Jump to content

Search the Community

Showing results for tags 'classifica'.



More search options

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Forums

  • Sport Corner
    • Juventus Forum
    • Calciomercato Juventus
    • Juventus Women
    • Allianz Stadium, J-Museum & Biglietti
    • Calciopoli (Farsopoli)
    • Il Romanzo Bianconero
    • Off Juve
    • Juventus news in English
    • Pronostici & Scommesse
    • Altri Sports
  • Tifosibianconeri.community
    • Il Diario dei Tifosi
    • Games Zone - Nuova Stagione 2019/2020
    • Off topics
    • Multimedia & Graphics
  • Supporto
    • Comunicazioni, proposte e messaggi per lo staff
    • L'Archivio Di Tifosibianconeri.com
    • Cestino

Find results in...

Find results that contain...


Date Created

  • Start

    End


Last Updated

  • Start

    End


Filter by number of...

Joined

  • Start

    End


Group


AIM


MSN


Website URL


ICQ


Yahoo


Jabber


Skype


Location


Interests

Found 2 results

  1. [SERIE A 2019/20] GLI STIPENDI secondo GazSport LEGENDA: TOTALI squadra al lordo relativi ai soli calciatori, STIPENDIO SINGOLO di giocatori e allenatori al netto JUVENTUS 294 C. Ronaldo 31 2022 De Ligt 8(+4) 2024 ALL.ALLEGRI* 7,5 2020 Higuain 7,5 2021 Dybala 7,3 2022 Ramsey 7 2023 Rabiot 7(+2) 2023 Pjanic 6,5 2023 Douglas Costa 6 2022 Mandzukic 6 2021 Khedira 6 2021 ALL.SARRI 5,5 2022 Bonucci 5,5 2023 Alex Sandro 5 2023 Emre Can 5 2022 Bernardeschi 4 2022 Danilo 4(+1) 2024 Chiellini 3,5 2020 Matuidi 3,5 2020 Cuadrado 3,5 2020 Szczesny 3,5 2021 Rugani 3,5 2024 De Sciglio 3 2022 Bentancur 2,5 2024 Perin 2,3 2022 Pjaca 2 2021 Demiral 1,8 2024 Buffon 1,5 2020 Pinsoglio 0,3 2020 INDA 139 ALL.CONTE 11 2022 Lukaku 7,5(+1,5) 2024 Godin 5(+1) 2022 Sanchez 5 2020 ALL.SPALLETTI* 4,5 2022 De Vrij 3,8 2023 Brozovic 3,5 2022 Handanovic 3,2 2021 Skriniar 3(+0,5) 2023 Asamoah 3 2021 Candreva 3 2021 B. Valero 2,5 2020 Vecino 2,5 2021 Barella 2,5 2024 Biraghi 2 2024 D'Ambrosio 2 2022 Sensi 1,8 2024 Ranocchia 1,8 2021 Politano 1,6 2023 L. Martinez 1,5 2023 Lazzaro 1,5 2024 Gagliardini 1,5 2021 Padelli 0,5 2020 Bastoni 0,3 2023 Berni 0,2 2020 Agoume 0,2 2024 Esposito 0,1 2022 ROMA 125 Dzeko 5(+1) 2022 Pastore 4,5 2023 ALL.FONSECA 3 2021 Pau Lopez 3 2023 Spinazzola 3 2024 Smalling 3 2020 Veretout 3 2024 Mkhitaryan 3(1) 2020 Kalinic 3 2020 Florenzi 3 2023 Perotti 3 2021 Kolarov 3 2020 Zappacosta 2,5 2020 Diawara 2,5 2024 Fazio 2,5 2021 Zaniolo 2,5 2024 Under 2,5 2023 J. Jesus 2,2 2021 Mancini 2 2024 Pellegrini 2 2022 Kluivert 1,8 2023 Cristante 1,5 2023 Santon 1,5 2022 Cetin 1 2024 Mirante 1 2022 Fuzato 0,5 2022 Riccardi 0,5 2022 Antonucci 0,3 2022 MILAN 115 G. Donnarumma 6 2021 Romagnoli 3,5 2022 Biglia 3,5 2020 Suso 3 2022 Rebic 3 2021 Reina 3 2021 Borini 2,5 2021 Calhanoglu 2,5 2021 Caldara 2,2 2023 Kessie 2,2 2022 Rodriguez 2,1 2021 ALL.GIAMPAOLO 2 2021opzione Calabria 2 2022 Conti 2 2022 Musacchio 2 2021 Bonaventura 2 2020 Piatek 1,8 2023 Paquetà 1,7 2023 Castillejo 1,5 2023 Hernandez 1,5 2024 Bennacer 1,5 2024 Leao 1,4 2024 Krunic 1,1 2024 Duarte 1 2024 A. Donnarumma 1 2021 Gabbia 0,6 2023 NAPOLI 103 Koulibaly 6 2024 