Jump to content

Eorlingas

Tifoso Juventus
  • Content Count

    4,936
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

2,709 Excellent

About Eorlingas

  • Rank
    Juventino Le Roi
  • Birthday 07/26/1991

Recent Profile Visitors

6,561 profile views
  1. Shhhhhh non rovinargli il sogno di sentirsi i Poirot della situazione Volete un po di disciplina? Mettiamo un Tudor Vero!!!
  2. Qualcuno di voi anime gentili con i superpoteri e il dono della predizione mi passerebbe i numeri del lotto già che c'è?
  3. Sembra il formato della Coppa dei Campioni del 1992 al contrario. Nel 92 ci furono sedicesimi, ottavi e poi 2 gironi da 4 le cui vincitrici si affrontarono in finale(Barcellona-Samp)
  4. Occhio che se in una botta escono Dybala, Rabiot, Ramsey e Ramsey si libera un botto di spazio nel monte stipendi. E sarebbero 3 plusvalenze mica da ridere.
  5. Io lo dico: Togli lo scatto di Mbappe e sembra in tutto e per tutto la descrizione di Zizou
  6. Quando ci si renderà conto che senza senatori e gruppi storici non esistono proprio le squadre sarà troppo tardi.
  7. Per quanto adori Gasperini(lo avrei voluto già dopo quello che ha fatto a Genova)in questo momento non ha senso cambiare allenatore. Allegri e Sarri non sono stati mandati via per i risultati sportivi, ma perche(per esaurimento fisiologico il primo e per incompatibilità il secondo) non c'erano i presupposti per lavorare ancora assieme in un clima ottimale fra mister, giocatori e dirigenti. Al netto dei prevedibili risultati di quest'anno(fisiologici imho) l'impressione forte è che Pirlo sia seguito, ascoltato e sostenuto da tutti. Per adesso(e sottolineo scaramanticamente per adesso) questo è il primo anno dopo tanti dove non mi pare sia ancora uscita mezza voce di screzi fra allenatore e uno o più giocatori. Non è un caso. Pirlo probabilmente è protetto dai senatori e dai dirigenti e i più giovani inevitabilmente lo vedono come una semidivinità in virtù del suo vissuto da calciatore(che è una cosa che fa tantissimo in uno spogliatoio di giocatori, specie se forti). Qualcuno può reputarsi una cosa negativa, ma per un allenatore se ti ritrovi in queste condizioni, esperto o no è l'ambiente perfetto in cui lavorare, al netto delle pressioni. A meno che non si spacchi completamente lo spogliatoio stile 2009/10 e finiamo decimi in campionato resterà dov'è.
  8. Mio padre è un milanista molto moderato, che il calcio lo seguiva soprattutto da bambino e oggi segue soprattutto il Rugby, che è il suo sport preferito. Però è molto bello parlare con lui soprattutto quando racconta dei calciatori che vedeva lui da bambino/ragazzo, soprattutto Pelé, Rivera e Cruijff, che considera il piu forte di tutti. E se vedo il tifo calcistico in maniera(seppur molto passionale) sana, senza vederla come una guerra lo devo principalmente a lui, che di insegnamenti ne ha dati tanti: Da milanista accompagnò suo nipote a vedere l'inter che faceva ritiro precampionato nella nostra città. Un altra volta ci accompagno ad un torneo che giocavamo con la nostra squadra in Francia. C'era un clima orribile e tesissimo per alcune decisioni dell'arbitro, che per proteste aveva pure espulso il nostro mister(capo scout con il signore sempre in bocca peraltro ). Per una gara fra bambini. Dopo la partita c'erano allenatore e genitori che stavano ancora battibeccando con l'arbitro. Mio padre li ha insultati tutti uno per uno dicendogli di vergognarsi per l'esempio che stavano dando. Dopo di che ha preso sia me che mio fratello e ce ne siamo andati a casa per conto nostro. Esempio.
