Vai al contenuto
Paglia

Topic politico III: una nuova speranza

Paglia

Lo staff di TifosiBianconeri (a.k.a. L'Apparato), nella sua infinita saggezza, ha deciso di approvare la riapertura di questo spazio destinato a discutere della situazione politica italiana.
Come ben sapete questo topic ha vissuto varie vite, che si sono sempre interrotte a causa di prolungati flame tra utenti.
Naturalmente la riapertura comporta nuove regole. Lo staff non vuole aumentare i livelli delle barre di avvertimento a causa di un topic che nulla ha a che fare con l'argomento principale del forum. Non ci saranno richiami o tacche. Quindi dovrete automoderarvi e al primo accenno di flame interrompere il dialogo con i flamer.
Gli utenti che non rispetteranno questa regola saranno esclusi dalla partecipazione dal topic tramite ban.
Se lo staff dovesse ritenere che la situazione è ritornata ingestibile, provvederà immediatamente alla chiusura definitiva del topic, senza possibilità di nuove riaperture.
Buona discussione.

Message added by Paglia

Recommended Posts

Shaka    814
Amministratore - CDA Founder
Joined: 16-Nov-2006
18638 messaggi

in pratica che non ci sono prove che dimostrano l'efficacia di stimoli fiscali e monetari sulla ripresa post recessioni

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
greenday2    1898
Tifoso Juventus
Joined: 10-Sep-2006
6964 messaggi
On 10/30/2018 at 7:13 PM, Aut said:

 

Renzi è l'unico che fa opposizione a questo governo di destra sociale. I fenomeni bersani, d'alema e co. invece non si sentono più. Quando al governo c'era il centrosinistra invece erano sempre a tramare e a combattere in tv

Si vede hanno dato tutto con la precedente legislatura e ora sono stanchi


E di questo gliene va dato atto. Per il resto son spariti un po tutti.
 

14 minutes ago, Shaka said:

in pratica che non ci sono prove che dimostrano l'efficacia di stimoli fiscali e monetari sulla ripresa post recessioni


Che è in realtà confermato sia dalla scuola monetarista che da quella Keynesiana (che concepisce lo stimolo fiscale, giustamente, solo in particolari condizioni di depressione), ossia le uniche teorie confermate e dimostrate piu e piu volte.
IL resto è spazzatura Post-Keynesiana o MMT che son state sbugiardate piu e piu volte dai numeri e dall'evidenza empirica.  Il famoso "deficit che si ripaga da se". Stograndissimokazzo si ripaga.
 

16 hours ago, MaryJane said:

 

Quello che non capisco è: ma possibile che all'interno del movimento tutto non avessero un nome migliore o comunque con più esperienza da proporre come sindaco della capitale?


All'interno del movimento è molto probabile trovare un nome peggiore e non migliore della Raggi.
E' una lotta al ribasso, una battle Royale di analfabeti.
In confronto alla Castelli, Toninelli o lo stesso DiMaio, la Raggi sembra quasi Margherita Hack.

  • Like 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Shaka    814
Amministratore - CDA Founder
Joined: 16-Nov-2006
18638 messaggi

America’s economy has fully recovered from the Great Recession and is now in a boom phase. But the prevailing explanation of that recovery is not satisfactory, and neither is the understanding of the boom.

Generations of Keynesian economists have claimed that when a loss of “demand” causes output to fall and unemployment to rise, the economy does not revive by itself. Instead a “stimulus” to demand is necessary and sufficient to pull the economy back to an equilibrium level of activity.

Among economists and policy makers it is widely thought that fiscal stimulus—increased public spending as well as tax cuts—helped pull employment from its depths in 2010 or so back to normal in 2017. The new tax cuts on personal income are thought to be increasing demand further.

But is there evidence that stimulus was behind America’s recovery—or, for that matter, the recoveries in Germany, Switzerland, Sweden, Britain and Ireland? And is there evidence that the absence of stimulus—a tight rein on public spending known as “fiscal austerity”—is to blame for the lack of a full recovery in Portugal, Italy, France and Spain?

A simple test occurred to me: The stimulus story suggests that, in the years after they hit bottom, the countries that adopted relatively large fiscal deficits—measured by the average increase in public debt from 2011-17 as a percentage of gross domestic product—would have a relatively speedy recovery to show for it. Did they?

 

As the accompanying chart shows, the evidence does not support the stimulus story. Big deficits did not speed up recoveries. In fact, the relationship is negative, suggesting fiscal profligacy led to contraction and fiscal responsibility would have been better.

