Jump to content

PsychoJuve

Tifoso Juventus
  • Content Count

    1,100
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

807 Excellent

8 Followers

About PsychoJuve

  • Rank
    Juventino Pinturicchio

Recent Profile Visitors

5,808 profile views
  1. Secondo me, nel caso del secondo gol, quello che ha maggiori responsabilita e' De Sciglio, il quale doveva fare la diagonale, ed invece si e' totalmente disinteressato. Ma voglio far notare come in questa azione (ed altre), i nostri difensori (specialmente Chiellini) funzionano ancora in base ai vecchi riferimenti sull' uomo. La postura di Chiellini nell' azione del secondo gol e' orientata sull' uomo in relazione della posizione della palla. Anche nell' occasione del gol di Moura nella partita contro il Tottenham, De Sciglio non tiene la linea proprio perche pensa alla marcatura, ragionando in stile allegriano. Ragazzi, e' ancora agosto.
  2. @vlataskaaaa Scusami vlat, ma mi sono scordato di scrivere una cosa su Khedira. Ma secondo te e' un caso che Douglas Costa gioca meglio quando Khedira e' schierato come mezzala dal suo lato (Milan, Tottenham, Real etc.)? Ho sempre scritto che l' intesa tra Khedira e Douglas Costa sono tra le migliori (se non la migliore) della nostra rosa. Le caratteristiche di questi due giocatori li permettono di creare dinamiche tra di loro estremamente funzionali.
  3. Ciao vlat, vorrei precisare che la partita di ieri e' l' unica amichevole che ho visto della Juve in questo pre-campionato, quindi il mio giudizio sulla Juve di Sarri vale fino ad un certo punto. Il Khedira ''ventisettene sano'' probabilmente e' il nostro miglior centrocampista e sarebbe titolare con qualsiasi allenatore. Ma qui, vorrei contradirmi da solo. Se la Juventus dovesse essere costretta a scegliere tra la cessione di Matuidi o Khedira, personalmente preferirei tenere Matuidi. E mi spiego. La soluzione del ''Pjanic 150 palloni'' ha una controindicazione abbastanza seria secondo me, che e' la mancanza di dinamismo da parte del bosniaco. ''Pjanic 150 palloni'' significa un Pjanic piu centrale, ma anche meno bloccato, cosa che probabilmente aumentara le situazioni dove il bosniaco si trovera fuori posizione ottimale difensiva. Questo lo dico perche esiste l' esempio precedente di Jorginho al Chelsea. Anche nel Chelsea, la mancanza di dinamismo da parte dell' italo-brasiliano, era una delle cause principali delle azioni subite dagli inglesi. E nel contesto del Chelsea, Jorginho (nei meccanismi di copertura) si poteva permettere il lusso di un certo Kante. Quindi attualmente avere in rosa uno come Matuidi (come possibile alternativa. nel caso qualcosa dei piani iniziali non funzionasse), mi offre un certo livello di sicurezza per questa mia preoccupazione. Che ne pensi?
  4. In un mio post pro-Cancelo avevo scritto quanto e' difficile analizzare la fase difensiva di una squadra, siccome molti utenti si focalizzavano spesso (e solo) sulla fase difensiva individuale del giocatore, ed in un certo modo le dichiarazioni di Sarri mi vengono incontro. Avete sentito il giudizio tecnico di Sarri sul secondo gol? Queste sono le sue parole: ''Sul secondo gol abbiamo letto veramente male una palla lenta e anche di facile lettura, pero in queste situazioni la responsabilita della difesa e' palese, ma ci sono anche altri tipi di responsabilita, perche in quel tratto di partita nella fase centrale del secondo tempo, siamo andati troppo poco a coprire la palla coi centrocampisti, quindi la palla era costantemente scoperta ed il numero di letture e' diventato troppo elevato e poi alla fine una la sbagli completamente.'' La maggioranza degli utenti si e' fermata agli errori individuali per quanto riguarda i due gol presi, mentre avete notato la diffrenza nel ragionamento di un addetto ai lavori nel trovare l' errore reale della fase difensiva? Sarri evidenzia chiaramente come il grave difetto si trova nel testare costantemente la concentrazione dei difensori in situazioni di palla scoperta. E' ovvio che se la concentrazione del difensore viene messa sotto prova 20 volte a partita (invece che 3 o 4), le probabilita dell' errore individuale crescano esponenzialmente. Quindi il difetto si trova nella fase difensiva generale, non nell' errore individuale del singolo giocatore (attualmente va di moda il massacro di De Sciglio).
