Jump to content

Socrates

Amministratore
  • Content Count

    124,799
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    20

Socrates last won the day on April 10

Socrates had the most liked content!

Community Reputation

7,196 Excellent

4 Followers

About Socrates

  • Rank
    English mod
  • Birthday 02/03/1900

Profile Information

  • Gender
    Male
  • Location
    The Netherlands
  • Interests
    Love is not what you say. Love is what you do.

Recent Profile Visitors

16,999 profile views
  1. Serie A 2021-2022 - 9^ Giornata di Andata - Domenica 24-10-2021 (ore 20:45) INTER - JUVENTUS .... 9^ giornata di andata Domenica, 24 ottobre 2021 - ore 20:45 Stadio Giuseppe Meazza - MilanoArbitro: Maurizio Mariani (Aprilia) INTER-JUVENTUS, I CONVOCATI DI MISTER ALLEGRI Classifica di Serie A
  2. Serie A 2021-2022 - 9^ Giornata di Andata - Domenica 24-10-2021 (ore 20:45) INTER - JUVENTUS .... 9^ giornata di andata Domenica, 24 ottobre 2021 - ore 20:45 Stadio Giuseppe Meazza - MilanoArbitro: Maurizio Mariani (Aprilia) Allegri: "Partita importante ma non decisiva. Dybala sarà a disposizione" "Domani sarà una bella partita tra due squadre importanti e sarà bello perché ci saranno 60 mila persone a San Siro. Per me l'Inter è ancora la favorita per lo scudetto". "Secondo me non è decisiva, ci permetterebbe a noi di allungare questa striscia di risultati. Per la nostra classifica era molto più decisiva quella con la Roma. Non possiamo pensare che in una partita possiamo tornare a vincere o perdere in campionato". "Dybala sarà a disposizione, sta bene ha fatto due allenamenti con la squadra". "Per quanto riguarda la formazione devo ancora deciderla. Forse non la deciderò nemmeno oggi, questa volta potrei realmente deciderla domani mattina. Chiesa l'altra sera ha fatto una buona partita. Chiellini è pronto per giocare anche Bonucci, De Ligt e Rugani stanno bene. Quando De Ligt sarà pronto per giocare nel centrodestra nella difesa a tre potranno giocare tutti insieme. Adesso ne giocano due". "Quando hai un giocatore come Ronaldo che fa 30 gol in stagione è normale che la squadra si appoggi su di lui. Ora tutti i giocatori hanno più responsabilità e dobbiamo trovare i gol dai giocatori che abbiamo". "Domani bisognerà giocare bene tecnicamente, loro sono forti fisicamente. Domani giochiamo in uno stadio in cui loro saranno molto incitati. Domani bisognerà essere lucidi e in alcuni momenti essere dei killer, però chi scenderà in campo dovrà battagliare soprattutto ne primi minuti". "Dzeko sa giocare a calcio, fare gol e rifinire le azioni e si sposa bene con Lautaro. Hanno una rosa molto forte. L'Inter è la più forte del campionato ed è la favorita per lo scudetto". Classifica di Serie A
  3. .... .. ... INTER - JUVENTUS .... ....... 9th Matchday Sunday, october 24th 2021 - 8:45 p.m. CET 7:45 p.m. UK time - 6:45 p.m. GMT Giuseppe Meazza Stadium - Milan Referee: Maurizio Mariani (Aprilia) ALLEGRI: ‘INTER ARE SCUDETTO FAVOURITES, NOT A DECISIVE MATCH’ Juventus coach Massimiliano Allegri said Inter are ‘the favourites’ in Serie A but stressed the match on Sunday ‘is not decisive’ for the Scudetto battle. ‘They can’t kill us, the season is decided in the last three months’. “It will be a beautiful evening, especially because there will be around 60,000 spectators and so many expectations from everyone. “It will be a good match between two great teams. Inter are still the favourite to win the Scudetto, in my opinion. It’s an important test against a strong team.” But the coach doesn’t believe the match against the Nerazzurri will be decisive in the Scudetto battle this term. “In my opinion, no,” he said. “It would allow us to extend the streak of results. In terms of the table, the one against Roma was much more decisive. “Dybala will be available, he’s fine and had two training sessions with the team,” he said. “We are almost complete in terms of availability. “I have yet to decide the formation,” Allegri continued. “I might not even decide today, I will do it tomorrow morning. “When De Ligt is ready to play at the right in a back-three, we can play with three defenders too. For now, they play in two.” Continue -> https://bit.ly/3pDB2K6