  9. Don Balon è il Tuttosport di Spagna. Avrebbe AD ORA poco senso perchè ti ritroveresti di fatto nella situazione di partenza di quest'anno(certo con ppiù tempo per preparare la stagione) e ricominciare da capo. Pirlo, a meno di catastrofi clamorose tipo spogliatoio distrutto, andamento da zona retrocessione, risse, faide interne con giocatori e dirigenti o roba simile resterà.. Detto questo Gasperini certamente meriterebbe la chance e rimane il tecnico che più di tutti mi ricorda Lippi(quindi approverei).
  10. Beh dai, effettivamente Polpetto oggi è a Milano. Scherzi a parte, Pogba in questa Juve mi intriga ma al tempo stesso non mi convince. Arrivasse penso che verrebbe messo più o meno dove oggi gioca Ramsey o al posto di McKennie accanto ad Arthur. Messo come Ala in non possesso ma in realtà come mezzala Trequartista facendogli fare i compiti che svolge Ramsey(o che ha svolto Kulusevski a Cagliari), quindi impiegato più in avanti rispetto ad adesso,probabilmente diventerebbe offensivamente devastante come nessuno, ma: A)Non so quanto potrebbe aiutare nel pressing, che è il fattore dove rispetto alle ultime 2 stagioni siamo sensibilmente migliorati B)Ogni discorso su quel ruolo(quindi vale anche per un Aouar o per lo stesso Kulusevski) secondo me passa in secondo piano fino a quando non capiremo dove Pirlo vuole mettere Dybala, perchè secondo me è proprio li che lo vuole piazzare(se resta), quindi Polpetto dovrebbe scalzare McKennie. C)Pogba da noi l'ho adorato per tutto tranne per il fatto che ti faceva SISTEMATICAMENTE perdere 1 tempo di gioco nel palleggio. Però ehi, ammetto sarebbe intrigante, anche se forse io preferirei più un qualcosa di simile a Marchisio.
  11. In queste 2-3 partite da terzino mi ha dato impressioni simili a quelle che mi diede il primo Cuadrado terzinato. Che detta così sembra una cosa bella, ma in realtà nella sua prima vera partita da terzino Panita pur spingendo da subito molto bene , ha fatto 2 cappelle allucinanti su Perisic che ci potevano costare lo scudetto. In spinta Berna va e d'altronde la sua migliore stagione della carriera l'ha fatta da Quinto. Dietro ha da affinarsi. Il sacrificio non gli è mai mancato. Vediamo a fosforo difensivo. Il colombiano ci ha messo anni prima di diventare buono anche dietro. Vediamo se la scommessa di Pirlo funziona.
  12. Quest'annata in generale è un annata ancora più particolare per noi, in quanto squadra che ha dovuto rinnovare squadra e progetto tecnico(in una Serie A insolitamente piena di progetti collaudati vecchi di anni come non si vedeva da tempo immemore). Troppo diverso e troppo penalizzante per una squadra in queste condizioni non fare ritiro precampionato e non poter mai fermarsi e preparare una settimana intera di allenamento ma solo studiare gli avversari per il giorno dopo. Aggiungici una marea di assenze nel momento clou, l'arrivare a giocarti la partita più importante dell'anno senza MEZZO costruttore di gioco che sia uno e senza vertice alto e delle cappelle clamorose di giocatori immaturi mentalmente che non sarebbero dovuti essere lì per farle e il gioco è fatto. Quest'annata è troppo eccezionale. Come è eccezionale il modo in cui ti sei presentato nel ritorno contro l'Ajax. Togliamoci il discorso di competitività. L'ultima Juve di Allegri era nettamente più forte sia dell'Ajax che del Tottenham che è andato in finale con il Liverpool. Era nettamente una delle squadre più attrezzate per vincerla e tolto l'ottavo di andata a Madrid, fino ad allora stava pure facendo un figurone(la squadra che ha afrontato il Manchester nei due confronti era pazzesca per la forza che sprigionava, anche al netto della sconfitta a Torino che fino al ribaltone coi Colchonerso fu forse la nostra miglior partita di quell'anno). Però c'è un problema. Quante volte nella storia della Champions si sono viste squadre meno attrezzate ribaltare un pronostico? RIsposta: INNUMEREVOLI, quasi tutti gli anni. Quante