Vai al contenuto

Socrates

Amministratore
  • Numero contenuti

    111394
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Days Won

    15

Socrates last won the day on October 29

Socrates had the most liked content!

Reputazione Forum

3992 Excellent

2 Seguaci

Su Socrates

  • Livello
    English mod
  • Compleanno 03/02/1961

Profile Information

  • Sesso:
    Male
  • Scrive da:
    The Netherlands
  • Interessi:
    Love is not what you say. Love is what you do.

Visite recenti

10467 visite nel profilo
  1. 10 - Paulo Dybala

    Dybala: ‘Great chance to win CL’ https://www.football-italia.net/130741/dybala-‘great-chance-win-cl’ Nov 15, 2018 Paulo Dybala believes Juventus “have a great chance to win the Champions League this year”, but insists it’s not “an obsession”. The Bianconeri have won the Scudetto for seven years in a row, as well as the Coppa Italia for the past four seasons. However, they have fallen short in Europe, losing in the final in 2015 and 2017. “At Juventus, it's always the same objective - to win titles,” Dybala told the Daily Mirror. “It's true that this year, from the outside, the Champions League looks more like an obsession. But the focus is, as always, on the domestic title as well. “We will have a great chance to win the Champions League this year. [Cristiano] Ronaldo provides us with another option and is a very good player and this year we have been playing really well. “Last year we played against Madrid...and we almost won! In four years we have played i two finals. "I believe in previous years we have proven that we are capable to win, but we have had a bit of bad luck, especially what happened last year against Madrid. "We haven't has the luck of winning the competition, but hopefully we do this season. “Ever since Ronaldo arrived, we have been, and we are, really happy together. “I think we have been doing well. We have scored really important goals for Juventus together. Cristiano arrived only recently, but we all know the importance that he has on everyone and we knew his style from before. “We know how he plays and how he works. Of course, you have to make small changes, but we are happy and we are going to score a lot of goals together.” Dybala inherited the Juve number 10 shirt last season, which has been worn by the likes of Michel Platini, Roberto Baggio and Alessandro Del Piero. “It's a big responsibility to wear the No.10 at Juventus, and it was the club's decision, but I'm very happy with it and very proud. “But the most important thing isn't the number on the shirt, it's what's inside.”
  2. Paulo Dybala vestirà la maglia numero 10

