Vai al contenuto

Gatto_BiancoNero

Tifoso Juventus
  • Numero contenuti

    81
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

16 Good

Su Gatto_BiancoNero

  • Livello
    Juve, vespa e basta!
  • Compleanno 19/03/1976

Profile Information

  • Sesso:
    Male
  • Scrive da:
    Milano
  • Interessi:
    Juve, Vespa e Birra... What else?

Visite recenti

1015 visite nel profilo
  1. Ronaldo e le sue vicende "americane". Parliamone qui.

    io invece una spoilerata non la rifiuto in questa circostanza...
  2. Ho visto anche io ma non trovo traccia dell'articolo
  3. Ronaldo e le sue vicende "americane". Parliamone qui.

    X i complottisti... A mio parere la macchina del fango verso la Juve di solito si attiva verso aprile/maggio quando lo scudetto ormai è quasi nelle nostre tasche. Dato che quest'anno il divario tecnico è stato evidente già da luglio con l'acquisto di CR7 e degli altri innesti in rosa (e aggiungerei anche a causa del mercato deludente delle altre squadre), hanno pensato bene di allargare il raggio d'azione dei presunti scandali al fuori dai confini italioti (vi sto che quest'anno puntiamo chiaramente alla coppa) e di anticipare un po' i tempi, iniziando a darci addosso gia da Settembre... Cosa ne pensate?
  4. Ronaldo e le sue vicende "americane". Parliamone qui.

    solito articolo clickbait...
  5. Ronaldo e le sue vicende "americane". Parliamone qui.

    in effetti...chiedo venia!
  6. Ronaldo e le sue vicende "americane". Parliamone qui.

    per chi mastica il portoghese... https://twitter.com/elchiringuitotv/status/1050079143881306112?s=20
  7. Ronaldo e le sue vicende "americane". Parliamone qui.

    Anche io la vedo moooolto dura riuscirci ad avere un rapporto anale non catastrofico senza un minimo di consensualità. Senza andare troppo nei dettagli, durante il servizio di leva, un commilitone finì all'ospedale per le lesioni riportate al p**e causate da un "tentativo non andato a buon fine" con la sua ragazza. Insomma, Proprio semplice non è...
  8. Ronaldo e le sue vicende "americane". Parliamone qui.

    Quindi Florentino sapeva!
  9. Ronaldo e le sue vicende "americane". Parliamone qui.

    Per quello che hanno inventato le videoconferenze!
  10. Ronaldo e le sue vicende "americane". Parliamone qui.

    Il messaggio è chiaro... a morte il maschio maschilista
  11. Ronaldo e le sue vicende "americane". Parliamone qui.

    Non me ne vogliano le signore omosessuali del forum, ma da noi queste le chiamano "Lesbiche camioniste". Questa in piu è anti juventina.
  12. Ronaldo e le sue vicende "americane". Parliamone qui.