 

Isn’t this a fluke? Don’t history and theory overwhelmingly support stimulus? Well, no. First, the history: Soldiers returning from World War II expanded the civilian labor force from 53.9 million in 1945 to 60.2 million in 1947, leading many economists to fear an unemployment crisis. Keynesians—Leon Keyserling for one—said running a peacetime fiscal deficit was needed to keep unemployment from rising. Yet as the government under President Harry S. Truman ran fiscal surpluses, the unemployment rate went down (from 3.9% in 1946 to 3.1% in 1952) and the labor-force participation rate went up (from 57.2% to 58.9%).

Standard economic theory points to other ill-effects of fiscal stimulus. Economist Franco Modigliani showed in 1961 that fiscal deficits have a negative impact on both the supply of labor and the supply of saving. I explored this territory further in a 1965 book on “fiscal neutrality.” The deficit may cause people to feel richer, and thus to work and save less. The Keynesian James Tobin showed in 1955 how consumer demand can simply crowd out investment demand. Another possibility, suggested by Robert Mundell’s early work, is that the effect of a country’s fiscal stimulus is diffused over the global economy, so that the deficit-running country itself feels little of the effect.

If fiscal stimulus is not effective in combating a recession, what about monetary stimulus—increasing the supply of money or reducing the cost of money in relation to the return on capital? We can perform a similar test: Did countries where monetary stimulus in the years after they hit bottom was relatively strong—measured by the average quantity of monetary assets purchased by the central bank from 2011-17—have relatively speedy recoveries? This is a complicated question, but preliminary explorations do not give strong support to that thesis either.

If the Keynesian tool kit of fiscal and monetary stimulus is more or less ineffective, what did drive the relatively speedy recoveries of the U.S. and Northern European economies after the 2008 crash?

One answer is very old. Franklin D. Roosevelt took office at the height of the Depression in March 1933 amid many radical economic ideas. But John Maynard Keynes warned him to keep up “business confidence.” Perhaps Italy has failed to recover in part because its fiscal profligacy has damaged confidence. Iceland, it is said, recovered rapidly once it won confidence among international investors. But confidence alone may not suffice.

Another answer is dynamism: the desire and capacity to innovate. A nation with an enthusiasm for new products, methods and technologies, and with zeal to develop and market them, will be relatively quick to take advantage of the empty shops, closed plants and discharged workers that abound after a downturn. We should expect that the relatively dynamic economies—the U.S. and the U.K., Sweden and Germany—to achieve a relatively rapid recovery, regardless of stimulus.

As it turns out, there is a strong relationship between the speed of recovery and a proxy for this dynamism—the long-term growth rate of total factor productivity from 1990 to 2007. Some countries have pre-existing social institutions and cultural capital that enables them to bounce back from an economic downturn. Much credit for the U.S.’s relatively speedy recovery is owed to this country’s endemic culture of innovation and enterprise.

 

 

Consiglio a tutti di perderci 5 minuti

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Mintaka    124
Tifoso Juventus
Joined: 29-Apr-2014
553 messaggi

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Mintaka    124
Tifoso Juventus
Joined: 29-Apr-2014
553 messaggi

E gli streaming? Dove sono finiti gli streaming? mh

  • Like 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
*Vegeta*    3171
Tifoso Juventus
Joined: 18-May-2006
75663 messaggi
23 minuti fa, Mintaka ha scritto:

E gli streaming? Dove sono finiti gli streaming? mh

"l'abbiamo votata su russò" (cit) .sisi

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
u_boss    214
Tifoso Juventus
Joined: 28-Jun-2008
9728 messaggi
Il 30/10/2018 alle 14:56 , Ilcampodice36 ha scritto:

Girano voci (piuttosto credibili) di circa 30000 contratti di lavoro in meno sul solo settembre. In fondo la combinazione di incertezza e incentivi alla disoccupazione (perché spostarmi da casa per un contratto se mi aspetto il reddito di cittadinanza?) non può dare risultati diversi. Wait and see...

 

p.s. Whirlpool è una. Smutandarsi davanti a UNA azienda per fare un annuncio di successo del governo è facilissimo. Il problema è che non puoi smutandarti con tutti...