    Juventus, Dybala: «Champions? Con CR7 è la nostra grande occasione» L'attaccante argentino: «Con Ronaldo siamo felici, segneremo tanti gol. Da quando è arrivato siamo felici insieme, abbiamo segnato gol davvero importanti per la Juve» FONTE "L'obiettivo è sempre vincere i titoli, ma quest'anno abbiamo una grande occasione per conquistare la Champions, Ronaldo è un ottimo giocatore e quest'anno stiamo giocando bene". Paulo Dybala, nel giorno del suo 25esimo compleanno, ha concesso una lunga intervista al Daily Mirror. "Con Ronaldo siamo felici, segneremo tanti gol - ha raccontato al tabloid inglese la 'Joya' -. Da quando è arrivato siamo felici insieme, abbiamo segnato gol davvero importanti per la Juve". GOL DECISIVI - Reti quasi sempre decisive: "Dall'esterno sembra che per noi la Champions sia un'ossessione, in realtà vogliamo vincere anche lo scudetto. In 4 anni abbiamo fatto due finali, dimostrando di poter vincere ma abbiamo avuto un po' di sfortuna". Dybala indossa da ormai due anni la maglia numero 10 della Juve, la stessa portata da Pogba: "Siamo rimasti in contatto, chissà magari in futuro potremo giocare di nuovo insieme. Dove? Non penso al mercato, ma solo a vincere con la Juve".ARGENTINA, TOCCA A LUI CON LAUTARO - Saranno Dybala e Lautaro Martinez a guidare domani a Cordoba, nell'amichevole col Messico, l'attacco dell'Argentina. Il ct Lionel Scaloni ha ufficializzato la formazione che andrà in campo, con Icardi che partirà inizialmente dalla panchina così come Giovanni Simeone. "Dybala? Gioca sempre in posizioni d'attacco e tende a spostarsi sulla destra essendo un mancino, crediamo che lì offra la sua miglior versione", ha sottolineato Scaloni, che sulla sua possibile conferma alla guida della Seleccion non si sbilancia: "penso solo alle prossime partite e soprattutto al Sudamericano da giocare con l'Under 20". Per l'ex giocatore della Lazio oggi conta cercare di costruire una squadra "con prospettive future, cerchiamo di far giocare tutti e chiamiamo ovviamente calciatori che ci diano delle garanzie. E quelli che sono qui hanno un ottimo presente e grandi prospettive. L'Argentina ha la fortuna di avere grandi giocatori in tutti i campionati e capita, inevitabilmente, di lasciare fuori elementi di livello. Abbiamo giovani di 23-24 anni dal grande futuro e bisogna lasciarli giocare".IN ATTESA DI MESSI - In attesa del possibile ritorno di Messi, che si è preso una pausa dalla nazionale a tempo indeterminato dopo il Mondiale. "L'obiettivo principale è mettere insieme giocatori di qualità e costruire un'identità di gioco di modo che se Messi tornerà, potrà sentirsi a suo agio - ha chiosato Scaloni - Penso, desidero e credo che Messi tornerà. Quando parlo con lui di calcio, si parla di calcio in generale ma non gli ho chiesto se tornerà in nazionale".
  3. Avevo capito che si sposava con Max
  4. Mario Mandzukić: il vero leader della Juventus

    MANDZUKIC, CHE ACCOGLIENZA IN CROAZIA! TUTTI AI SUOI PIEDI! CHE ADDIO! FONTE Mario Mandzukic premiato in Croazia, che accoglienza! Il campione ha ricevuto insieme a Subasic e Corluka la massima onoreficienza dalla sua federazione. Impossibile per la Croazia non omaggiare l’attaccante che ha trascinato la Nazione ai mondiali con i suoi gol, le sue giocate, la sua personalità. Gennaro Gattuso lo ha definito un gigante che tutti invidiano e che tutti vorrebbero. AMORE CROATO, AMORE JUVE - La Juventus lo considera assolutamente incredibile e la testata con cui ha sbloccato la gara contro il Milan è l’esempio della sua personalità, del carattere, della voglia di vincere che trasmette a tutti, che trasmette ai compagni ed ai tifosi. La Vecchia Signora ed il suo mondo lo ha affascinato al punto da spingerlo a dedicarsi solo al mondo Juve. La serata di oggi è una forma di riconoscimento e di addio perché Mandzukic vuole continuare a vincere e farlo per un solo colore, quello zebrato.
  5. Paulo Dybala vestirà la maglia numero 10

