Jump to content

ragazzo non sono stato io

Tifoso Juventus
  • Content Count

    957
  • Joined

  • Last visited

Everything posted by ragazzo non sono stato io

  1. Forma pessima, sia dal punto di vista fisico che mentale evidentemente. Al momento inutile e a tratti dannoso quando è in campo. Ma: Dybala ha dato e fatto così tanto finora per la Juventus che mi sembra ridicolo che non lo si possa "aspettare" quando si è aspettato 1 intera stagione uno Rabiot che non ha fatto ancora niente di significativo per nessun obiettivo sportivo di questa squadra e che ancora, nonostante stia rendendo "benino" da qualche mese, non ripaga certo i suoi 7 milioni di ingaggio... Trovo paradossale dare così tanto addosso a Dybala per un mesetto o poco più "storto", quando certe mezzepippe ce le siamo sciroppate per una stagione intera. Dybala rimane l'unico calciatore in rosa bianconera, a parte Cristiano Ronaldo che a febbraio fa 36 anni, che ha le giocate del campione. Mi sembra follia fare il mercato pensando a Cristiano Ronaldo come un "perno programmatico", è il più forte in circolazione, ma è anche un giocatore troppo in la con gli anni per "sacrificare sul suo altare" gente giovane perché non compatibile con lui. Bisogna essere realisti. Manca comunque relativamente poco al suo ritiro/declino atletico. Si può anche cedere Dybala, ma si deve poi essere in grado di sostituirlo. Così, giusto per dire, Kulusevski è un gran prosepetto, ma gioca in un altro modo e non avrà mai i colpi di Dybala, Haaland costa il triplo di Dybala. Sarebbe un danno immane perdere tanti treni solo perché c'è Cristiano Ronaldo. Io dico: pazienza e stop parlare di 'sto rinnovo per un paio di mesi. Se deve arrivare, arriverà quando ci saranno i presupposti da entrambe le parti, quindi chiarezza di intenti da parte della Juventus e forma fisica e mentale per Dybala.
  2. Mi sbaglierò, ma dall'idea che mi sono fatto, secondo me Sarri è stato mandato via per un solo motivo: ha rotto con lo spogliatoio. Tutto il resto, è retorica dei giornalisti. Se fosse rimasto, avremmo risparmiato soldi e tempo sul mercato, cercando di continuare ad "aggiustargli" la squadra. Ma evidentemente, il suo carattere è proprio incompatibile con un gruppo così pieno di giocatori con carriere così "pesanti" alle spalle. La tattica c'entra poco. E' chiaro che finché è stato seguito, le evoluzioni di gioco stavano proseguendo bene. Poi è venuto il lockdown e da dopo quello, molti hanno cambiato atteggiamento in campo nei confronti di Sarri. Ed è finita come è finita. Scudetto cmq vinto (quindi obiettivo primario rispettato), ma tanti dubbi sul fatto che fosse possibile per Sarri continuare a lavorare nel modo giusto con quel gruppo. Provocatoriamente (ma neanche tanto) dico anche un'altra cosa: speriamo che a Pirlo vada meglio nel trattare con questo spogliatoio. Altrimenti, andrà male. Avremo solo perso un altra stagione di tempo nel quale si potevano epurare i giocatori ingestibili e difficilmente allenabili che sono in rosa.