ALL.ANCELOTTI 5 2021 Insigne 4,6 2022 Lozano 4,5 2024 Mertens 4 2020 Manolas 4 2024 Callejon 3 2020 Llorente 2,5 2021 Milik 2,5 2021 Ghoulam 2,4 2022 Allan 2 2023 Mario Rui 1,8 2023 Hysaj 1,6 2022 Elmas 1,5 2024 Fabian 1,5 2023 Younes 1,5 2023 Ospina 1,4 2021 Di Lorenzo 1,2 2024 Maksimovic 1,2 2021 Zielinski 1,1 2021 Meret 1 2023 Malcuit 0,8 2023 Karnezis 0,5 2022 Luperto 0,4 2023 Gaetano 0,2 2023 LAZIO 72 Milinkovic 2,5 2023 Immobile 2,5 2023 Leiva 2,3 2022 ALL.INZAGHI 2 2021 Luis Alberto 1,8 2022 Caicedo 1,7 2020 Correa 1,5 2023 Acerbi 1,5 2023 Lazzari 1,5 2024 Parolo 1,4 2020 Radu 1,4 2021 Lulic 1,4 2020 Berisha 1,3 2023 Strakosha 1,2 2022 Jony 1,1 2023 Cataldi 1,1 2020 Bastos 1 2021 Proto 1 2021 Vavro 1 2024 Patric 1 2022 Durmisi 1 2023 J. Lukaku 1 2022 Marusic 0,9 2022 Vargic 0,9 2020 Luiz Felipe 0,8 2022 Adekanye 0,5 2022 Minala 0,4 2021 Kishna 0,4 2020 Casasola 0,3 2023 TORINO 54 ALL.MAZZARRI 1,8 2020 Belotti 1,7 2022 Iago Falque 1,7 2022 Sirigu 1,7 2022 Verdi 1,7 2023 Zaza 1,7 2023 Izzo 1,7 2024 Nkoulou 1,5 2021 Baselli 1,4 2022 Ansaldi 1,4 2021 Laxalt 1,4 2020 Rincon 1,4 2021 Meitè 1,1 2023 Ola Aina 1 2023 De Silvestri 1 2020 Djidji 0,7 2021 Berenguer 0,7 2022 Bonifazi 0,6 2022 Lyanco 0,6 2024 Bremer 0,5 2023 Lukic 0,5 2023 Edera 0,4 2023 Ujkani 0,25 2020 Parigini 0,25 2020 Rosati 0,15 2020 Millico 0,1 2023 Rauti 0,05 2021 Singo 0,03 2022 FIORENTINA 50 Ribery 4 2021 Chiesa 1,7 2022 ALL.MONTELLA 1,5 2022 Badelj 1,5 2020 Pulgar 1,3 2023 Boateng 1,3 2021 Caceres 1,2 2020 Dalbert 1,2 2020 Pezzella 1,2 2022 Benassi 1,1 2022 Ghezzal 1 2020 Pedro 0,8 2024 Lirola 0,8 2024 Eysseric 0,8 2021 Milenkovic 0,8 2022 Thereau 0,75 2020 Dragowski 0,75 2023 Cristoforo 0,7 2021 Dabo 0,5 2021 Ceccherini 0,5 2022 Zurkowski 0,5 2023 Rasmussen 0,5 2023 Terzic 0,3 2023 Venuti 0,3 2021 Terracciano 0,3 2021 Castrovilli 0,2 2021 Vlahovic 0,2 2023 Sottil 0,15 2024 Ranieri 0,15 2022 CAGLIARI 44 Nainggolan 3 2020 Pavoletti 1,8 2022 Rog 1,5 2024 Simeone 1,5 2024 Nandez 1,5 2024 ALL.MARAN 1 2022 Cerri 1 2023 Klavan 1 2020 Ceppitelli 1 2021 Cragno 1 2024 Lu. Pellegrini 1 2020 Joao Pedro 0,8 2022 Ionita 0,8 2021 Castro 0,8 2021 Birsa 0,6 2021 Cigarini 0,5 2020 Pisacane 0,5 2021 Lykogiannis 0,5 2022 Faragò 0,5 2022 Olsen 0,5 2020 Cacciatore 0,4 2020 Rafael 0,3 2020 Oliva 0,3 2023 Deiola 0,3 2022 Mattiello 0,3 2023 Walukiewicz 0,2 2023 Aresti 0,15 2020 Ragatzu 0,15 2020 BOLOGNA 41 ALL.MIHAJLOVIC 3 2022 Destro 2 2020 Sansone 1,5 2023 Medel 1,5 2021 Soriano 1,5 2023 Dzemaili 1,2 2020 Poli 1 2021 Orsolini 1 2024 Palacio 1 2020 Santander 1 2022 Skorupski 0,9 2023 Danilo 0,8 2020 Skov Olsen 0,8 2024 Denswil 0,8 2022 Dijks 0,8 2023 Mbaye 0,75 2023 Tomiyasu 0,6 2024 Krejci 0,55 2020 Svanberg 0,5 2023 Schouten 0,5 2024 Bani 0,5 2023 Paz 0,45 2022 Da Costa 0,35 2020 Corbo 0,3 2023 GENOA 40 Schone 1,5 2021 Criscito 1,2 2022 Zapata 1,2 2021 Sturaro 1,2 2021 Pinamonti 1,2 2021 Sanabria 1,1 2020 Romero 0,9 2023 Saponara 0,9 2020 Sandro 0,9 2021 Barreca 0,85 2023 Radu 0,8 2021 Gumus 0,8 2022 ALL.ANDREAZZOLI 0,7 2022 Marchetti 0,7 2020 Lerager 0,7 2023 Favilli 0,7 2023 Radovanovic 0,6 2022 Ankersen 0,5 2021 Goldaniga 0,5 