  5. Ciao Gaiana, e' sempre bello parlare di calcio ''studiato'', ''complicato'', ''scientifico'' etc., ma questo calcio deve pur sempre essere efficace. E siccome parli di attacco, il Chelsea di Sarri non ha proprio i numeri dalla sua parte. Anche se il Chelsea e' arrivato terzo in PL, per efficacia offensiva risulta sesto per gol fatti (dietro Man. City, Liverpool, Arsenal, Tottenham e Man. Utd) e quinto per xG (dietro Man. City, Liverpool, Man. Utd e Arsenal). Tralatro, il gioco di Sarri non ha nemmeno migliorato i numeri del Chelsea in confronto al Chelsea di Conte del quinto posto: Chelsea (Conte) 2017/18: Punti: 70, Gol Fatti: 62, Gol Presi: 38 Chelsea (Sarri) 2018/19: Punti: 72, Gol Fatti: 63, Gol Presi: 39 Come puoi notare la differenza e' minima. Ed il motivo e' molto semplice. Cambiare il modo di giocare di una squadra e' la cosa piu facile al mondo da fare, ma migliorarla e' difficilissimo. Quindi se il pallone arriva nella trequarti avversaria attraverso il lancio per la testa di Mandzukic o dopo 3000 passaggi non significa nulla, se questa differenza non viene riscontrata anche nell' efficacia del tuo gioco.
  6. Secondo me, si e' creato un falso mito intorno alla punta ''ideale'' di Sarri, ed ha preso le vesti del falso 9, di un giocatore brevilineo e tecnico. Prima di tutto, mi si deve spiegare come Morata e Giroud entrino in questa descrizione. Il primo (Morata) e' un contropiedista, abbastanza egoista tralatro che negli ultimi anni ha migliorato anche il suo colpo di testa (quindi niente palla bassa). Ed infatti molti dei suoi gol al Chelsea sono fatti a campo aperto o grazie alla combo con Azpilicueta attraverso cross dalla trequarti. Il secondo (Giroud) e' il classico centravanti equilibratore che tiene palla, non da scambi rapidi nello stretto. Adesso, si crede che per fare il falso 9, basta la tecnica. NO. E' questione principalmente di tempi di gioco, di livello di associativa e di intensita. Dybala non ha la visione periferica per fare il falso 9, ne i tempi di gioco e non e' nemmeno estremamente associativo. I suoi migliori tempi di gioco li ha avuti con la presenza di Dani Alves in campo. Higuain avrebbe tutte le caratteristiche tecnico/tattiche per eseguire il ruolo, ma purtroppo pecca nella importantissima componente dell' intensita. In ogni caso e' sempre questione di come si aprono gli spazi. Anche la soluzione del falso9 puo chiudere gli spazi, come per esempio nel caso di sovraffollamento della trequarti. E posto un esempio da un' analisi di Alfredo Giacobbe su UltimoUomo: Gli attaccanti della Juventus tutti vicini. Ronaldo ha appena restituito palla a Pjanic dopo essersi mosso all’indietro. Higuain, anziché puntare lo spazio liberato dal difensore in uscita su Ronaldo, arretra a sua volta tirandosi appresso il resto della difesa Higuain e Ronaldo hanno provato a creare un’intesa efficace, restando vicini e dialogando nello stretto. Purtroppo entrambi si muovono verso il centrocampista per ricevere palla nei piedi. Questo movimento monodimensionale facilita il compito dei difensori avversari, che seguono gli attaccanti e comprimono così gli spazi tra le linee di centrocampo e difesa. Gli unici movimenti in profondità che effettua Higuain sono quelli immediatamente a ridosso dell’area di rigore, con lo scopo di creare un’occasione da gol per sé. Anche il supporto in ampiezza da parte di De Sciglio e Cancelo per ora è insufficiente a garantire spazio per le combinazioni veloci nel breve al centro.
