Jump to content

Arminius

Tifoso Juventus
  • Content Count

    5,805
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

1,306 Excellent

About Arminius

  • Rank
    Utente Posizionale

Profile Information

  • Gender
    Male
  • Location
    La dove gli spazi stretti diventano larghi e viceversa

Recent Profile Visitors

2,786 profile views
  1. Su questo siamo più che d'accordo ed aggiungo che la cosa vale anche al contrario, if fatto che andrebbero considerati i fatti nella loro oggettività come corollario aggiungerei che non sempre ci si riesce e questo porta alla difesa ad oltranza delle proprie idee e si in alcuni casi come dici tu più che malizia e prevenzione c'è un pizzico di rivalsa ideologica. Niente di male finchè la discussione resta in termini di correttezza.
  2. Gli anni settanta furono un periodo diciamo mistico, Oltre alla famigerata ricezione di Franchino - vero e propria ladrata svista arbitrale per il regolamento dell'epoca - abbiamo avuto anche il vostro Holy Roller e l'Hail Mary di Staubach al vecchio Met contro i Vikings. Dilfer con l'anello del Superbowl fa il paio con il Pallone d'Oro a Belanov o a Sammer. Con quella squadra, avremmo potuto giocare QB pure io o te. Dilfer ok, ma anche gente come Ripyen o Hostettler...non certo gente da HoF
  3. Se enfatizzi il fatto che poi, alla fine, con il Napoli si è comunque vinto, a casa mia significa che alla fine la vittoria ha il suo valore comunque ed anche se arrivata in modo rocambolesco ha la stessa valenza di una vittoria arrivata spadroneggiando in lungo ed in largo. Ergo una vittoria è una vittoria, ma questa ovviamente è solo la mia interpretazione, se volevi dire un'altra cosa, ok non c'è problema sono io che ho "tradotto" male. E' vero abbiamo giocato un buon primo tempo, ma le partite durano novanta minuti, ora al netto di tutte le giustificazioni possibili, è ammissibile un calo ma non sparire e premettere agli avversari di rimontarti tre gol. Le partite si giudicano nel loro complesso, trovo poco logico dire si ho pareggiato/vinto/perso ma abbiamo giocato 10-20-60 minuti da grande squadra. Analizzando una prestazione è meglio sottolineare la parte positiva oppure la parte negativa? Lo dico senza polemica non basta dire ho mertato di vincere perchè ho tiarto in porta di più/ho tenuto più palla/ho giocato meglio, perchè poi bisognerebbe anche trovare le motivazioni per le quali la partite ti è sfuggita di mano - parlo in generale non solo della partita col Napoli- il merito nello sport ha un valore eventualmente morale ma non porta risultati, guarda ti rivolto la questione vediamola dalla parte dei napoletani, hanno giocato un primo tempo da schifo, poi con carattere e convinzione sono riusciti a rimontare tre gol, anche quello è un merito oppure no? Se perdessi una partita con per un infortunio casuale, non ti sentiresti un tantinello defraudato nello sforzo compiuto per la rimonta? Allora dovermmo dire ad esempio che il Milan nella famosa finale di Istambul avrebbe meritato di vincere perchè il primo tempo aveva dominato? Per concludere ho per caso dato giudizi catastrofici, io ho semplicemente affermato che sono neanche esaltato o colpito da queste prime tre partite di campionato soprattutto dopo la zapella fatta con sta faccenda più metafisica anzi metacalcistica del cambio di mentalità che sfoci in un gioco scintillante. Io sto gioco da favola non lo vedo. Adesso, poi magari fra un mese o due ci sarà da sfergarci gli occhi , ma questo non lo possiamo dire ne io ne te e forse manco Sarri. Proporre un'opinione diversa ancor che critica non significa gufare o sperare che vada tutto in vacca, la deallegrizzazione della Juve è già storia eppure il fantasma di Allegri aleggia ancora in molti, troppi discorsi. A casa mia questa si chiama ossessione.
  4. Ma le partite le scazzano tutti, guarda il Fantastico Pep dare una musata a casa di una neopromossa (pure li le scuse e le giustificazioni...questo ha sempre gli alibi in tasca) la sofferenza vale sempre solo che il pareggio di ieri non è stato strappato con una prestazione di carattere o perchè abbiamo tirato fuori palle quadre, dai. Se per caso le melanzane segnavano tornavamo a casa bastonati. Da questo punto di vista il pareggio di ieri è oro.
  5. Certo Shaft che non ti esclude dalla lotta scudetto, ma io credo che più dello 0-0 preoccupi la situazione generale. Voglio dire quando partimmo malissimo con le due sconfitte di fila Udinese e Roma, c'era preoccupazione è ovvio, ma c'era anche la consapevolezza che la squadra era collaudata e che prima o poi...certo non era una certezza ma oggi e ribadisco OGGI la situazione, anche per colpa degli infortuni, è un po' più allarmante, almeno nella mia visone delle cose. Il problema Doc che molti hanno ancora negli occhi la Juve post Ajax quando, a campionato già stravinto e senza più stimoli ed obiettivi andava in campo per onor di firma, è umano e comprensibile, anche se il messggio che arriva da professionisti trapagati è un po' meno giustificabile.
