Jump to content
Morpheus ©

MASSIMILIANO ALLEGRI

Recommended Posts

Joined: 22-Jul-2006
7,071 posts

Il mister sta puntando tutto sul recupero della fase difensiva, per il centrocampo e l'attacco mancano proprio le risorse, imho almeno due uomini per reparto.

Sarebbero bastati probabilmente due giocatori, un centrale in mezzo al campo di peso e un buon attaccante boa alla Mandzukic per vincere il campionato a mani basse.

 

Evidentemente le casse societarie sono vuote e non si poteva fare di più del poco che è stato fatto in estate.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Joined: 14-Feb-2006
1,222 posts
19 ore fa, STELEO ha scritto:

Ma va là contano i soldi e un pizzico di fortuna, il Milan di Berlusconi è arrivato in un momento in cui già il calcio italiano era ai vertici, tra l'altro non c'erano le inglesi, poi ha acquistato tutti i fenomeni che c'erano in giro (praticamente il PSG del 90) e con un pizzico di fortuna (vedi la nebbia a Belgrado, ma anche la finale con il Benfica) ha portato a casa 2 champions.....

 

Non mi puoi dire che abbiam perso con l'Amburgo per la mentalità, tra l'altro quell'anno giocammo praticamente solo per la champions, poi un tiro al decimo minuto nel sette (dopo una palla gol clamorosa per noi) e ci siamo giocati tre champions consecutive (perchè quella squadra le avrebbe vinte senza problemi)

Io invece penso che la mentalità sia decisiva quando sei ai massimi livelli (quindi in Europa non quest'anno, per la Juventus, ahinoi).

Non abbiamo e non avremo mai dimostrazioni formali che se la Juventus avesse sempre avuto una mentalità "più europea" nel giocare le partite di coppa (ovvero badare un po' meno all'equilibrio e più al cercare di vincerle a tutti i costi le partite, per intenderci, senza ricorrere a idee impalpabili di belgiochismo). E' chiaro che è una questione "di lana caprina", non si può misurare la mentalità.

 

Tuttavia, stando ai fatti, in termini di discorsi programmatici fatti dai rappresentati (e, per quel che conta, anche dalla gran parte della tifoseria delle squadre) ma anche in termini di decisioni in sede di scelte di panchina e di mercato, vi invito a riflettere sul fatto che esiste una chiara e poco rassicurante statistica che dice che nessuna tra le squadre più titolate in Champions League/Coppa Campioni (per avere un riferimento concreto, basta guardare chi sono i detentori di questo badge https://it.wikipedia.org/wiki/Multiple-winner_badge) fa mai i ragionamenti che si sentono fare in ambiente Juventino  su necessità di equilibrio, sul fatto che vincere è l'unica cosa che conta, sul fatto che il campionato nazionale va vinto a tutti i costi etc.

Questo modo di pensare che a mio giudizio è da "provinciale d'europa", secondo me è quanto di più penalizzante possibile ed è uno dei freni più forti a qualsiasi velleità di elevare il suo status europeo che la Juventus ha avuto in questi anni. Dopo anni di seguire la Juventus, sono convinto che è anche l'ora che la tifoseria si sensibilizzi su certi temi. Io sono oramai convinto che le coppe non sono roba nostra, per come vengono affrontate le scelte strategiche di mercato e di panchina, da sempre (adesso forse più di prima rispetto ovvero al pre riforma delle coppe).

Giusto per fare un esempio pratico, è chiaro che la proprietà Juventus, in sede decisionale, da peso a cose come il numero di goal subiti in campionato, oltre che il piazzamento (non solo la vittoria), pretendendo sempre risultati di alto profilo in Serie A, anche quando i mezzi a disposizione sono non all'altezza degli avversari... Senza per forza ricorrere a valutazioni  sulla situazione Sarri (o addirittura a quella di Pirlo sulla quale un'analisi più completa potrà essere fatta solo tra qualche tempo), basta pensare a mente freddissima quanto successo nella parabola di Ancelotti tra Juventus e Milan.