  7. Grazie Arminius per la tua gentile risposta, Condivido il tuo discorso al 99% e devo ammettere che dopo esserti spiegato, ti avevo un attimino frainteso. Quindi mi prendo le mie responsabilita per questo mio errore e ti chiedo scusa. Ho sempre apprezzato utenti in versione di ''inguaribile polemista'', perche ritengo che siamo sul forum proprio per il confronto di idee (cosa che tralatro ho scritto piu di una volta). Quindi quando vedi scritto un mio commento, sei libero di ''massacrarlo'', specialmente se la tua opinione e' affilata e disposta a far male. Condivido pienamente che certi termini (come ''innovatore'', ''rivoluzionario'' etc.) vengono spesso utilizzati con estrema facilita. Tralatro sul termine ''innovatore'' ho fatto la mia piccola personale battaglia su questo forum dopo l' arrivo di Sarri. Credo comunque di averla persa...Pazienza. E cosi arrivo al 1%, sul quale non mi trovi d' accordo. Per primo, credo che i grandi giocatori siano importanti sia per Guardiola che per Herrera. Non credo che una squadra, che applica il ''tiki-taka'' o il catenaccio, possa vincere una Champions con Olivier N' Siabamfumu in difesa, con Raimondas Zutautas a centrocampo e con Felix Aboagye in attacco (sono nomi veri di professionisti veri). Secondo, per quanto riguarda le innovazioni, queste si possono trovare in vari livelli nel mondo calcistico. Prendiamo per esempio un elemento tecnico, le traiettorie di corsa del giocatore in fase di pressing. Adesso, anche l' Ajax di Michels applicava il pressing, ma non si allenavano tecnicamente in modo mirato sotto questo aspetto. Questo significa che qualcuno ha pensato ed applicato esercitazioni tecniche precise che prima non esistevano, perche ha pensato che effetuare certe traiettorie e' piu efficace rispetto ad altre. O senno puoi prendere come esempio lo sviluppo delle esercitazioni in modalita ''cognitive-training'' per allenare tecnicamente i giocatori, esercitazioni che tralatro utilizza anche lo stesso Sarri. Innovazioni si possono trovare anche nelle metodologie di allenamento. Per esempio anche Herrera allenava i suoi giocatori, ma adesso, vengono integrati in modo mirato piu componenti (tecnico/tattica, fisica, mentale) nella singola esercitazione. Anche questo e' stato pensato da qualcuno dal nulla. Terzo, non condivido il tuo parallelismo tra bibliografia calcistica sul ''gioco di posizione'' e la bibliografia sui dischi volanti o su come curare il cancro con il rabarbaro, la differenza sta nella sostanza e nella concretezza. Non mi puoi mandare in una fattoria precisa per vedere come vengono costruiti i dischi volanti (perche non esiste) o un aeroporto per vederli decollare (perche di nuovo non esiste), ma non mi puo nemmeno mandare a visitare una clinica che cura casi di cancro con il metodo del rabarbaro. Mentre, ti potrei mandare tranquillamente (non farti idee strane...) in milliaia di campetti in giro per il mondo per vedere come squadre reali di calcio applicano le esercitazioni di gioco di posizione nel loro campo di allenamento (dal libro alla pratica reale..), ma anche su altri migliaia stadi per vedere squadre reali che cercano di applicare i concetti allenati durante la settimana nella partita di domenica. Mah, mi sembra che alla fine non ci troviamo d' accordo su piu di 1%, comunque rimaniamo sempre nella ''scale'' del 90% (95,96..?) per quanto riguarda la condivisione. Un carissimo saluto e sempre la tastiera sulla spalla destra.
