Vai al contenuto

Morpheus ©

Amministratore - CDA Founder
  • Numero contenuti

    210887
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Days Won

    79

Morpheus © last won the day on October 27 2018

Morpheus © had the most liked content!

Reputazione Forum

6559 Excellent

Su Morpheus ©

  • Livello
    Think Different
  • Compleanno 14/08/1985

Contact Methods

  • Website URL
    http://discesalibera.org

Profile Information

  • Sesso:
    Male
  • Scrive da:
    Kitzbuhel
  • Interessi:
    Juventus. Life. Love. Sports.

Visite recenti

53024 visite nel profilo
  1. SCI ALPINO - Coppa del Mondo di 2018/19

    “Dobbiamo essere grati alle persone che ci rendono felici, sono gli affascinanti giardinieri che rendono la nostra anima un fiore.” Marcel Proust, in un aforisma pazzesco, ha identificato una serie di sfaccettature fondamentali della vita un poco più di quattro righe: ha menzionato la felicità, il fascino, la bellezza, e anche la luce che ci circonda rendendo tutto più magico quando tutti questi fattori vanno a coniugarsi per comporre alla fine la sintesi più definita del sentirsi vivi. Senza filosofeggiare più di tanto in dubbio che questa serie di emozioni possa scaturire anche nella vita di un atleta quando riesce a trasferire in professione quello che é il proprio amore: di quello di Sofia Goggia nei confronti dello sci ne abbiamo parlato in tutti gli aspetti fondamentali, e conoscendo quanto sia viscerale è difficile anche solo provare ad immaginare quanto siano stati questi mesi duri lontani da quel bianco magico e dalle competizioni; spesso quando le cose belle finiscono, ci intristiamo pensando che queste volano via facilmente rapidamente rubandoci anche gran parte del tempo, ma alla fine anche gli aspetti brutti terminano e ci insegnano sempre che una nuova alba sorge sempre, ed è possibile osservarla anche meglio di prima perché la vediamo con gli occhi più forti, più resistenti, forgiati dalla sofferenza e dai problemi, che alla fine fortificano. E’ il principio non solo del tempo che scorre inesorabilmente ma anche della vita. In questi giorni la nostra atleta é in località Passo San Pellegrino per proseguire con gli allenamenti per poi spostarsi a Garmisch-Partenkirchen dove nel weekend riprenderá la Coppa del Mondo e dove la bella bergamasca parteciperá alla discesa di prova per testare il tutto. Ecco quindi il suo ritorno in pista dopo tanto tempo e dopo una sfortuna incredibile; ci vorrá del tempo naturalmente per riprendere la condizione e la confidenza con gli sci, ma questo é il primo mattoncino e la bella Sofia, dopo tanto tempo, si sta apprestando a metterlo; con calma e pazienza, con dedizione e serietà, la voglia di non fermarsi mai ha fatto anche questa volta la differenza e ha prevaricato sulla sfortuna. Qui c’é un posto dove in estate, al mattino, si può ammirare la tranquillità del mare proprio sorgere del sole carpendo una calma difficilmente riscontrabile altrove e dove chi vi scrive si rifugia spesso e volentieri, una specie di calma apparente, come una sorta di preludio un qualcosa direttamente più determinante che sfocia nell’esplosione di una energia unica data dell’incrocio della nostra stella con le acque; con Sofia trovo delle analogie: basti pensare a quell’attimo prima che si apra il cancelletto di partenza, a tutta quella calma e a quel silenzio, provate anche solo per un istante a chiudere gli occhi contando sino a 3 e tentate di simulare quel momento, a fare quel carico di emozioni… E poi? E poi via. Giú con la fame, la rabbia nella discesa, e quelle linee a tratti poetiche ed eleganti e a tratti forti ed energiche, che denotano l’essenza di questa ragazza volta ad inseguire neve dopo neve un nuovo sogno per cui valga la pena esistere. Tornando a Marcel Proust, Si parlava di felicità nel primo capoverso, e vedere quella che è stata la ragione scatenante di questo piccolo angolo di scrittura di mettere ai piedi con gli sci virgola e l’aspetto di gioia e dell’essere felice più ampio che si possa immaginare. Si riparte quindi da Garmisch, verso una nuova alba da vedere ma sempre dallo stesso punto di ammirazione, quello situato al tuo fianco pronti a sostenerti che sia primo o ultimo posto, perché la gioia nel rivederti con quegli sci anche in un semplice allenamento o test, semplicemente, non si puó quantificare figuriamoci classificare. Come diceva Ligabue qualche anno fa: “ora che ci sei, come io vorrei”, con quegli sci ai piedi e quel sorriso bello come quel mare su menzionato nel mese di agosto. Bentornata Sofi, in bocca al lupo. Continua su: http://discesalibera.org/2019/01/23/una-nuova-alba-sulle-nevi-piccola-grande-sofia/
  2. SCI ALPINO - Coppa del Mondo di 2018/19