Se posso portare la mie testimonianza, vi dico che con il fantomatico decreto dignità mia moglie e buona parte dei suoi colleghi sono rimasti a casa senza un contratto dal 1/10/18. Certo non aveva un contratto stabile ma almeno il rinnovo era garantito prima di questo decreto. Adesso è a casa ed in questo clima di incertezze le aziende si guardano bene dall'assumere gente, tempi duri purtroppo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Mintaka    124
Tifoso Juventus
Joined: 29-Apr-2014
553 messaggi
Inviato (modificato)

Il M5S si è inventato la traduzione di un’intervista a Jeroen Dijsselbloem

Secondo un video fatto circolare dalla pagina M5S Europa, l'ex capo dell'Eurogruppo ha invitato i mercati a speculare sui titoli italiani, ma non è vero

 

Due giorni fa la pagina Facebook MoVimento 5 Stelle Europa, il canale ufficiale degli europarlamentari del Movimento, ha pubblicato il video di un’intervista a Jeroen Dijsselbloem, l’ex presidente dell’Eurogruppo, distorcendone i contenuti fino a inventarsi delle dichiarazioni che nell’intervista originale non esistono. Il video è circolato moltissimo su Facebook, ottenendo più di novemila condivisioni.

Il video mostra le immagini di un’intervista data da Dijsselbloem – che fino a pochi mesi fa era il capo dell’Eurogruppo, l’assemblea informale dei ministri delle finanze dell’eurozona – alla tv statunitense CNBC a metà ottobre. Il video originale, che mostra gran parte dell’intervista, si può vedere qui. Nel video pubblicato dalla pagina MoVimento 5 Stelle Europa, l’audio originale è stato sostituito da una voce fuori campo che cerca di sintetizzarne i contenuti, ma finisce per distorcerli.

 

Il video pubblicato dal Movimento 5 Stelle

 

Il video originale

Nell’intervista originale Dijsselbloem spiega fra le altre cose una nozione condivisa da moltissimi economisti: e cioè che l’Italia non possa permettersi un aumento dei tassi di interesse sui propri titoli di stato – conseguenza della scarsa fiducia degli investitori internazionali nei confronti della manovra economica del nuovo governo – per il semplice motivo che le banche e i fondi di investimento italiani sono piene di titoli di stato italiani: l’aumento dei tassi di interesse causa implicitamente anche una perdita di valore dei titoli venduti in precedenza, e di riflesso anche delle stesse banche e dei fondi. È per questa ragione che diversi oppositori del governo sostengono che una manovra come quella in corso di approvazione – che spaventa da mesi gli investitori internazionali, facendo alzare i tassi di interesse sui titoli di stato – possa danneggiare l’economia ancora prima di essere approvata.

Al minuto 1.29 dell’intervista originale, Dijsselbloem spiega che questa situazione «ha dei pro e dei contro: uno dei contro è che se ci sono problemi e l’economia implode, questo si ripercuote sull’intera economia. Il pro è che basta che l’Italia lo capisca, che i consumatori lo capiscano, e se tutto va bene si può iniziare un percorso di correzione dall’interno».

La voce fuori campo del video pubblicato dal M5S, invece, sostiene che Dijsselbloem «invita apertamente i mercati a lanciare un attacco alle finanze italiane, spiegando loro anche come devono fare, e cioè orchestrando un danno ai titoli italiani, facendo così salire gli interessi sul debito all’Italia. […] Dijsselbloem spiega che l’unico modo è dare ordine a Draghi e alla BCE di far salire lo spread, per portare al fallimento le banche italiane, già riempite di titoli di stato». Nell’intervista originale, ovviamente, Dijsselbloem non invita in alcun modo i mercati a speculare sull’Italia, e non usa mai parole simili a quelle citate. Né nei video disponibili online né negli articoli pubblicati da CNBC.com relativi all’intervista, viene mai citato Mario Draghi o un fantomatico piano per fare «salire lo spread».

Nel corso del video, la voce fuori campo sostiene che Dijsselbloem abbia detto: «il popolo italiano deve percepire la distruzione dell’economia italiana e il crollo delle banche come un’implosione». Né nei video disponibili online né negli articolipubblicati da CNBC.com esiste alcun passaggio simile a questo.

Infine, il video del M5S cita un’analisi del discorso pubblicata dal blog ZeroHedgepresentandolo come «una prestigiosa rivista online americana». In realtà ZeroHedge è un blog molto poco rispettato dagli analisti, associato alla destra radicale e complottista.