  8. Comunque ragazzi, vorrei fermarmi un' attimo su questa presunta fase difensiva dei vari terzini europei. Viene spesso scritta la fase ''Il terzino prima di tutto, deve saper difendere..''. Dopo pero, vai nei vari topic aperti su Marcelo, e trovi migliaia di commenti dove viene etichettato come ''miglior terzino al mondo''. Cioe la regola del ''il terzino prima di tutto deve saper difendere..'' non viene applicata nel giudizio del ''miglior terzino al mondo''? Perche state certi che Marcelo non e' stato spostato terzino per le sue capacita difensive. Anzi, non esiste un solo allenatore al mondo, che allena un terzino giovanissimo alle prime armi, che dia i DVD di Marcelo per studiare la sua fase difensiva. Li da i DVD dei vari Maldini, cioe di quei terzini che sapevano veramente difendere. Casomai dopo aver visto e studiato Maldini, li da anche i DVD di Marcelo per studiare gli errori del brasiliano in fase difensiva e cosi imparare cose deve evitare di fare sul campo. Ma quanti di voi, quando fate i nomi dei vari Dani Alves, Cafu, Roberto Carlos etc. vi vengono in mente le loro scivolate e diagonali? Credo a nessuno. Invece appena fai il nome di Maldini, ti vengono in mente i suoi ''hook-tackles'' ad arpionare il pallone, mantenendo il possesso, il '''tackle-signature'' di Maldini. Ma secondo voi, Marcos Alonso, che e' stato allenato da Sarri la passata stagione, ha fatto meno errori difensivi (molti anche dannosi) di Cancelo? No. E voi volete bocciare il portoghese dopo solo una stagione a due facce nella stagione peggiore di Allegri? E lo volete bocciare quando stiamo totalmente cambiando la nostra fase difensiva e i suoi meccanismi? La fase difensiva significa mille cose diverse nel calcio moderno, non sono solo diagonali, che tralatro ce ne sono molte piu di una ed ogni allenatore le puo eseguire in modo diverso. La fase difensiva e' un discorso complicato, che va analizzata ''frame by frame'', quindi e' sempre meglio evitare commenti/sentenze in questione. Per esempio, nella passata stagione, molte volte i problemi principali della Juve si trovavano nei tempi di pressione della seconda linea e nelle distanze tra i reparti. Parma e Ajax (specialmente il secondo tempo a Torino) sono due esempi indicativi. Per capire quanto possa essere complicato analizzare la fase difensiva di una squadra, sia individuale che collettiva, uso come esempio l' azione difensiva dell' anticipo, caratteristica tanto amata da Mr. Gasp, e riporto semplicemente le parole (vangelo) di Cambiasso (min. 3:10): Ma esiste un solo tifoso juventino che quando nell' estate del 2018 la Juve comprava Cancelo, credeva che il portoghese fosse un terzino posizionale? Credo di no. Allora posto qui la pressure map stagionale della Juve nella Champions 2018/19: Credo che chiedere a Cancelo di eseguire ampie fasi di difesa posizonale non coincide proprio con le sue caratteristiche principali. Per non parlare delle connessioni di copertura con i suoi compagni. Marcelo veniva coperto da Ramos e Casemiro, mentre Cancelo in quelle posizioni aveva Bonucci e Pjanic. La differenza e' abbstanza ovvia. Anche se a dire la verita, i meccanismi di copertura possono essere eseguiti in modo diverso, e qui la presenza di Cuadrado in campo e' stata importantissima sia per Dani Alves che Cancelo. Cancelo e' un terzino di costruzione/offensivo e' come tale va valutato e integrato in una fase difensiva adeguata a questo profilo. Qui posto le statistiche di ''deep progressions'' per evidenziare come Cancelo era veramente la nostra seconda ''fonte di gioco'': Where Cancelo separates himself from other fullbacks is that in addition to providing attacking width in the final third, he was a huge asset when it came to bringing the ball up the field. Only Miralem Pjanić, the team’s midfield hub, had more deep progressions of the ball per 90 minutes than Cancelo’s 7.47. Era il terzo per assistenza della nostra efficacia offensiva: In fact, Cancelo’s service was integral to the Juventus attack. Only the attackers Fernando Bernadeschi and Cristiano Ronaldo assisted more expected goals from open play than Cancelo’s 0.12 per 90 minutes. Era secondo per cross effetuati: In ogni caso, anche se non condivido la scelta della societa, Cancelo e' il passato e Danilo sicuramente non e' un bidone, ma un incognita. Speriamo che i nostri addetti ai lavori ci hanno visto giusto ed abbiano ragione loro.