    Del Piero fa gli auguri di compleanno alla Joya con la Dybala Mask Alessandro Del Piero ha voluto fare gli auguri al numero 10 bianconero con la Dybala Mask FONTE Alessandro Del Piero si dimostra sempre fuori dal coro, celebrando il venticinquesimo compleanno di Paulo Dybala in modo originale. L’ex bandiera della Juventus ha voluto difatti augurare il buon compleanno alla Joya mostrandosi con la Dybala Mask che utilizza sempre l’argentino dopo aver segnato. Del Piero con questi speciali auguri ha dimostrato ancora una volta la sua vicinanza al mondo bianconero ed in particolare all’erede della sua maglia, quella numero 10 che è stata sempre indossata da grandissimi giocatori nella Juventus e che adesso è sulle spalle dell’argentino. Dopo una giornata ricca di auguri da ogni parte del mondo Dybala avrà probabilmente sorriso vedendo gli auguri dell’ex capitano e numero 10 bianconero.
  6. CR7 si rilassa in famiglia, Ronaldo JR: “ Serata fantastica” Il fenomeno portoghese posta una foto sui social in compagnia della sua famiglia FONTE L’uomo dei record non poteva che finire nella squadra dei record, era destino che prima o poi si sarebbero incrociate le strade e i destini di Cristiano Ronaldo e della Juventus, quando già nel lontano 2002 un certo Luciano Moggi provava a strapparlo dalle grinfie dello Sporting Lisbona. Affare che saltò poi per volontà di Salas, che non volle trasferirsi in Portogallo. In queste prima parte di stagione, grazie a lui, i bianconeri stanno viaggiando con un rullino di marcia impressionante, frantumando già il record di punti nelle prime 12 giornate e di successi nelle prime 11 in totale, Champions compresa. Alla luce di questi dati, sembra più che lecito il meritato riposo concessogli dalla società per via della sosta Nazionale e lui se lo sta godendo alla perfezione. Sono già due giorni circa, che il fenomeno di Funchal viene immortalato in giro per Londra con la sua famiglia, al fianco di Georgina e del suo primogenito, come testimoniano anche le foto condivise tramite i loro account social, come l’ultima risalente a qualche minuto fa. Appare infatti sul profilo Instagram di CR7, una didascalia che li immortala all’interno del ristorante sponsorizzato proprio da Cristiano, ‘Zela London’, con scritto: “ A proposito di ieri sera! Cena fantastica”. Immediato il commento del figlio, Ronaldo Jr che risponde così: “ Si è stato fantastico papà”.
  7. Leonardo Spinazzola torna ad allenarsi in gruppo

    Juventus, Spinazzola è pronto Al rientro dopo 6 mesi, con la Primavera ha segnato e brillato. Allegri adesso ha un'alternativa in più sulla fascia sinistra FONTE Destra, sinistra e ancora destra. Un dribbling secco alla sfortuna che l'ha perseguitato negli ultimi mesi, una serpentina a lasciare sul posto gli avversari. Vestiti di neroverde, nella fattispecie. Perché domenica mattina, aggregato alla Primavera impegnata in casa del Sassuolo, Leonardo Spinazzola è tornato finalmente a calcare un terreno di gioco in un impegno ufficiale. Celebrando la boccata d'ossigeno dopo la lunga apnea ai box con una rete da cineteca, quella che ha sbloccato il risultato nel successo finale dei bianconeri per 3-1, proprio sgusciando via a tre avversari prima di superare l'estremo difensore in uscita bassa. CALVARIO FINITO - Il gol è stato il punto esclamativo su una prestazione, su e giù per la corsia mancina, decisamente confortante per Massimiliano Allegri. Tra tante discese a tutta fascia e altrettanti traversoni a irrorare l'area di rigore. Il tutto ripetuto incessantemente per 77', fino a quando la mancanza di ritmo partita ha incatramato i ripiegamenti dell'ex Atalanta sulle repentine inversioni di possesso palla. Ordinaria amministrazione, insomma, per chi non compariva nell'undici titolare di una distinta dal 16 maggio 2018, giorno di Verona-Atalanta 0-5. Quindi un serio infortunio al ginocchio destro, sfociato nell'intervento chirurgico per la ricostruzione del crociato anteriore e per la sutura del menisco mediale. Quindi la lunga convalescenza, accarezzando il sogno di tornare a vestire quella maglia della Juventus indossata l'ultima volta il 3 giugno 2012 nei playoff scudetto del campionato Primavera. Quindi la faticosa riabilitazione, il lavoro personalizzato alla Continassa, il rientro in gruppo e le convocazioni contro Empoli e Cagliari.
  8. Napoli Calcio: la squadra che perde scudetti in albergo