  3. Situazione complicata. Continua ad essere, escludendo CR7, l'unico "top player" già pronto in rosa bianconera, dato che, checché ne dicano i suoi detrattori, con la sola eccezione della stagione 2018/2019, il suo apporto è stato decisivo in tutte le stagioni giocate fin qui con la Juventus. Come molti giocatori di alto livello, ha il forte difetto di essere un giocatore abbastanza specializzato e poco avvezzo alla varietà di gioco: ricezione palla sempre addosso e sul piede forte, poca gamba, associatività di gioco quasi esclusivamente con giocatori che cercano il fondo (Cuadrado) o che giocano bene di sponda usando il corpo per guadagnare spazi (Mandzukic). Queste sono sia lacune che specialità, tutto dipende da come si utilizza il calciatore, anche CR7 e Messi (ancora di più lui, anche se in età matura sembra stia smussandosi) hanno delle specificità molto spiccate nel modo di giocare. Chiaro che il rendimento di Dybala, pur essendo stato molto elevato nel complesso, non è certo stato quello di CR7 e Messi, per cui chi analizza il giocatore tende a confrontare lo stesso con giocatori meno atipici e quindi Dybala ne esce spesso come gran talento ma "di complessa collocazione", per cui, quando lo si analizza si tende forse a ingrigirne il profilo più del dovuto. Detto ciò, è chiaro però che la Juventus non ha mai avuto intenzione (forse anche a ragione) di lavorare sul mercato tenendo Dybala come "perno tecnico della squadra". Ogni anno compra giocatori di non facile compatibilità con il gioco dell'argentino (Higuain, C.Ronaldo) o che vanno letteralmente a pestargli i piedi come zona di campo prediletta (D.Costa, Bernardeschi, Kulusevski). Quest'anno è ancora più dura, perché, giustamente, Pirlo ha scelto di giocare con un modulo a 2 punte. Lo spazio per Dybala per cui si restringe. Se avesse voglia di evolvere, tempo per lavorare e fortuna con la tenuta atletica, potrebbe anche giocarsi la carta dell'evoluzione definitiva in trequartista, ma non è certo cosa semplice né immediata. Altrimenti, deve giocarsi il posto con CR7 e Morata. E al momento, è notte fonda. Ma CR7 smetterà e Morata non può continuare con queste medie goal, per cui, secondo me, Dybala ha bisogno della Juventus quanto la Juventus ha bisogno di Dybala.
  4. Ancora penso a quando fu preso Douglas Costa con l'intento di sostituirlo perché non abbastanza forte secondo molti... Che epoca calcistica strana.
  5. Brutte sensazioni. Sia sulla partita che purtroppo sulla stagione in se. C'è tanta confusione. Ho l'impressione di vedere prove tattiche e di giocatori che di solito, in misura così massiccia almeno, si fanno solo in precampionato. Troppo sperimentali. Ma poi dico... Non mi piace l'idea di impostare a 3 dietro a tutti i costi. Abbiamo solo 3 centrali arruolabili al momento (Chiellini che si è pure fatto male adesso, Bonucci e Demiral) e solo un esterno a tutta fascia (Cuadrado). Non capisco davvero dove si voglia andare a parare con così pochi uomini 'di ruolo'. Chiaro che si difenda a 4 poi, ma quando attacchi rimani con delle zone scoperte o in ampiezza o in zona centrale se di va ad accorciare. In avanti su Ramsey si regge quasi tutta la manovra nelle due fasi così, dato che rimane l'unico che può fare due fasi...Troppa gente adattata in attacco e in difesa, troppe scommesse a centrocampo. La vedo un po' male sinceramente.
  6. A destra Chiesa è perfetto con Danilo dietro che va in chiusura e lo supporta il giusto quando deve proporsi. Il problema di Cuadrado a sinistra è che è lento a proporsi quando ha palla, ma difende e copre bene. Il problema di Chiesa a sinistra è che non copre abbastanza bene. E nessuno può riparare dietro di lui, dato che Chiellini, a differenza di Danilo, ha smesso di fare il terzino nel lontano 2007.
  7. Se è vero, schieralo lì, dato che dietro c'è il solo Chiellini, è peggio dell'errore di schierare Cuadrado a sinistra...
  8. È molto preoccupante in effetti. Spero che sia solo una questione di gestione delle energie e che faccia fare almeno un tempo anche al brasiliano. Altrimenti, stiamo messi male. Rabiot, per l'incostanza che ha è uno che può fare al massimo la riserva in una squadra di questo livello. Spero proprio sia solo una questione di turnazione atletica, considerando che la preparazione la stanno facendo adesso in corso di stagione, non è impossibile, anche se poco bello a vedersi. Se invece davvero dovessimo essere 'costretti' per "manifesta povertà tecnica del resto del reparto" ad affidargli il centrocampo in momenti complicati come questo, vuol dire che sarà una stagione di transizione. Prepariamoci.