  9. Ciao Arminius, permettimi di essere un po severo con il tuo commento. Prima di tutto vorrei precisare che sono un difensivista vecchia scuola e che non sono mai stato un fan del gioco di Guardiola (anche se devo ammettere che ho sempre apprezzato il suo approccio calcistico). Ho canoni e criteri totalmente diversi da quelli di Guardiola, per come deve giocare o essere costruita una squadra. Ma questo post non riguarda la mia personale filosofia calcistica e quindi entro subito in argomento. Mi dispiace, ma la frase ''Infatti, ma poi, per curiosità, quante squadre al mondo fanno sto calcio posizionale? Due, quattro, dieci? Così per sapere, o è solo un modo per tirarsela....ripeto a me sembra una roba ricercata da chef stellati.'' e' totalmente errata. Nel calcio non esistono solo Bayern, Real, Barcelona e Juve. Il gioco di posizione viene applicato nel mondo calcistico da tantissime squadre di qualsiasi livello, dai dilettanti alle giovanilli, da squadre di bassa categoria a squadre di alta categoria, da squadre di club a nazionali etc. Puoi tranquillamente entrare in qualsiasi blog, sito, forum etc. di addetti ai lavori (cioe allenatori, preparatori etc.) di tua scelta e troverai migliaia di esercitazioni e metodologie basate sul gioco di posizione (molte lo scrivono pure nel titolo). O puoi andare su amazon e di nuovo anche li troverai migliaia di libri che descrivono vari metodi di applicazione del gioco di posizione scritti da addetti ai lavori di nazioni diverse, tedeschi, olandesi, italiani, francesi etc. Si puo non condividere la visione calcistica di Guardiola (come tralatro, non la condivido nemmeno io), ma non si possono non vedere le sue grandi doti da allenatore, che lo rendono tra i migliori dell' ultimo ventennio. Il grave errore di Guardiola, non si trova nel personaggio in se, ma nelle narrattive sul personaggio (specialmente nell' era attuale dei social) che trasformano qualsiasi dichiarazione di Guardiola in parola di Dio. Ma il danno maggiore di queste narrattive lo sai qual' e'? Il fatto che ha creato allenatori Guardiola-wannabes (lo stesso e' successo anche coi Sacchi-wannabes), specialmente nelle giovanilli, ai quali interessa principalmente specchiarsi (e pettinarsi) nel modo di giocare della loro squadra (''tiki-taka style''), invece di cercare di contribuire nella crescita del giovane calciatore. I Guardiola/Sacchi-wannabes sono stati un enorme problema del calcio moderno. Ma anche con i tuoi commenti stai entrando in modalita di ''radical chic'', di ''splendido reazionario''. Per favore evitiamo di ragionare per estremismi e assolutismi, uno dei fenomeni negativi di questa era dei social. Non c' e' bisogno di entrare in modalita bipolare, o sei un fanatico di Guardiola, dove ogni sua parola e' vangelo e il gioco di posizione e' la Bibbia, o sei il ''splendio reazionario'' che indirettamente si autoeleva dal livello del tifoso medio, esce nel suo balcone virtuale e dice: ''Alzate la testa, guardatemi ed ascoltate, adesso IO diro a voi poveri tifosi cretini, schiavi dell' illusione del gioco di posizione, perche i vari Guardiola sono una truffa e vi rivelero le dinamiche del calcio vero''.
