Vai al contenuto

Vespa76

Tifoso Juventus
  • Numero contenuti

    195
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

33 Excellent

Su Vespa76

  • Livello
    Juventino Soldatino
  1. Daniele Rugani: il Dario Knezević dell'epoca moderna

    ù Secondo me non è un problema di età o di quanto tempo occorra aspettarlo. Il problema sta nei fondamentali tecnici: E' lento ma non sempre riesce a compensare con il senso della posizione. E' troppo impacciato con la palla tra i piedi (molto, molto peggio di Chiellini). Nel corpo a corpo è troppo 'tenero' quindi soffre maledettamente gli attaccanti che sanno difendere palla spalle alla porta (in questo aspetto però anche Bonucci non è un fenomeno). Non è un difensore che ti salva il c**o con interventi miracolosi. E' un buon panchinaro ma, purtroppo, non credo sarà il futuro titolare della Juve.
  2. Infatti la juve non deve scontare un gap significativo tecnico poichè, fino a prova contraria, dovremmo essere vicini ai top team. Però se la Champions è stata dominata per anni sempre dalle solite squadre non è solo perchè avevano i giocatori più forti. Avevano anche un gioco tanto efficace/propositivo quanto piacevole. Sono state anche infastidite da squadre con mentalità diversa come Juve e Atletico...ma abbiamo poi visto la fine che hanno fatto arrivati al dunque.
  3. Citare il fine ciclo di una squadra (non solo dell'allenatore) non ha senso. Generalmente tutti i cicli vincenti si concludono in calando! Ricordiamo invece di tutto quanto fatto nell'intero ciclo. Abbiamo fatto alcune delle più belle partite della storia della Juventus dominando in lungo ed in largo. In un contesto di competitività degli avversari decisamente più difficile.
  4. Secondo te il Barcellona giocava così bene (anzi alla grande per anni) solo perchè aveva i giocatori da te citati? Gli smarcamenti, il movimento continuo senza palla, la continua ricerca degli spazi liberi, le sovrapposizioni, il pressing alto sulla difesa avversaria gli riuscivano solo perchè erano forti i giocatori singolarmente. Non perchè si allenassero e venissero allenati a tale scopo. Il calcio non è la playstation dove il giocatore prende la palla, salta tutti e fa sempre gol. Altrimenti pure l'Argentina di Messi (che non gioca con degli "scarpari") averebbe vinto qualche cosa o quantomeno evitato di fare le figure barbine che hanno fatto.
  5. A me andrebbe bene anche di vincere la Champions giocando di melma. La domanda quindi è...giocando peggio degli altri competitors la si può vincere? Ogni tanto può accadere ma solitamente non è così. Quindi non capisco. Vogliamo puntare a vincerla la coppa oppure no? Perchè altrimenti mi sembra di capire che possiamo fermarci al campionato e sperare solo in una botta di c**o in coppa.
  6. Anche il secondo scudetto di Conte fu ottenuto con buoni risultati e discreto gioco. Non ottimale come il primo anno ma sicuramente superiore a quanto visto ultimamente. Non parliamo poi della Juve di Lippi che gli dava le piste a tutti e due considerando anche il livello del campionato di allora rispetto a quello odierno. Non è un caso che negli ultimi anni vengono messi record su record sia dalla prima ma anche dalla seconda in classifica. Il campionato (e non solo) è meno competitivo e le più forti vincono con minore sforzo poichè il divario tecnico delle rose è aumentato notevolmente. Allegri è un ottimo allenatore per alcuni aspetti. Ma sicuramente non sul piano del gioco ( come del resto anche Capello per fare un esempio ).
  7. Se giochi contro una squadra che ha giocatori forti come i tuoi, o più forti, la discriminante diventa anche il gioco. non è un caso che la Juve abbia perso le ultime due finali contro il Barcellon ed il Real Madrid. Entrambe le squadre, oltre ad avere grandi campioni (ad un certo livello è scontato averli) avevano anche un gioco superiore al nostro. In una condizione di equilibrio dei singoli il gioco può fare la differenza.
  8. Allegri, come tutti gli allenatori, ha pregi e difetti o se vogliamo usare altri termini caratteristiche proprie come giusto che sia. A mio parere, l'equivoco di fondo, è cosa ci si aspetta da lui. Tutti sappiamo, già dai tempi del Milan, che il nostro allenatore non è uno che predilige schemi e tattiche particolari. Prevalentemente cerca di sfruttare al meglio le caratteristiche dei suo giocatori cercando di metterli nelle migliori condizioni tattiche per esprimersi. Il più delle volte con esito positivo, a volte con esito negativo. I risultati però sono sotto gli occhi di tutti. Quindi non gli si può imputare nulla di sbagliato se non l'esito delle finali di champions. Fatta questa premessa, la scelta di come proseguire dipende dalla società Se si vuole mettere Allegri nelle condizioni di vincere anche la Champions...allora occorre comprare giocatori più forti nei ruoli dover siamo deficitari (in primis il centrocampo). E' un fatto inevitabile. Se non hai un gioco efficiente occorre compensare con i campioni. Altrimenti si deve prendere una strada diversa ed allora serve un allenatore che possa compensare con un sistema di gioco più efficace.
  9. Daniele Rugani: il Dario Knezević dell'epoca moderna