 

https://www.ilpost.it/2018/11/01/m5s-intervista-dijsselbloem/

Modificato da Mintaka

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
GabrielKoi    4511
Tifoso Juventus
Joined: 13-Jan-2010
27297 messaggi
Inviato (modificato)
8 ore fa, Poirot ha scritto:

 

Disse quello per cui è colpa di Renzi e del PD se abbiamo questi cialtroni al governo.

Se la sinistra muove il 3% dei voti, comunque, una ragione ci sarà e non penso sia dovuto a Renzi.

Quando tu ed altri capirete che :

 

- in un partito di centrosinistra non può comandare chi ha il 3%

- se una cosa non va bene alla sinistra, allora deve essere di destra

 

sarà sempre troppo tardi.

 

 

Io dico che Renzi ha affossato il PD insieme al suo stesso Governo, mica gli do la colpa della infinita crisi della sinistra, non credo di averlo mai scritto .asd 

 

 

8 ore fa, Strato ha scritto:

Ovviamente no, ma non trascurerei l'impatto che ha sull'elettore il sapere di votare un partito solido rispetto al votare un partito predisposto alla scissione (a questo giro poi estremamente inutile). Al di là dei numeri, bisogna anche tenere in considerazione il messaggio che arriva alla gente.

 

Poi, che la dirigenza PD debba essere rivoluzionata è palese. Ma è davvero una cosa che puoi spingere a fare da esterno? Non avrebbe più senso cercare di cambiare dall'interno? Non so. Non conosco queste dinamiche e probabilmente sono robe oscure, complicate e pure malefiche .asd 

 

Alle ultime elezioni il PD era compattissimo intorno ai vari esponenti renziaziani, ai Minniti, Padoan ecc..

 

Il PD deve ripartire da zero, ma questo è un consiglio da esterno.

Si, sicuramente si può anche contrastare la linea del partito dall’interno, però quando poi sei in parlamento e sei nella maggioranza, sei costretto a votare la fiducia su una sequela di decreti improponibili e contrari alle tue idee e addirittura al programma con cui ti sei presentato alle elezioni (programma che gli elettori delle primarie hanno dovuto firmare!). 

Chi è uscito dal PD è perché non era più disposto a mettere la faccia su quelle cose, a scendere a compromessi. E penso che ora se uno del M5S uscisse dal movimento perché costretto a votare la fiducia su porcate come il condono, legittima difesa o il decreto Salvini sull’immigrazione, verrebbe applaudito per la coerenza. O sbaglio?

O si è coerenti solo quando si va contro a chi non ci piace?

 

 

PS: molti fanno l’esempio dei dem americani o dei laburisti inglesi, dove ci sono i Sanders e i Corbyn, ma parliamo di parlamentari che hanno votato contro la linea della propria maggioranza per decenni senza avere ripercussioni e continuando ad essere candidati ed eletti nel proprio collegio. Guardatevi le liste con cui si è presentato il PD alle ultime elezioni.

Modificato da GabrielKoi

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
*Vegeta*    3171
Tifoso Juventus
Joined: 18-May-2006
75663 messaggi
16 minuti fa, GabrielKoi ha scritto:

 

Io dico che Renzi ha affossato il PD insieme al suo stesso Governo, mica gli do la colpa della infinita crisi della sinistra, non credo di averlo mai scritto .asd 

 

 

 

Alle ultime elezioni il PD era compattissimo intorno ai vari esponenti renziaziani, ai Minniti, Padoan ecc..

 

Il PD deve ripartire da zero, ma questo è un consiglio da esterno.

Si, sicuramente si può anche contrastare la linea del partito dall’interno, però quando poi sei in parlamento e sei nella maggioranza, sei costretto a votare la fiducia su una sequela di decreti improponibili e contrari alle tue idee e addirittura al programma con cui ti sei presentato alle elezioni (programma che gli elettori delle primarie hanno dovuto firmare!). 

Chi è uscito dal PD è perché non era più disposto a mettere la faccia su quelle cose, a scendere a compromessi. E penso che ora se uno del M5S uscisse dal movimento perché costretto a votare la fiducia su porcate come il condono, legittima difesa o il decreto Salvini sull’immigrazione, verrebbe applaudito per la coerenza. O sbaglio?

O si è coerenti solo quando si va contro a chi non ci piace?

 

 

PS: molti fanno l’esempio dei dem americani o dei laburisti inglesi, dove ci sono i Sanders e i Corbyn, ma parliamo di parlamentari che hanno votato contro la linea della propria maggioranza per decenni senza avere ripercussioni e continuando ad essere candidati ed eletti nel proprio collegio. Guardatevi le liste con cui si è presentato il PD alle ultime elezioni.

