Vai al contenuto

Cerca nel Forum

Risultati per i tag ''tattica''.

  • Cerca per tag

    Separa un tag dall'altro con una virgola
  • Cerca per autore

Tipo di contenuto


Forum

  • Sport Corner
    • Juventus Forum
    • Calciomercato Juventus
    • 2018 FIFA World Cup
    • Allianz Stadium, J-Museum & Biglietti
    • Calciopoli (Farsopoli)
    • Il Romanzo Bianconero
    • Off Juve
    • Juventus news in English
    • Altri Sports
  • Tifosibianconeri.community
    • Il Diario dei Tifosi
    • Games Zone - Nuova Stagione 2017/2018
    • Off topics
    • Multimedia & Graphics
    • Market Forum
  • Supporto
    • Comunicazioni, proposte e messaggi per lo staff
    • L'Archivio Di Tifosibianconeri.com
    • Cestino

Calendari

  • Calendario

Trovato 3 risultati

  1. Dopo i dovuti ringraziamenti e festeggiamenti per un anno che è stato letteralmente snervante ma che per fortuna è stato entusiasmante in termini di vittorie, è venuto il momento di programmare la prossima stagione. A quanto pare, Allegri rimarrà sulla panchina della Juventus. La permanenza di uno stesso allenatore per il quinto anno di fila è quasi un unicum per gli standard della serie A. Io ero convinto che il rapporto tra Juventus e Allegri si sarebbe interrotto sabato scorso. Quest'anno mi è sembrato di assistere ad una lenta diminuzione degli stimoli e anche degli incentivi a migliorare in modo significativo il percorso iniziato quattro anni fa. Mi è sembrato anche che siano emerse diverse tensioni nello spogliatoio. Non è un caso che Allegri si sia lasciato sfuggire "questi giocatori non hanno cuore" alla fine di una partita con il risultato ancora in bilico (mi pare contro il bologna). Però la scelta della società mi sembra chiara. Quindi evidentemente sono stati trovati nuovi stimoli, probabilmente anche in previsione di una rivoluzione programmata della rosa. Quindi ho pensato di aprire questo topic per discutere delle vostre aspettative, non solo in termini di mercato, ma in termini di evoluzione del "progetto Juventus". Cosa dobbiamo aspettarci? Quali sono gli aspetti gestionali/tecnici/tattici che vi auspicate possano essere modificati?
  2. L'allenatore bianconero: "Tra 48 ore faremo un analisi su tutto, poi ripartiremo con nuovi stimoli. I nuovi arrivi dovranno aggiungere qualcosa perché voglio continuare a vincere" Da quando è a Torino, ormai si sta abituando alle feste. Ma la gioia di Massimiliano Allegri, anche se ben contenuta davanti ai microfoni, è evidente. "Oggi era giusto che Gigi Buffon venisse omaggiato per tutto quello che ha fatto, non c’era modo migliore per chiudere questa annata. Mi sono commosso per lui : in questi quattro anni gli ho visto fare cose impressionanti e si meritava un saluto così. C’era un’atmosfera bellissima, la squadra ha fatto una stagione straordinaria e vincere è sempre bello: abbiamo combattuto con il Napoli per tutto l’anno, gli facciamo i complimenti, ma noi siamo stati i migliori. Non è giusto criticare una squadra che da sette anni vince in Italia e sfiora la vittoria in Europa: in campionato vince sempre la migliore e negli ultimi sette anni la Juventus è stata la squadra migliore". IL FUTURO — L'incontro tra la dirigenza della Juventus e Allegri per definire il futuro sarà forse già tra 48 ore. "Dovrei incontrare la società lunedì", ha rivelato il tecnico bianconero nella conferenza stampa finale all'Allianz Stadium. "Come sempre - ha spiegato - fare una lucida analisi delle cose che sono andate bene e quelle che non hanno funzionato quest'anno, poi passeremo alla valutazione tecnica, giocatore per giocatore. Siamo arrivati a un livello talmente alto che è difficile trovare giocatori per migliorare questa rosa. La qualità non va abbassata e la società sa benissimo quello che serve per l'anno prossimo. Il punto di partenza per stare nella Juve è lavorare, sacrificarsi, mettersi in discussione tutti i giorni, con l' obiettivo comune in funzione dei compagni. E chi gioca con me sa che ingoiare certe mie decisioni è più difficile che mandar giù un ombrello di traverso". MERCATO — E' tempo di parlare della prossima Juve, che dovrà essere ringiovanita. "Per chi fare una follia tra Milinkovic-Savic e Morata? Io penso ai miei giocatori: con la società sono sempre stato in sintonia, sulle scelte: questo è stato lo scudetto più difficile dal punto di vista mentale e serve un po' di vacanza. La scelta che ho sbagliato? Contro il Napoli ho ragionato troppo, io che sono un istintivo. E sono stato punito al 90' su calcio d'angolo". DNA VINCENTE — Grandi meriti per i giocatori: "Quando giochi nella Juventus sei per forza un calciatore dalle grandi qualità, poi entrano in gioco altre componenti: l’orgoglio, la gestione dei momenti. Non diamo mai niente per vinto o per perso, una caratteristica che questa società ha nel suo Dna. Ora ci incontreremo la prossima settimana per pianificare il futuro, per capire dove dovremo migliorare, non ci sono problemi. Sono necessari nuovi stimoli, perché vincere è sempre più difficile. Ora, però, pensiamo a goderci la festa. Ci è mancata la ciliegina sulla torta, mi riferisco alla Champions, ma non possiamo sapere come sarebbe andata ai supplementari con il Real".
