Jump to content

Search the Community

Showing results for tags 'concerti'.



More search options

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Forums

  • Sport Corner
    • Juventus Forum
    • Calciomercato Juventus
    • Juventus Women
    • Allianz Stadium, J-Museum & Biglietti
    • Calciopoli (Farsopoli)
    • Il Romanzo Bianconero
    • Off Juve
    • Juventus news in English
    • Altri Sports
  • Tifosibianconeri.community
    • Il Diario dei Tifosi
    • Games Zone - Nuova Stagione 2018/2019
    • Off topics
    • Multimedia & Graphics
  • Supporto
    • Comunicazioni, proposte e messaggi per lo staff
    • L'Archivio Di Tifosibianconeri.com
    • Cestino

Calendars


Found 2 results

  1. Ligabue: flop del nuovo tour

    15 giugno 2019, stadio San Nicola di Bari, prima data dello Start Tour di Luciano Ligabue. I fan si accomodano nel posto che hanno prenotato in tribuna numerata, ma poco prima del concerto vengono dirottati verso la curva, il palco effettivamente punta diretto da quel lato. Come mai? Molto semplice, sono stati spostati per non farli apparire come un’oasi immersa nel nulla. Lo aveva anticipato Michele Monina, dalle pagine de Linkiesta, lo confermano le notizie che arrivano dalle redazioni locali di Messina, seconda tappa del tour allo stadio Franco Scoglio, circa ventimila paganti per una struttura che potrebbe ospitarne almeno il doppio, e anche lì è servito spostare tutto di qualche metro, per strizzare l’occhio all’obiettivo dei fotografi e far passare per tripudio di pubblico (“alla Vasco” diremmo, se fossimo cattivi) quella che, rispetto al passato, appare più come una riunione in pizzeria di vecchi compagni del liceo. E alla fine la conferma arriva pure dallo stesso Ligabue tramite questo post su Facebook: È vero che in alcuni stadi, a questo giro, l’affluenza di pubblico è inferiore alle previsioni dell’agenzia”. Ringrazia per l’affetto e il calore del suo pubblico, particolarmente apprezzato dopo più di un anno lontano dal palco e quel brutto spavento del 2017, quando problemi alle corde vocali rischiavano di fargli chiudere anticipatamente la carriera; ma non può negare l’evidenza e decide, coraggiosamente, di metterci la faccia ancor prima di essere sommerso dalle critiche. A guardarla da un punto di vista prettamente tecnico la cosa dovrebbe metterci sull'attenti, se anche uno dei pilastri della musica italiana stenta a sbigliettare vuol dire che qualcosa sta cambiando e non in meglio; forse anche Ligabue è rimasto sommerso dalla trap, da una musica nuova, da chi è più giovane e vigoroso, da chi ha più tatuaggi o piercing, o un outfit più moderno, e dovremmo poi dunque gridare allo scandalo come vecchi babbioni ai quali è stata rotta la finestra del salotto con una pallonata dai bambini del palazzo. Prima però di puntare il dito sarebbe il caso di riflettere: è vero che la musica è cambiata, che il mercato è cambiato, che la discografia è cambiata, ma non è la prima volta che accade in questi ultimi trent’anni, dal 1990, quando Ligabue usciva con il suo primo omonimo, bellissimo, album. Il problema allora sta altrove. Nel nostro ragionamento dovremmo partire dal fatto, indiscutibile, che il cantautore di Correggio non azzecca più un album degno del suo (grande) talento da “Buon compleanno Elvis”, e parliamo del 1995. Da lì in poi dieci anni in calo: tre album in studio con qualche pezzo riuscito grazie all’arguzia del mestierante, due album di live certamente intelligenti e ben ideati, due libri dignitosissimi, due film, il primo “Radiofreccia” tra i migliori girati nel nostro paese negli ultimi quaranta/cinquant’anni, il secondo “Da zero a dieci” diversi gradini più sotto, e poi, naturalmente, il primo Campovolo, consacrazione ufficiale a status di star. Da lì in poi, e siamo arrivati al 2005, quindi quasi ormai quindici anni fa, qualcosa si è definitivamente rotto, non ne azzecca più una nemmeno per sbaglio, tre album disastrosi dove Ligabue sembra segnare il passo, sembra svuotato di argomenti, nella sua musica non c’è più quella meravigliosa epica della provincia, non c’è quel romanticismo affumicato, quella rozzo furore, quell’incazzatura, quella cazzimma; da lì in poi sembra sempre di ascoltare Ligabue che imita Ligabue, che punta sul fatto di essere Ligabue e per questo, paradossalmente, perdendo la propria essenza. Solo che nel frattempo chi era adolescente all’inizio del secolo si è stufato ed è passato ad altro, chi lo era nel 1995 si è sposato, ha fatto figli, si è fatto la panza, ha perso i capelli e ha sempre meno tempo ed energie per andare ai concerti negli stadi con la certezza di doversi sorbire tre quarti di live senza avere idea di cosa stia cantando quella controfigura sul palco, in attesa che entri, finalmente, il vecchio Ligabue a suonare i pezzi che lo hanno reso Ligabue. Troppa fatica, fisica ed economica. Chi tiene in vita il mercato musicale sono i più giovani, quindi se proprio lo si vuole conquistare, cavalcare, domare, questo mercato le opzioni sono essenzialmente tre: o si fa musica mirata all’obiettivo, quindi leggera, disinteressata, priva di chissà quali contenuti, d’intrattenimento; o capita per caso di fare la musica giusta nel momento giusto, e la tempistica nella discografia, così come nella vita, è fondamentale; o si fa musica talmente bella da soverchiare qualsiasi barriera ed essere apprezzata senza limiti di target. Continua su: https://www.agi.it/spettacolo/musica/ligabue_tour_flop-5688566/news/2019-06-20/
  2. I nostri concerti

    Ho pensato di aprire questo topic dove possiamo commentare e condividere impressioni e suggerimenti sui concerti a cui andiamo, grandi o piccoli che siano Comincio io fresco di Lush e New Order all' Øya Festival ieri Lush, abbastanza sfortunati. Sono in tour di reunion dopo 20 anni, ma il festival pensa bene di farli suonare alle 17 quando il loro pubblico è ancora a marcare il cartellino in ufficio. Risultato suonano davanti a 20 enni che se non ci sono i synth non si divertono , e varia umanità che è lì soprattutto per trovare rifugio nel tendone visto che fuori diluvia. Loro se la cavano con professionalità, partono anche con qualche problema tecnico all'impianto, poi portano ampiamente a casa la pagnotta e la sufficienza ma per me che a suo tempo li ho amati come poche altre band e visti al loro apice resta la conferma di quanto già visto con Slowdive e Ride negli anni passati: gli anni 90 erano 20 anni fa e ogni cosa ha un suo tempo e momento. Bei ricordi, ma nulla di più. New Order. Anche qui si parla di vecchie glorie, ma questi bene o male non si sono mai fermati. Suonano alle 22 quindi un orario consono con pubblico relativamente entusiasta. Non c'è più Peter Hook da anni ma il tizio messo lì al suo posto fa il lavoro che deve fare. Impeccabili, puliti, ottimo sound, un'ora tirata chiusura con Blue Monday-True Faith-Love Will Tear Us Apart e tutti a casa. Nulla da dire.
×