Jump to content

pinturicchio182

Tifoso Juventus
  • Content Count

    2,488
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

659 Excellent

About pinturicchio182

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

  1. Non abbiamo equilibrio, né quando attacchiamo né quando difendiamo. Abbiamo preso il 2-1 in seguito ad un tiro di Rabiot, con tutto un secondo tempo ancora da giocare. No sense, completo. Siamo sfilacciati, lunghi. Quando difendiamo, lo facciamo comunque male e ci bucano, perché siamo larghi, apparentemente non concentrati, secondo me non organizzati. Su questo si dovrà vedere, a lungo termine, la mano di Allegri. E questa è la sua più grande qualità, lo sappiamo. A questa squadra servirebbe un Khedira, un equilibratore. Sperando che possa esserlo Locatelli (a pieno regime) e/o Arthur.
  2. E' altrettanto abbastanza chiaro che Dybala vada rinnovato comunque, anche se dovesse far schifo da ora a Giugno, perché: - Lo perderesti a 0 (ed è uno dei pochi giocatori potenzialmente tecnicamente forti/mediaticamente importante della rosa) - Non hai soldi (manco l'anno prossimo, tranquilli ) per sostituirlo con uno dello stesso livello. La scorsa stagione il problema era Ronaldo, che, andato via, ha continuato a segnare 1 goal a partita e qualcosa in più. Non ripetiamo lo stesso errore con Dybala e/o con Chiesa. I giocatori tecnici e forti non sono mai un problema, il problema è perché in quel momento non performano bene, e la colpa non è al 100% loro, quasi mai.
  3. Indipendentemente dai trofei, sarei soddisfatto se a fine stagione tornassimo ad avere una identità chiara, anche se volesse dire arrivare 5º e non vincere manco a briscola. La stagione di Pirlo è stata “positiva” per i trofei (dopo 9 anni di vittorie), ma è stata fortemente negativa per la confusione tattica e progettuale con cui siamo arrivati al termine. Abbiamo tracciato un confine, con il cambio dirigenza e la cessione di Ronaldo, che possa essere un nuovo inizio e deve portare ad un progetto solido. Questo è il vero obiettivo, non vincere non sarebbe un dramma, per me.
  4. Io ho capito che è diventato il bersaglio numero 1, ma: - Ad Udine era stato il migliore - Con l’Empoli ha fatto schifo anche lo steward all’ingresso - Col Napoli non ha giocato Con Milan e Spezia le sue due brutte partite, anche se ieri sera un paio di conclusioni verso la porta abbiam fatto, oltre ai goal, e sue sono state. E siamo nemmeno a fine Settembre. È la prima stagione in cui si torna a puntare seriamente su di lui dopo l’addio di Cristiano, magari si potrebbe sospendere il giudizio per qualche mese.
  5. Tutto vero, ma c’è anche da dire che fino ad oggi abbiamo giocato con le idee del “difensivista Allegri” ed abbiamo raggiunto 1 vittoria e subito 8 goal in 5 giornate Mi viene il dubbio che giocando in maniera un pizzico un po’ più sbilanciata adesso ne avremmo presi 10-12 di goal, quindi magari per questi cambiamenti tattici si potrebbe rimandare a quando si avrà qualche certezza in più.
  6. Dybala (quello vero, anche solo quello di Sarri) è l’unico attaccante che abbiamo con 20 goal potenziali nelle gambe. Morata su 3 occasioni segna 1 volta. Kean e Kaio sono da scoprire. Non mi priverei dell’Argentino nella formazione ideale, piuttosto lavorerei per metterlo nelle condizioni di fare bene.
  7. A pieno regime, lui a sinistra, e: Scez Danilo Bonucci Chiellini/De Ligt Sandro Cuadrado Arthur Locatelli Chiesa Dybala Morata E ci proviamo
  8. Il difensore, più di qualsiasi altro ruolo, matura fino alla sua miglior versione dopo tanta, tanta, tanta esperienza. Non dimentichiamoci, quando giudichiamo, che De Ligt è un ‘99 e che, già oggi, è un SIGNOR difensore. Tra qualche anno, sono abbastanza certo, sarà tra i primi 3 al mondo nel suo ruolo, in qualsiasi squadra si ritroverà.