  4. Serie A 2021-2022 - 9^ Giornata di Andata - Domenica 24-10-2021 (ore 20:45) INTER - JUVENTUS .... 9^ giornata di andata Domenica, 24 ottobre 2021 - ore 20:45 Stadio Giuseppe Meazza - MilanoArbitro: Maurizio Mariani (Aprilia) INTER-JUVENTUS, PROBABILI FORMAZIONI Ha tutti a disposizione Massimiliano Allegri, che ieri ha recuperato sia Dybala sia Rabiot, guarito dal covid. La Juventus dovrebbe schierarsi con un classico 4-4-2: in difesa l’unico dubbio è tra de Ligt e Chiellini, con l’olandese in vantaggio rispetto all’esperto centrale italiano. A centrocampo confermata la coppia Locatelli-Bentancur al centro, mentre sugli esterni agiranno, a meno di sorprese, Cuadrado e Bernardeschi. L’attacco dipende ovviamente dal minutaggio di Dybala, ma al momento pare debbano iniziare Morata e Chiesa. Inter-Juventus | Probabili formazioni INTER (3-5-2): Handanovic; Skriniar, de Vrij, Bastoni; Darmian, Barella, Brozovic, Calhanoglu, Perisic; Lautaro Martinez, Dzeko. All. S. Inzaghi JUVENTUS (4-4-2): Szczesny; Danilo, Bonucci, de Ligt, Alex Sandro; Cuadrado, Bentancur, Locatelli, Bernardeschi; Chiesa, Morata. All. Allegri Classifica di Serie A
  5. .... .. ... INTER - JUVENTUS .... ....... 9th Matchday Sunday, october 24th 2021 - 8:45 p.m. CET 7:45 p.m. UK time - 6:45 p.m. GMT Giuseppe Meazza Stadium - Milan Referee: Maurizio Mariani (Aprilia) INTER VS. JUVENTUS: DERBY D’ITALIA BATTLE Title holders Inter face the previous incumbents Juventus in a showdown for Scudetto contender points, after both had mixed results so far this season. Juve had stumbled at the beginning, still readjusting to life without Cristiano Ronaldo, but have now found their rhythm under Max Allegri with four consecutive 1-0 wins in all competition. Paulo Dybala remains in doubt, while Adrien Rabiot has recovered from COVID-19, but Allegri could go for experience in defence. Form Guide: Inter (L W D W W) Juventus (W W W W D) Stat fact: Max Allegri has won all three Serie A matches away to Simone Inzaghi’s teams. Probable line-ups Inter (3-5-2): Handanovic; Skriniar, De Vrij, Bastoni; Darmian, Barella, Brozovic, Calhanoglu, Perisic; Dzeko, Lautaro Martinez Juventus (4-4-2): Szczesny; Danilo, Bonucci, Chiellini, Alex Sandro; Cuadrado, Bentancur, Locatelli, Bernardeschi; Chiesa, Morata Continue -> https://bit.ly/3E914cp
  6. Chiellini: 'Bonucci fece un errore ad andare al Milan che non era il Real! Ci rimasi molto male. "Se non fosse stato in vacanza da solo nel mese prima, ma fossimo andati in vacanza insieme come altri anni, secondo me non sarebbe andato al Milan, son convinto. Gli avrei fatto aprire un po’ di più la vista, gli avrei fatto capire che stava facendo un errore, quel Milan con tutto il rispetto lì non era il Real Madrid ma neanche il Milan di oggi, andava sicuramente a peggiorare, infatti poi si è reso conto dell’errore molto presto. Certo, poi mica decido io per Leo, non decido niente neanche in casa mia..."
