Vai al contenuto

Squalo Bianconero

Tifoso Juventus
  • Numero contenuti

    49
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

23 Excellent

Su Squalo Bianconero

  • Livello
    Juventino Godot

Profile Information

  • Sesso:
    Male
  • Scrive da:
    Torino
  1. [ E. B. A. T. ] - Essere Bianconeri a Torino

    Fai finta che al posto del Napule ci sia la Juve, così sei sicuro che vi impegnate, dal momento che giocate solo quella partita
  2. Arbitraggi in Champions

    Come cosa c'entra Collina, non vedi gli arbitri che manda nelle partite della Juve? In 60 anni non si era mai visto un turco in una finale di Champions.....non ti ricordi di Perugia?
  3. Arbitraggi in Champions

    La colpa è di Collina, che manda sempre arbitri scarsi contro la Juve, come il Turco dell'andata
  4. Federico Bernardeschi

    Mi fa piacere per te, caro COLLEGA, e mi fa piacere anche che tu sia medico da 30 anni. Ovviamente non avevo nessuna intenzione di insegnare a te o ad altri colleghi la fisiopatologia delle lesioni al ginocchio, ma solamente chiarire ai non tecnici che cosa era successo. Dal punto di vista deontologico ritengo che un medico quando spiega ad altri un qualcosa lo debba fare in assoluta trasparenza, qualificandosi senza timore, ma ognuno si comporta come meglio crede. Tutto questo senza nessuna acredine verso chichessia, ci mancherebbe.
  5. Federico Bernardeschi

    Quello che dici non è completamente esatto: all'interno della capsula articolare è sempre presente un liquido, ed è il liquido sinoviale, che serve a lubrificare e a favorire i movimenti dell'articolazione (che, ricordo, è la più complessa del corpo umano). Il liquido dell'edema è di un altro tipo e si forma sempre come conseguenza di un fatto infiammatorio, dovuto alle più svariate cause, ma in ortopedia quasi sempre conseguente a traumi (per esempio, quando vi recate dall'odontoiatra per effettuare un intervento, quale un'apicectomia, il gonfiore che avete il giorno dopo è dato dall'edema, conseguente alle manovre traumatiche eseguite dal dentista). In conseguenza di ciò, non deve necessariamente essere presente una lesione capsulare o legamentosa, ma anzi in presenza di un trauma distorsivo, sia di tipo sagittale (per un'innaturale torsione del ginocchio in senso orizzontale), che di tipo longitudinale (per un'iperestensione in senso verticale, come sembrerebbe essere successo ieri), l'edema che si forma è maggiore, con presenza quindi di una quantità di liquido infiammatorio più cospicua. In ogni caso dobbiamo attendere l'esecuzione degli esami strumentali previsti, da eseguirsi fra domani e mercoledì, per poter avere un quadro più preciso della situazione clinica.
  6. Federico Bernardeschi

    Prego
  7. Federico Bernardeschi

    No, nel caso dei due si è verificata una rottura netta del LCA (come fosse una frattura di un osso, per farmi capire)
  8. Federico Bernardeschi

    Ragazzi, non voglio tenere una lezione sull'anatomia del ginocchio, ma tenete presente che nell'articolazione è presente una capsula articolare che, usando una terminologia semplice, funge da protezione del ginocchio stesso. Esistono legamenti extracapsulari (come quello patellare) che si trovano al di fuori della capsula e legamenti intracapsulari (come LCA e LCP) che sono invece all'interno della capsula. I traumi distorsivi possono essere sull'asse longitudinale o sull'asse sagittale (in parole semplici, verticale o orizzontale): se la distorsione è longitudinale, è presente per forza un'iperestensione (terminologia non propriamente medica), perché se no non ci sarebbe distorsione. Spero di essere stato sufficientemente chiaro, ma vi ripeto che dobbiamo essere molto prudenti, perché in assenza di esami strumentali si possono solo fare ipotesi, che possono, ovviamente, essere confermate o smentite.
  9. Federico Bernardeschi

    In caso di interessamento del LCA si deve vedere se è presente una lesione (quasi sempre, perché è una zona anatomica molto delicata, sottoposta a forze trattive molto elevate), oppure uno stato infiammatorio con edema. Nel primo caso è necessario un intervento chirurgico, nel secondo potrebbe bastare un periodo di riposo, però dopo un po', se non c'è restitutio ad integrum in tempi congrui, si rende necessario un intervento, quindi si rischia di perdere solo del tempo. In ogni caso, entro domani o al massimo martedì sapremo tutto.
  10. Federico Bernardeschi

