Jump to content

Eorlingas

Tifoso Juventus
  • Content Count

    3,357
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

1,416 Excellent

About Eorlingas

  • Rank
    Juventino Le Roi
  • Birthday 07/26/1991

Recent Profile Visitors

5,024 profile views
  1. Con la finale di Euro2020 si chuderà non solo la stagione agonistica ma l'intera seconda decade di questo secolo. Un decennio, partito nell'estate 2010 dopo il Trionfo Spagnolo in Sud Africa, dove ne abbiamo viste davvero di tutti i colori. Nell'attesa che finisca la stagione(magari riservandoci qualche ultima perla) possiam già cominciare a raggruppare quelle che per noi soo state le partite simbolo del decennio che(dal punto di vista sportivo) stà per terminare. L'Idea sarbbe quella di farci un sondaggio alla fine dell'anno. Io su due piedi e senza ragionarci troppo comincio con queste: Svezia-Portogallo 2-3(Qualif.Brasile2014): Ibra Vs CR7 - Se il decennio è caratterizzato dal duello costante fra Messi e Ronaldo, il miglior duello individuale in una partita però è senza dubbio quello che si gioca a Stoccolma fra Ibrahimovic e Cristiano Ronaldo. Con in ballo la partecipazione al mondiale, i due colossi si caricano letteralmente sulle spalle le rispettive squadre e danno vita ad un duello fantastico che sarà letteralmente vinto per 3-2 dal portoghese che con una tripletta porta il Portogallo in Brasile, nonostante la doppietta di Ibra. Brasile-Germania 1-7(Semifinali Brasile 2014):Il Mineirazo - Sicuramente il risultato più roboante di tutta la decade perchè come disse Caressa in diretta al sesto gol dei tedeschi "Che vinci 6 a 0 in Brasile contro il Brasile lo racconti ai nipoti e ai pronipoti per generazioni e generazioni". Il Mieirazo è la vittoria simbolo della cavalcata impetuosa della Germania verso il suo quarto mondiale(IMHO il più spettacolare di quelli giocati nel decennio) e al contempo stesso la partita che contenderà per molto tempo al "Disastro del Sarria"(ovvero la sconfitta contro l'Italia a Spagna 82) e soprattuto al "Maracanazo" il titolo di "Più grande disfatta della storia del calcio Brasiliano". Barcellona-Paris Saint Germain 6-1(Ritorno Ott.Finale Champions League 2016/17): La Remuntada - Una delle cose che ha contraddistinto particolarmente questa decade è l'elevato numero di rimonte "impossibili" che si sono viste, soprattutto in Cnahmpions League. Malgrado il Barcellona sia stato protagonista di queste più spesso in negativo, di certo la più incredibile rimane il clamoroso ribaltamento del 4-0 preso a Parigi. Un turno passato più con nervi e disperazione che con una vera grande prestazione, ma il gol allo scadere di Serj Roberto è una delle istantanee del decennio. Juventus-Bayern Monaco 4-6 dts(Ott.Finale Champions League 2015/16) : Il Manifesto - Faccio uno strappo alla regola doveroso e, seppur un ricordo complessivamente molto amaro per il finale, metto queste due partite assieme. Il doppio Ottavo di Finale fra Juve e Bayern è stata a tutti gli effetti un vero e proprio Manifesto per il gioco del calcio nella sua totalità ed essenza. Dentro vi puoi trovare quasi tutto quello che si può ricercare in questo sport: epicità, tecnica, intensità, organizzazione di gioco spinta ai massimi livelli, grandi giocate individuali. Ed è in particolare il confronto fra quelli che sono probabilmente i due massimi esponenti di due principi, due modi completamente diversi di vedere il football, che in questo duello vengono elevati quasi in maniera eguale al massimo del loro splendore. Se all'andata a Torino per 1 ora vediamo IMHO una delle massime espressioni del calcio di Guardiola, a Monaco per 1 ora abbondante vediamo una delle migliori Juventus dell'era Allegri fare strage della retroguardia bavarese in casa loro. Ua sfida fra due squadre e 2 filosofie, che verrà vinta dai tedeschi solo all'Extratime dopo un disperato arrembaggio alla fine dei 90 minuti. Palla voi!
  2. Al dilà del presente la domanda fondamentale è una. Ma quindi esistono ancora dei pazzi furiosi che sono davvero convinti che la Juve sia arrivata dove è adesso negli ultimi 10 anni NONOSTANTE Marotta e Paratici e non GRAZIE IN BUONA PARTE A?