  9. Oppure, più semplicemente, si possono avere opinioni discordanti e punti di vista differenti, altrimenti si chiamerebbe funkyrap.com. Concordo, speriamo di non dover aspettare 4 anni.
  10. Finché la Juve ha investito sui giovani, Allegri li ha inseriti gradualmente ed al modo giusto, non caricandoli di pressioni e facendoli esprimere al meglio. Poi, ad un certo punto, il mercato della Juventus ha iniziato ad inseguire più il nome altisonante che un vero progetto, e questo a lungo termine lo si è pagato. Posso portarti anche vari esempi: il miglior Bernardeschi alla Juventus si è avuto con Allegri, senza dubbio; il primo Morata l'ha fatto crescere lui, sotto tanti aspetti; Spinazzola è venuto fuori con lui; Emre Can, nonostante la sfortunata esperienza Juventina, la fase migliore l'ha vissuta di certo con Max con apice in quella sera contro l'Atletico; Kean l'ha lanciato lui in una serata abbastanza delicata di qualificazione champions e poi nelle partite successive. Sa come bilanciare esperienza e gioventù. Ad un certo punto i giovani non gliel'hanno più presi e ad un altro certo punto lo hanno licenziato intanto aveva vinto 5 scudetti e, sicuramente, aveva "creato valore", che è stato dilapidato in 2 anni. Non.è il messia, eh, per carità, ce ne sono di allenatori bravi, ma lui è sicuramente fra i più bravi.
  11. "Valorizzare" mi sembra essere la parola chiave di tutto lo staff del mondo Juve. Ciò significa alcune cose: - Addio parametri zero esosi (non vedremo più operazioni alla Ramsey), tranne che per giovani; - Spendere, investire, su giocatori con una età media più bassa per rinnovare e sfruttare (stavolta seriamente) l'under23 come fonte per completare la squadra (tipo 14-15 forti + 8 giovani validi). - Restituire (o cercare di restituire) valore a quei giocatori che negli ultimi anni si sono un pò persi: un nome su tutti, Bernarderschi. Questo progetto richiede tempo. Abbiamo sempre chiesto di lavorare con i giovani, è la strada intrapresa, ed in panca c'è l'uomo adatto per gestirli. L'ossatura della squadra c'è: De Ligt, Danilo, Arthur, Locatelli, McKennie, Chiesa, Kulusevski, Dybala, Kaio, Morata, Kean. Bisogna far diventare campioni questi, gli altri miglioreranno di riflesso.
  12. Marotta era/è un dirigente scarso solo qui sul forum, per alcuni.
  13. Tek Cuadrado De Ligt Chiellini Danilo Locatelli Arthur McKennie Dybala Chiesa Kean Perin De Sciglio Bonucci Rugani Pellegrini/Sandro Benta Rabiot Kulusevski Ramsey Berna Morata/Kaio Non è esattamente la Juve più forte degli ultimi 10 anni, non è una rosa che, sulla carta, si presenta per vincere la champions o vincere tutto, ma è una rosa che può TRANQUILLAMENTE vincere il campionato. Per farlo, però, più dei valori tecnici (che ci sono, eccome), bisogna ricostruire mentalità, dedizione al sacrificio e compattezza di squadra, ossia tutto ciò che è sempre stato la nostra forza. Il materiale c’è, Max, per conoscenze e spessore umano, è l’allenatore ideale per plasmarlo.
  14. Ha molto da lavorare. C’è da costruire una mentalità ed un senso di appartenenza che è qualcosa di molto più complesso che mettere in campo 11 giocatori. La sua Juve era granitica mentalmente; ora ritrova una squadra che, da 2 anni, si porta dietro IL problema principale: può giochicchiare anche bene, ma alla prima difficoltà si sfascia, si sfilaccia ed ogni giocatore inizia a giocare per se stesso. Probabilmente è lo scotto da pagare per aver ringiovanito. Ecco perché, in questa delicata fase, fossi in lui, cercherei qualche certezza: Chiello dietro, un centrocampista di spessore davanti la difesa. Ha molto da lavorare e lo sa fare. È l’uomo giusto per costruire, però dobbiamo dare tempo e... halma.
×
×
  • Create New...