L'urgenza e l'assoluta priorità di vittoria immediata almeno in sede casalinga, a scapito del lavoro programmatico e a medio termine, sintetizzate dal famoso detto (maledetto e travisato secondo me) "Vincere non è importante, è l'unica cosa che conta", sono una delle spiegazioni più semplici e secondo me realistiche quanto dolorose del perché la Juventus non ha ancora raggiunto e forse non raggiungerà mai i livelli di massimi club europei per palmares e tradizione.

Mi rendo conto che, da tifoso (quale sono anche io, credetemi che non è facile ammettere certe cose), può far male pensare a certi argomenti, ma se tale riflessione fosse fatta dalla società, sarebbe anche un punto di partenza positivo per rivoluzionare tale modo di gestire la sfera sportiva della squadra.

Ma mi pare di potere affermare che purtroppo, da questo punto di vista, in questo preciso momento storico, è notte fonda.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Joined: 02-Jan-2011
502 posts

Siamo gli unici che abbiamo perso finali di Champions da favoriti, sfavoriti ...

Inviato dal mio MI MAX 3 utilizzando Tapatalk

Share this post


Link to post
Share on other sites
Joined: 08-Jul-2006
18,500 posts
Io invece penso che la mentalità sia decisiva quando sei ai massimi livelli (quindi in Europa non quest'anno, per la Juventus, ahinoi).
Non abbiamo e non avremo mai dimostrazioni formali che se la Juventus avesse sempre avuto una mentalità "più europea" nel giocare le partite di coppa (ovvero badare un po' meno all'equilibrio e più al cercare di vincerle a tutti i costi le partite, per intenderci, senza ricorrere a idee impalpabili di belgiochismo). E' chiaro che è una questione "di lana caprina", non si può misurare la mentalità.
 
Tuttavia, stando ai fatti, in termini di discorsi programmatici fatti dai rappresentati (e, per quel che conta, anche dalla gran parte della tifoseria delle squadre) ma anche in termini di decisioni in sede di scelte di panchina e di mercato, vi invito a riflettere sul fatto che esiste una chiara e poco rassicurante statistica che dice che nessuna tra le squadre più titolate in Champions League/Coppa Campioni (per avere un riferimento concreto, basta guardare chi sono i detentori di questo badge https://it.wikipedia.org/wiki/Multiple-winner_badge) fa mai i ragionamenti che si sentono fare in ambiente Juventino  su necessità di equilibrio, sul fatto che vincere è l'unica cosa che conta, sul fatto che il campionato nazionale va vinto a tutti i costi etc.
Questo modo di pensare che a mio giudizio è da "provinciale d'europa", secondo me è quanto di più penalizzante possibile ed è uno dei freni più forti a qualsiasi velleità di elevare il suo status europeo che la Juventus ha avuto in questi anni. Dopo anni di seguire la Juventus, sono convinto che è anche l'ora che la tifoseria si sensibilizzi su certi temi. Io sono oramai convinto che le coppe non sono roba nostra, per come vengono affrontate le scelte strategiche di mercato e di panchina, da sempre (adesso forse più di prima rispetto ovvero al pre riforma delle coppe).
Giusto per fare un esempio pratico, è chiaro che la proprietà Juventus, in sede decisionale, da peso a cose come il numero di goal subiti in campionato, oltre che il piazzamento (non solo la vittoria), pretendendo sempre risultati di alto profilo in Serie A, anche quando i mezzi a disposizione sono non all'altezza degli avversari... Senza per forza ricorrere a valutazioni  sulla situazione Sarri (o addirittura a quella di Pirlo sulla quale un'analisi più completa potrà essere fatta solo tra qualche tempo), basta pensare a mente freddissima quanto successo nella parabola di Ancelotti tra Juventus e Milan.
L'urgenza e l'assoluta priorità di vittoria immediata almeno in sede casalinga, a scapito del lavoro programmatico e a medio termine, sintetizzate dal famoso detto (maledetto e travisato secondo me) "Vincere non è importante, è l'unica cosa che conta", sono una delle spiegazioni più semplici e secondo me realistiche quanto dolorose del perché la Juventus non ha ancora raggiunto e forse non raggiungerà mai i livelli di massimi club europei per palmares e tradizione.
Mi rendo conto che, da tifoso (quale sono anche io, credetemi che non è facile ammettere certe cose), può far male pensare a certi argomenti, ma se tale riflessione fosse fatta dalla società, sarebbe anche un punto di partenza positivo per rivoluzionare tale modo di gestire la sfera sportiva della squadra.
Ma mi pare di potere affermare che purtroppo, da questo punto di vista, in questo preciso momento storico, è notte fonda.
L'importante, per me, è che tu non diventi mai dirigente della juve.
Cioè abbiamo perso le finale per la mentalità! Lì chi ci ha portato? Il c**o ?
I sorteggi favorevoli? Gli arbitraggi?
Nel 82 83 lasciammo il campionato agli altri . La più bella juve mai vista sul globo terraqueo. Amburgo vince noi nulla .
Il primo anno di cr7, prima di cl , cr7 espulso, vittoria per 2 0 in Spagna.
Come la chiami tu?
Poi l'anno finì male perché oramai max fu fatto fuori virtualmente già a natale prima con zidane poi con pep poi con il laziale. Ma questa è un altra storia .