  7. ZENIT - JUVENTUS ........ ..... 0-1 Dejan Kulusevski 87' Champions League - Girone H - 3^ giornata Mercoledí, 20 ottobre 2020 - ore 21:00 Gazprom Arena - San Pietroburgo Arbitro: Sandro Schärer (Svizzera) Zenit-Juventus 0-1, le pagelle SZCZESNY 6 Corre i maggiori pericoli nel secondo tempo (non riusciamo proprio a fare a meno di almeno cinque minuti di Fort Apache, contro chiunque), ma deve impegnarsi in parate attive soprattutto nella prima frazione. Nel complesso, una bella serata. DE SCIGLIO 7+ A questi ritmi riesce ad imporre la sua tecnica innegabile che, viceversa, fatica a sfoderare quando i giochi sono più duri. Il cross che mette sulla testa del Kulusevski vale game, set, match. DE LIGT 7.5 Gladiatore, in anticipo su qualsiasi pallone, grintoso e pulito in uscita, ci delizia anche con qualche giocata “cezzionale. Se in forma non ce n'è per nessuno. BJORN LA CORAZZA! BONUCCI 6.5 Sbaglia qualche appoggio, dei mille che gli tocca giocare, essendo, in pratica, l’unica fonte di gioco, ma sbroglia alcune palle che potevano portare guai. Master of Defence. ALEX SANDRO 6.5 Una sola sbavatura quando scivola tentando un anticipo che poteva costare cara, per il resto solido e propositivo. Per me, giocatore ritrovato. LOCATELLI 6 Non ingrana mai e pasticcia in buona compagnia nel nulla di gioco del primo tempo. La voglia la mette, ma la serata non è la sua. MCKENNIE 6 Qualche buona giocata e degli ottimi inserimenti che lo portano ad essere più volte pericoloso in area avversaria. Ma gli errori sotto porta e il colore del ciuffo, non lo fanno andare oltre la sufficienza. BENTANCUR 6 Recupera tanti palloni, efficace in copertura, ma commette qualche leggerezza di troppo. BERNARDESCHI 9 Si gira, torna indietro e apre al terzino sulla sinistra: fa questa supergiocata in continuazione, appena tocca palla. Poi scivola delicatamente sul prato mancando la sfera. Poeta. MORATA 6 Queste di norma sono le sue serate, ma le maglie strette dello Zenit non lo fanno sentire a suo agio. All’inizio del secondo tempo offre a McKennie un cioccolatino in verticale solo da scartare, ma l’americano gli nega la possibilità di entrare nel tabellino degli assist-man. Dopo non essere arrivato in tempo per spingere in rete il tocco ravvicinato di Cuadrado, esce stremato. CHIESA 6 Da lui ti aspetti sempre la giocata che infiamma la partita. Stasera è meno lucido e preciso di altre volte, nonostante ciò rappresenta una costante spina nel fianco per la difesa avversari. KEAN 5 Gioca dieci minuti, fresco come una rosa e riesce a non toccare praticamente il pallone. Continuando così le gerarchie si cristallizzeranno presto e metterà radici in panca. CUADRADO 6 Entra come il messia, l’uomo in grado di risolvere questo tipo di partite, ma il destino per lui non aveva riservato un’altra serata da salvatore. Entra comunque bene in partita. RAMSEY 9/7 Alza le mani per festeggiare ancora prima del gol. Chiaro segnale che in realtà esulta per un cross decente messo in area! se l’ha capito lui… O Alza le braccia al cielo prima che la palla entri in rete. Sicuramente non avrà visto la partita su DAZN. ARTHUR 6.5 Etichettato come quello che ha la palla incollata al piede e la passa solo in orizzontale, ha fatto due promettenti passaggi verticali. KULUSEVSKI 7 Non esulta per rispetto dello zenit, dopo un suo gol improbabile su un assist di De Sciglio. Umile. BONUS TRACK JEFF BEZOS 10 Se non fosse già l’uomo più ricco al mondo meriterebbe di esserlo per il solo fatto di riuscire a farci vedere delle partite in maniera normale. PARRUCCHIERE DI MCKENNIE -7 Ma come cazzo si fa? Allegri 6: Come i centimetri del muso Articolo completo -> https://bit.ly/2ZktBNf
  8. ZENIT - JUVENTUS ........ ..... 0-1 Dejan Kulusevski 87' Champions League - Girone H - 3^ giornata Mercoledí, 20 ottobre 2020 - ore 21:00 Gazprom Arena - San Pietroburgo Arbitro: Sandro Schärer (Svizzera) Del Piero: 'Juventus in netta ripresa' I bianconeri sono primi nel Gruppo H con nove punti in tre partite dopo la vittoria per 1-0 sullo Zenit St Petersburg in Russia mercoledì. "La Juventus è in netta ripresa sotto tutti gli aspetti", ha detto Del Piero a Sky Sport Italia e ha sottolineato il record difensivo delle ultime settimane. I bianconeri hanno raccolto quattro vittorie consecutive per 1-0 e Del Piero ha sottolineato l'importanza della porta inviolata. "Non prendere gol e vincere è la vecchia regola, ma è sempre importante", ha detto Del Piero. “Dà consapevolezza alla tua fase difensiva; ti dà tranquillità. La Juventus ha il talento davanti per segnare i gol. È una cosa semplice: se prima o poi segnerò e non subisco, è molto più facile vincere le partite". Articolo completo -> https://bit.ly/3nhMybj
