Jump to content

ragazzo non sono stato io

Tifoso Juventus
  • Content Count

    796
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

165 Excellent

About ragazzo non sono stato io

  • Rank
    Juventino El Cabezon

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

  1. Non capisco tutto questo livore nei confronti di Pjanic. Provo a fare un breve riassunto: Pjanic ha giocato una stagione ad alto livello nel 2016/17, poi sono seguite due stagioni di alti e bassi, con colpe pesanti nei momenti decisivi, ma non superiori a gente più "tutelata" dal tifo (es. Higuain, Chiellini) e dalla critica (es. Chiellini, Khedira, Bonucci). L'incisività sulla costruzione della manovra della Juve con il gioco di Allegri era medio, probabilmente per le caratteristiche del giocatore in relazione al gioco su cui il tecnico lavorava, faceva tanto lavoro oscuro, più da mediano che da regista. Ora sta giocando un calcio di livello assoluto, riuscendo a pesare sulla fase di costruzione tanto quanto in quella difensiva, dando l'impressione di essere uomo reparto ed a tratti uomo squadra. Siamo solo ad un paio di mesi dall'inizio della stagione, chiaramente è più corretto attendere la fine della stagione per dare giudizio definitivo, ma si può tranquillamente dire che le premesse sono ottime.
  2. Anche in questo topic, come nel topic su Pjanic, mi sento di dire che il modo di giocare di una squadra può impattare e tanto sul rendimento di un giocatore. Ma prima ed al di là di questo direi che la mia impressione è che Bonucci abbia più motivazioni di quante ne aveva lo scorso anno, e soprattutto un rapporto più "limpido" (perché nuovo) con il suo allenatore, queste sono cose che nella testa (che per un difensore è fondamentale, perché basa il suo rendimento sul suo livello di attenzione) di un giocatore, possono fare la differenza.
  3. Per quel che vale, mi sento di confermare il ricordo del percorso tattico fatto da Zidane nella Juventus di Lippi. Transizione da regista basso a regista d'attacco. Fu più un arrendersi all'evidenza di Lippi, che in realtà, come tanti allenatori zonisti suoi contemporanei, metteva il trequartista solo se costretto. Ma con Zidane, così come qualche anno dopo con Nedved, pescò il Jolly, perché giocatori eccellenti in entrambe le fasi di gioco. Trequartisti moderni si potrebbe dire. In merito a Pjanic, aspetto per dare un giudizio definitivo, ma finora ha fatto un mese e mezzo a livelli altissimi, in un ruolo che per due anni sono stato convinto non facesse per lui. Se andasse avanti così, sarebbe il più forte giocatore visto in quel ruolo dai tempi di Pirlo, nonché la dimostrazione di un concetto che spesso si trascura quando si giudicano i calciatori: il modo di giocare della squadra può esaltare o deprimere le caratteristiche di un giocatore.
  4. L'Inter è messa molto bene in campo, vero. Ha fatto un'ottima partita, vero. Ma il Barça di Valverde fa girare il pallone in maniera piuttosto lenta però. E' un suo problema quasi "strutturale" che già altri avevano sfruttato (vedi la Roma di Di Francesco ad es.). Il pressing dell'Inter ha funzionato per quello. La Juventus di Sarri non ha quel difetto "strutturale", gli capita occasionalmente, ma sta pian piano facendo scomparire le fasi di palleggio lento. Se l Juve dovesse avere gli stessi problemi del Barça (che si è ripreso nel secondo tempo, infatti ha vinto) per tutta la partita di Domenica, vuol dire che sarà in pessima serata e potrà fare poco contro la difesa dell'Inter, altrimenti sono convinto che i problemi ad andare in porta non ci saranno.