  3. De Ligt quando è subentrato a Roma ha fatto un partitone però.
  4. In queste prime 3 partite dell'anno abbiamo fatto 10 gol e ne abbiamo preso solo 1 su rigore. Al dila' di questo in tutte e 3 le occasioni, pur se la partita di Roma ha visto troppi errori tecnici anche banali, di sono viste 2 cose positive: -Ad eccezione in parte del primo tempo col Cagliari, diamo di nuovo l'idea di poterla buttare dentro e renderci pericolosi ogni volta che ci avviciniamo all'area avversaria. -Concediamo molto meno agli avversari. Anche nella partita più difficile, contro una Roma che aveva preso possesso del campo, i giallorossi hanno fatto una fatica bestiale a creare delle palle gol pulite e a ritrovarsi nella condizione di cacciare in porta. Inoltre ci sono molti giocatori che sembrano in crescita. Vediamo come continua il trend nelle prossime settimane
  5. Non sappiamo già più da unpezzo di che catzo parlare sul forum, sennò non staremmo qui a fare questo tipo di discorsi in fondo molto fumosi
  6. La Juventus attuale è sulla carta IMHO nettamente più forte di quella Juventus. In realtà la forza complessiva della squadra è sempre stata in crescendo. Il nostro affetto verso la prima Juve di Allegri(fortissima, nettamente superiore a quella di Capello per dirne una) deriva da 2 fattori: 1)Il Background, aspettative e contesto: Nessuno avrebbe mi pensato, tanto in quell'estate, quanto alla sosta di natale, che saremmo potuti davvero arrivare in fondo. Fino a quel momento c'era la convinzione diffusissima che i successi della Juventus dipendessero in larga parte da Conte e che quell'addio improvviso fosse l'inizio della fine del ciclo. Il campionato di fatto finì alla 6' giornata con Totti che alzava bandiera bianca lamentando furti e Nedved che diceva in conferenza che alla Juve avesse detto una coa del genere gl avrebbero tolto la fascia, ma in Champions nei gironi stentammo non poco(le parole di Allegri quando disse che al suo primo anno quando ci si approcciava la champions ce ne erano alcuni che diventavano bianchi dalla paura). Malgrado fossimo forti non sembravamo in grado di competere, di fatti ci arrivammo da outsider puri, contrariamente alla stagione 2016-17 dove a detta di molti(sia qui dentro che fuori) partivamo sin da subito fra le favorite e difatti facemmo un percorso fantastico, forse il più esaltante che ricordi in coppa, per poi prendere una scoppola devastante a Cardiff(anche nelle 2 finali, a Berlino a fine primo tempo non avevi minimamente l'impressione che avremmo potuto vincerla, quelli sembravano davvero troppo forti, a Cardiff invece ci credevamo tutti) 2)Le Mancanze attuali: I discorsi che tendiamo a fare adesso per il centrocampo, all'epoca e per tutti i primi anni della nuova gestione li facevamo sull'attacco. Ci consideravamo poco competitivi nonostante una difesa e un centrocampo top perchè non avevamo prima attaccanti forti(poi dopo l'arrivo di Tevez cisi cncentrò sul centravanti TOP, perchè n Lllorente nè Morata, per quanto fece una Champions da urlo avevano quelle Skills). Con la differenza che oggi hai comunque un centrocampo di un certo livello con delle valide alternative, dall'età media mediamente bassa(se escludi MAtuidi e Khedira) e sulla carta molto ben assortito con gli arrivi di Rabiot e Ramsey e sopratutto, con ancora grossi margini di miglioramento. Il centrocampo di quegli anni rimane favoloso ma IMHO non ha mai fatto vedere appieno tutta la potenza del quale era capace (per me il miglior centrocampo mai visto alla Juve per uomini e condizione dei singoli rimane quello dei primi 2 anni di Conte) Pogba quell'anno fu spesso fuori per infortuni e perse parte del percorso verso la finale. Pirlo era sempre Pirlo ma era nella sua stagione meno brillante(i commenti che gli si tiravano addosso quell'anno specie fino ad aprile a legerli adesso farebbero impressione), così come Vidal. Fu fondamentale il sempre sottovalutatissimo Marchisio che seppe adattarsi a più compiti, aiutato anche da Sturaro e Pereyra a turno che mai più ripeterono quelle prestazioni. Fu frutto di una grandissima organizzazione di squadra, di un Morata versione bello di notte e Tevez che fece forse la miglior stagione della carriera, con