    Ad occhio direi che Rugani è un buon difensore ma non mi sembra del livello di Chiellini e Bonucci. A dirla tutta nemmeno di Benatia. In una scala di valori direi Chiellini e Barzagli (dei bei tempi) 9, Bonucci 8, Benatia 7, Rugani 6. Di conseguenza non possiamo pensare che possa essere l'alternativa del futuro come titolare. Va più che bene come quarta alternativa. Pertanto l'anno prossimo sarà necessario trovare un terzo difensore, non da panchinare, ma da alternare con gli attuali due titolari. Ovviamente deve essere di quel livello lì. Se giustamente Rugani vuole un posto da titolare allora sarà giusto cederlo e sostituirlo con un altro giovane.
  10. Forse il vero problema è la composizione della rosa, non il numero di giocatori. Abbiamo comprato molti esterni offensivi ma poi giochiamo generalmente con 3 attaccanti + un centrocampo a 3. A che servono Bernardeschi, D.costa, Cancelo, Cuadrado, Spinazzola se poi devono stare prevalentemente in panchina oppure giocare nel tridente offensivo in aternativa ad una delle punte? Anche se offensivi sono pur sempre dei centrocampisti, non delle punte. Inoltre ci tocca mandare in campo 3 centrocampisti centrali (nemmeno particolarmente fenomenali) disponendo di soli 5 giocatori di ruolo. Teoricamente andava acquistato un centrocampista FORTE in più (invece di un esterno) oppure cambiare il modulo di gioco.
  11. Questione condizione fisica

    L'Atalanta ha fatto una partita normalissima rispetto ai suoi standard. Poteva fare molto meglio a livello tecnico ma non è stato necessario. E' bastato un minimo di pressing nella nostra meta campo per mettere in crisi l'uscita palla al piede dalla difesa. Io non credo che il problema sia stato principalemente di natura fisica. Piuttosto...mi dite come facciamo ad avviare l'azione dalla difesa con i "ferri da stiro" al posto dei piedi di Rugani e Chiellini? Per giunta ci priviamo anche di Pianic in un reparto di centrocampo dove non abbiamo affatto piedi educati. Giusto un minimo Betancour ma il resto dei compagni sono obbrobriosi palla al piede. Servono centrocampisti con più tecnica e soprattutto più personalità. Dovrebbero andare loro a prendere palla ed invece scappano in avanti a fare cosa non si capisce. Peggio che mai quando siamo noi ad attaccare. Si fanno servire vicino alla difesa avversaria, spalle alla porta (vedere Matuidi), a che scopo? Inciampare sul pallone o perdere il contrasto. Rimandiamo intanto i centrocampisti a fare il loro ruolo. Poi discutiamo anche della condizione fisica precaria. In ogni caso manca anche la voglia di sbranare l'avversario. Di aggredirlo dal primo minuto e dimostrare chi è il più forte. E' questione di atteggiamento mentale. Di come entri in campo con la testa.
  12. Anche a me non fanno paura Gervinho e Biabiany...mi fanno paura Rugani e co. Speriamo che almeno una partita la imbrocchino.
  13. Contro Gervinho e Biabiany prevedo grande divertimento per Rugani & co.
  14. Il gioco di Allegri. Topic unico ed irresistibile

    Non sappiamo fare due sovrapposizioni fatte bene. Di cosa vogliamo parlare?
  15. #allegri_the_new_delamentis

    Non è che se uno è paraculo (in questo caso Guardiaola) allora dobbiamo giustificare tutti i paraculi. Cosa avrebbe dovuto dire? Semplicemente la verità. Non stiamo giocando affatto bene (già da prima della sosta). Siamo sempre sotto ritmo ed i giocatori passeggiano per il campo. Non accampare scuse sulle trasferte e sulla stanchezza.
×