  5. Non ho mai messo in dubbio che gli allenatori lo abbiano schierato in quella posizione, per questo dicevo che non mi sono spiegato. Sul fatto che a D.Costa "talvolta" le energie vengano meno, sono convinto che non ci sia scampo (e deduco che tu la pensi diversamente, ma tu dai per assodato che abbia fatto bene, quindi mi pare quasi che non sei disposto a discuterne). Cmq, se riguardi le partite di D. Costa in carriera, vedrai che non è che "talvolta" gli vengono meno le energie, non le ha proprio mai avute per condurre 90' minuti da laterale di fascia (senza parlare di numeri), quindi in linea con i centrocampisti. Se poi Sarri fa il miracolo su di lui questo non lo posso sapere (e non lo posso sperare, dato che mi devo attenere a quello che so per certo, da osservatore e non addetto ai lavori), ma finora D.Costa ha sempre avuto quel difetto lì: lasciare quasi scoperta la sua posizione in fase di non possesso dopo ca. un'ora di gioco al massimo (a volte anche meno, purtroppo). Fior di Allenatori si sono arresi a questa evidenza (Guardiola e Allegri). Dico di più, secondo me, per fare quel lavoro lì per una partita intera, D.Costa ha proprio dei limiti fisici (gambe corte, muscolatura esplosiva e poca resistenza nel lungo) e mentali (non è così bravo nei movimenti senza palla e nel "mestiere" tattico). Ripeto, io lo adoro tecnicamente, ma sono rassegnato a vederlo ala e non tornante, per dirla con dei nomi di ruoli "antichi". Dal canto mio, con un terzino molto bloccato questo suo difetto sarebbe anche mascherabile (uno dei motivi per cui secondo me Sarri ha avallato la cessione di Cancelo), ma mi chiedo, se D. Costa ha quel problema e per di più non ha un sostituto valido in rosa, vale la pena puntare su di un modulo incentrato sulla sua presenza? Oppure ha più senso puntare su di un modulo a 2 punte + un trequartista (di cui uno aiuti la fase di non possesso e scali tra i centrocampisti in non possesso), ovvero un modulo per il quale la rosa è in grado di supplire alle assenze dei singoli, in cui D. Costa sia solo uno di quelli che si gioca il posto e non l'altro titolare fisso insieme a CR7?
  6. Io penso che, nel medio periodo, Ramsey debba prendere stabilmente il posto di Khedira. Chiedergli oggi di correre su e giù sarebbe delicato, dati i problemi fisici che ha avuto, per cui penso che Sarri lo voglia anche "preservare" facendolo giocare in un ruolo in cui deve coprire meno campo, dietro le punte. Questo per dire che il trequartista, nel medio periodo, sarebbe opportuno lo facesse Dybala (e penso di aver capito dalle parole di Sarri che sta pensando in quell'ottica da tempo). Davanti Ronaldo e Higuain insieme garantiscono una migliore occupazione dell'area avversaria. In generale, cmq il duo con CR7 è da riprovare. Al di là del ruolo, Dybala è secondo me è evidente che sta crescendo anche mentalmente, direi che sta studiando il gioco "di supporto" ai compagni di attacco, che fondamentalmente è il suo vero punto debole storico, ciò che gli ha impedito di fare il salto di qualità come "dieci" puro. Oggi, così come a Brescia, Dybala mi ha dato l'impressione di fare le giocate consapevole che a volte è meglio che spenda la sua tecnica anche per mandare in porta i compagni. Sembra molto meno ossessionato dalla conclusione. Molto bene così, in Italia ha sempre fatto la punta centrale che parte da lontano, ma ho l'impressione che potrebbe davvero fare grandissime cose se si risvegliasse rifinitore.
  7. Io penso che, nel medio periodo, Ramsey debba prendere stabilmente il posto di Khedira. Chiedergli oggi di correre su e giù sarebbe delicato, dati i problemi fisici che ha avuto, per cui penso che Sarri lo voglia anche "preservare" facendolo giocare in un ruolo in cui deve coprire meno campo, dietro le punte. Questo per dire che il trequartista, nel medio periodo, sarebbe opportuno lo facesse Dybala (e penso di aver capito dalle parole di Sarri che sta pensando in quell'ottica da tempo). Davanti Ronaldo e Higuain insieme garantiscono una migliore occupazione dell'area avversaria. In generale, cmq il duo con CR7 è da riprovare. Al di là del ruolo, Dybala è secondo me è evidente che sta crescendo anche