Inviato dal mio SM-A125F utilizzando Tapatalk

Share this post


Link to post
Share on other sites
Joined: 02-Nov-2005
5,170 posts

Comunque non è possibile pensare di poter giocare tutte le partite come le ultime due. Ovvero sul filo di lana.

Sarebbe un massacro a livello nervoso e mentale.

 

Occorre segnare molto di più.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Joined: 14-Feb-2006
1,222 posts
1 minuto fa, wmontero ha scritto:

L'importante, per me, è che tu non diventi mai dirigente della juve.
Cioè abbiamo perso le finale per la mentalità! Lì chi ci ha portato? Il c**o ?
I sorteggi favorevoli? Gli arbitraggi?
Nel 82 83 lasciammo il campionato agli altri . La più bella juve mai vista sul globo terraqueo. Amburgo vince noi nulla .
Il primo anno di cr7, prima di cl , cr7 espulso, vittoria per 2 0 in Spagna.
Come la chiami tu?
Poi l'anno finì male perché oramai max fu fatto fuori virtualmente già a natale prima con zidane poi con pep poi con il laziale. Ma questa è un altra storia .

Inviato dal mio SM-A125F utilizzando Tapatalk
 

Tranquillo, non c'è pericolo sefz

Come temo non ci sia purtroppo "pericolo" che la Juventus raggiunga mai i livelli delle top che ho citato.

Ho detto chiaramente che la mentalità non è misurabile (è e rimarrà sempre una sensazione), ma nel resto del post ho ben spiegato cosa intendo e dove vedo il gap ŧra "noi e loro".

 

Dato il numero di partecipazioni e il basso tasso di successo in quella competizione, ci sono secondo me chiaramente motivazioni profonde dietro, non può essere sempre qualche episodio a darci contro. Ma non voglio certo costringere nessuno a fare ragionamenti analitici quanto "dolorosi" rispetto allo stato delle cose in termini di palmares europeo. Io li ho fatti ed ho tratto le mie conclusioni. Ognuno faccia un po' come creda, io sono convinto che con la linea di pensiero del "Vincere è l'unica cosa che conta", paradossalmente, non vinceremo più nulla di importante in Europa.  

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
Joined: 17-Jan-2008
3,279 posts
5 ore fa, Galia1990 ha scritto:

Max è così, gli piacciono le situazioni difficili; quando siamo con l'acqua alla gola, lui pare esaltarsi e l'ambiente pare giovarne. Speriamo in un proseguo di risultati, ne è capace capacissimo. 