    Allan, FOTO con Alex Sandro. I tifosi del Napoli: 'Sporco juventino' E ora che ci dici Ancelotti? FONTE "Non abbracciare Alex Sandro, è uno sporco juventino", "staccati subito da quell'individuo, che ti infetta con la juventinità, e poi porta pure sfiga, dagli un calcio e non farti toccare". Sono solo alcuni dei vergognosi commenti apparsi sotto l'ultima foto postata da Allan sul proprio profilo Instagram. Il centrocampista del Napoli, molto felice per la convocazione con il Brasile, ha posato in uno scatto con l'amico Alex Sandro, che però è stato pesantemente insultato dai tifosi del Napoli. Il motivo? E' juventino.Una sequela di commenti senza ritegno, frutto di un clima di odio in cui il calcio è immerso. Una foto che sottolinea l'essere compagni di squadra in Nazionale e amici, seppur rivali nelle sfide tra club, ma che invece è stata solo mal percepita. P.S. Sembra di essere tornati ai tempi della persecuzione ebraica. Da vomito!
  9. Mario Mandzukić: il vero leader della Juventus

    Mandzukic riceve un premio prestigioso in Croazia! FONTE Mario Mandzukic è tornato subito ad incidere con la maglia della Juventus dopo i problemi fisici che l’avevano bloccato nelle ultime settimane. Gol decisivo contro il Milan e bianconeri a +6 in campionato: ma la settimana d’oro dell’attaccante non è finita con l’esultanza di San Siro. Mandzukic, al ritorno in Croazia, è stato infatti premiato con l’onorificenza statale dell’Ordine del Duca Branimir. Ecco il ringraziamento del numero 17 bianconero. Počašćen sam kao primatelj državnog odlikovanja “Red kneza Branimira” te zahvaljujem predsjednici @kolindagk na ovom iznimnom priznanju. Ponosan sam što sam dio ove sjajne ekipe
  10. Ronaldo, 9 partite per superare Messi come capocannoniere del 2018 In questo inizio di stagione l'argentino ha segnato 5 gol in più del portoghese e ora è in vantaggio di 3 reti FONTE E' una classifica che non molti giocatori guardano ma i due protagonisti in questione sicuramente ce l'avranno tatuata nella mente. Nella classifica dei migliori realizzatori dell'anno solare Leo Messi ha un vantaggio di 3 reti nei confronti di Cristiano Ronaldo: 40 contro 37, mentre il terzo nella classifica che considera solo i primi 5 campionati europei è Robert Lewandowski ma ben staccato, a quota 32. UNA PARTITA IN PIU' - In questo primo scorcio di stagione l'argentino ha realizzato 14 reti tra tutte le competizioni mentre l'attaccante della Juventus è a quota 9, di cui 8 nel campionato italiano. Dando uno sguardo al calendario ci sono ancora poche occasioni dopo la sosta per ribaltare le gerarchie: Ronaldo avrà a disposizione 9 partite (Spal, Valencia, Fiorentina, Inter, Young Boys, Torino, Roma, Atalanta e Sampdoria) mentre Messi ne avrà solo 8 (Atletico, Psv, Villarreal, Cultural Leonesa, Espanyol, Tottenham, Levante, Celta Vigo). Per altro nel computo delle gare fin qui giocate Leo è a quota 41 mentre Cristiano ne ha 4 in meno. STATISTICHE IMPRESSIONANTI - Al di là dei gol segnati, Cristiano Ronaldo ha già monopolizzato il palcoscenico italiano: secondo i dati Opta il 5 volte Pallone d'oro ha partecipato attivamente a 108 tiri della Juventus in Serie A (88 conclusioni, 20 assist al tiro), almeno 28 in più di qualsiasi altro giocatore nei top-5 campionati europei 2018/19. Per quanto riguarda la classifica cannonieri della Serie A è pronto il sorpasso al primo posto: nelle ultime 9 giornate CR7 ha segnato 8 reti e ora ha messo nel mirino Piatek che si è arenato dopo un inizio folgorante (9 reti, tutte nei primi 8 turni). CLASSIFICA DEI MIGLIORI REALIZZATORI DEL 2018 (PRIMI 5 CAMPIONATI EUROPEI) Giocatore Squadra Partite Gol Messi Barcellona 41 40 Ronaldo Juventus 37 37 Lewandowski Bayern 37 32 Suarez Barcellona 45 30 Salah Liverpool 39 29 Griezmann Atl. Madrid 45 28 Immobile Lazio 39 27 Kane Tottenham 40 27 Thauvin Marsiglia 41 25 Neymar Psg 23 23
  11. GRAZIE PIPITA