2020 Biraschi 0,45 2021 Kouame 0,45 2023 Jandrei 0,35 2021 Pandev 0,35 2020 El Yamiq 0,3 2021 Ghiglione 0,3 2021 Pajac 0,3 2021 Cassata 0,3 2022 Agudelo 0,25 2021 Jagiello 0,25 2023 SAMPDORIA 36 ALL.DI FRANCESCO 1,8 2022 Quagliarella 1,2 2020 Gabbiadini 1,1 2023 Rigoni 1,1 2023 Ramirez 1,1 2021 Ekdal 1,1 2021 Murillo 1,1 2023 Colley 0,95 2022 Jankto 0,8 2023 Audero 0,8 2023 Vieira 0,75 2023 Maroni 0,75 2024 Caprari 0,75 2022 Murru 0,7 2022 Barreto 0,6 2020 Regini 0,5 2021 Linetty 0,5 2021 Bonazzoli 0,5 2021 Thorsby 0,5 2023 Chabot 0,45 2024 Bereszynski 0,45 2023 Ferrari 0,4 2023 Depaoli 0,3 2024 Leris 0,28 2024 Augelo 0,25 2023 Seculin 0,18 2021 Bahlouli 0,1 2023 Falcone 0,08 2020 Rocha 0,08 2024 ATALANTA 36 ALL.GASPERINI 2,5 2022 Zapata 1,8 2022 Gomez 1,8 2023 Muriel 1,8 2023 Ilicic 1,5 2021 Pasalic 1,3 2023 Malinovskyi 1 2024 Kjaer 1 2020 Toloi 0,8 2023 de Roon 0,75 2022 Palomino 0,6 2022 Castagne 0,55 2022 Masiello 0,5 2021 Arana 0,5 2024 Freuler 0,5 2022 Hateboer 0,55 2022 Gollini 0,5 2022 Djimsiti 0,4 2022 Sportiello 0,35 2021 Gosens 0,3 2022 Barrow 0,25 2023 Ibanez 0,25 2023 Rossi 0,1 2021 SASSUOLO 35 ALL.DE ZERBI 1 2020 Berardi 1 2022 Consigli 1 2022 Chiriches 1 2023 Defrel 0,9 2023 Obiang 0,85 2022 Caputo 0,8 2022 Rogerio 0,7 2023 Toljan 0,7 2020 Duncan 0,7 2022 Magnanelli 0,7 2021 Djuricic 0,7 2022 Locatelli 0,7 2023 Ferrari 0,6 2023 Marlon 0,6 2023 Peluso 0,6 2021 Bourabia 0,6 2021 Pegolo 0,5 2020 Raspadori 0,5 2022 Traore 0,5 2021 Mazzitelli 0,5 2022 Romagna 0,4 2020 Muldur 0,4 2020 Boga 0,4 2023 Kyriakopoulos 0,25 2020 Tripaldelli 0,25 2023 Russo 0,15 2023 LECCE 32 Babacar 1 2020 Benzar 1 2022 Imbula 1 2020 ALL.LIVERANI 0,9 2022 Rossettini 0,8 2021 Tachtsidis 0,8 2022 Shakhov 0,8 2021 Falco 0,8 2022 Lapadula 0,75 2022 Ferreira 0,7 2021 Lucioni 0,7 2021 Vera 0,7 2023 Rispoli 0,7 2021 Majer 0,7 2022 Farias 0,7 2021 La Mantia 0,7 2022 Dell'Orco 0,6 2020 Vigorito 0,5 2021 Meccariello 0,5 2021 Petriccione 0,5 2023 Tabanelli 0,5 2023 Mancosu 0,5 2021 Fiamozzi 0,4 2021 Riccardi 0,3 2022 Tsonev 0,3 2021 Bleve 0,2 2020 Gallo 0,2 2023 Lo Faso 0,2 2023 Dubickas 0,2 2021 PARMA 31 Darmian 1,5 2023 Inglese 1,4 2024 Gervinho 1,3 2021 Kucka 1,1 2022 Karamoh 1 2023 Sepe 0,8 2024 Cornelius 0,8 2023 Grassi 0,8 2024 Bruno Alves 0,8 2020 ALL.D'AVERSA 0,75 2022 Siligardi 0,46 2022 Sprocati 0,4 2023 Laurini 0,4 2022 Hernani 0,4 2023 Gagliolo 0,38 2022 Barillà 0,36 2022 Pezzella 0,35 2024 Scozzarella 0,3 2020 Brugman 0,28 2022 Iacoponi 0,26 2022 Kulusevski 0,25 2020 Dermaku 0,18 2023 Colombi 0,18 2022 Munari 0,17 2021 Adorante 0,08 2023 Alastra 0,04 2022 SPAL 30 Petagna 1,2 2023 Berisha 1 2021 Paloschi 1 2021 Sala 0,9 2022 ALL.SEMPLICI 0,8 2021 Kurtic 0,7 2022 Missiroli 0,7 2021 Murgia 0,7 2024 Valdifiori 0,7 2020 Tomovic 0,6 2021 Di Francesco 0,6 2021 Vicari 0,5 2021 Jankovic 0,5 2022 Felipe 0,4 2020 Igor 0,4 2023 Salamon 0,4 2020 D'Alessandro 0,4 2021 Cionek 0,35 2020 Fares 0,35 2022 Valoti 0,35 2021 Floccari 0,3 2020 Reca 0,3 2020 Letica 0,3 2023 Moncini 0,25 2022 Thiam 0,15 2020 Mawuli 0,1 2021 Strefezza 0,1 2021 UDINESE 30 De Paul 0,8 2023 Okaka 0,7 2022 Mandragora 0,7 2023 Lasagna 0,6 