  3. La Juventus ha deciso il contesto Pur dominando il possesso, il Napoli ha sbattuto contro la perfetta partita difensiva della Juventus. Condividi: 292 Napoli e Juventus sono arrivate alla prima sfida stagionale con la squadra di Sarri in vantaggio di 4 punti su quella di Allegri. Vincendo aveva l’occasione di consolidare ulteriormente il proprio primato in classifica, mettendo ancora più distanza tra sé e i principali rivali. Ma la partita era attesa anche perché era considerata un importante test per certificare definitivamente la crescita del Napoli, al confronto con i campioni d’Italia degli ultimi 6 anni. Allegri ha provato a ridimensionare l’importanza della partita, ma la Juventus rischiava di allontanarsi troppo dalla capolista, minando ulteriormente, dopo le 2 sconfitte già subite in campionato, le certezze sulla propria solidità. Sulla carta, leggendo i titolari scelti da Allegri, si poteva pensare a uno schieramento con un centrocampo a 3, almeno in fase di possesso palla, e invece, fedele ai precedenti scontri avuti con il 4-3-3 di Maurizio Sarri, il tecnico juventino ha scelto un 4-4-1-1 piuttosto rigido in entrambe le fasi, con Matuidi spostato sulla fascia sinistra e Douglas Costa ad occupare quella destra, con Khedira sul centro destra e Pjanic sul centro sinistra. In maniera nemmeno troppo sorprendente, Asamoah è stato preferito ad Alex Sandro come terzino sinistro, perché più adatto al controllo di Callejon e alla gestione posizionale dei suoi tagli sul secondo palo, anche per una somiglianza tra il ghanese e lo spagnolo nella frequenza di corsa. Da parte sua, senza l’assillo di dover gestire difensivamente il gioco aereo di Mario Mandzukic (assente per infortunio), Maurizio Sarri ha risolto l’unico dubbio che aveva preferendo Mario Rui a Maggio, con Hysaj riportato nel suo ruolo più naturale di terzino destro. [...] La partita che voleva Allegri Per Maurizio Sarri la vera sfida tattica era quella di schivare le trappole che prevedibilmente Massimiliano Allegri avrebbe disseminato per il campo. La Juventus avrebbe fatto di tutto per impedire al Napoli di sviluppare il proprio gioco offensivo, fatto di un fitto passing-game orientato alla destrutturazione della compattezza difensiva avversaria per mezzo di inviti al pressing e ricerca degli half-spaces. Allegri, per vincere, avrebbe dovuto far di tutto per piegare a proprio vantaggio il gioco del Napoli. La sfida l’ha vinta Allegri, e non solo per il risultato finale. Ancora una volta, il tecnico livornese ha dimostrato il suo talento nel preparare la singola partita, in funzione delle qualità dei propri giocatori e degli avversari. La gara ha seguito l’andamento tattico voluto dalla Juventus e alcuni dati sono abbastanza esplicativi di come sia riuscita a rovesciare le tendenze del gioco del Napoli, portandolo al di fuori della propria comfort-zone. Il Napoli sviluppa mediamente il 47% del proprio gioco sulla fascia sinistra e solo il 26% su quella destra, ma i bianconeri hanno costretto la squadra di Sarri a ribaltare il lato d’attacco preferito, limitando al 33% gli attacchi subiti dalla sinistra degli azzurri e forzandoli al 42% su quello destro. La direttrice di passaggio più utilizzata è stata quella tra Albiol e Hysaj, con il pallone che è transitato dal centrale spagnolo al terzino destro per 27 volte, ad ulteriore testimonianza della capacità della Juventus di orientare a proprio piacimento il flusso del gioco degli avversari. Il giocatore che effettua più passaggi nella squadra di solito è Jorginho, che mediamente ne gioca più di 20 del secondo, Koulibaly. I due costituiscono quindi la primaria fonte di gioco nell’impostazione arretrata della manovra azzurra. Nella partita con la Juventus, invece, i giocatori che hanno effettuato più passaggi sono stati Albiol e Hysaj, mentre il peso nella costruzione bassa di Jorginho e Koulibaly è stato contenuto dall’ottimo lavoro difensivo di Dybala e Higuain. Ancora: la Juventus, forte della superba protezione del cuore dell’area di Benatia e Chiellini (20 spazzate in coppia sulle 46 totali della squadra) ha concesso l’esterno al Napoli e lo ha forzato di conseguenza ad attaccare con una delle sue armi più spuntate, costringendo la squadra di Sarri all’enormità di 41 cross, il doppio rispetto al solito, e il doppio rispetto anche alla solita proporzione tra totale dei passaggi e cross. E dei 41 cross, solo uno è stato effettuato da Insigne, il più pericoloso in questo fondamentale con le sue traiettorie verso il lato debole attaccato da Callejon. [...] cliccare sul link per l'articolo intero: http://www.ultimouomo.com/napoli-juventus-fondamentali/ adoro sti ragazzi,uno dei pochi siti dove davvero si parla di calcio giocato e basta
×