    Higuain chiede scusa: «Ho perso la testa» L'attaccante rossonero spiega nel dopo gara i motivi della sua sfuriata dopo il doppio giallo di Mazzoleni contro la Juve: «Non siamo robot ma esseri umani. L'arbitro sa cosa gli ho detto. Però ho sbagliato e mi assumo tutte le responsabilità» Fonte «Prima di tutto devo chiedere scusa alla squadra, al mister e ai tifosi per la reazione che ho avuto. L'arbitro sa che cosa gli ho detto. Credo anche che gli altri a volte debbano capire l'emozione e il momento della partita. Chiedo scusa nuovamente e mi prendo la piena responsabilità di quello che ho fatto». Così l'attaccante del Milan Gonzalo Higuain ha parlato ai microfoni di Sky Sport dopo la furiosa reazione alla sua espulsione nel secondo tempo del match contro la Juventus. «Perché ho reagito così? Avevo subito fallo da Benatia e invece l'arbitro mi ha espulso dando punizione alla Juve. E' stata una decisione che non condivido ma dovevo accettare. Se il fatto di giocare contro la Juve ha influito sul mio stato d'animo? E' ovvio ma spero che quello che ho fatto non accada più. E' stato un momento così, stavamo perdendo, ho sbagliato un rigore e noi non siamo robot ma persone. Non voglio però cercare giustificazioni e spero che questo non succeda più. I giocatori in campo hanno provato a contenermi e hanno chiesto di non punirmi? Li ringrazio, con molti ho un rapporto di grande affetto. La decisione di andare via dalla Juventus è stata di altri, non mia. Io a Torino ho sempre dato tutto. Ora sono al Milan e sto bene qua. Troppa responsabilità sulle mie spalle? Senza dubbio ma io sono una persona e un giocatore molto emozionale quindi qualche volta è difficile contenermi. Mi si vede in faccia se sto bene o male. Noi non siamo robot, credo che a volte gli arbitri debbano capire le situazioni. Noi siamo un esempio per i bambini e la reazione che ho avuto non è stata giusta», ha poi concluso il Pipita. Serie A, Giudice Sportivo: due giornate di stop per Higuain. Il Milan farà ricorso Il centravanti argentino, espulso per proteste nel finale del match perso 2-0 a San Siro con la Juve, salterà la trasferta sul campo della Lazio e poi la sfida col Parma. FONTE Due turni di stop. Questa la sanzione nei confronti di Gonzalo Higuain, attaccante del Milan espulso per proteste nel finale del match perso 2-0 a San Siro contro la Juventus dalla squadra di Gattuso. La squalifica, si legge nel comunicato ufficiale del Giudice Sportivo (Gerardo Mastrandrea), gli è stata comminata «per proteste nei confronti degli Ufficiali di gara (Terza sanzione); per condotta gravemente irriguardosa nei confronti del Direttore di gara, essendosi avvicinato al medesimo, all'atto dell'ammonizione per proteste al 38° del secondo tempo, in modo scomposto e minaccioso, e avendo reiterato platealmente le proteste al momento dell'allontanamento dal terreno di giuoco». Il 'Pipita' salterà dunque lo scontro diretto in zona Champions League contro la Lazio (quarta a +1 sui rossoneri) all'Olimpico in programma alla ripresa del campionato dopo la sosta e anche la successiva partita casalinga contro il Parma. Il Milan ha annunciato che farà ricorso: l'obiettivo è quello di puntare a ridurre le due giornate.
×