Certo, max è un maestro in questo, ma se non hai gli uomini... arrivi fin lì, poi basta. 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Joined: 24-Jul-2014
12,413 posts

Sulla partita di ieri una riflessione

 

Ma da quanto tempo la Juventus non era così pericolosa con tutti e tre i suoi centrocampisti contemporaneamente?

Poi lasciamo perdere che rabiot e Mckennie abbiano sbagliato sempre scelta , tiro o passaggio , ma questo non è imputabile a chi siede in panchina , qualsiasi sia il mister, ma alla non qualità tecnica della giocata del giocatore in questione .

 

Questo significa che i movimenti e i tempi di inserimento dei nostri centrocampisti stanno cominciando a funzionare , e questa è una situazione di gioco creata da un organizzazione precisa  data dal nostro allenatore 

 

No perché qui pare che allegri non abbia idee e non dia nessun dettame tattico 

  • Like 3
  • Thanks 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
Joined: 05-Mar-2019
1,665 posts
31 minuti fa, Vespa76 ha scritto:

Comunque non è possibile pensare di poter giocare tutte le partite come le ultime due. Ovvero sul filo di lana.

Sarebbe un massacro a livello nervoso e mentale.

 

Occorre segnare molto di più.

 

Se segnassimo la metà delle occasioni che ci procuriamo sarebbe sempre 2-3 a 0

Share this post


Link to post
Share on other sites
Joined: 02-Nov-2005
5,170 posts
4 minuti fa, MONARCH ha scritto:

Se segnassimo la metà delle occasioni che ci procuriamo sarebbe sempre 2-3 a 0

 

Oddio, se al tiro ci portiamo prevalentemente Sandro o Mackenni, come ieri, è anche normale che sbaglino.

Dobbiamo innescare di più le punte.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Joined: 11-May-2014
6,475 posts
1 ora fa, ragazzo non sono stato io ha scritto:

Tranquillo, non c'è pericolo sefz

Come temo non ci sia purtroppo "pericolo" che la Juventus raggiunga mai i livelli delle top che ho citato.

Ho detto chiaramente che la mentalità non è misurabile (è e rimarrà sempre una sensazione), ma nel resto del post ho ben spiegato cosa intendo e dove vedo il gap ŧra "noi e loro".

 

Dato il numero di partecipazioni e il basso tasso di successo in quella competizione, ci sono secondo me chiaramente motivazioni profonde dietro, non può essere sempre qualche episodio a darci contro. Ma non voglio certo costringere nessuno a fare ragionamenti analitici quanto "dolorosi" rispetto allo stato delle cose in termini di palmares europeo. Io li ho fatti ed ho tratto le mie conclusioni. Ognuno faccia un po' come creda, io sono convinto che con la linea di pensiero del "Vincere è l'unica cosa che conta", paradossalmente, non vinceremo più nulla di importante in Europa.  

Eh ma in quel caso non avremmo fatto NOVE finali però, abbiamo fatto una finale in OGNI decade dagli anni 70 agli anni 2010, se arrivi alla fine così spesso, "europeo" lo sei comunque,  altrimenti non arrivi alla fine, ma ti fermi ai gironi, secondo me. In più, se invece non conta davvero nulla arrivare alla finale ed è la stessa cosa che uscire ai gironi, allora il motto "vincere non è importante ecc ecc", non è così sbagliato? Tra l'altro c'è una considerazione che nessuno fa, ma metà delle finali che abbiamo perso, hanno lo stesso filo conduttore, non 1, non 2, ma ben tre, e sono state l'inizio di tutta questa sindrome di inferiorità

Edited by UndiciLeoni
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
Joined: 21-Sep-2021
135 posts
59 minuti fa, ragazzo non sono stato io ha scritto:

Tranquillo, non c'è pericolo sefz

Come temo non ci sia purtroppo "pericolo" che la Juventus raggiunga mai i livelli delle top che ho citato.