Il problema VERO della sinistra che piace a voi è l'assistenzialismo indecente che propongono per il settore pubblico e la politica demonizzatrice che hanno nei confronti delle aziende.

8 euro di bollo per il conto corrente sono una roba da arresto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Poirot    689
Tifoso Juventus
Joined: 18-Aug-2008
4318 messaggi

La sinistra è così indisposta ai compromessi che non riesce a fare un partito unico alternativo al PD.

Verrebbe da chiedersi quali sarebbero questi ideali della sinistra su cui neanche la sinistra riesce a mettersi d'accordo.

Sul mondo del lavoro la sinistra è rimasta ancorata al secolo scorso e non quello di vent'anni fa.

Non volete insegnamenti? Divertitevi col vostro 3% e buon pro vi faccia.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Gnokko    2905
Tifoso Juventus
Joined: 09-Apr-2008
15394 messaggi

ma l'elettore di sinistra cosa vuole?

 

cosa si aspetta?

 

semmai saranno queste le domande da porsi

 

quando si avranno le risposte allora possiamo chiederci se c'e' qualcuno che puo' prendere la guida del partito per raggiungere certi obiettivi

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
gobbo_dal_76    1334
Tifoso Juventus
Joined: 01-May-2010
15139 messaggi

Il mondo è bello perché vario.
Non, so.
C'è quello a cui piace l'assistenzialismo per il settore pubblico che poi si lamenta del welfare a pioggia per stare a casa e prendere comunque lo stipendio e dell'evasione fiscale.
C'è quello a cui piace il welfare a pioggia per stare a casa e prendere comunque lo stipendio che poi si lamenta del l'assistenzialismo per il settore pubblico e per l'evasione fiscale.
C'è quello a cui piacciono i miliardi di imponibile IRAP (e similia) sottratti a tassazione che poi si lamenta del l'assistenzialismo del settore pubblico e del welfare a pioggia.
Evvai.

-------------------------

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Shaka    814
Amministratore - CDA Founder
Joined: 16-Nov-2006
18638 messaggi
1 ora fa, Poirot ha scritto:

La sinistra è così indisposta ai compromessi che non riesce a fare un partito unico alternativo al PD.

Verrebbe da chiedersi quali sarebbero questi ideali della sinistra su cui neanche la sinistra riesce a mettersi d'accordo.

Sul mondo del lavoro la sinistra è rimasta ancorata al secolo scorso e non quello di vent'anni fa.

Non volete insegnamenti? Divertitevi col vostro 3% e buon pro vi faccia.

 

a me preoccupa piu che non ci sia un partito di destra liberale e moderna vera.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

No, non ditemi che è il PD

.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Strato    790
Tifoso Juventus
Joined: 03-Nov-2006
2997 messaggi
Inviato (modificato)
2 ore fa, GabrielKoi ha scritto:

Chi è uscito dal PD è perché non era più disposto a mettere la faccia su quelle cose, a scendere a compromessi. E penso che ora se uno del M5S uscisse dal movimento perché costretto a votare la fiducia su porcate come il condono, legittima difesa o il decreto Salvini sull’immigrazione, verrebbe applaudito per la coerenza. O sbaglio?

O si è coerenti solo quando si va contro a chi non ci piace?

per me la politica è solo compromesso, figurati .asd 

la coerenza può essere tale in tanti modi. io posso considerare coerente con i miei interessi un partito che scende a compromessi pur di restare al comando ed impedire ad alternative molto peggiori di prendere il sopravvento, per esempio.

Senza contare che una eventuale compromesso può essere circoscritto e limitato nel tempo, e non per questo devo considerarla una colpa indelebile.

Se in quella congiuntura storica, si è decisa un'alleanza con un certo cdx (con addirittura silvione momentaneamente fuori dai giochi), decisi che si poteva tollerare per il tempo necessario. 

D'altronde chi è venuto dopo si è dimostrato LARGAMENTE peggio, quindi fu davvero una cosa così imperdonabile? Ho chiuso il naso, certo, e sono convintissimo che, con alternative possibili, si sarebbe optato per scenari diversi, ma esistevano davvero? 

 

Guarda cosa è successo con la lega (purtroppo): non è mai servita a niente ed ha solo funto da stampella a Silvione, ma restando sempre in scena e in un momento in cui il cdx è si mostrato debole, lo ha fagocitato prendendone il posto. I suoi compromessi gli sono serviti per rimanere sempre lì, ed essere protagonisti attivi della scena politica (per quanto con le loro schifose modalità).