  9. ZENIT - JUVENTUS ........ ..... 0-1 Dejan Kulusevski 87' Champions League - 3rd Matchday Wednesday, october 20th 2021 - 9:00 p.m. CET 8:00 p.m. UK time - 7:00 p.m. GMT Gazprom Arena - St. PetersburgReferee: Sandro Schärer (Switzerland) DEL PIERO: ‘JUVENTUS CLEARLY RECOVERING’ Former captain Alessandro Del Piero said Massimiliano Allegri’s Juventus ‘are clearly recovering’ after the difficult start to the season. ‘When you don’t concede, it’s much easier to win games’. The Bianconeri sit first in Group H with nine points in three games after a 1-0 win over Zenit St Petersburg in Russia on Wednesday. “Juventus are in clear recovery in all aspects,” Del Piero told Sky Sport Italia and pointed at the defensive record in recent weeks. “Not conceding goals to win is the old rule, but it’s always important,” Del Piero said. “It gives awareness to your defensive phase; it gives you peace of mind. “Juventus have the talent up front to score the goals. It’s simple match: if I sooner or later score and don’t concede, it’s much easier to win games.” Continue -> https://bit.ly/3DZU6X2
  10. ZENIT - JUVENTUS ........ ..... 0-1 Dejan Kulusevski 87' Champions League - Girone H - 3^ giornata Mercoledí, 20 ottobre 2020 - ore 21:00 Gazprom Arena - San Pietroburgo Arbitro: Sandro Schärer (Svizzera) Una Juve operaia mette un piede agli Ottavi: mica male Già dalla vigilia arrivano le immagini di una San Pietroburgo fredda e piovosa, e fa nulla se, effettivamente, il moderno (e costosissimo) stadio dello Zenit ha poco a che vedere con le strade e le piazze dove si sono mossi Puskin, Gogol’ e Dostoevskij: la città è romanzesca di suo, così come il fatto che qui si svolgerà, il prossimo 28 maggio, la finale di questa competizione (qualcuno ha detto “Finale di Champions”?). La Juve si presenta nella terza gara del girone a punteggio pieno, con 4 gol fatti, nessuno subito, quattro vittorie consecutive in campionato ed una ritrovata solidità difensiva: un buon viatico per provare ad arrivare a 9 punti e mettere un piede negli Ottavi, come avverrà. C’è Szczęsny in conferenza stampa con Allegri, con il “dolcevita della nonna” che spesso sfoggia anche in partita: capelli scolpiti, parla come un ingegnere teutonico trapiantato in Italia, gli chiedono del rigore parato e dice “Non ero scarso prima, non sono un fenomeno ora”; riesce anche a rispondere alla domanda di Fabiana della Valle con due parole secche: “No, mai” (indovinate voi quale fosse, la domanda). Allegri appare tranquillo, parla delle condizioni fisiche dei giocatori, dice che immagina due centrocampisti a mettere ordine (fra Arthur, Locatelli e Bentancur) e uno a fare incursioni (fra McKennie, Rabiot e Bernardeschi); insiste su marzo, quando si “decide la stagione” e sul “match-point” per passare il turno di Champions; punta a queste sette partite prima della sosta: “dopo, vedremo come siamo messi”. Certo, noi tifosi siamo abbastanza tranquilli: potremmo davvero ipotecare il passaggio del turno, ma insomma, in caso di passo falso, nulla sarebbe compromesso; forse questa spensieratezza l’hanno anche i giocatori? E’ forse questo il rischio, ma alla fine arriva un’altra vittoria di corto muso, senza esaltare, ma con praticità e cinismo. La formazione, con una difesa a quattro in cui viene confermato