mentalmente, direi che sta studiando il gioco "di supporto" ai compagni di attacco, che fondamentalmente è il suo vero punto debole storico, ciò che gli ha impedito di fare il salto di qualità come "dieci" puro. Oggi, così come a Brescia, Dybala mi ha dato l'impressione di fare le giocate consapevole che a volte è meglio che spenda la sua tecnica anche per mandare in porta i compagni. Sembra molto meno ossessionato dalla conclusione. Molto bene così, in Italia ha sempre fatto la punta centrale che parte da lontano, ma ho l'impressione che potrebbe davvero fare grandissime cose se si risvegliasse rifinitore.
  8. Va bene uno qualunque che non le cambi radicalmente ogni anno (o peggio le brutalizzi come ha fatto quest'anno ADIDAS) solo perché deve convincere a comprarla anche chi l'ha comprata l'anno prima. Si sbizzariscano a cambiare quanto vogliono le seconde maglie, ma le divise "home" devono essere sempre simili: maglia a strisce bianconere, non troppe ne troppo poche (anche se su quello si può anche trattare, certo non possono essere cancellate come quest'anno), pantaloncini e calzettoni bianchi. Quella è l'immagine della Juventus, ne va della riconoscibilità della squadra e dell'identità del tifoso.
  9. La divisa "home" con calzettoni e pantaloncini neri di quest'anno, è da perdita d'identità. Giuro che accendendo la TV oggi mi veniva più naturale pensare che la Juve fosse l'altra squadra, dato che la SPAL ha una seconda maglia dorata (il giallo è un classico delle nostre seconde maglie) e pantaloncini e calzettoni bianchi (che storicamente è il colore dominante delle nostre divise). Sono convinto che il nero predominante strida fortemente con l'immaginario comune su come appare la Juventus in campo. Unita a queste maglie non a strisce, sembra proprio di vedere un'altra squadra in campo, che considerato che parliamo della divisa "home" quindi la prima maglia, ovvero la divisa "istituzionale", è una cosa assurda. A questo punto mi sento di dire che, mi auguro proprio che la Juve quest'anno nei momenti decisivi non indossi mai la divisa di casa. Sarebbe un'immagine molto strana a vedersi, oserei dire quasi seccante vederli vincere con questa divisa tendente al nero totale.
  10. Grazie mille per la spiegazione [emoji1]Non mi occupo di calcio, ma ti assicuro che di partite ne ho viste abbastanza (sia in TV che dal vivo) da accorgermi da solo del concetto di cui parli.Diciamo che "mi sono spiegato male"[emoji57] Quanto dici non solo mi trova d'accordo, ma è ampiamente incluso e considerato nell'analisi (sempre senza pretese di verità) che ho provato a fare nel messaggio precedente.Giusto per capirsi, quale parte del concetto "Costa quando schierato con compiti di tornante dopo un tempo ha smesso di scalare tra i 4 di centrocampo" ho spiegato male? Provo ad anticipare un potenziale scambio seguente, giusto perché siamo già offtopic: se mi dicessi invece che non sei d'accordo con il concetto tra virgolette, a quel punto ti inviterei a riguardarti almeno le ultime mezz'ore delle due partite da me citate, ovvero Real 2018 a Madrid e Napoli a Torino in questo inizio di campionato. Personalmente penso che, anche guardando alla carriera di D.Costa, sia ampiamente assodato che ha problemi di resistenza fisica e mentale nel mantenere la posizione corretta in fase di non possesso dopo al max l'ora di gioco, tanto che Allegri (che aveva una visione chiarissima dei punti deboli dei suoi calciatori) lo aveva ormai battezzato per uso esclusivo di "creatore di superiorità numerica a partita in corso". Detto ciò, io ammiro D.Costa come giocatore e mi piacerebbe ci fosse modo di schierarlo titolare. Ma temo non sia possibile se non smettendo di fare affidamento su di lui in fase di non possesso (e, come te e altri, temo sia inaccettabile per gli equilibri della squadra). Non ammiro Rabiot invece, ma a lui almeno qualche altra chance va data, è ancora giovane e viene da una stagione a dir poco complicata, temo solo sia poco adatto al gioco che ha mente Sarri... Ma staremo a vedere.