    Ragazzi, cerchiamo di non essere catastrofici. Non tenete conto di quello che dicono i giornalisti, molti dei quali antijuventini che tentano di esagerare in negativo la situazione. Dobbiamo attendere gli esami (ETG e RMN) che si faranno entro le prossime 48 ore. In qualità di medico chirurgo con oltre 30 anni di esperienza, provo a ipotizzare un quadro clinico, tenendo sempre conto che senza esami non si può dire niente. Higuain: In caso di trauma contusivo, alla caviglia potrebbe già giocare domenica In caso di trauma distorsivo alla caviglia, 1-2 settimane di stop. Più seria sembra la situazione di Bernardeschi, perché si parla di "iperestensione del ginocchio": quando c'è un'iperestensione di un ginocchio, potrebbe essere interessato il LCA. Osservando il fatto che il ragazzo non è uscito subito, ma ha corso ancora per un po', tenderei a escluderlo, ma senza esami e senza visitare il giocatore, posso solo ipotizzare. Quindi, Bernardeschi: In caso di trauma contusivo al ginocchio, 1-2 settimane di stop (più lungo di Higuain perché dovrebbe esserci l'iperestensione In caso di trauma distorsivo del ginocchio, 3-4 settimane di stop. In caso di trauma distorsivo del ginocchio con interessamento del LCA, stagione finita. Spero di aver fatto un po' di chiarezza, così possiamo stare più tranquilli. Ricordo però ancora che gli esami strumentali ai quali saranno sottoposti i due atleti potrebbero confermare o cambiare quanto da me ipotizzato.
  11. [ E. B. A. T. ] - Essere Bianconeri a Torino

    Ecco qua che arriva puliciclone a dire la sua buona parte di minchiate... Paolo Pulici, il più grande bomber della storia granata, lei nella lunga militanza al Toro ne ha vinti tanti di derby: come si prepara una sfida così sentita? «Pensando che è una partita come tutte le altre, che si gioca 11 contro 11 e che si parte da 0-0. Noi facevamo così. E li abbiamo fatti piangere in tante occasioni». La Juve si può battere? «Noi siamo il Toro, loro no: bisogna partire da questa premessa per batterli, avere carattere e voglia di dimostrarlo, di rimarcare le differenze. Noi non avevamo paura di loro, al massimo gli facevamo paura. Avevamo il desiderio di ottenere qualcosa di importante». Sarà un sfida meno scontata delle ultime volte, anche alla luce del pareggio beffa in Champions contro il Tottenham? «Me lo auguro, speriamo di vincerlo questo benedetto derby, ma resta sempre una squadra molto temibile». Perchè le ultime volte sono quasi sempre finire in goleade bianconere? «Ci sono tante cause. Cominciamo a dire che una squadra deve lottare non solo a parole, ma anche nei fatti. Il derby si vince se dimostri di essere un gruppo unito e compatto: occorre mentalità vincente, altrimenti non vai da nessuna parte. E poi c’è anche un altro aspetto, sottovalutato». Dica. «Mancano i personaggi che ti fanno capire cos’è il derby, i calciatori che sono trascinatori e punti di riferimento sul campo e fuori. Qualcuno dovrebbe insegnare ai nuovi cosa significa affrontare la Juve, ma solo chi l’ha vissuto sa cosa vuol dire». Voi ne lasciavate pochi di punti quando affrontavate la Juve. «Una volta erano loro che perdevano di più, noi ci arrabbiavamo anche per un pareggio, adesso invece…». Il Toro tornato a vincere e dimostrare un buon calcio con Mazzarri è un punto di partenza? «Non basta giocare bene le partite precedenti, bisogna non fallire quella più importante. I segnali li conosce solo l’allenatore: il derby non dura 90’, ma tutta la settimana. Se la squadra è rimasta concentrata, allora si può fare». Quanto conta l’apporto del pubblico? «Per noi era un legame che ci gratificava e ci caricava. Magari perdevamo la sfida, però uscivamo sempre dal campo consapevoli di aver dato tutto. E questo la gente lo apprezzava». Può essere la partita di Belotti? «Il Gallo sta tornando, è un punto di riferimento non solo per il Toro. Io alleno i bambini, quando dico a qualcuno di loro che assomiglia a Belotti è contentissimo. Ai miei tempi, il paragone con i mostri del Grande Torino ci dava una carica pazzesca».
  12. [ E. B. A. T. ] - Essere Bianconeri a Torino

    Recalcati nuovo coach dell'Auxilium
  13. [ E. B. A. T. ] - Essere Bianconeri a Torino

    Più che dimesso è stato costretto a dimettersi, dal presidente e da suo figlio. http://www.lastampa.it/2018/01/15/sport/basket/basket-divorzio-tra-coach-banchi-e-la-fiat-torino-bFHuDdlnnUnNmUZzmx1l8L/pagina.html
  14. [ E. B. A. T. ] - Essere Bianconeri a Torino

    Questo è completamente pazzo...Pippo lo sdentato...era forse l'amico di Topolino? Anche lui ha due denti...
×