    09 OTTOBRE 2018 | IN FEMMINISMO & GENDERS. Stampa 93840 Ieri come ogni lunedì, su Italia 1, è andato in onda Tiki Taka, una trasmissione calcistica davvero oscena per bruttezza e contenuti. Una trasmissione assolutamente non degna di nota, se non fosse che nel bel mezzo delle accuse di violenza sessuale nei confronti di Cristiano Ronaldo la trasmissione in questione può essere il termometro di cosa ci aspetta nelle prossime settimane a partire da questa vicenda. In realtà ne abbiamo avuto già abbondanti assaggi. Il 4 ottobre la Juventus FC, la società dell'attuale squadra di CR7, prende le difese del calciatore con un tweet vomitevole che non necessita commenti: "Cristiano Ronaldo ha dimostrato in questi mesi la sua grande professionalità e serietà, apprezzata da tutti alla Juventus. Le vicende asseritamente risalenti a 10 anni fa, non modificano questa opinione, condivisa da chiunque sia entrato in contatto con questo grande campione". Qualcuno dovrebbe dire a questi signori che Ronaldo è accusato di stupro, non di poca professionalità. Dobbiamo purtroppo constatare che per la più grande società di calcio italiano, la professionalità e la bravura nel giocare a calcio cancellano le responsabilità per uno stupro. Alla Juventus chiaramente si allineano tutte le principali testate sportive. Non poteva essere altrimenti visto l'entusiasmo e il servilismo mediatico con cui è stata presentata l'operazione CR7 da tutte le testate giornalistiche italiane, arrivando a riempire pagine e pagine di articoli sul calciatore portoghese, bombardandoci di dettagli inutili e insulsi. Arriviamo così alla prima pagina del Corriere dello Sport del 6 ottobre che titola "CRSEX" già segnalata su facebook dal lavoro di Minuto Settantotto che commentava così: Il sesso è piacere, coinvolgimento. Lo stupro è violenza, prevaricazione. Premessa la presunzione d'innocenza, Cristiano Ronaldo è accusato di stupro, un reato. Il solo accostamento, o peggio l'uso intercambiabile, delle parole sesso e stupro è qualcosa di aberrante. Il giornalista dovrebbe saper maneggiare con cura le parole, soprattutto quando si parla di argomenti così delicati come una violenza sessuale. Un titolo vomitevole, come il retroterra culturale che lo ha partorito. Questo è il giornalismo sportivo in Italia".Una prima pagina che assume connotati ancor più schifosi e vomitevoli alla luce della foto scelta che, estrapolata dal contesto del campo da gioco e legata a quel titolo, sembra mimare un gestaccio. Sempre il Corriere dello Sport continua con il titolo di stamattina "Cristiano in c roce". Inutile parlare di Tutto Sport: "Più forte del fango" e "Giù le mani da CR7" sono solo alcuni dei titoli del giornale torinese. E' il classico ribaltamento dei ruoli e delle responsabilità. La vittima di tutto questo diventa Cristiano Ronaldo. Chi denuncia diventa l'imputata, la responsabile, la carnefice. Succede sempre, eppure questa volta sembra assumere caratteristiche ancor più aggressive, spudorate, esplicite. Veniamo al punto di partenza. A Tiki Taka. Dalla trasmissione parte un servizio sulla vicenda. Il titolo segue la linea del resto della stampa italiana: "Campione sotto pressione". Anche in questo caso per la narrazione mediatica la vittima è il calciatore portoghese. Le questioni sollevate sempre le stesse e sempre vergognose: la distanza di tempo tra l'episodio contestato e la denuncia, il perché abbia accettato di seguirlo nella camera d'albergo, l'aver accettato i soldi e così via. Ma l'apice lo si raggiunge quando la trasmissione torna in studio e la parola passa agli ospiti. La sagra dell'infamia. Per Giampiero Mughini (un nome che è già sinonimo di cloaca) "si tratta di un semplice rapporto non consenziente, non è uno stupro". Anche in questo caso risulta piuttosto superfluo commentare. Se dico NO è NO. Se dinanzi ad un NO continui è stupro. Non ci stancheremo mai di ripeterlo. Poi arriva il turno di Giuseppe Cruciani che si scaglia contro il Metoo ricordandoci che a riguardo il suo pensiero è assolutamente negativo. Il tutto condito dalle solite retoriche con le quali abbiamo purtroppo imparato a fare i conti. Cristiano Ronaldo è un intoccabile. E' il beniamino di grandi e piccini in tutto il mondo. Ma soprattutto è una macchina da soldi infernale. Gli scudi che da tutte le parti si levano a sua difesa sono scudi offensivi, pericolosi, che possono far male e nuocere gravemente in una fase storico-politica già caratterizzata da un forte attacco al corpo delle donne e alla possibilità di autodeterminazione. La narrazione che si sta sviluppando in questi giorni attorno alla vicenda in questione tende in maniera sfrontata e spietata alla banalizzazione della violenza sulle donne, quasi ridicolizzandola. E' una narrazione che produce e alimenta le retoriche più becere. Lega la denuncia della violenza ad un ritorno economico o comunque ad un tornaconto personale; riafferma la società come struttura gerarchizzata in senso patriarcale e maschilista; mortifica il corpo e il ruolo della donna affermando il totale asservimento al maschio, ancor di più se ricco e potente. La difesa di Ronaldo rischia di diventare un grande attacco nei confronti delle donne. E si sa, quando di mezzo c'è il calcio, quando si tratta di grandi campioni, la razionalità, l'obiettività e lo sguardo critico rischiano di venire ulteriormente meno. Questa vicenda può essere, in parte, il termometro di quello che dobbiamo aspettarci nei mesi a venire. Sul corpo delle donne, sulla violenza e sulle possibilità di autodeterminazione si gioca una battaglia cruciale, che purtroppo passa anche da casi mediatici come questi. Lo scritto è comunque in linea con i contenuti generali del sito dal quale è stato preso... Roba da centro sociale anti-juventino.
  13. Ronaldo e le sue vicende "americane". Parliamone qui.

    Un sfogo misto tra femminismo hardcore e anti-juventinità... potrei dire anche un po di odio verso il sesso opposto a occhio e croce. Anche se chi scrive, forse per caso, non si firma...
  14. Ronaldo e le sue vicende "americane". Parliamone qui.

    A loro interessa fare click-bait almeno pagano quei quattro giornalai che ci lavorano. Se aspettano di coprire le spese con le vendite del cartaceo stanno freschi.
×