 

Il PD ha peccato in tantissime cose - leadership debole, carisma nullo, ufficio stampa ridicolo, scarsa visione d'insieme, decisioni prese cercando di cavalcare le ondate emotive della gente quando ormai era troppo tardi, etc - ma non vedo come una scissione avrebbe dovuto risolvere tutto ciò. Piuttosto, bisognava cercare di rimediare con una personalità forte da lanciare in un momento di crisi, se davvero si voleva farlo.

Poi oh, non ritengo che non ci siano colpe anche dall'altro lato eh, perchè se il csx avesse voluto evitare la scissione, avrebbe dovuto fare di più e tendere meno la corda. Di nuovo, il compromesso.

 

In sostanza, dò molta più importanza al progetto d'insieme a lungo termine che alle scaramucce (inevitabili) che si creano lungo il cammino. Una cosa che davvero manca (ma che in realtà ultimamente non c'è mai stata, perchè il legame per le sinistre è stato l'antiberlusconismo e finito quello, boh, il vuoto).

 

Modificato da Strato

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Eorlingas    428
Tifoso Juventus
Joined: 05-May-2007
2005 messaggi
3 ore fa, Mintaka ha scritto:

Il M5S si è inventato la traduzione di un’intervista a Jeroen Dijsselbloem

Secondo un video fatto circolare dalla pagina M5S Europa, l'ex capo dell'Eurogruppo ha invitato i mercati a speculare sui titoli italiani, ma non è vero

 

Due giorni fa la pagina Facebook MoVimento 5 Stelle Europa, il canale ufficiale degli europarlamentari del Movimento, ha pubblicato il video di un’intervista a Jeroen Dijsselbloem, l’ex presidente dell’Eurogruppo, distorcendone i contenuti fino a inventarsi delle dichiarazioni che nell’intervista originale non esistono. Il video è circolato moltissimo su Facebook, ottenendo più di novemila condivisioni.

Il video mostra le immagini di un’intervista data da Dijsselbloem – che fino a pochi mesi fa era il capo dell’Eurogruppo, l’assemblea informale dei ministri delle finanze dell’eurozona – alla tv statunitense CNBC a metà ottobre. Il video originale, che mostra gran parte dell’intervista, si può vedere qui. Nel video pubblicato dalla pagina MoVimento 5 Stelle Europa, l’audio originale è stato sostituito da una voce fuori campo che cerca di sintetizzarne i contenuti, ma finisce per distorcerli.

 

Il video pubblicato dal Movimento 5 Stelle

 

Il video originale

Nell’intervista originale Dijsselbloem spiega fra le altre cose una nozione condivisa da moltissimi economisti: e cioè che l’Italia non possa permettersi un aumento dei tassi di interesse sui propri titoli di stato – conseguenza della scarsa fiducia degli investitori internazionali nei confronti della manovra economica del nuovo governo – per il semplice motivo che le banche e i fondi di investimento italiani sono piene di titoli di stato italiani: l’aumento dei tassi di interesse causa implicitamente anche una perdita di valore dei titoli venduti in precedenza, e di riflesso anche delle stesse banche e dei fondi. È per questa ragione che diversi oppositori del governo sostengono che una manovra come quella in corso di approvazione – che spaventa da mesi gli investitori internazionali, facendo alzare i tassi di interesse sui titoli di stato – possa danneggiare l’economia ancora prima di essere approvata.

Al minuto 1.29 dell’intervista originale, Dijsselbloem spiega che questa situazione «ha dei pro e dei contro: uno dei contro è che se ci sono problemi e l’economia implode, questo si ripercuote sull’intera economia. Il pro è che basta che l’Italia lo capisca, che i consumatori lo capiscano, e se tutto va bene si può iniziare un percorso di correzione dall’interno».

La voce fuori campo del video pubblicato dal M5S, invece, sostiene che Dijsselbloem «invita apertamente i mercati a lanciare un attacco alle finanze italiane, spiegando loro anche come devono fare, e cioè orchestrando un danno ai titoli italiani, facendo così salire gli interessi sul debito all’Italia. […] Dijsselbloem spiega che l’unico modo è dare ordine a Draghi e alla BCE di far salire lo spread, per portare al fallimento le banche italiane, già riempite di titoli di stato». Nell’intervista originale, ovviamente, Dijsselbloem non invita in alcun modo i mercati a speculare sull’Italia, e non usa mai parole simili a quelle citate. Né nei video disponibili online né negli articoli pubblicati da CNBC.com relativi all’intervista, viene mai citato Mario Draghi o un fantomatico piano per fare «salire lo spread».