  10. Si, hai ragione. La tua osservazione e' giusta ed offre un' angolazione interessante alla discussione. Un carissimo saluto, fratello Montero!
  11. Ciao Pippo, il tuo ragionamento ci puo stare, ma su Dybala rimane un gusto di amarezza di un potenziale non espresso al 100%. Sotto questo aspetto, preferivo Guardiola, l'unico secondo me, che poteva rigenerare Paulino. Nel caso Dybala rimanesse, speriamo che Sarri sia capace di rivitalizzarlo.
  12. Ciao Kumo, si, condivido con te, la gestione fisica di Dybala non e' stata ottimale. Avevo fatto una discussione simile (e piu approfondita) sull' argomento, in un topic di qualche mese fa, ma purtroppo non riesco piu a trovarlo per postare il link. Sul ruolo, secondo me e' meglio seguire i suggerimenti di Sarri, quindi o falso 9 o attaccante sul centrodestra.
  13. Ciao Gnokko, Mi dispiace, ma permettimi di essere in totale disaccordo. E mi spiego meglio: 1) Punto primo: Dybala come occasione di mercato. Si scrive spesso che Dybala e' stato svalutato. Se un giocatore viene svalutato, ed e' realmente un talento fenomenale, allora si trasforma automaticamente in un' occasione di mercato per i possibili compratori. In questa sezione di mercato, sia Barcelona che Real e Atletico (cioe le TOP 3 del campionato spagnolo) hanno fatto colpi nel reparto offensivo. E tieni conto che Dybala per caratteristiche e' molto piu funzionale a contesti spagnoli che inglesi. Mi puoi spiegare allora: Perche gli addetti ai lavori del Barcelona hanno speso 120 millioni per Griezmann e non 70/80 per Dybala che era un' occasione un mercato? Perche gli addetti ai lavori del Real hanno speso 100 millioni per Hazard e non 70/80 per Dybala che era un' occasione un mercato? Perche gli addetti ai lavori del Atletico hanno speso 126 millioni per Joao Felix e non 70/80 per Dybala che era un' occasione un mercato? 2) Punto secondo: Il livello di Dybala come calciatore. Se il livello di calciatore di Dybala e' cosi alto come sostieni, mi puoi dire quanti dei seguenti duelli vincerebbe Dybala in ipotizzabili scambi? Dybala o Messi? Dybala o Griezmann? Dybala o Hazard? Dybala o Kane? Dybala o Salah? Dybala o Neymar? Dybala o Isco? Dybala o Eriksen? Dybala o Pogba? Dybala o Mbappe? etc. etc. etc. Quanti nomi devo fare per arrivare al livello reale di Dybala? 15, 20, 30? E bada bene che stiamo parlando del n.10 della Juve, una squadra che e' nella TOP 5 dei club. Dybala, il tuo n.10 (cioe il tuo giocatore piu talentuoso) come livello, ripeto come livello (non caratteristiche) e' nella TOP 5 dei calciatori contemporanei? Assolutamente NO! E lascia perdere i paragoni con Baggio e Del Piero, entrambi come livello di giocatore sono stati nella TOP 5, anzi nella TOP 3 dei loro giocatori contemporanei (il quale era elevatissimo). 3) Punto terzo: ''Farsi il c**o.'' Probabilmente abbiamo una concezione diversa della frase ''Farsi il c**o''. ''Farsi il c**o'' sul campo e' quello che fa Firmino. Osserva bene la sua heatmap stagionale del 2017/18: Questa heatmap Dybala se la sogna, ma si sogna anche tutto il lavoro che fa Firmino in tutte le fasi di gioco. ''Farsi il c**o'' e' quello che fa Bernardo Silva. Ti invito ad ascoltare l' utlima intervista di Bernardo Silva. Ascolta attentamente tutte le sue parole, e dopo osserva come ha trasformato queste parole realmente sul campo, cosi da costringere Guardiola a fare le seguenti dichiarazioni: ''Right