Mattia de Sciglio, presenta ben 5 centrocampisti (Chiesa e Bernardeschi oltre a Bentancur, Locatelli e McKennie), e una sola punta di ruolo, Alvaro Morata…c’è curiosità, sarà un 4-3-3? Un 4-4-2? Ci sarà un’”allegrata”? Effettivamente, Allegri sembra aver scelto la superiorità numerica a centrocampo, ma con ben 3 incursori, Chiesa a sinistra, Bernardeschi a destra e McKennie che si butta dentro; loro difendono con tre centrali, la Juve tiene palla, recupera tanti palloni, ne perde qualcuno, ma le occasioni sono poche, non ci sono molte idee; serve pazienza, direbbe il Mister. Nella ripresa la Juve prova a partire forte, ma è difficile penetrare: il proverbiale “tutto chiuso!” di Piccinini diventa il mantra della sua telecronaca; Allegri ridisegna la squadra, entrano Cuadrado, Arthur e Kulusevski; il brasiliano disegna un assist celestiale per Cuadrado che a momenti la mette, ma è lo svedese che, finalmente, è decisivo: spizzata di testa su un altro cross perfetto di Mattia de Sciglio, autore di un’altra ottima prestazione. Inutile ripetersi: è una Juve bruttarella, che però vince e mette a segno il match-point, come voleva Allegri; 9 punti, 5 gol segnati, zero subiti; il girone si mette bene, i russi vengono a Torino il 2 novembre e basterà un pareggio per essere qualificati matematicamente: mica male. Articolo completo -> https://bit.ly/3njU8T7
  11. ZENIT - JUVENTUS ........ ..... 0-1 Dejan Kulusevski 87' Champions League - Girone H - 3^ giornata Mercoledí, 20 ottobre 2020 - ore 21:00 Gazprom Arena - San Pietroburgo Arbitro: Sandro Schärer (Svizzera) Allegri: “Oggi abbiamo giocato male e abbiamo vinto” La Juve riesce a completare la famigerata campagna di Russia: ora il passaggio del turno è vicinissimo. Ma diciamocelo, Mister Allegri, quanti errori abbiamo visto stasera? “Risultato ottimo: dopo 3 partite 9 punti e non abbiamo ancora subito goal. Non abbiamo fatto una bella prestazione, siamo stati lenti e sbagliato molto tecnicamente. Insomma, direi una prestazione che ci permette di alzare l’attenzione in vista di domenica” – Senza dubbio troppi svarioni tecnici, milioni di stop e passaggi buttati via, centinaia di potenziali occasioni sprecate. Insomma, diciamo un po’ un festival dell’orrore. Ciò detto, conta aver vinto e portato a casa un risultato importantissimo: la qualificazione agli ottavi è ad un passo. Domenica, invece, almeno qualche stop è il caso di beccarlo giusto… “Bisogna migliorare la fase di possesso, soprattutto quando la palla arriva verso l’area di rigore. Fare scelte migliori. Diciamo che questa sera abbiamo fatto una prestazione giusta con un risultato ottimo” – La fase di rifinitura sta mostrando non poca ruggine, senza dubbio. Un po’ per la mancanza di giocatori chiave come Dybala, un po’ per le difficoltà mostrate da Kulusevski e compagni nel vedere le giuste imbucate. Contro squadre chiuse e ben organizzate, sfondare è un dramma, ma miglioreremo! “Bisognava giocare più 2 contro 1 sugli esterni e fare meglio quando la palla arrivava tra le linee. Gli spazi erano stretti, ma abbiamo fatto troppe scelte sbagliate: bisogna migliorare” – Come si diceva, l’approccio offensivo agli ultimi 30 metri di campo ha bisogno di nuovi automatismi. Il buono è che, anche senza essere in serate particolarmente illuminate, in difesa mostriamo grande solidità ed è con quella che si portano a casa le partite più complicate. “Possono migliorare tutti, è una questione di gestione della palla e scelte. Normale che Paulo per caratteristiche sia un giocatore bravo tra le linee. Ma devono essere più bravi Bernardeschi e Kulusevski. Lo stesso Chiesa deve imparare a giocare meglio tra le linee ed essere più pulito tecnicamente” – Federico, dopo un inizio spumeggiante, sta affrontando una fase di rendimento altalenante. Si