Ho detto chiaramente che la mentalità non è misurabile (è e rimarrà sempre una sensazione), ma nel resto del post ho ben spiegato cosa intendo e dove vedo il gap ŧra "noi e loro".

 

Dato il numero di partecipazioni e il basso tasso di successo in quella competizione, ci sono secondo me chiaramente motivazioni profonde dietro, non può essere sempre qualche episodio a darci contro. Ma non voglio certo costringere nessuno a fare ragionamenti analitici quanto "dolorosi" rispetto allo stato delle cose in termini di palmares europeo. Io li ho fatti ed ho tratto le mie conclusioni. Ognuno faccia un po' come creda, io sono convinto che con la linea di pensiero del "Vincere è l'unica cosa che conta", paradossalmente, non vinceremo più nulla di importante in Europa.  


secondo me non sai di cosa parli e quindi straparli, un classico di chi si addentra in discorsi di cui sa poco (cultura wiki) o nulla.
La Juventus ha iniziato un percorso europeo a partire da inizio anni ‘70, da quel momento ha vinto tutte le competizioni europee ed internazionali tra cui un mundialito.

La Juventus poi ha avuto un periodo durato 9 anni in cui non ha mai vinto lo scudetto eppure nel mentre vince due coppa uefa.

Si interrompe il digiuno di scudetti e arriva la Champions insieme ad essa arriva il record assoluto di partite consecutive in Europa che si interrompe nella semifinale persa con lo united.

Dopo questa sequela impressionante arriva un’altra finale di Champions poi arriva il terremoto farsopoli che lascia macerie. 
Nel giro di 5 anni rivinciamo lo scudetto e nonostante le avversarie sono sempre più forti e ancora più numerose arrivano due finali, come se fossero scontate non lo erano perché non eravamo la più forte ancora ricordo nel 2015 in cui già col Dortmund ci davano per spacciati e poi il real avrebbe dovuto asfaltarci e invece le cose andarono diversamente.

La juve ha dimostrato in Europa di esserci sorriso stata sia quando era super favorita sia quando era una outsider. Ad alti livelli ci stai per anni e anni solo se hai mentalità, mentalità non è fare 3 finali in 100 anni e vincerne 3 e poi fare 97 di comparsate.

Ci sono squadre che hanno più blasone di non sono quelle  che hanno fatto l’ultimo ottavo 10 anni fa, sono squadre che dai vertici europei non mancano mai sono sempre lì a giocarsela, quella è mentalità.

  • Like 2
  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
Joined: 14-Feb-2006
1,222 posts
13 minuti fa, RDR ha scritto:


secondo me non sai di cosa parli e quindi straparli, un classico di chi si addentra in discorsi di cui sa poco (cultura wiki) o nulla.
La Juventus ha iniziato un percorso europeo a partire da inizio anni ‘70, da quel momento ha vinto tutte le competizioni europee ed internazionali tra cui un mundialito.

La Juventus poi ha avuto un periodo durato 9 anni in cui non ha mai vinto lo scudetto eppure nel mentre vince due coppa uefa.

Si interrompe il digiuno di scudetti e arriva la Champions insieme ad essa arriva il record assoluto di partite consecutive in Europa che si interrompe nella semifinale persa con lo united.

Dopo questa sequela impressionante arriva un’altra finale di Champions poi arriva il terremoto farsopoli che lascia macerie. 
Nel giro di 5 anni rivinciamo lo scudetto e nonostante le avversarie sono sempre più forti e ancora più numerose arrivano due finali, come se fossero scontate non lo erano perché non eravamo la più forte ancora ricordo nel 2015 in cui già col Dortmund ci davano per spacciati e poi il real avrebbe dovuto asfaltarci e invece le cose andarono diversamente.