Now It Is Bernardo and 10 More Players.'' ''Farsi il c**o'' e' quello che fa Griezmann sul campo. Griezmann e' diventato campione del mondo in una Francia che giocava con Giroud come centravanti equilibratore, proprio come il nostro Mandzukic, e con Mbappe come esterno finalizzatore, proprio come il nostro Ronaldo. Ed e' noto a tutti che la Francia faceva ''camping'' nella trequarti, proprio come il ''tiki-taka'' del Barcelona, con la sottile differenza che non lo faceva in quella avversaria. Ma Griezmann ha la mentalita giusta per essere funzionale in qualsiasi contesto di gioco, invece di perdersi in alibi del tipo: ''Ma io sono un attaccante..'' ''Ma non gioco nel mio ruolo...'' ''Ma mi chiuduno gli spazi...'' ''Ma gioco 70 metri dalla porta..'' etc. etc. etc. Ed e' proprio per questo motivo, perche Griezmann non cerca alibi, ma ha l' intelligenza di adattarsi e dare sempre il meglio di se, che e' lui quello che e' diventato campione del mondo, mentre Dybala osserva le partite dell' Argentina dalla panchina, ed e' Griezmann quello che si guadagna il trasferimento a Barcelona, invece del Dybala del 2017, il ''mr. 150 millioni, non un euro in meno''. 4) Punto quarto: La maledetta doppieta contro il Barcelona. Un giocatore di talento e di potenziale come Dybala che a 23 anni fa una doppietta al Barcelona, invece di avere l' intelligenza di utilizzare quella partita come rampa di lancio, l' ha trasformata nell' apice della sua carriera. E questo e' un risultato di testa e di mentalita, non di talento.
  14. Grazie per la risposta Marcello. Puo essere che tu abbia ragione, la nostra rosa secondo me, puo essere approciata da angolazioni diverse. Per questo ho scritto la mia considerazione, per vedere che ne pensano i fratelli bianconeri. In ogni caso, piu passano i giorni e piu sono curioso di vedere la Juve di Sarri.
  15. Ma secondo voi il nostro mercato fino ad ora (De Ligt, Rabiot, Ramsey, e possibilmente Lukaku), e' un mercato da Sarri, da Conte o da Allegri, cioe i tre allenatori che sono stati piu vicini alla nostra panchina per la prossima stagione ? Secondo me, la classifica e': 1) Conte 2) Allegri 3) Sarri In ogni caso, permettetemi una considerazione un po strana. Secondo me, la caratteristica principale della nostra rosa non e' il palleggio sul medio-corto, ma la resistenza al pressing. Questo cambia totalmente la modalita di sviluppo della manovra specialmente nelle distanze tra i giocatori. Per esempio, giocatori come Rabiot e Cancelo, sanno eludere il pressing ed offrire ''deep progressions''. Ma se vuoi costruire uscendo dal pressing con ''deep progressions'', allora la densita in zona palla che vuole Sarri e' una forte controindicazione, per un motivo molto semplice: densita in zona palla, significa anche densita di avversari, e di conseguenza traffico, allora il giocatore che elude il pressing e che vuole avviare una ''deep progression'', si ritrova a sbattersi contro un avversario dopo due metri. Quindi si deve ragionare in modo diverso sulle distanze tra i giocatori, e non per ''overloads''. In fine, un possibile tridente composto da Ronaldo/Lukaku/Douglas Costa ha un livello di associativa abbastanza medio-basso, siccome tutti e tre si esprimono attraverso l' individualismo: Ronaldo: cannibalizzatore dei tiri, Lukaku: giocate individuali spaccadifese di potenza e prepotenza Douglas Costa: specialista dei duelli
×
×
  • Create New...