliore di Dybala. Non perché il croato sia più forte, ma perché E' una prima punta! Ha la fisicità (e la sa usare) per stare in area tra gli avversari ed offrire sponde, sa fare i movimenti giusti per liberare gli spazi, la gioca di prima.... chiedere a Robben e Ribery, a riguardo... ma anche a Dybala stesso!
  10. TOPIC TATTICO: Paulo Dybala punta centrale

    Scusate, ma posso fare una domanda da ignorante? Contro squadre chiuse, come il Chievo sabato, un Dybala "più avanti", addirittura punta, non rende più facile alla difesa avversaria il compito di marcarlo? In teoria, se partisse da punta, arretrerebbe comunque per non stare ingabbiato dai marcatori della difesa, allora non ha più senso che parta direttamente da "dietro", sfruttando gli spazi che si liberano grazie ai movimenti della punta? In generale, ho l'impressione che un Dybala più "avanti", significhi in primis ingabbiarlo (io penso che lui, al contrario, sia un calciatore che debba avere ampia libertà di movimento, un'ampia "porzione di campo"), e poi che invece che aiutarlo a segnare di più, lo faccia segnare di meno! Perché, paradossalmente, avrebbe meno occasioni! Partendo da dietro, invece, ha più occasioni per arrivare al tiro o all'assist. Per quelle che sono le sue caratteristiche, intendo. Sbaglio?
  11. Boh! Vedo che tutti criticano la prestazione di oggi, ma non ne capisco il motivo. A me sembra che abbia fatto una buona partita. E' chiaro che è la prima del campionato, per di più contro una squadra chiusa, ma lui si è mosso molto bene, ha fatto anche delle belle azioni, è forse calato un po' sul finale.
  12. Per me il problema centravanti o ala non si pone. L'importante è che abbia libertà di movimento, il "ruolo" è un'etichetta: io sogno un attacco in cui gli attaccanti si muovono, si scambiano posizioni, a volte si allargano altre si accentrano, a volte arretrano altre stanno davanti.
  13. Allegri nel post-partita l'ha detto. Ronaldo, nel primo tempo, da prima punta, si è mosso bene, ma non veniva servito da centrocampo. La colpa, a mio parere, è un po' anche di Pjanic, che nella partita di oggi mi ha dato l'impressione, alcune volte, di non "vedere" i movimenti dei compagni.
  14. Federico Bernardeschi

    Mi piace perché è uno concreto e cattivo in campo.
  15. Alex Sandro non è tornato....

    Io ho da sempre un'impressione, ma non so se è sbagliata. L'ho scritta anche nel topic della pagelle. Io penso che Alex Sandro, almeno in fase offensiva, soffra un po' la presenza di un'ala mancina (Costa). E' un caso che quando Costa sia uscito, lui abbia iniziato ad essere più pericoloso in attacco?
×