Nel corso del video, la voce fuori campo sostiene che Dijsselbloem abbia detto: «il popolo italiano deve percepire la distruzione dell’economia italiana e il crollo delle banche come un’implosione». Né nei video disponibili online né negli articolipubblicati da CNBC.com esiste alcun passaggio simile a questo.

Infine, il video del M5S cita un’analisi del discorso pubblicata dal blog ZeroHedgepresentandolo come «una prestigiosa rivista online americana». In realtà ZeroHedge è un blog molto poco rispettato dagli analisti, associato alla destra radicale e complottista.

 

https://www.ilpost.it/2018/11/01/m5s-intervista-dijsselbloem/

Inquietante

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
GabrielKoi    4511
Tifoso Juventus
Joined: 13-Jan-2010
27297 messaggi
28 minuti fa, Strato ha scritto:

per me la politica è solo compromesso, figurati .asd 

la coerenza può essere tale in tanti modi. io posso considerare coerente con i miei interessi un partito che scende a compromessi pur di restare al comando ed impedire ad alternative molto peggiori di prendere il sopravvento, per esempio.

Senza contare che una eventuale compromesso può essere circoscritto e limitato nel tempo, e non per questo devo considerarla una colpa indelebile.

Se in quella congiuntura storica, si è decisa un'alleanza con un certo cdx (con addirittura silvione momentaneamente fuori dai giochi), decisi che si poteva tollerare per il tempo necessario. 

D'altronde chi è venuto dopo si è dimostrato LARGAMENTE peggio, quindi fu davvero una cosa così imperdonabile? Ho chiuso il naso, certo, e sono convintissimo che, con alternative possibili, si sarebbe optato per scenari diversi, ma esistevano davvero? 

 

Guarda cosa è successo con la lega (purtroppo): non è mai servita a niente ed ha solo funto da stampella a Silvione, ma restando sempre in scena e in un momento in cui il cdx è si mostrato debole, lo ha fagocitato prendendone il posto. I suoi compromessi gli sono serviti per rimanere sempre lì, ed essere protagonisti attivi della scena politica (per quanto con le loro schifose modalità).

 

Il PD ha peccato in tantissime cose - leadership debole, carisma nullo, ufficio stampa ridicolo, scarsa visione d'insieme, decisioni prese cercando di cavalcare le ondate emotive della gente quando ormai era troppo tardi, etc - ma non vedo come una scissione avrebbe dovuto risolvere tutto ciò. Piuttosto, bisognava cercare di rimediare con una personalità forte da lanciare in un momento di crisi, se davvero si voleva farlo.

Poi oh, non ritengo che non ci siano colpe anche dall'altro lato eh, perchè se il csx avesse voluto evitare la scissione, avrebbe dovuto fare di più e tendere meno la corda. Di nuovo, il compromesso.

 

In sostanza, dò molta più importanza al progetto d'insieme a lungo termine che alle scaramucce (inevitabili) che si creano lungo il cammino. Una cosa che davvero manca (ma che in realtà ultimamente non c'è mai stata, perchè il legame per le sinistre è stato l'antiberlusconismo e finito quello, boh, il vuoto).

 

 

La Lega non è rimasta a galla, era sprofondata al 4%. Quella di Salvini non è manco più la Lega, adesso è legata indissolubilmente a lui e finirà con lui.

 

Ne deduco che approvi le scelte politiche di Di Maio e del M5S perché lungimiranti e dal loro punto di vista vuol dire stare a galla. 

 

Il problema è che nonostante i risultati non si è ancora capito che il compromesso, le politiche che strizzano gli occhi a destra, non evitano il peggio, gli spianano proprio la strada.

 

 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Strato    790
Tifoso Juventus
Joined: 03-Nov-2006
2997 messaggi
6 ore fa, GabrielKoi ha scritto:

 

La Lega non è rimasta a galla, era sprofondata al 4%. Quella di Salvini non è manco più la Lega, adesso è legata indissolubilmente a lui e finirà con lui.

 

Ne deduco che approvi le scelte politiche di Di Maio e del M5S perché lungimiranti e dal loro punto di vista vuol dire stare a galla. 