  11. Sarà, Douglas Costa quarto di centrocampo come si deve, non l'ho mai visto. Il fatto che in fase di non possesso scali sulla fascia non basta certo a definirlo tale... Non dico che i suoi allenatori non abbiano provato a farglielo fare, ma le partite in cui ha fatto il "compitino di scalare" in fase di non possesso (senza certo andare a recuperare palloni), sono anche quelle in cui ad un certo punto della partita ha smesso totalmente di partecipare alla fase di non possesso (vedi Napoli quest'anno, o Real al ritorno due anni fa) costringendo la squadra a schiacciarsi per coprire dal suo lato. Anche Sarri sperava forse di fargli fare quella cosa lì, ma purtroppo non ha il fisico per fare il "tornante", come lo si chiamava una volta. Se lo utilizzi in quel modo, dopo un tempo, come dici tu, difenderai in 8, ma attaccherai anche in 9, altrimenti lo dovrai sostituire.Dybala invece ha una discreta resistenza (cosa per cui Allegri lo lodava tra l'altro) e non l'ho mai visto calare così tanto in partita. Nel 4-3-1-2 quelli davanti non hanno bisogno di scalare sulle fasce, le mezzali (che devono essere veloci in ripiegamento, quindi Khedira è vietato) ed i terzini coprono gli esterni, mentre il trequartista e uno degli attaccanti possono dare una mano a coprire le vie centrali. Giusto per fare un esempio, ti ricordi il Milan di Ancelotti? Ti chiedo, aveva gravi problemi difensivi giocando con tre giocatori offensivi "puri" e di cui nessuno era né un ala come D. Costa né un tornante?
  12. Non vedo problemi, se non gli stessi identici del tridente CR7 + Higuain + D.Costa proposto ad inizio campionato... Ovvero, bisogna imparare a difendere alti e di squadra nel gioco che vuole fare Sarri. Mettere Dybala al posto di Douglas Costa non complicherà certo il compito ai centrocampisti, anzi, semmai lì aiuterà, dato che Dybala pressa meglio e difende meglio il pallone di quanto Costa (che continuo, nonostante gli preferisca Dybala per incisività, a ritenere uno dei giocatori più forti al mondo nell'uno contro uno) potrà mai imparare a fare.
  13. Esattamente. Per questo periodo di emergenza, si intende. L'ideale sarebbe però schierare Dybala dietro CR7 e Higuain (con Ramsey mezzala destra e Matuidi mezzala sinistra). Il tridente CR7HD (il più forte e completo sulla carta) ha un solo problema: non avrebbe sostituti a sufficienza per tutti i ruoli a meno di rispolverare Mandzukic.
  14. Capisco il punto di vista su Ramsey nell'ottica emergenza, ma non condivido in generale.Perché di mezzali che sanno portare palla, scambiare nello stretto ed inserirsi, dato che Rabiot sembra avere molti problemi, al momento abbiamo solo Ramsey stesso. Toglierlo da lì per fargli fare il trequartista (in favore del solito Khedira che fa bene solo i "compitini" e quando sale il ritmo va in difficoltà), secondo me è sbagliato, dato anche che mi sembra che il gallese si presti un po' i piedi con Dybala, quando gli tocca giocare trequartista. Preferirei riprovare Bernardeschi trequartista (sono convinto che sia il ruolo naturale di Berna).
  15. Spero che abbiate ragione. Io, vedo due suoi limiti correlati e difficilmente superabili con la crescita fisica: 1. Ha il passo lungo ed è macchinoso nel muoversi, perché fisicamente è grande e grosso, può prendere velocità, ma solo negli spazi medio/lunghi. 2. Con quelle caratteristiche, in un centrocampo a 3, secondo me potrà giocare solo in zone centrali, tanto che Sarri a fine partita, per non togliere Pjanic e rischiare, lo ha messo dietro le punte. Per me è un centrale da centrocampo a 4 fatto e finito. Ultima scelta per il momento, per quanto mi riguarda, deve venire proprio dopo tutti, anche dopo il povero e bistrattato Emre Can.
×
×
  • Create New...