2023 Nestorovski 0,6 2022 De Maio 0,55 2022 ALL.TUDOR 0,5+bonus 2020 Becao 0,5 2024 Samir 0,5 2023 Nuytinck 0,5 2021 Fofana 0,5 2022 Walace 0,5 2024 Teodorcyzk 0,5 2022 Jajalo 0,45 2022 Troost Ekong 0,4 2022 Stryger Larsen 0,4 2022 Musso 0,4 2023 Sema 0,4 2020 Pussetto 0,4 2023 Barak 0,3 2023 Ter Avest 0,3 2022 Perisan 0,3 2021 Nicolas 0,2 2021 Sierralta 0,2 2023 Opoku 0,2 2022 BRESCIA 28 Balotelli 1,5(+3) 2022 Matri 1 2020 ALL.CORINI 0,6 2020 Donnarumma 0,6 2022 Romulo 0,6 2020 Magnani 0,6 2023 Joronen 0,5 2022 Torregrossa 0,45 2021 Dessena 0,4 2020 Gastaldello 0,3 2020 Tremolada 0,3 2020 Sabelli 0,25 2021 Tonali 0,25 2021 Zmrhal 0,25 2023 Bisoli 0,25 2021 Martella 0,25 2022 Ndoj 0,2 2022 Alfonso 0,2 2021 Morosini 0,2 2022 Chancellor 0,15 2020 Spalek 0,15 2021 Mateju 0,15 2020 Ayé 0,15 2022 Viviani 0,1 2021 Semprini 0,1 2021 Cistana 0,1 2021 Curcio 0,08 2020 Andrenacci 0,04 2021 Mangraviti 0,04 2021 VERONA 25 Pazzini 1,3 2020 Di Carmine 0,8 2021 ALL.JURIC 0,6 2020 Stepinski 0,6 2023 Badu 0,5 2020 Bocchetti 0,5 2022 Lazovic 0,5 2022 Bessa 0,45 2021 Di Gaudio 0,4 2020 Zaccagni 0,4 2022 Verre 0,4 2020 Veloso 0,4 2020 Adjapong 0,35 2020 Rrahmani 0,3 2023 Faraoni 0,3 2021 Henderson 0,3 2022 Amrabat 0,3 2020 Gunter 0,3 2020 Silvestri 0,3 2021 Dawidowicz 0,3 2021 Tutino 0,3 2020 Vitale 0,3 2021 Empereur 0,25 2021 Crescenzi 0,25 2020 Wesley 0,25 2021 Radunovic 0,2 2020 Pessina 0,2 2020 Berardi 0,15 2021 Tupta 0,12 2021
  2. La Juventus Football Club S.p.A. (dal latino: iuventūs, gioventù, /juˈvɛntus/), nota anche come Juventus o, più brevemente, Juve (/ˈjuːve/), è una società calcistica italiana per azioni con sede nella città di Torino. Fondata nel 1897 come Sport-Club Juventus da un gruppo di studenti liceali torinesi, è la seconda squadra di calcio italiana per anzianità fra quelle tuttora attive – dopo quella del Genoa Cricket and Athletic Club – e, insieme al Torino, uno dei due che rappresentano nel calcio professionistico il capoluogo piemontese. Legata fin dagli anni 1920 alla famiglia Agnelli, il club ha militato stabilmente nella massima categoria del campionato italiano di calcio (dal 1929 denominata Serie A) sin dalla sua fondazione, eccezion fatta per la stagione 2006-07. La Juventus è la società calcistica più titolata del Paese, nonché una delle più vittoriose e importanti del mondo, essendo stata nominata come miglior club italiano e secondo a livello europeo del XX secolo dalla Federazione Internazionale di Storia e Statistica del Calcio, organizzazione riconosciuta dalla FIFA. Nel 1988, la Juventus fu insignita di uno speciale riconoscimento come prima squadra nella storia del calcio continentale ad avere vinto tutte e tre le maggiori competizioni gestite dall'Unione delle Federazioni Calcistiche Europee, ovvero la Coppa dei Campioni, la Coppa delle Coppe e la Coppa UEFA.Infine, con la conquista della Supercoppa UEFA 1984, della Coppa Intercontinentale 1985 e della Coppa Intertoto 1999, la Juventus divenne il primo – e rimane tuttora l'unico – club al mondo ad avere conquistato almeno una volta tutti i trofei ufficiali messi in palio dalla confederazione di appartenenza. In