No, perché non condivido né comprendo nulla dei loro compromessi (esistono anche compromessi del c****, eh .asd ), nè vedo una visione d’insieme coerente con i miei principi o quantomeno con le necessità del paese: sia i 5s che salvini hanno pescato il jolly della vita e cercano di mantenerlo il più a lungo possibile. 

Ci fosse per esempio, una destra “vera” al comando, non ne condividerei probabilmente gli atti, ma potrei ne riconoscerne una visione d’insieme (ripeto, se fosse una destra vera).

Per il destino della lega, chissà, per me dipenderà dalla comparsa o meno di un nuovo leader tra le loro fila.

 

6 ore fa, GabrielKoi ha scritto:

 

Il problema è che nonostante i risultati non si è ancora capito che il compromesso, le politiche che strizzano gli occhi a destra, non evitano il peggio, gli spianano proprio la strada.

Visti i risultati, spero che abbiano capito, ad oggi, che mischiare politiche di dx a caso non serva .asd 

occorre portare le politiche di sx nel 21esimo secolo, però. Di nuovo, una visione d’insieme coerente con i principi di csx.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ca$a    562
Tifoso Juventus
Joined: 22-May-2006
5241 messaggi
13 ore fa, *Vegeta* ha scritto:

 

8 euro di bollo per il conto corrente sono una roba da arresto.

.quoto

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
*Vegeta*    3171
Tifoso Juventus
Joined: 18-May-2006
75663 messaggi
12 ore fa, Shaka ha scritto:

 

a me preoccupa piu che non ci sia un partito di destra liberale e moderna vera.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

No, non ditemi che è il PD

.

E qui quoto.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
Ilcampodice36    2271
Tifoso Juventus
Joined: 07-Nov-2006
19602 messaggi
14 ore fa, *Vegeta* ha scritto:

Il problema VERO della sinistra che piace a voi è l'assistenzialismo indecente che propongono per il settore pubblico e la politica demonizzatrice che hanno nei confronti delle aziende.

8 euro di bollo per il conto corrente sono una roba da arresto.

Mi ricordi chi ha fatto il jobs act solo per il privato per non perdere voti nel settore pubblico (che non lo ha votato lo stesso)?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
GabrielKoi    4511
Tifoso Juventus
Joined: 13-Jan-2010
27297 messaggi
4 ore fa, Strato ha scritto:

No, perché non condivido né comprendo nulla dei loro compromessi (esistono anche compromessi del c****, eh .asd ), nè vedo una visione d’insieme coerente con i miei principi o quantomeno con le necessità del paese: sia i 5s che salvini hanno pescato il jolly della vita e cercano di mantenerlo il più a lungo possibile. 

Ci fosse per esempio, una destra “vera” al comando, non ne condividerei probabilmente gli atti, ma potrei ne riconoscerne una visione d’insieme (ripeto, se fosse una destra vera).

Per il destino della lega, chissà, per me dipenderà dalla comparsa o meno di un nuovo leader tra le loro fila.

 

Visti i risultati, spero che abbiano capito, ad oggi, che mischiare politiche di dx a caso non serva .asd 

occorre portare le politiche di sx nel 21esimo secolo, però. Di nuovo, una visione d’insieme coerente con i principi di csx.

 

Esatto, quindi quali sono i compromessi di Renzi e del PD che sono stati necessari, che seguivano una visione d'insieme e a lungo termine?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti
orcaloca    86
Tifoso Juventus
Joined: 25-Jul-2015
1068 messaggi
18 hours ago, Shaka said:

... Among economists and policy makers it is widely thought that fiscal stimulus—increased public spending as well as tax cuts—helped pull employment from its depths in 2010 or so back to normal in 2017. ...

phelps è un economista di grande reputazione, non per caso un premio nobel, e trenta o quarant'anni fa era uno anche uno dei macroeconomisti più influenti.

ma il consenso è quello che descrive in questa frase, e non solo sul 2010.

i test che propone nell'articolo non mi sembrano particolarmente convincenti.

le politiche fiscali sono e sono state efficaci, in molte circostanze.

ma naturalmente oggi, in italia, sono una follia improponibile.

e chi le propone, secondo me, non lo fa perchè crede davvero possano funzionare, ma per ragioni di consenso e per alzare il livello dello scontro con le istituzioni europee.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per lasciare un commento

Devi essere un utente registrato per partecipare

Crea un account

Iscriviti per un nuovo account nella nostra community. È facile!

Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.

Accedi Ora


×