  9. Stra-quoto. Sono sfumature di gioco vecchie quanto il 4-4-2.Si è sempre fatto. Da Agosto pare che questa è improvvisamente diventato un nuovo modulo con difesa a 3. Sembra che qualcunon non sappia di cosa parlare o di cosa scrivere.
  10. Condivido. Infatti non è a 3. È a 4. Continuare a parlare di difesa a 3 crea una confusione mentale terrificante e ingiustificata. Giochiamo con il 4-4-2, su, smettiamo di raccontarcela. Non c'è proprio niente di male a giocare così tra l'altro. Il problema è mettere gente fuori ruolo e/o in difficoltà sul piede debole (specialmente quando si tratta di gente quasi monopiede come Cuadrado) piuttosto... Spero di sbagliarmi ma credo che la fascia sinistra è la solita piaga che è da 2-3 anni a questa parte.
  11. La cosa che Pirlo insista su Cuadrado a sinistra mi preoccupa non poco. Speriamo torni presto Alex Sandro a togliere queste maledette castagne dal fuoco a sinistra.
  12. Vedremo, io la vedo improbabile. Il motivo è molto semplice, lì a sinistra ci va uno che da fare il terzino e Chiesa non è un terzino e non credo lo sarà mai. Chiesa non può coprire la fascia sinistra in fase di non possesso e non può farlo neanche Chiellini. Saremmo gravemente scoperti sulle sortite da quel lato. A destra c'è Danilo che fa quasi esclusivamente quel lavoro lì, ovvero il "terzino bloccato" (non è un centrale). Per cui Chiesa penso giocherà davanti a lui.
  13. Questa cosa mi manda fuori di testa. Non capisco come Pirlo non si renda conto dell'errore che è sta cosa. Va bene averla sbagliata una volta... Perseverare è diabolico. Poi... Spero Paratici gli piazzi Rabiot a gennaio. Dovunque. Anche svincolato. Temo Pirlo rischi di prendere una cantonata irreparabile su questo giocatore, che ha tutto per essere un grande, tranne la cosa più importante... La testa. Così brucia anche Arthur tra l'altro. Ci troveremo a Gennaio in piena disperazione di mercato se Pirlo non lavora sull'unica coppia titolare possibile: Arthur - Bentancur.
  14. Condivido. Ma ci sta al momento che sia così. Con Bentancur, ma anche con Chiesa e l'altro di turno (ovvero Portanova che chiaramente è una riserva), quindi con tutti i suoi compagni di reparto, non avevano praticamente mai giocato insieme prima di ieri. Per giocare nei ruoli centrali in genere (difensori o centrocampisti) ci vuole molto affiatamento con i compagni. Il tempo, se le condizioni mediche dei titolari saranno buone a lungo, lo aiuteranno a diventare parte della spina dorsale della squadra.
  15. Mi è sembrato ancora indietro di condizione e ancora poco coeso con i compagni. Superate queste difficoltà, il giocatore può fare molto bene. Come caratteristiche e ripeto, come caratteristiche, lui mi sembra esattamente ciò di cui la squadra aveva bisogno. E' il classico giocatore da palla in cassaforte. Dato che Bentancur è più aggressivo e più "verticale" nel giocare la palla, uno così era indispensabile. Difende la palla coi piedi e con il corpo molto meglio di Pjanic, questo è già un passo avanti. Deve lavorare tanto sul capire come si gioca nel calcio italiano e interpretare con un po' più di coraggio certe giocate, ma a me da sensazioni positive. Non dico altro perché non mi piace parlare sempre e solo di fenomeni o di pippe.
  16. Che poi mi pare sarebbero più o meno il costo dello stipendio dello scorso anno, più le commissioni pagate all'atto del trasferimento. Cmq Rabiot è quello che è. Mezzi importanti, testa ala Balotelli. Possiamo farci ben poco temo. Quest'anno farà la riserva di lusso (e in un centrocampo con due centrali puri può fare il suo a differenza di un centrocampo a 3 in cui era un pesce fuor d'acqua), la prossima estate si spera trovi una sistemazione.
