Jump to content

pinturicchio182

Tifoso Juventus
  • Content Count

    2,152
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

443 Excellent

About pinturicchio182

  • Rank
    Juventino Pinturicchio
  • Birthday 11/05/1993

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

  1. E' un '95 con tanta esperienza (in una grande squadra come il PSG), gran fisico (che deve imparare ad usare meglio), ottima tecnica (mostrata ieri) e che, potenzialmente, potrebbe dominare il campo. Può diventare tutto e può rimanere nulla. E' ancora giovane, per questo credo meriti fiducia.
  2. La Juve era già sparita, anche prima del rigore. Eravamo mentalmente già a riposo e non siamo stati in grado di riconnetterci col campo. Paradossalmente, lo 0-2 così rapido è stato deleterio. Fossimo rimasti sullo 0-1, non avremmo staccato la spina.
  3. La Juve storicamente non sbaglia due volte consecutive. Speriamo che la storia si ripeta sabato.
  4. Infatti, ma nemmeno tanto quello, perché ci può stare anche, elogiarli. Ma al tempo stesso descriviamo noi come una l'ultima squadra di dilettanti La partita è dura Sabato, ma è più dura per loro perché noi siamo più forti. Speriamo di dimostrarlo.
  5. A mio avviso, è un problema, quello mentale, che risolvi soltanto rinnovando la rosa e, quindi, le motivazioni. Veniamo da 8 scudetti consecutivi: è impensabile non immaginare che durante una partita, come quella di ieri, al 60esimo con due goal sopra e mentalmente a +10 dalla seconda, non si possa correre il rischio di rilassarsi, soprattutto in questo periodo particolare. Lo abbiamo fatto troppo, non va giustificato, ci sentiamo forti ed a volte ci rilassiamo, bisogna migliorare. Per farlo, serve anche gente giovane e affamata, che faccia una corsa in più, un sacrificio in più (ieri non a caso uno degli ultimi a smettere di pressare nonostante il 4-2 era Benta).
  6. Per me il discorso è più ampio e una buona fetta di questo discorso non dipende dai calciatori, dal mister, da noi, dalla dirigenza o da chiunque altro, ma dipende semplicemente da quello che abbiamo vissuto (tutti) nel mondo. Mi spiego: la Juventus, con qualsiasi allenatore in panchina, ha sempre iniziato bene la stagione, per poi giocare (e vincere) in sordina e per inerzia nei mesi di Dicembre - Gennaio - Febbraio e ricominciare a giocare (e vincere) in maniera decisiva le partite che contavano da Marzo in poi. Quest'anno, per forza di cose, questi ragionamenti un pò si vanno a far benedire. Detto questo, la Juventus immediatamente pre-covid e post-covid a me, in generale, è piaciuta, perché sembra aver assorbito maggiormente (e più volentieri) quelli che sono i dettami del suo mister. Quindi, per me, siamo sulla strada giusta, però sempre accompagnati da alcuni problemi strutturali: il principale, il più importante, è il centrocampo. Una partita come quella di ieri, una volta giunti sul 2-2, la deve prendere in mano il tuo centrocampo: la deve addormentare per almeno 4-5 minuti, facendo spegnere l'onda emotiva (positiva loro e negativa nostra) e ritornando alla normalità. Il nostro centrocampo, ieri, non lo ha fatto: sia perché Sarri in confusione ha tolto Rabiot (il migliore) sia perché Benta non ha avuto la sua miglior prestazione (ci sta, veniva da una sfilza di ottime partite) sia perché quest'anno abbiamo problemi lì in mezzo cronicamente. Tutto ciò per dire che, ai miei occhi, siamo ancora in fase di costruzione: anche il Liverpool di Klopp nei primi 1-2 anni prendeva imbarcate colossali e di certo non ha vinto in lungo e in largo. Poi, cosa è successo? E' successo che ha plasmato la sua rosa, ne ha scelti alcuni e mandati via altri, ha imposto i suoi dettami e pian piano ha preso forma. Per me, lo stesso deve avvenire con Sarri o con qualsiasi allenatore in panchina: non si può chiedere la testa dell'allenatore dopo pochi mesi, per crescere ci vuole tempo, affiatamento, continuità di progetto. Tantomeno si può chiedere la testa di un allenatore quando è ancora a +7 (+7!) a 7 