una squadra che di fatto zittì sul campo i catastrofisti che si eran fatti vivi sin dai primi di giugno. Inoltre, come spesso fatto notare da qualcuno, questa rosa nei 23 è oggettivamente più forte. Noi di fatto dall'inizio dell'anno non abbiamo mai avuto la rosa intera a disposizione. Basti pensare che le seconde linee attuali sono queste. Mlti di questi sono a tutti gli effetti dei titolari aggiunti(la squadra di Capello per esempio invece aveva la coperta lunga davvero solo davanti e in parte sulle fasce e fu molto fortunata che durante l'anno le infermerie furono impegnate solo a curare le pubalgie semicroniche di Emerson e Viera, perchè sennò sarebbero stati dolori veri) ----------------------------Buffon --Danilo------Demiral-----Chiellini----De Sciglio -----------Khedira---Emre Can----Rabiot -----------Costa------Higuain---Bernardeschi Detto questo è ancora presto per dare giudizi.
  7. Sono sostanzialmente d'accordo però secondo me sarebbe il caso di contestualizzare meglio il discorso relativo all'etàmedia della squadra e quanto questa influisca. In questo momento hai un età media alta generale, però prendi la squadra titolare tipo di quest'anno e hai mediamente in squadra solo 3-4 30enni di cui almeno 3 di questi sono forse quelli che ti danno forse più affidamento a livello di tenuta fisica(Matuidi corre per 80, Cuadrado terzino destro e Ronaldo che alza parecchio la media ma non lo dimostra,e Bonucci). Una buona dose di giocatori fra i 25 e i 30 che sono teoricamente nella fase clou della carriera(Tek, Sandro, Pjanic, Dybala, Ramsey, Douglas). E abbiamo titolari pseudo fissi 2 appena ventenni(Bentancur, De Ligt, Demiral). Ma andando più nel pratico, nell'età media influiscono sicuramente i 41 anni di Buffon per dire. La Juve ha un età media di 28.8. La squadra che noi consideriamo tipicamente la più prestante a livello di intensità agonistica(il Liverpool di Klopp) è delle Big europee quella con l'età media più alta dopo di noi(27.9, non troppo distante) Il Realmadrid invece per esempio ha un età media molto più bassa ma nella media influiscono molto la presenza constante di giovani della cantera e nell'11 tipo c'è mezza squadra di movimento di Over30(e stesso discorso si può fare per il Barcellona) titolari fissi. Questo punto ha bisogno di approfondimento.
  8. No, esattaente come ho scritto, i numeri non si possono tirare in ballo senza essere debitamente contestualizzati in un dibattito sano(tipo tutto quello che non è quello sulle guide tecniche da almeno 5-6 anni a questa parte) Però dai, lo sai anche tu, fra le due cose c'è un oceano di mezzo teoricamente pieno di buon senso. Su Allegri ad esempio si possono dibattere su molte cose, sui successi, su quanto negli insuccessi ci sia stata o meno la sua mano(per me ad esempio in quelle che sono considerate le sue più grandi sconfitte ha colpe veramente minime) o sull'apprezzare o meno una filosofia calcistica(io ad esempio tendo ad apprezzare probabilmente più Sarri e il primo Conte sotto questo aspetto, ma non posso dire di on essermi divertito o non aver visto grande calcio con Allegri). Un conto è definirlo un pessimo allenatore o uno che non ha mezzo schema. Questa è una puttanata PUNTO e chiamiamola per quello che è.
  9. Scusami.. Giustamente ognuno ha le proprie opinioni. Ma basta con sta storia che tutte le opinioni abbiano lo stesso valore. Non stiamo parlando di pensiero e filosofia, in molti dei discorsi, che si fanno qui dentro, pur con il fatto che vanno interpretati, qui ci sono numeri e dati tangibili da prendere in considerazione. Il diritto di tutto ad esprimere un opinione non può essere la pretesa che siano tutte uguali. Uno che scrive che Allegri è un pessimo allenatore, miracolato e incapace di proporre qualcosa(come si èscritto per anni), oppure che con Sarri quest'anno abbiamo fatto una prima parte di stagione disastrosa scrive OGGETTIVAMENTE, dati alla mano, una puttanata di livelli disumani.