  17. Spero proprio di no. Sono profondamente contrario. Lo reputo un giocatore molto "pericoloso". Mi spiego: considerarlo tra i disponibili, significa lavorare su un blocco di titolari in cui lui è chiaramente un giocatore al momento superiore agli altri per esperienza e bagaglio tecnico/tattico. Se si fa questo tipo di operazione, si ripete l'errore che ha fatto Sarri lo scorso anno, inquadrarlo come un giocatore sano e continuo, quando non è nessuna delle due cose. Sarri e l'anno prima Allegri lo hanno fatto e ne hanno pagato le conseguenze, ci hanno entrambi lavorato su come se fosse un titolare, poi al momento di doverlo sostituire (praticamente due partite si e una no, per poi vederlo definitivamente sparire dai disponibili per diversi mesi), si sono trovati a schierare giocatori con caratteristiche diverse e comunque non pronti perché giovani, poco rodati fisicamente, etc. Vade retro. Meglio lavorare pesantemente su centrocampisti che sulla carta gli sono inferiori ad oggi, ma che danno un minimo di garanzie in termini di continuità di gioco e rendimento. Khedira da garanzie uguali e contrarie al momento.
  18. Il problema non è il modulo, ma l'affiatamento e gli automatismi. Questa Juve non è ancora abbastanza squadra. Si regge sulla forza e la sicurezza di alcuni giocatori, che continuano a giocare come hanno sempre fatto in carriera: CR7, Bonucci, Chiellini, Cuadrado per il momento quelli più importanti che lo hanno fatto in questa stagione. Di questi, 2 mancavano ieri e gli altri due non erano al top. Aspettiamo che rientri Dybala, anche lui rientra in questa categoria. Per la solidità e l'identità di gioco, ci vorrà tempo. La squadra si è allenata troppo poco insieme finora. Comunque, giusto per inciso, la squadra gioca a 4 dietro. Pirlo ha solo scelto (giustamente, data la poca "offensività" dei nostri centrocampisti) di avere un terzino che spinge di più, non ha mai scelto di giocare davvero a 3. Sono due cose molto diverse.
  19. Di quelli che hai scritto, solo i primi 3 possono fare gli attaccanti nel vero senso della parola. Pur ipotizzando in emergenza un una squdra con schieramenti anomali (speriamo di no, ma può anche succedere che si giochi a 3 davanti e non a 2 come da "programmazione stagionale"), solo quei 3 sono in grado di stare in area come si deve, tra l'altro non tutti e tre sono attaccanti "moderni" come si dice quando si vuol fare i modaioli (forse solo il più scarso dei tre, ovvero Morata, lo è, nel senso che è un giocatore completo e sa attaccare lo spazio ma anche sgomitare in mischia). Kulusevski è tutto da scoprire, ma l'attaccante nel corso della sua breve carriera l'ha fatto davvero poco finora. Chiesa, se cresce e impara bene, potrà fare l'esterno ad altissimi livelli, mai l'attaccante.
  20. Confermi quanto penso di lui. Questo è un goal "da esterno": tanto spazio e tempo per preparare il tiro da posizione defilata. Conoscevo il goal, molto bello, lui sa anche calciare bene da quella posizione, lo so. Un attaccante vero, anche se esterno, ha ben altri compiti. A meno che non giochi in una squadra che gioca solo di rimessa, deve essere capace di difendere il pallone e lavorarlo in spazi stretti. E di trovare con efficacia spazi per smarcamento, passaggi e conclusioni anche in tempi strettissimi e con difesa avversaria schierata. Queste cose Chiesa non le ha e non credo le avrà mai, date le sue caratteristiche. In compenso eccelle nella corsa (sia in velocità sul medio lungo che in resistenza), nella copertura di spazi ampi e nel gioco in appoggio ai compagni, specialità in cui una punta può anche difettare. È un centrocampista insomma. Per sintetizzare: La differenza tra un giocatore come Chiesa e un attaccante è esattamente quella che c'è tra un giocatore come Douglass Costa ed un centrocampista. Cioè, quello che manca a Chiesa per fare l'attaccante lo aveva D.Costa, quello che mancava a D.Costa per fare il centrocampista, lo ha Chiesa. Ora chiedetevi, a noi serviva più un centrocampista esterno o un attaccante esterno?
