Jump to content

Arminius

Tifoso Juventus
  • Content Count

    17,226
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    14

Arminius last won the day on February 1

Arminius had the most liked content!

Community Reputation

8,899 Excellent

1 Follower

About Arminius

  • Rank
    Utente Posizionale

Profile Information

  • Gender
    Male
  • Location
    La dove gli spazi stretti diventano larghi e viceversa

Recent Profile Visitors

5,018 profile views
  1. Magari danno partita persa alla squadra di casa . Avremmo trovato il modo per fare almeno una trentina di punti sicuri
  2. E' interista passerebbe la mattinata a prenderti per il c**o, comunque contento te
  3. Fatto apposta. Mettiamo la salvezza a 35-38 punti? Significa che devi fare, per stare tranquillo, almeno 40 ovvero, se non sbaglio i calcoli, 35-37 punti su 54 che sarebbero 11 vittorie e 6-7 pareggi. Sei al limite non puoi concederti distrazioni. Se sono altri venti. Ma ho l'impressione che sti bastardi aspetteranno la fine del campionato e toglieranno i punti necessari per farti arrivare terzultimo. Tanto fanno quel c**** che vogliono, siamo eretici in mano all'abate di Cluny, Giordano Bruno al cospetto dei gesuiti. Vanno fermati prima di subito
  4. Infatti la doveva congelare allora si sarebbe stata la Macedonia del Nord
  5. Comunque l'entità del danno si vedrà fra poco. Ad oggi i dati li conoscono solo loro e poco significano comunicati stampa tranquillizanti e trafiletti di giornalisti compiacenti. Che però in realtà sotto una superficie di falsa tranquillità ci sia nervosismo ed agitazione è evidenziato da alcune analisi e considerazioni di qualche addetto ai lavori che comincia a sentire qualche spiffero e teme possa diventare bufera
  6. Appunto. Mi sembra che non siano stati condannati dei poveri ed inconsapevoli innocenti. E ci mancherebbe pure che si possa fraintendere un concetto simile. Norimberga rappresenta lo stereotipo in base al quale tutte le malefatte alla fine vengono punite. Ad esempio una Norimberga della FIGC rappresenterebbe in un certo qual modo il fatto che alla fine le ingiustizie si pagano. E l'incapacità la subordinazione o l'incompetenza non sono alibi.
  7. Bravo Jules, pure sovranista! Ma una bella Norimberga EU edition? Prima o poi, occhio che il karma non fa sconti
  8. E' strano come il Gor-de-Turone o il fallo su Ronaldo rimangano scolpite nell'immginario collettivo dopo decenni come delle palesi balle spaziali come Paparesta nello Spogliatoio nonostante sinano state smentite dalle persone coinvolete cotinuino ad essere narrate nel modo sbagliato. Così come è strano che gli episodi, dir poco nebulosi, di personaggi eccellenti, siano stati sepolti dall'oblio di quelli che tengono il conto anche dei calci d'angolo... Sentite qui Bari-Castel di Sangro, fu combine: "Ci diedero 300 milioni per perdere" Più di 20 anni dopo la partita che portò il Bari in Serie A nel 1997, 'La 7' manda in onda inquietanti rivelazioni: "Ci pagarono per perdere". Ancor prima del Chievo, del Leicester e dell’Islanda, il termine “favola” fu associato al Castel di Sangro . La piccola società abruzzese, in seguito ad una insperata doppia promozione, si ritrovò in Serie B attirando su di sè le simpatie di mezzo Paese. Era la stagione 1996-1997 e, a fine stagione, i giallorossi guidati da Jaconi riuscirono a conquistare un’insperata salvezza in un campionato dominato dal Brescia, che vedrà anche Empoli, Lecce e Bari conquistare la Serie A. Ecco, il Bari. I ‘Galletti’ festeggiarono il ritorno in massima serie all’ultima giornata, quando al ‘San Nicola’ arrivò proprio il Castel di Sangro , già salvo. A quella gara, lo scrittore statunitense Joe McGinnis che aveva deciso di dedicare un libro proprio all’impresa della squadra abruzzese, dedicherà parecchia attenzione. Mentre il Bari ospita la squadra di Jaconi , il Genoa – staccato di un solo punto dai pugliesi – ospita a ‘Marassi’ il Palermo già retrocesso. McGinnis, nel suo libro ‘scandalo’, parlò di “strane conversazioni", adesso, più di 20 anni dopo, arrivano le prime confessioni dei diretti interessati. L’ex giocatore di quel Castel di Sangro, Luca Albieri, ha parlato così ai microfoni di ‘La7’, all’interno di un’inchiesta del programma “Non è l’Arena”. “Andare a giocare una partita e sapere di dover perdere, anche con il risultato di 3-1, ha fatto molto male al gruppo di lavoro – ha raccontato Albieri, quel giorno in panchina al San Nicola - È stata una settimana che non è stata preparata come dei professionisti seri dovevano fare”. Ancor più nette le dichiarazioni rilasciate da un altro giocatore di quel Castel di Sangro, che ha però deciso di rimanere anonimo: “ Prima del fischio d’inizio già capimmo quale sarebbe stato l’esito della partita tutto . Alcuni calciatori dovevano andare a segno Doveva finire inizialmente 2-1, poi fu 3-1. Arriva una comunicazione ai senatori e poi quando arrivi negli spogliatoi capisci. Abbiamo avuto il premio salvezza, più il “premio Bari”. 300 milioni da spartire. Alla fine festeggiammo più noi che loro nello spogliatoio”. Il risultato finale della gara, come ricordato da Albieri, fu proprio di 3-1 con il Bari in vantaggio dopo 15 secondi con un goal di Ventola e il primo tempo concluso sul 3-1 con le reti di Guerrero, Volpi e un rigore trasformato da Bonomi. Il Bari andò in A, la favola del Castel di Sangro finì probabilmente quel giorno e, definitivamente, con la retrocessione dell’anno successivo. A respingere tutte queste accuse l'ex presidente del Castel di Sangro, Gabriele Gravina, recentemente candidatosi alla presidenza della FIGC. Ecco le sue parole riportate da 'ANSA': "La promozione in Serie A del Bari e la permanenza in B del Castel di Sangro furono frutto di una competizione dura ed assolutamente regolare e oggi si vogliono macchiare ed infangare attraverso la predisposizione di un castello di illazioni, di ricordi che a distanza di 20 anni, per come artatamente ricostruite, tendono unicamente a screditare una pagina assolutamente pulita ed emozionante del calcio italiano". Secondo Gravina non è un caso che tutto questo polverone si sia alzato soltanto ora: "La vera stranezza di questa vicenda é la tempistica. I fatti e le vicende sono già state oggetto di valutazioni da parte delle Autorità giudiziarie che si sono pronunciate condannando a risarcimenti del danno chi allora si rese autore di analoghe diffamazioni, lo scrittore Joe McGinnis Questo qui è diventato presidente della FIGC....come ha fatto?
  9. Ma chi gli da cerdito? Gente che, putroppo sempre più numerosa, che ha smesso di pensre perchè troppo faticoso e sposa in toto il pensiero, capirai che pensiero... di sti scappati da casa. Gli influencers sono il metro, la cartina al tornasole, di come a livello cognitivo, la società occidentale, meglio, la popolazione di sto pianeta stia subendo un'involuzione drammatica, ormai siamo in una situazione tale che in alcuni, molti ambiti, se pensi se ragioni, se poni dubbi, sei considerato nella migliore delle cose, un rompicoglioni, nella peggiore, sei considerato pericoloso.
×
×
  • Create New...