vede ad occhio nudo come sia il giocatore potenzialmente più pericoloso della rosa, ma così accentrato è costretto nel traffico e non sempre riesce a creare superiorità numerica. Quando questa sera ha lavorato dagli esterni, i risultati sono migliorati. “Non mi piace dire che è la mia Juventus perché non lo è. Ho una rosa importante ma dobbiamo migliorare molto. Oggi abbiamo giocato male e abbiamo vinto: questo può essere utile per la partita di domenica” – Chiudere con una bella osservazione: cosa c’è di meglio di giocare male e vincere? Insomma, giocare bene è stupendo, ma quando si portano a casa tre punti giocando un calcio orrido… è una sensazione veramente speciale, una droga! Articolo completo -> https://bit.ly/3B0UdQ7
  12. ZENIT - JUVENTUS ........ ..... 0-1 Dejan Kulusevski 87' Champions League - 3rd Matchday Wednesday, october 20th 2021 - 9:00 p.m. CET 8:00 p.m. UK time - 7:00 p.m. GMT Gazprom Arena - St. PetersburgReferee: Sandro Schärer (Switzerland) ALLEGRI: ‘GOOD JUVENTUS WIN, BAD PERFORMANCE’ Max Allegri admits Juventus beat Zenit 1-0 in the Champions League with ‘a bad performance’ and explains what Dejan Kulusevski still needs to learn. It is the fourth consecutive 1-0 victory for the Bianconeri in all competition, keeping their Champions League perfect start intact with a third win out of three. Kulusevski came off the bench to nod in the Mattia De Sciglio cross in St Petersburg late on. “It was important for the points, it wasn’t easy as Zenit clammed up in defence and we made a lot of errors in the final third. We slowed it down too much and allowed too many shots on goal with counter-attacks by losing the ball,” Allegri told Sky Sport Italia. “We should’ve controlled it more once we went 1-0 up, too. It was not a great performance, but we got the result and that puts us in a very strong position. “We needed to create width today and play between the lines. At times it went well, at others it didn’t.” “Kulusevski must learn how to control the game, when to speed up, when to slow down. He has the talent, he just needs to make better choices and he’s more than capable of that.” Continue -> https://bit.ly/3nfq1Mp
  13. ZENIT - JUVENTUS ........ ..... 0-1 Dejan Kulusevski 87' Champions League - Girone H - 3^ giornata Mercoledí, 20 ottobre 2020 - ore 21:00 Gazprom Arena - San Pietroburgo Arbitro: Sandro Schärer (Svizzera) Guizzo di Kulusevski in Russia: la Juve supera lo Zenit Juventus corsara nella trasferta russa contro lo Zenit di San Pietroburgo: un gol di Kulusevski lascia i bianconeri a punteggio pieno e primi nel proprio girone. Partita insidiosa ma alla fine gestita bene dalla banda di Allegri. Zenit di Semak in campo col 4-3-3 composto da Kritsyuk; Karavaev, Chistyakov, Rakitskiy, Douglas Santos; Lovren, Barrios, Wendel; Malcom, Dzyuba, Claudinho; la Juve di Allegri risponde con Szczesny; De Sciglio, De Ligt, Bonucci, Alex Sandro; McKennie, Locatelli, Bentancur; Chiesa, Morata, Bernardeschi. Al 7’ punizione dal limite per la Juventus sulla destra dell’area per fallo su Morata: batte Chiesa, Rakitskiy devia di testa in fallo laterale. Al 18’ è pericoloso lo Zenit: Bernardeschi scivola, scappa Malcom e lascia fuori a Claudinho che tenta la botta da lontano mettendo in difficoltà Szczesny, che respinge a una mano. Al 25’ Locatelli da trenta metri trova un pallonetto che scavalca la difesa dei padroni di casa in direzione di McKennie che si lancia di testa in area ma viene anticipato dalla respinta di Kritsyuk. Un minuto dopo Bentancur cerca Chiesa al limite: l’attaccante penetra in area e prova a far partire il sinistro, deviato in calcio d’angolo. Al 30’ ammonito Barrios per fallo su Alex Sandro. Al 39’ iniziativa del terzino brasiliano bianconero che scarica su Chiesa: uno due con Morata e