giornate dalla fine, quindi tutto ancora decisamente dalla nostra parte, con una Champions ancora da giocare. Questi problemi di cui parli, per me, potranno essere affievoliti col tempo, con il ritorno di una stagione sportiva caratterizzata da tempi normali, con un mercato adeguato (Arthur e non solo) a centrocampo, lavorando ancora assieme, crescendo e soprattutto RINGIOVANENDO questa squadra e questa rosa: nel calcio di oggi SI CORRE e SI DEVE CORRERE e, in una situazione come quella di ieri sera, serve gente che corre e che sa tenersi il pallone fra i piedi anche e soprattutto quando scotta. Intanto che questo processo di crescita e di miglioramento avanzi, direi che possiamo comunque ritenerci soddisfatti di vedere la nostra squadra, comunque, lassù (stabilmente lassù: +7!) per adesso, con l'obiettivo di migliorare passo passo, cosa che sono sicuro faremo, perché NON ho MAI visto la Juve non reagire violentemente dopo una scoppola del genere. Questo ovviamente il mio pensiero, senza nemmeno chiudere gli occhi e dire che va tutto bene: i problemi ci sono, ma c'erano anche se ieri si vinceva 0-3, i problemi ce li ha qualsiasi squadra (anche il City che a -1343252 dal Liverpool... cosa dovrebbero dire?), anche la Lazio che ha perso a Lecce (quartultima) o l'inter che non ne ha prese 4 ma si è fatta rimontare, con un uomo in più, dal Bologna in casa a 20 minuti dalla fine (per me più grave che prenderne 4 in questo momento dal Milan in una partita come quella di ieri). I problemi li hanno tutte le squadre, l'obiettivo è farli pesare il meno possibile, cosa che, a volte più a volte meno faticosamente, i giocatori (e Sarri, che, contrariamente a quel che si pensa qualche merito ce l'ha) stanno facendo egregiamente.
  7. Qualsiasi di noi, qui dentro, avrebbe firmato col sangue alle 19:29 di ieri per essere a +7 alle 23:30. E' chiaro che dopo aver assaporato un (facile) +10 ci sia un pò di amarezza (il campionato sarebbe finito). Niente è compromesso, ovviamente, abbiamo le due gare più toste in casa (Atalanta e Lazio) e non son così sicuro che la Lazio le vinca tutte da qui alla fine. Oggi è giorno di funerali, già domani sarà giorno di ripresa (per tutti, ma soprattutto, cosa più importante, per i calciatori).
  8. Insomma... Per me il goal del 3-2 era evitabile, fa bene ad atterrare il giocatore del Milan, ma poi quando va a chiudere su Leao temporeggia (troppo, tanto) lasciandogli spazio per calciare (cosa che fa SEMPRE con qualsiasi attaccante) e poi, per di più, fa anche la deviazione decisiva (che se gli stava un pò più attaccato non sarebbe venuta fuori, almeno non così). Di certo non è che va crocifisso perché non è tutta colpa sua, ma di sicuro, in quel momento, l'assenza di De Ligt ha pesato troppo. Detto questo Rugani, in teoria, è il quinto centrale: ieri mancavano De Ligt, Chiellini e Demiral. Questi 3 citati (soprattutto i primi due) sarebbero titolari in qualsiasi squadra del mondo. Ci sta, quindi, che il quinto non sia un fuoriclasse. Peccato che ci sia capitato in campo proprio ieri contro una squadra, il Milan, in forma e in un momento di sonno generale nostro.
  9. Scez Cuadrado De Ligt Bonu Sandro Benta Pjanic Rabiot Douglas Dybala Cristiano Bisogna iniziare bene da subito e metterla bene, perché questi son tosti.
  10. Mi da quasi più fastidio del rigore ripensare a Berna che ruba palla (a Romagnoli mi sembra) e si invola verso la porta, era un 3 contro 2, fermato per un fallo che non esiste mai
  11. Ma mi sembra assurdo dare colpe all’allenatore. Tra l’1-2 ed il 3-2 è passato così poco tempo che non si poteva manco fare un cambio, cioè... Eravamo tutti convinti di averla vinta e di essere a +10, sia noi sia, più grave, loro. Quel rigore, per me fasullo, ha riaperto tutto, ma noi eravamo già a riposo (mentalmente).
  12. Okay, ci sta. Però se dobbiamo preoccuparci del Sassuolo, allora non è ben chiaro chi siamo noi. Partita strana stasera. Confido nel fatto che sappiano metterla subito da parte.
×
×
  • Create New...