Benvenuto, Ospite!

Registrati, sarai in grado di discutere, condividere e inviare messaggi privati con gli altri membri della nostra community.
Avvisiamo l'utenza che per poter accedere al forum, in seguito agli aggiornamenti effettuati, bisognerà inserire tra i dati di accesso il proprio nickname e non più il nome scelto durante la registrazione.

Pinturicchio73

Tifoso Juventus
  • Numero contenuti

    406
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

37 Excellent

Su Pinturicchio73

  • Livello
    Juventino Soldatino

Visite recenti

169 visite nel profilo
  1. giusto per tranquillizzare un po' quelli che temono per lo scudetto vado indietro nel tempo citando il famoso scudetto 1999/2000, che la Juve si vide soffiare dalla Lazio. Sebbene parliamo di squadre diverse, comunque la matematica non è un'opinione. La Juve perse lo scudetto dilapidando un vantaggio di 9 punti quando mancavano 8 giornate. E già parliamo di qualcosa di straordinario. Domani, nella peggiore delle ipotesi, ci ritroveremmo a più 6 a quattro giornate. D'accordo che c'è lo scontro diretto, però dovrebbe succedere veramente una catastrofe per perdere lo scudetto.
  2. Per come si era messa la partita e per come è arrivato il pareggio dell'Atalanta, più che guadagnare un punto, ne abbiamo persi due. Detto questo, il pareggio alla fine a Bergamo può andar bene e, ammesso che domani la Roma vinca il derby, 6 punti di vantaggio sono un buon margine. Comunque, ieri la Juve ha presso un pizzicotto bello forte che l'ha svegliata e l'ha riportata con i piedi per terra. E' stato salutare, ha ricordato a tutti che ancora non si è vinto niente, che bisogna scendere in campo sempre concentrati e con la giusta mentalità, umili, tappandosi le orecchie dalle sirene del Triplete, che sono pericolose. Non è stato compromesso nulla, la Juve sta facendo una stagione straordinaria, ma altri approcci sbagliati alle partite potrebbero rovinare quanto di grande fatto fin'ora.
  3. Sono d'accordo con te, ed è anche vero che Pjanic non è la prima volta che fa un errore del genere davanti all'area di rigore. Al di là dell'atteggiamento generale della squadra che mentalmente ha mollato convinta di aver già vinto la partita, in queste occasioni non bisogna cincischiare davanti all'area con la palla, bisogna spazzare. Lo stesso Del Piero a Sky ieri sera ha rilevato proprio l'errore di Pjanic, che forse ha troppo nelle sue corde la filosofia di giocare sempre la palla. Allegri deve catechizzarlo su questo.
  4. la partita di Chiellini é lo specchio dell'approccio mentale alla partita di stasera della Juve. Così come quel retropassaggio assassino di Khedira su Gomez.
  5. volendo guardare il lato positivo di questo pareggio é che, se mai ce ne fosse stato bisogno, ma io non credo, li farà arrivare ancora più carichi e concentrati alla partita con il Monaco. E Allegri, nel post partita, ha più volte detto che l'Atalanta per come gioca somiglia molto al Monaco, poco possesso e manovra ma verticalizzazioni continue. Oltre che un commento tecnico é stato un avviso alla squadra, secondo me.
  6. il problema di stasera é costatare come la coperta a centrocampo sia cortissima in termini di qualità. Perché oggettivamente stasera Khedira non c'era proprio, e nonostante questo Marchisio non è entrato perché Allegri aveva paura di farlo entrare visto che dovrà giocare mercoledì.
  7. fa rabbia pareggiare una partita praticamente vinta e buttare due punti. Purtroppo ciclicamente la Juve soffre questi cali di tensione. Ci può stare, tenuto conto del periodo intenso che sta vivendo la squadra e della caratura degli avversari. Alla fine il pareggio ci può stare. Bisogna fare a questo punto cinque punti nelle restanti partite indipendentemente da quello che farà la Roma.
  8. Conte è una persona che non ha mezze misure, e di conseguenza anche i sentimenti che suscita possono essere estremi in un senso o nell'altro. Gli riconosco il grande lavoro fatto alla Juve dopo i due settimi posti, però voglio vedere se è in grado di aprire cicli lunghi (5 anni) in una grande squadra, considerando come spreme i giocatori psicologicamente (mi ricorda Sacchi) e le tensioni che crea con la dirigenza delle società. E' successo alla Juve e sta accadendo anche al Chelsea. Ciò detto, i risultati parlano a suo favore. Ma mi tengo Allegri senza dubbio. Personalmente mi ha dato molto fastidio la famosa uscita del "ristorante dei 100 euro", secondo me ha sbagliato alla grande. Ma anche se avesse avuto ragione, e non l'ha avuta (fortunatamente per noi tifosi), sulla competitività della Juve in Europa, non doveva dire pubblicamente quella frase; è stata una umiliazione (secondo me) per una società gloriosa come la Juve. Fossi stato in Andrea Agnelli lo avrei accompagnato alla porta invitandolo a cercarsi un ristorante stellato a livello dei suoi gusti.
  9. e cosa poteva dire... D'altronde ora finalmente mangia in un ristorante da 1000€ mentre la Juve é diventata una trattoria da quando lui se ne è andato...comunque frega zero quello che dice
  10. l'eliminazione del Barcellona, per come è arrivata, ha posto il sigillo definitivo sull'avvenuta maturazione della Juve in campo internazionale, e sulla presa di coscienza da parte della squadra e anche della società,che la Juve ormai è una realtà del calcio internazionale, e da ora in poi sarà sempre protagonista in Europa. Andrea Agnelli é riuscito a creare una macchina perfetta, dove ogni persona ha un ruolo ben preciso e una autonomia decisionale, oltre ad essere preparate naturalmente nel lavoro che svolge.Dal suo insediamento la squadra è cresciuta sempre di più, sotto tutti i punti di vista. Non vorrei essere esagerato ma ,almeno in Italia, siamo avanti dieci anni rispetto alle altre squadre per quello che siamo riusciti a fare, stadio di proprietà in primis, e per il modello organizzativo. Ormai la Juve é ambita da tutti i più grandi calciatori, e se riusciremo ad alzarla a Cardiff... l'immagine della Juve avrà una spinta incredibile a livello internazionale, innescando quel rapporto Champions, entrate, campioni, successi che ci porterà sempre più vicino alle big d'Europa. Sul campo ci siamo, fuori um po' meno. Ma la proprietà ha le idee chiare sul destino della Juve.
  11. partita decisiva. Però l'importante è che Allegri gestisca bene due uomini su tutti: Cuadrado e Marione. Sono troppo importanti. Cuadrado giocherà almeno un tempo, secondo me, Mario se non giocasse sarebbe meglio. Ma penso che Allegri metta in campo i quattro fin dall'inizio per chiudere definitivamente il campionato. Posto che non lo sia già...
  12. denota ancora di più che unità e affiatamento c'è all'interno dello spogliatoio