volte invece si è vista una squadra con 3/4 della rosa incerottati o infortunati che ha la meglio su una squadra che arriva al massimo della condizione fisica e psichica? Risposta: QUASI MAI, per giunta se la squadra in questione oltre ad essere in forma smagliante ha 4-5 individualità notevoli e giocano a memoria tutti assieme da anni. La Juve di Allegri era attrezzatissima per poterla vincere quell'anno, ma si è presentata con troppe variabili contro al momento clou. Senza tutte quelle assenze in partenza la storia probabilmente sarebbe stata molto diversa(e sottolineo SECONDO ME, avremmo forse perso un altra finale ) Discorso diverso invece per l'Ottavo col Lione. Passi che si era proprio alle fasi iniziali della pandemia(ma ancora senza effetti tangibili sul calcio), ma una squadra esperta quella partita non la può e non la deve giocare in quel modo. Per giunta con quasi tutti a disposizione e in campionato eravamo tutt'altro che in un brutto momento(come dimostra la scoppola che abbiamo rifilato all'Inter pochi giorni dopo) e la serie di vittorie fino a poco prima. Ed anche in quel caso era più che attrezzata per poter arrivare almeno ai quarti. Quello per me è davvero l'Imperdonabile. Quest'anno per quanto bruci ha delle valide e fisiolgiche motivazioni. L'ultimo anno di Allegri ancora di più lo si può comprendere. Lo scorso anno col Lione sinceramente no.
  13. Non a tuo avviso... La Champions NON LA PUOI PROGRAMMARE PUNTO. Nemmeno se prendi i migliori giocatori del mondo tutti assieme e li disponi in campo coe un dream-team Mentre un campionato non si vince "con i sè e con i Ma" una Coppa come la CL(e, in maniera ancora più estrema, la Coppa del Mondo) è letteralmente costruita con i WHAT IF. Puoi(come dici giustamente te) programmare AL MASSIMO di essere competitivo per vincerla(e SPOILER ALERT: una squadra che in un arco di 50 anni arriva in finale in media 1 volta ogni 6-7 anni circa è una squadra fottutamente competitiva). Ma per quanto tu possa essere forte cammini sui dettagli e ogni cavalcata verso la coppa DI OGNI SQUADRA(sopratutto di quelle che l'hanno vinta) ci sono momenti dove un micro-dettaglio imprevedibile o una concatenzione di fattori fa la differenza e cambia letteralmente la storia. Lo è stato per il Milan nella nebbia di Belgrado senza il quale oggi non parleremmo di Sacchi. Lo è stato per lo UTD prima a Barcellona nel 99 con quel rimontone ma soprattutto a Mosca dove la differenza l'ha fatta uno scivolone sull'ultimo rigore senza il quale non solo non avrebbero quella coppa ma probabilmente la fama di "Ronaldo uomo da finali" sarebbe stata stroncata sul nascere dato che l'errore dal dischetto che stava condannando lo UTD era il suo. La squadra principe per spiegare cosa sia la Champions League però è Il Barca di Guardiola. Una squadra troppo più forte delle altre, una categorie a parte che: -Arriva a vincere la prima coppa grazie ad un "aiutino" a Londra. -L'anno dopo ha perso la finale per un "aiutino" con l'Inter -L'anno ancora dopo non è uscita agli ottavi all'ultimo minuto per un miracolo difensivo di Mascherano -La volta ancora dopo ha perso una partita impronosticabile contro DROGBA e altri 10 prendendo 740 pali e restando per buona parte del ritorno in superiorità numerica. Ogni squadra che ha una Coppa dei Campioni in bacheca e aspira ad essere competitivo per vincerla sa perfettamente, al dilà delle semplificazioni romanzate dei giornalisti e delle ossessioni esoteriche dei tifosi, che poteva raccogliere molto di meno o anche molto di più di quello che ha seminato. La Champions League è PURO CAOS!! Chi pensa che si è possa programmare un investimento per vincerla deve fare i conti con la realtà, accettarla o farsela andare bene.
×
×
  • Create New...