  21. Infatti Conte è stato l'ultimo degli allenatori di alto livello a lavorare sulla difesa a 5 in fase di non possesso. La difesa a 3 pura di fatto esiste solo se poi difendi a 5 quando perdi palla. Altrimenti è una difesa a 4. Comunque sono numeri. Es.: Danilo si sgancia poco, ma quando si sgancia fa il terzino in tutto e per tutto (es. assist con cross dal fondo a CR7 contro la Roma). Molto dipenderà anche da cosa farà Pirlo quando rientrerà De Ligt e cosa Pirlo gli chiederà di fare... Se rientrerà per giocare spesso al posto di Chiellini (cosa più probabile, ma secondo me richiede A.Sandro in campo) o se rientrerà per giocare al posto di Danilo (secondo me poco auspicabile, non solo richiede Cuadrado sempre in campo, ma credo non abbia proprio l'impostazione ed il passo del difensore esterno De Ligt). Gli equilibri sono quelli che sono, in quest'ottica, avrebbe fatto più comodo tenere un De Sciglio come vice Danilo secondo me.
  22. Sono sempre più convinto del fatto che sia un esterno di centrocampo. Non ha il controllo nello stretto né le conclusioni per fare l'attaccante. Però ha tanta corsa, salta l'uomo. Un "tornante" da 4-4-2 nato. Quindi: è costato forse troppo, ma è utile perché a quanto pare giocheremo con due punte e non tre e con un centrocampo che in fase di non possesso è a 4. Certo c'è da capire se conviene avere in campo lui o un trequartista. Ma ci sono tante partite.
  23. A leggere questi numeri, penso che oggi si faccia molta confusione. Mi spiego, mi rendo conto che se si vuole dare un'idea semplice ai giornalisti ed ai tifosi, bisogna dire sequenze di 3-4 numeri (4-3-3, 4-2-3-1, 3-4-1-2, 3-5-2, etc.). Ma mi sembra tutto molto confusionario se si cerca forzatamente di inquadrare con dei numeri i modi di gioco. Provando a fare chiarezza, partirei da un presupposto semplice e forse universale: ci sono allenatori che hanno tra le proprie prerogative la difesa a 3 vera, ovvero una linea di 3 centrali puri affiancati da due laterali a tutta fascia. Anni fa erano in tanti (Zaccheroni, Scala, etc.), oggi sono pochissimi di questa "categoria", direi tra i top solo Conte (con efficacia) e qualche anno fa Allegri (meno efficace, utilizzata solo a tratti per presunte necessità difensive). Uno dei possibili motivi per la quasi scomparsa di questi integralisti della difesa a 3 è che in pochi hanno in rosa terzini adatti a fare quel lavoro sfiancante per 50-60 partite l'anno. Poi ci sono allenatori che hanno come base del proprio gioco la difesa a 4. Sono la stragrande maggioranza. Da sempre. Oggi che si gioca molto a zona sono la quasi totalità. Ci può stare come variante un terzino bloccato e l'altro che spinge, un centrale di centrocampo che scende a dare una mano in impostazione, etc. Ma la difesa va sempre letta come difesa a 4, mai a 3, mai a 5. I vari moduli che non hanno difese descritte dalla definizioni di cui sopra , sono tutti varianti degli unici due moduli con difesa a 4 di cui abbia secondo me senso parlare, ovvero il 4-4-2 e il 4-3-3. Gli allenatori un po' integralisti, come Sarri o come Capello, giusto per restare a due che hanno seduto ed hanno vinto sulla panchina bianconera, tendono a legarsi ad uno dei due, lavorando solo in caso di necessità su leggere varianti degli stessi (es. rispettivamente 4-5-1 e 4-3-1-2), quando hanno a disposizione giocatori di alto livello nei ruoli di regista e/o trequartista. Altri allenatori, meno integralisti (es. Lippi, Ancelotti, Zidane, Allegri, etc.) cercano di sfruttare al meglio ciò che hanno a disposizione come parco giocatori e da li decidere quale dei due canovacci seguire, spesso ricorrendo a soluzioni anche asimmetriche se necessario in base alle caratteristiche dei giocatori. Poi certo, ci sono gli atteggiamenti più o meno aggressivi sul pallone in