base a quanto emerge da un sondaggio della società Demos & Pi (settembre 2015), la Juventus risulta essere la squadra con il più alto numero di sostenitori in Italia, avendo riscosso la preferenza del 35% del campione. Inoltre, il club vanta uno dei maggiori bacini potenziali di simpatizzanti al mondo contandone oltre 290 milioni – di cui 41 milioni nel resto del territorio europeo –, in base a un rapporto dell'azienda di indagini sul mercato sportivo Repucom S.A. del 2014. « […] Perché la Juventus, dopo già un secolo di storia, è diventata una leggenda. Una leggenda che è sorta in un liceo di Torino e che ha finito per conquistare nove, dieci milioni di tifosi in Italia e, certo, altrettanti all'estero con un nome, una maglia e dei colori conosciuti in tutto il mondo. » (Giovanni Agnelli, La grande storia della Juventus, 2005.) Nell'autunno del 1897 vide la luce a Torino lo Sport-Club Juventus per iniziativa di un gruppo di studenti del liceo classico “Massimo d'Azeglio”, che usava ritrovarsi in corso Re Umberto su una panchina, custodita dal 2012 nel museo del club; la prima maglia della squadra fu rosa, con cravatta o papillon nero. Nel 1903 divenne bianconera. Nel 1900, con il nome di Foot-Ball Club Juventus, la società si iscrisse al suo primo campionato nazionale, ma fu eliminata dal FC Torinese. Il primo titolo nazionale arrivò nel 1905, all'epoca in cui la squadra giocava al Velodromo Umberto I. Nel 1906 il presidente della società, lo svizzero Alfred Dick, a seguito di accese discussioni di spogliatoio, lasciò la Juventus e si unì, assieme a un gruppo di soci dissidenti, al FC Torinese dando vita al Foot-Ball Club Torino, segnando così l'origine dell'attuale derby della Mole e l'inizio di una serie di problemi finanziari e sportivi che condussero la squadra bianconera alle soglie della retrocessione in Promozione nel 1913. Dopo la Grande Guerra la Juventus, risollevatasi con la presidenza di Giuseppe Hess e Corrado Corradini, riuscì a migliorare il suo piazzamento in campionato e a fornire alcuni giocatori, tra cui il portiere Giovanni Giacone, alla Nazionale. Il vicepresidente della FIAT, Edoardo Agnelli, assunse il controllo della società il 24 luglio 1923; nello stesso anno fece costruire un nuovo stadio, in Corso Marsiglia, primo impianto sportivo italiano realizzato interamente in cemento armato. Con l'arrivo del primo allenatore professionista, l'ungherese Jenő Károly, giunse anche la vittoria del secondo tricolore nella stagione 1925-26. Il primo grande ciclo vincente della Juventus, grazie all'apporto di elementi come Giovanni Ferrari, Raimundo Orsi, Luis Monti e il celebre trio difensivo dei ragionieri Combi-Rosetta-Caligaris, giunse tra il 1930-31 e il 1934-35, lustro in cui arrivarono cinque scudetti consecutivi – prima volta nel calcio nazionale –, uniti al raggiungimento delle semifinali di Coppa dell'Europa Centrale per quattro anni di fila. Allenatore della squadra in quattro delle cinque vittoriose stagioni fu Carlo Carcano, uno dei precursori del Metodo; molti giocatori di quella Juventus formarono il nucleo della Nazionale italiana che si aggiudicò