La juve ha dimostrato in Europa di esserci sorriso stata sia quando era super favorita sia quando era una outsider. Ad alti livelli ci stai per anni e anni solo se hai mentalità, mentalità non è fare 3 finali in 100 anni e vincerne 3 e poi fare 97 di comparsate.

Ci sono squadre che hanno più blasone di non sono quelle  che hanno fatto l’ultimo ottavo 10 anni fa, sono squadre che dai vertici europei non mancano mai sono sempre lì a giocarsela, quella è mentalità.

Supponenza verso l'interlocutore, è spesso è sinonimo di ignoranza.

Io non ho mai supposto nulla. Ho solo descritto una situazione statistica alquanto chiara, non piacevole e che a dire il vero detesto discutere (lo faccio solo in ambiente ipoteticamente protetto, tra Juventini), ma l'onestà intellettuale in me prevale sul sentimento da tifoso, per cui non posso che ragionarci su, senza certo volere costringere ripeto nessuno a farlo nello stesso modo in cui faccio io.

Non mi serviva il ripasso di competizioni che ho seguito, ma grazie.

 

Cmq puoi tranquillamente non essere d'accordo, va bene anche quello che dici. Allora siamo l'unica top europea che lavora sull'equilibrio (o il corto muso se ti fa piacere), invece che sul privilegiare il gioco offensivo. E per pura casualità siamo anche l'unica che non è davvero una top europea perché non sta nel novero di quelle che hanno vinto Champions a sufficienza. E' tutta una casualità, oppure una congiura di chi è contro la filosofia del "prima non prenderle". Sarà... 

 

P.S.: per quanto mi riguarda, chiuderei anche su questo argomento, dato che si rischia di andare un po' off-topic.

Edited by ragazzo non sono stato io

Share this post


Link to post
Share on other sites
Joined: 14-Mar-2021
1,225 posts
2 ore fa, ragazzo non sono stato io ha scritto:

Tranquillo, non c'è pericolo sefz

Come temo non ci sia purtroppo "pericolo" che la Juventus raggiunga mai i livelli delle top che ho citato.

Ho detto chiaramente che la mentalità non è misurabile (è e rimarrà sempre una sensazione), ma nel resto del post ho ben spiegato cosa intendo e dove vedo il gap ŧra "noi e loro".

 

Dato il numero di partecipazioni e il basso tasso di successo in quella competizione, ci sono secondo me chiaramente motivazioni profonde dietro, non può essere sempre qualche episodio a darci contro. Ma non voglio certo costringere nessuno a fare ragionamenti analitici quanto "dolorosi" rispetto allo stato delle cose in termini di palmares europeo. Io li ho fatti ed ho tratto le mie conclusioni. Ognuno faccia un po' come creda, io sono convinto che con la linea di pensiero del "Vincere è l'unica cosa che conta", paradossalmente, non vinceremo più nulla di importante in Europa.  

 

Tua opinione legittima, ma che non condivido.

 

Se arrivi in finale spesso, la "mentalità" (ammesso che si possa definirne una e che sia l'unica che ti consenta di arrivare a tali livelli, cosa che non ritengo plausibile) ce l'hai.

Poi in finale trovi: uno più forte di te, l'arbitro, le cavallette, botta di sfiga, infortuni, ecc. e puoi anche non vincerla, al di là della mentalità.

Lippi ha perso più finali di quante ne abbia vinte, ma mi pare che le sue squadre fossero tutto tranne che provinciali in Europa.

La Juve di Allegri ci è arrivata 2 volte in 3 anni... non un caso.

Edited by TheMask
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
Joined: 12-Apr-2006
2,361 posts
1 ora fa, Squall_Leonhart ha scritto:

Probabilmente è l'allenatore tatticamente più preparato al mondo

Ma lo stesso mondo dove allenano Guardiola, Klopp, Nagelsmann o un altro parallelo? 

mh

Share this post


Link to post
Share on other sites
Joined: 02-Jun-2005
8,085 posts
7 ore fa, Galia1990 ha scritto:

Max è così, gli piacciono le situazioni difficili; quando siamo con l'acqua alla gola, lui pare esaltarsi e l'ambiente pare giovarne. Speriamo in un proseguo di risultati, ne è capace capacissimo. 