    Il talento di Mrs. Lindsey Vonn Walt Disney disse una volta : “tu puoi disegnare, creare e costruire il posto più bello del mondo. Ma ci vogliono le persone per rendere il sogno realtà.” Quando pensiamo a Walt Disney, pensiamo a milioni di sogni che guardando centinaia di suoi film abbiamo tutti noi creduto più di una volta che si potessero tramutare in realtà; crescendo poi, osservando alcuni atleti che hanno lasciato indelebilmente il segno nel libro dello sport attraverso le loro gesta che gli han permesso di segnare il tempo ed entrare nella storia direttamente dalla porta principale travolti dagli onori del caso, abbiamo davvero pensato che proprio quei sogni visti in quelle proiezioni, spesso, erano reali: Lindsey Vonn è stata una che ha fatto nascere pensieri come questi in quanto sciando ci ha spiegato come la meraviglia potesse travalicare ogni confine. La bella Lindsey è stata brava a sfruttare al massimo tutto il suo talento arrivando a raggiungere le vette più alte del suo sport e di quello in generale, bypassando ogni tipo di sfortune di infortunio che ne han segnato la carriera, rialzandosi sempre più forte e e andando a centrare i suoi obiettivi. Sciare, disegnare, incantare, emozionare, dipingere: tanti verbi diversi tra loro ma uniti sotto il comune denominatore di questa infinita campionessa che li ha uniti spesso e volentieri sotto il prestigioso tempio della vittoria. Una donna meravigliosa ancor prima dell’atleta, sempre disponibile con tutti senza sottrarsi mai a qualsiasi sorriso con i suoi appassionati: a differenza di molte altre star celebri sulla faccia del mondo, lei, è stata la più umana tra gli extraterrestri sportivi, una perla rara in un mondo che va sempre di fretta e cade spesso nell’indifferenza; l’amore attuato nel suo sport e nei confronti di tutti coloro che gli hanno dimostrato affetto e una dedizione assoluta nel lavoro effettuato sino ai minimi dettagli convolato a nozze con il suo talento, sono state le armi più grandi di una campionessa senza tempo che è stata in grado di unire il mondo sotto un’unica grande bandiera, la sua, portando chiunque dalla sua parte perché è davvero impossibile non amarla. Anno dopo anno però è normale che il fisico ti presenti il conto dopo tanti stop, e forse adesso è arrivato il momento di fermarsi per dare un po’ sollievo a quelle ginocchia facendogli tirare il fiato e riposando; non sappiamo se quella di Cortina sia stata davvero l’ultima gara ufficiale per Lindsey Vonn abbracciata dalla nostra Sofia Goggia, un’altra perla rara in una mare immenso come quello dello sport, quello che è certo è che se addio dovrà essere questo verrà fatto con tutti gli onori possibili ed immaginabili dei questo mondo e non con la tristezza nel cuore, quegli onori che solo e soltanto una campionessa dell’elite più celebre nella sala dello Sport con la S maiuscola possa ottenere, salutando il mondo sportivo davvero come si deve davanti a tutti noi cui abbiamo assistito alle sue gesta avendo avuto il privilegio di ammirarla nel corso di quel tempo che lei stessa si è impegnata con magia a fermare. Già, questa volta, cercheremo noi di regalarle una emozione con la consapevolezza che non basterà per tutte le meraviglie che ci ha donato facendoci assistere, probabilmente, allo sci più bello che si sia mai visto. http://discesalibera.org/2019/01/22/il-talento-di-mrs-lindsey-vonn/
  3. Ottimo iniziare il girone di ritorno con una vittoria mettendo nel tabellino molti alcuni giocatori come Douglas soprattutto che ancora non avevano segnato considerando che, qui, più vittorie fai meno sono i metri che ti separano dai tuoi obiettivi; adesso da domenica sino a mercoledì ci saranno due partite cardine che diranno molto sul cammino di questa squadra sperando di recuperare pedine dall'infermeria. Testa bassa e pedalare che è ancora molto lunga. Fino alla fine.
  4. SERIE A TIM: JUVENTUS - CHIEVOVERONA STADIO "ALLIANZ STADIUM" - Torino, lunedì 21/01/2019 - Ore 20:30 Qui le vostre pagelle
  5. SERIE A TIM: LAZIO - JUVENTUS STADIO "OLIMPICO" - Roma, domenica 27/01/2019 - Ore 20:30 Qui il preview del match ------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- V I N C E R E ! ! !
  6. Stagione Agonistica 2018/19 Match di riferimento: Juventus ChievoVerona
  7. Beh ma prima chi comandava il mercato era un altro Inviato dal mio Samsung Note9 utilizzando Tapatalk
  8. Non cambia la sostanza del discorso Inviato dal mio Samsung Note9 utilizzando Tapatalk
  9. A dare una bella mano al buon esito dell'operazione, il benestare del Bologna per il riscatto di Riccardo Orsolini: nelle casse piemontesi finirebbero così, nell'immediato, ben 14 milioni, di cui tre servirebbero per pagare il prestito oneroso di Darmian. Un gruzzoletto niente male. Mossa che farebbe comodo alla Juventus dal punto di vista economico, mentre gli emiliani ci guadagnerebbero sotto l'aspetto tecnico, avendo a disposizione un innesto di tutto rispetto sulla fascia sinistra e blindando uno dei giovani più in vista nel panorama calcistico nostrano. Cooperazione e sintonia, il mercato è anche questo. Continua su: https://www.goal.com/it/notizie/calciomercato-juventus-spinazzola-al-bologna-i-felsinei/1ze1nl6jrvqw1iedrr0w1z3co
  10. No ma anche io, Avevo dimenticato la faccina ad inizio post Ad ogni modo, il colpo del calciomercato ci sarà anche stato.... Ma non è che per forza dobbiamo fermarci lì eh Anzi, mi aspetto che si facciano alcune cosucce sulla mediana questa estate... Già Ramsey è ottimo, però punto a qualcosa di altro
  11. Rispondendo al tuo sarcasmo, semplicemente perché Spinazzola dà maggiori garanzie soprattutto in fatto di età considerando che Darmian ne ha già 28 e se le cifre del riscatto sono alte è sempre meglio, comunque, spenderle per un giocatore di più prospettiva tenendo comunque sempre ben presente che stiamo parlando di riserve e non di titolari.
×