le vittorie nella Coppa Internazionale, progenitrice dell'attuale campionato d'Europa e, soprattutto, nel campionato del mondo 1934 (cui la Juventus contribuì con 9 giocatori). La prematura morte di Edoardo Agnelli, avvenuta nel 1935, coincise con la fine del cosiddetto Quinquennio d'oro. Per il resto degli anni 1930 e quasi tutto il successivo decennio la squadra non riuscì più a riconquistare lo scudetto, che tornò sulle maglie bianconere solo con il secondo dopoguerra, nel 1949-50. Nel frattempo, tra il 1943 e il 1945 la società, che già aveva dovuto rinunciare alla ragione sociale Foot-Ball Club a seguito dell'italianizzazione imposta dal fascismo, assunse fugacemente il nome di Juventus Cisitalia, in abbinamento con l'omonima casa automobilistica il cui proprietario era Piero Dusio, all'epoca presidente del club bianconero (laddove, singolarmente, il marchio FIAT, di proprietà della famiglia Agnelli, fu abbinato ai rivali cittadini del Torino). Alla fine della guerra la società torinese mutò nuovamente denominazione in Juventus Football Club. Sotto la presidenza di Gianni Agnelli e, in seguito, di suo fratello Umberto, la Juventus conobbe un secondo ciclo di vittorie, grazie anche all'arrivo di elementi come l'argentino Omar Sívori e il gallese John Charles che, insieme al talento casalingo, e capitano della squadra, Giampiero Boniperti, formarono quello che la stampa non tardò a denominare Trio Magico: tre scudetti tra il 1958 e il 1961, il primo dei quali, il decimo, quello che le valse il diritto a poter esporre sulle maglie la stella. Omar Sívori divenne nel 1961 il primo calciatore proveniente dalla Serie A a vincere il Pallone d'oro. A tale ciclo fece seguito un decennio scarso di vittorie, con la sola eccezione del titolo 1966-67, vinto superando all'ultima giornata l'Inter sconfitta sul campo del Mantova. La Juventus della stagione 1983-84 che centrò il double composto da scudetto e Coppa delle Coppe Il 13 luglio 1971, Giampiero Boniperti diventò presidente del club e il suo primo scudetto in tale nuova veste giunse subito alla sua prima stagione, nel 1971-72, bissato da quello successivo del 1972-73: furono i primi di un nuovo ciclo, che in quindici anni, sotto la conduzione tecnica dapprima di Carlo Parola e poi di Giovanni Trapattoni, portarono a Torino nove scudetti (l'ultimo nel 1986), due Coppe Italia e vittorie internazionali che fecero diventare la Juventus il club primo d'Europa a vincere tutte le competizioni dell'UEFA e, a seguire, il primo del mondo a vincere tutte le competizioni ufficiali per club. In tale quindicennio fu stabilito anche il record di punti per campionati a 16 squadre (51, contro il Torino fermo a 50, nel 1976-77) alla fine di una stagione definita allora da La Stampa «un'annata entusiasmante, indimenticabile»[31] e, contemporaneamente a esso, anche la vittoria in Coppa UEFA, al termine di una durissima doppia finale disputata contro gli spagnoli dell'Athletic di Bilbao, con un organico composto esclusivamente da giocatori italiani: di essi, quelli schierati in campo nella circostanza furono Zoff, Cuccureddu, Gentile; Furino, F. Morini, Scirea; Causio, Tardelli, Boninsegna (sostituito al 59' dell'incontro da Spinosi), Benetti e Bettega. Il titolo nella Coppa dei Campioni 1984-85, conseguito a Bruxelles il 29 maggio 1985 sul Liverpool, circa un anno dopo la vittoria finale, da imbattuta, in Coppa delle Coppe, fu oscurato da gravi incidenti pre-gara generati dagli hooligan britannici che portarono alla morte di 39 spettatori. Lo scudetto vinto nel 1986 chiuse il decennio di Trapattoni: durante la sua gestione, complessivamente 9 elementi della Juventus giocarono nella Nazionale italiana al Campionato del mondo 1978 in Argentina (dove gli Azzurri giunsero quarti) e 6 in quella che si laureò campione del mondo 1982 in Spagna. Inoltre, Antonio Cabrini, Gaetano Scirea e Marco Tardelli divennero i primi giocatori al mondo ad avere vinto sia tutte le competizioni per club cui presero parte sia la Coppa FIFA. Tramontata la generazione di calciatori che avevano costituito l'asse portante della squadra la Juventus affrontò un periodo di nove anni privo di risultati in campo nazionale, anche se giunsero una Coppa Italia (1990) e due Coppe UEFA (1990 e 1993, con cui diverrà il club più titolato della competizione). Nel 1994, un cambio ai vertici della società fu il preludio all'arrivo di Marcello Lippi, che corrispose all'ennesimo ciclo vincente in Italia e a livello internazionale: in dieci stagioni, con l'intervallo di un biennio d'interregno di Carlo Ancelotti che vinse la Coppa Intertoto (ultimo trofeo internazionale vinto dal club), la Juventus fece suoi cinque scudetti e una Coppa Italia (1995), raggiunse quattro finali di Champions League vincendo quella del 1996 all'Olimpico di Roma, e conquistò una Coppa Intercontinentale, una Supercoppa UEFA e quattro Supercoppe italiane. Nel 2004 giunse sulla panchina bianconera Fabio Capello: nei due anni di gestione del tecnico friulano la Juventus vinse due campionati consecutivi, nel 2004-05 e 2005-06; tuttavia, a causa del caso giudiziario giornalisticamente definito Calciopoli, lo scudetto del 2005 fu revocato e non assegnato; quanto a quello del 2006, la Juventus fu retrocessa d'ufficio per «illecito associativo» correlato alla stagione precedente e iscritta, con un handicap di punti, al successivo torneo di Serie B; stante la contemporanea penalizzazione del Milan giunto secondo, quel titolo fu assegnato all'Inter, terza prima delle sentenze della magistratura sportiva. Sotto un nuovo assetto societario la Juventus fu promossa in massima categoria un anno più tardi vincendo il campionato cadetto. Nel 2010 l'imprenditore torinese Andrea Agnelli assume la presidenza del club. Durante il successivo lustro, sotto la guida tecnica dapprima dell'ex giocatore e capitano Antonio Conte, e poi di Massimiliano Allegri, i bianconeri ritornano al successo. Nel 2011-12 la squadra ottiene lo scudetto stabilendo il record d'imbattibilità di 38 partite – assieme a quello assoluto di 42 incontri senza sconfitte nel corso della stagione –, confermandosi campione anche nelle quattro edizioni successive del campionato; nell'annata 2013-14, in particolare, il club vince il suo trentesimo titolo