  6. Ah sicuro, anche perchè nell'attesa di cose da fare (purtroppo) ne ho una carrettata
  7. E se uno fa un gol a caso e poi viene preso a pallonate per 45 minuti? E' solo una bttuta ma vedi Shaft poi purtroppo le situazioni non sono mai assolute ecco perchè ci vuole un po' di buon senso anche quando si parla di calcio e non mi riferisco a te, il mio è un discorso generale. Poi per il resto sono d'accordo, fucilare Sarri dopo tre gare è da pazzi, ma lo sarebbe anche l'indulgenza e la giustificazione un tanto al chilo. Aspettiamo.
  8. E' un tantinello stiracchiato, ma va bene così. Non mi pare di aver criticato Sarri, ho solo detto che OGGI la Juve gioca male, non ha un'identità tattica precisa, anche Sarri lo ha ammesso, e poi è la mia opinione non la verità assoluta, non faccio confronti, Allegri come Sarri ha pregi e difetti, al momento c'è solo tanta confusione. Ribadisco che bisognerebbe essere un po' obiettivi e non cercare di vedere quello che non c'è in una triangolazione o in tre passaggi ad un tocco. Se fra due mesi, ma anche domani magari, la Juve giocherà come una macchina spietata e ben oliata, immagino che saremo contenti tutti, Peppisti, Allegriani, Sarriani, Marottisti e Paraticians. Solo che al momento le cose non vanno come qualcuno se le era immaginate. Normale e fisiologico senza bisogno di trovare scuse risibili come caldo, crampi e lo zio canguro.
  9. Non a caso prima ho citato Happel che già aveva battuto il Trap nella semifinale del 78 quando l'austriaco allenava il Brugge. Il capolavoro tattico, come spiega benissimo Jonathan Wilson nel suo Inverting the Pyramid, Happel lo raggiunge nella ahinoi famigerata finale di Atene quando con un paio di mosse inedite si presentò con una formazione asimmetrica, roba che noi non havevamo mai visto. Poi si, la culata di Magath, il fallo su Platini, le occasioni fallite da una squadra che avrebbe dovuto vincere in carrozza, ma alla fine ancora una volta Happel dimostrò che la fantasia applicata al calcio è un valore aggiunto, a patto di avere una visione aperta e la capacità di sfruttare tutte le qualità di un giocatore. Anche Sarri, qualcuno potrebbe obiettare, si è "inventato" Mertens centravanti, si, giusto, ma in quel caso la spinta a cambiare era più una necessità che una variazione tattica programmata. Non me ne vogliano i sacerdoti del Bel Giuoco e gli adoratori del Pep, ma bisogna essere onesti, uno con la capacità di inventarsi "situational variation" è stato proprio Max Allegri due su tutte Manzo esterno sinistro o Emre Can centrale di difesa, due esperimenti che mi pare abbiano dato i frutti sperati.
  10. Era scritto che andasse a finire così, quello che a me fondamentalmente mi lascia perplesso, ma non tanto, è la svolta fideistica che ha preso la faccenda ovvero se qualcuno azzarda anche una velata critica viene immediatamente bollato come un "infedele" e parte la sharia. Ad essere obiettivi non ci sarebbe nulla di male a sottolineare che dalla fine del primo tempo della partita con il Napoli la Juve ha smesso di giocare a calcio. Ieri contro una squadra da bassa classifica che in due partite ha preso una carretta di gol non siamo riusciti ad impensierili seriamnete non più di una volta, al contrario loro, che sembravano giocare ad una temperatura diversa, correvano tre volte più di noi e più di una volta ci siamo salvati in affanno perchè loro si le occasioni le hanno avute e chi dice che questo è un punto d'oro ha perfettamente ragione. Poi si, il caldo, gli infortuni, gli indisponibili e la sora Maria, ma giustificarsi con la giornata calda...e dai, loro il caldo non lo soffrivano? Gli avevano per l'occasione disattivato l'ipotalamo? Vedi, potremmo chiedere la vittoria a tavolino, inibire il centro di termoregolazione, puà essere configurato come doping?
  11. Si ma è strategicamente sbagliato a prescindere. Fa caldo? Ma mica fa caldo solo per una squadra. E come quando si è lamentato a Ferrara per il campo. Capello ste cose le faceva a Roma perchè era funzionale alla Roma se perdi o pareggi devi sempre trovare una scusa che sia l'arbitro, il campo o il governo. Cosa che non faceva ne al Milan ne tantomeno alla Juve. Sarri deve capire che non sta ne ad Empoli ne a Napoli.
  12. Ma ragazzi è solo propaganda, roba per il popolino, magari gratuita e non richiesta ma pur sempre una recita. Basta guardare Sarri o vi sete dimenticati di Capello "mai alla Juve"?
  13. In Europa solo Conte e Klopp mica pizza e fichi. Vuoi vedere che il "genio" l'abbiamo in casa e non ce ne siamo accorti
×
×
  • Create New...