Certo,anche se dubito se le vada a cercare; come fece anni fa da noi,e anche al Milan,può arrivare un momento in cui la classifica piange,ma lui tace,

lavora e rimonta. Spero ovviamente che continui,ma mi fido di lui 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Joined: 02-Jun-2005
4,167 posts

Per gennaio si starebbe valutando V D Beek dello United, scontento e poco utilizzato a Manchester, grande amico di De Ligt.

Serve però un'uscita, si cercherà di piazzare Ramsey, e se non cambia rotta, occhio a Mckennie. 

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
Joined: 19-Jul-2006
578 posts

Scusate, con tutto il rispetto per chi la pensa così eh, ma sta storia della mentalità/gioco "europeo" a me sembra una "cagata pazzesca" cit. 

Siamo d'accordo che Lippi aveva mentalità europea? Sì? Ora spiegatemi come ha fatto a perdere 4 finali europee su 5 (compresa la finale uefa 95) e vincendone una, solo ai rigori per giunta. E le ha perse tutte da favorito praticamente. Quindi? Conta solo se vinci la finale sta mentalità? E vi ricordo che la Champions di allora contava solo i rispettivi campioni nazionali e la serie A, era il riferimento mondiale del calcio, il campionato più importante del mondo. Come lo spiegate? 

Edited by SalentinoJuventino
  • Like 1
  • Thanks 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
Joined: 02-Jun-2005
8,085 posts
16 ore fa, joyce ha scritto:

Partita di contenimento, che ha impedito al Torino di rendersi pericoloso (anche se c'è da dire che proprio non avevano punte).

 

Il gol è arrivato da una bella combinazione manovrata, rapida, una delle poche, e ha nobilitato una prestazione, ma direi in geberale, una partita, di entrambe le squadre, modesta.

 

La scelta di massima è questa: difesa e ripartenza. Non credo, almeno al momento, si possa pretendere di piu. Ora l'importante è vincere per avvicinare il 4° posto.

 

FONDAMENTALE sarà battere la Roma. Lì ci giochiamo un pezzo di qualificazione Champions 

 

 

 

All’ottava giornata?

  • Like 3

Share this post


Link to post
Share on other sites
Joined: 05-Apr-2017
967 posts
3 minuti fa, gsm88 ha scritto:

All’ottava giornata?

Qualche scontro diretto prima o poi dovremo anche portarcelo a casa per arrivare in posizioni migliori

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
Joined: 22-Oct-2009
15,340 posts
3 minuti fa, gsm88 ha scritto:

All’ottava giornata?

 

è un Forum di visionari, nel Topic serie A in Off Juve cè gente convinta che la calssifica del 3 Ottobre sia decisiva!

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
Joined: 09-Feb-2007
13,877 posts
5 minuti fa, silver1981 ha scritto:

 

è un Forum di visionari, nel Topic serie A in Off Juve cè gente convinta che la calssifica del 3 Ottobre sia decisiva!

Chi? 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Joined: 22-Oct-2009
15,340 posts
Adesso, Bianconero dentro ha scritto:

Chi? 

 

tu e altri 3 o 4 utenti

 

ma nont ela prendere anzi io ci rido sopra, secondo i vostri ragionamenti allora violacei e empoli sono superiori a noi, allora dvremo fare la corsa anche su di loro?

Share this post


Link to post
Share on other sites
Joined: 02-Jun-2005
8,085 posts
18 minuti fa, beastwars ha scritto:

Qualche scontro diretto prima o poi dovremo anche portarcelo a casa per arrivare in posizioni migliori

Certamente,ma addirittura giocarsi la champions dopo sole 8 giornate…ovvio che bisognerà vincerne il più possibile,ma mancano mesi a decidere la qualificazione!

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...