nazionale e instaura il primato italiano di punti (e quarto a livello europeo) in una singola stagione (102). Tra il 2014 e il 2016 arrivano inoltre a Torino due double consecutivi – un unicum nel calcio italiano – grazie alle vittorie bianconere in campionato e Coppa Italia, quest'ultima sollevata per l'undicesima volta (record assoluto della competizione); nella stagione 2015-16 la Juventus raggiunge infine il suo primo treble nazionale unendo ai succitati trofei anche la sua settima Supercoppa di Lega (anch'esso primato italiano). (wikipedia.org) F. C. Juventus - Canali Ufficiali Siti di riferimento: Sito Ufficiale J-Medical Juventus Club Doc Juventus Summer Camp Social Network: Facebook Twitter YouTube Google+ Vine LinkedIn Periscope Sina Weibo Snapchat Spotify Dugout F.C. Juventus: organigramma societario 2017/18 Consiglio Di Amministrazione Presidente: Andrea Agnelli Vice Presidente: Pavel Nedved CEO and general manager sport : Giuseppe Marotta CEO / CFO: Aldo Mazzia Amministratore: Maurizio Arrivabene Amministratore indipendente: Giulia Bongiorno Amministratore indipendente: Paolo Garimberti Amministratore indipendente: Assia Grazioli Venier Amministratore indipendente: Catil Hughes Amministratore indipendente: Daniela Marilungo Amministratore: Francesco Roncaglio Amministratore : Enrico Vellano Area sindacale Presidente: Paolo Piccatti Sindaco effettivo: Roberto Longo Sindaco effettivo: Silvia Lirici Sindaco supplente: Roberto Petrignani Sindaco supplente: Nicoletta Paracchini Presidenti onorari Presidente Onorario: Giampiero Boniperti Presidente Onorario: Franzo Grande Stevens Management dirigenziale Head of real estate: Riccardo Abrate Head of communication and external relation: Claudio Albanese Head of public affair: Stefano Bertola Head of internal audit: Alessandra Borelli Head of Stadium: Francesco Gianello Head of it, logistics and purchasing: Claudio Leonardi Head of administration: Alberto Mingone Head of marketing and digital: Francesco Palomba Head of finance: Marco Re Head of global partnership and corporate revenues: Giorgio Ricci Head of human resources: Sergio Spinelli Head of press office: Enrica Tarchi Head of legal: Fabio Tucci Head of brand, licensing and details: Silvio Vigato Head of J-Tv: Claudio Zuliani Management Sportivo Direttore sportivo: Fabio Paratici Segretario generale: Maurizio Lombardo Team manager: Matteo Fabris Direttore sportivo responsabile tecnico settore femminile e giovanile: Stefano Braghin Responsabile tecnico: Gianluca Pessotto Segretario settore giovanile: Massimiliano Mazzetta Collaboratore area tecnica e coordinatore sportivo e tecnico del settore giovanile: Federico Cherubini Responsabile settore osservatori Italia: Claudio Sclosa Responsabile settore osservatori under 20: Carlos Vargas Macias Responsabile osservatori estero: Pablo Longoria Responsabile attività di base e progetto under 8: Luigi Milani Responsabile tecnico attività di base e progetto under 8: Stefano Baldini Coordinatore sportivo delle squadre della fascia agonistica: Massimiliano Scaglia Responsabile Juventus Soccer School: Marco Marchi
×
×
  • Create New...