  10. Non mi interessa avere ragione. Se ho frainteso le tue parole mi spiace molto. la mia domanda continua ad essere su cosa basi questa affermazione. Perchè di suo sembra una frase molto approssimativa che di suo non vuol dire niente. Quale squadra fa questo. In realtà se ben ricordi sei stato tu a quotare un mio post iniziale, scrivendo questo commento qua: "Vabbè questo non toglie che una società sportiva lavori per migliorarsi sempre e raggiungere gli obiettivi che si pone. Altrimenti la Juventus dovrebbe cessare di esistere: non penso si pretenda di vincere sempre e comunque, semmai si auspica un mercato più ragionato che risponda ad un progetto tecnico preciso per evitare situazioni come quella che stiamo vivendo. La rosa dei giocatori sembra più scarsa di quel che realmente è solo perchè viene piegata ad un uso sbagliato determinato dalla volontà di imporre un'idea di gioco inseguita quasi fosse l'obiettivo fondamentale." Io poi ti ho quotato su un punto in particolare, quello in grassetto(e soprattutto la parte sottotitolata), dove sembra proprio che paventi una situazione di emergenza e criticità che onestamente mi sembra fuoriluogo al massimo. Qual'è qeusta famosa situazione? Pace e arrivedderci
  11. Sei un drigente sportivo navigato e sei così gentile da condividere con noi queste sacrosante verità invece che andare a proporti come alternativa a Paratici? Scherzi a parte... E' super approssimativo come discorso. Secondo te le squadre di Sarri, dal Napoli al Chelsea fino all'Empoli giocavano tutte in maniera pressocchè identica? Il City, il Bayern e il Barcellona di Guardiola giocavano tutte esattamente alla stessa maniera con le stesse identiche tipologie di giocatori? Gli allenatori non sono monoliti. Non lo era Guardiola che si è formato in una squadra dove insegnano lo stesso metodo fin dai pulcini da ben prima di lui, figurati Sarri. Hai praticamente scritto che una società di calcio che fattura mezzo miliardo di euro, competitiva ai massimi livelli che vince da un decennio e ha fior di campioni in squadra non abbia un progetto tecnico serio o proprio non ce l'abbia perchè vive solo di occasioni esemporanee. E' giusto un pelo ardita come affermazione E scusami ma è esattamente questo che intendevo quando dicevo che qui dovremmo prenderci tutti molto meno sul serio.
  12. Capita quando si perde a Roma.... Ahhh no aspetta
  13. Siamo primi in classifica, qualificati in maniera netta agli ottavi di Champions come non succedeva dai tempi di Capello(e abbiamo appena vinto a Roma dove, a giocarci punti seriamente, non vincevamo da quasi 10 anni, Stagione 2010-2011, gol di Krasic e Matri). E ci sono pure un buon numero di singoli giocatori che AD OGGI(sgratttttt ) sembrano rivitalizzati nel rendimento rispetto allo scorso anno. Il tutto cambiando guida tecnica impostando un percorso e un metodo di lavoro diametralmente opposto dopo 5 anni con Allegri(irripetibili e fantastici, non ci sarebbe nemmeno bisogno di specificarlo ma qui dentro guai a tessere le lodi a due allenatori contemporaneamente) Quale situazione da evitare staremmo vivendo? Perchè dopo metà campionato non siamo ancora diventati la versione Italica dell'Olanda del 74? Perchè rispetto allo scorso anno abbiamo 2 squadre attaccate alle chiappe che manco loro sbagliano mezza partita? Ma soprattutto chi è che decreta la competenza del lavoro fatto dai dirigenti e quanto il mercato sia ragionato? Noi tifosi qui sul forum? m*****a Poi chiaro ohh, si può parlare di tutto quello he si vuole, ma ho l'impressione che qui quando diamo giudizi dovremmo prenderci tutti molto meno sul serio e non farsi venire il sangue marcio per quelle che sono pretese che di realistico non hanno nulla
  14. Qui notoriamente pullula di luminari e professori non lo sai?
  15. Comunque abbiate pazienza, ma pensare che questo ciclo possa andare avanti all'infinito semplicemente non cannando colpi di mercato è una delle pretese più ridicole che abbia mai sentito in vita mia. Potremmo avere giocatori sempre più forti, più soldi da sganciare ma fisiologicamente non può andare sempre tutto bene, sia perché alla lunga le variabili cambiano inevitabilmente, sia perché banalmente esistono anche gli altri. Se è questa la vostra prospettiva si possono fare solo 2 cose: 1)ricollegarsi con la realtà. 2)Smettere di seguire qualunque disciplina sportiva esistente perché non avrebbe senso farlo.
×
×
  • Create New...