diverse zone del campo, ci sono modi di schierarsi più o meno corti, di cercare ti tenere il controllo del pallone, etc. Ma questi poco hanno a che fare con i moduli "numerici". Per farla breve, Pirlo mi sembra un allenatore poco integralista di moduli, per cui sta generando confusione in chi ha bisogno di un modulo "numerico" da scrivere e raccontare. Di fatto però: come lui stesso ha detto, non ha un regista di centrocampo ed ha poche mezzali, quindi non ha semplicità nel fare moduli tipo 4-3-3 e derivati. Può farli, ma fatica ad organizzare il gioco ed a mantenere le distanze a metacampo. Non ha terzini a tutta fascia, tranne forse il solo Cuadrado. Impossibile quindi lavorare su moduli con difesa a 3 pura. L'ipotesi più probabile è quindi che giocherà con una variante del 4-4-2 il più del tempo. E' senz'altro apprezzabile cercare di parlare di tattica nei termini in cui si fanno in questo post, ma per semplicità, eviterei di continuare a trastullarsi con le posizioni "fluide" dei giocatori in fase di non possesso e non possesso, dato che facendo così Mourinho e Allegri si potrebbe anche dire che abbiano giocato con il modulo 9-1 diverse partite europee .
  24. Acquisto di prospettiva a costi forse un po' eccessivi per oggi, ma ragionevoli guardando al futuro ed al fatto che il grosso verrà pagato tra due stagioni. Nell'interesse della Juventus: detto che le riserve non esistono più, nelle gerarchie lo vedo dietro Cuadrado ad oggi. Benvenga una sua dimostrazione del contrario. Poi , potrebbe anche stupirci adattandosi sulla fascia sinistra. Nel suo interesse e in quello della Nazionale maggiore: non credo che dal suo punto di vista (guardando anche alla Nazionale) abbia fatto una scelta "facile" o del tutto razionale nello spostarsi quest'anno, fossi stato nei suoi panni, avrei aspettato ancora un anno. Rischia di fare tanta panchina e di perdere tempo utile per valorizzarsi come avrebbe potuto altrove. Questo suo tentativo è comunque ammirevole, gli auguriamo tutti faccia definitivamente il salto di qualità (dico definitivamente perché la continuità, ad alti livelli, è fondamentale). Se proprio volessi umilmente, da osservatore interessato, provare a dargli un consiglio, gli direi di non fare gli errori di Bernardeschi. Date le sue caratteristiche, cerchi di valorizzarle. Sia umile, ma chiaro da subito con il mister Pirlo. Niente esperimenti. Per me è un esterno di centrocampo, con forti propensioni offensive, può dare man forte in un attacco a 3, ma non vede abbastanza la porta ne ha le conclusioni per fare la differenza negli ultimi 15 metri. Dato che attualmente si gioca a 2 centrali in mediana, il suo ruolo naturale, secondo me, è proprio quello di esterno di centrocampo. Che non si perda cercando di fare la punta (cosa che molti giornalisti provano a sponsorizzare, ma che ritengo assurda, data la sua scarsa vena realizzativa e le sue conclusioni poco efficaci) o altri ruoli di possesso (data la sua tendenza a puntare sempre l'uomo e non proteggere il pallone). Comunque sia, in bocca al lupo.
  25. Verissimo Teotino ha sempre preso le parti degli antijuve, ma avendo inteso che il signore in questione è tutto fuorché stupido (anzi, molto astuto), vedo una solo possibile chiave di lettura: Teotino teme davvero che se passa la linea del Napoli, il campionato va verso una fine prematura a forza di battaglie fatte a suon di carte bollate. Lui con il calcio ci lavora, sa bene che questo significa che anche lui si troverà a spasso per mesi se passa la linea del "comanda l'ASL e la volontà delle singole società". E' un uomo ragionevole ed ha capito che creare questo precedente è un pericolo troppo grande per essere corso. Il 3-0 a tavolino esemplare è l'unica soluzione per salvare il campionato, ad oggi.
×
×
  • Create New...