tiro da fuori area, alto sopra la traversa. Al 40’ ancora pericoloso Chiesa, che riceve sulla sinistra un cross dalla destra di De Sciglio, si accentra leggermente e cerca il destro a rientrare, che finisce largo oltre il secondo palo. Al 44’ angolo dalla destra per lo Zenit: Chistyakov cerca il taglio sul primo palo e devia di testa ma blocca Szczesny. Si va al riposo sullo 0 a 0. Si riparte senza cambi ma al primo minuto altro ammonito per lo Zenit: è Karavaev per fallo su Chiesa. Al 51’ grande occasione per McKennie: azione di Morata che sulla trequarti trova il suggerimento filtrante per il texano che si fa ipnotizzare da Kritsyuk. Al 53’ Zenit pericoloso: Claudinho per Malcom in campo aperto sulla destra, che restituisce palla al compagno che taglia a centro area: salva Bonucci. Al 57’ Claudinho prova l’azione personale ma quando sembra perdere palla, la recupera e dal vertice dell’area tenta il colpo a giro, di poco a lato. Allegri cambia qualcosa: fuori Alex Sandro, Locatelli e Bernardeschi per Cuadrado, Arthur e Kulusevski. Subito ammonito Arthur, che commette un fallo al limite dell’area bianconera nel tentativo di recuperare l’errore commesso da Bentancur. Per lo Zenit esce Dzyuba ed entra Azmoun e Sutormin al posto di Karavaev. Al 63’ Cuadrado per Arthur che con tocco delizioso scavalca la difesa per l’inserimento del colombiano che tocca al centro: Chistyakov salva su Morata. Al 68’ fuori Malcolm per Kuzyaev. Al 70’ Morata si libera bene e cerca di calciare da fuori area: conclusione alta. Al 73’ Chiesa gestisce palla, sovrapposizione di De Sciglio che crossa e trova il tuffo di McKennie di poco fuori. Al 75’ su disimpegno sbagliato di Cuadrado, Claudinho recupera e calcia alto. Al 76’ fuori Morata per Kean e all’84’ Ramsey per Bentancur. All’86’ la Juve va in vantaggio con Kulusevski: cross bellissimo di De Sciglio per lo svedese che di testa trova il secondo palo. Poco dopo su scambio con lo svedese, prova l’azione personale in area Chiesa. Quattro i minuti di recupero con lo Zenit che tenta di trovare disperatamente il pari. Al 93′ Ramsey ammonito per un fallo ai limiti dell’area: punizione pericolosa per i padroni di casa, che porta a un corner battuto malissimo. Finisce così: ennesimo 1 a 0 per la Juve. Articolo completo -> https://bit.ly/3E1p0ys
  14. ZENIT - JUVENTUS ........ ..... 0-1 Dejan Kulusevski 87' Champions League - 3rd Matchday Wednesday, october 20th 2021 - 9:00 p.m. CET 8:00 p.m. UK time - 7:00 p.m. GMT Gazprom Arena - St. PetersburgReferee: Sandro Schärer (Switzerland) CHAMPIONS LEAGUE | ZENIT 0-1 JUVENTUS: KULUSEVSKI TO THE RESCUE Dejan Kulusevski left it late, but came off the bench to nod in Mattia De Sciglio’s cross and give Juventus another 1-0 Champions League victory away to Zenit. The Bianconeri were group leaders with a perfect record going into St Petersburg, with Alvaro Morata, Matthijs de Ligt and Weston McKennie returning to the starting XI, but Paulo Dybala and Adrien Rabiot still injured, Juan Cuadrado and Giorgio Chiellini rested. Zenit had three points and a narrow defeat to Chelsea, but missed Magomed Ozdoev and surprisingly picked Artem Dzyuba rather than Sardor Azmoun. It was the hosts who had the first big chance, Federico Bernardeschi’s slip allowing Claudinho to get a screamer away, stinging Wojciech Szczesny’s gloves. After the restart, McKennie was sent clear by an inspired Alvaro Morata disguised pass, but prodded straight at the on-rushing goalkeeper. The deadlock was finally broken in the final minutes, as De Sciglio put another excellent cross in from the left and Kulusevski timed his leap perfectly, just steering it in off the inside of the far post. It was the Swede’s first ever Champions League goal. Continue -> https://bit.ly/2ZbW088
×
×
  • Create New...