Jump to content

Colpo_Grosso***

Tifoso Juventus
  • Content Count

    3,600
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

454 Excellent

About Colpo_Grosso***

  • Rank
    S C A R R E D
  • Birthday 05/22/1983

Profile Information

  • Gender
    Male
  • Location
    Silent Lucidity

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

  1. No, non e' quello che sto dicendo. Questi sono i due estremi. In media i ragazzi, proprio perche' non giocano piu' in strada o al campetto, hanno problemi fisici e di coordinazione atipici per quell'eta'. Poi c'e' l'altro estremo dove ci sono quelli che sono esauriti o dal praticare troppe attivita' (magari anche quelle in cui vengono spinti dai genitori) o dall'approccio sbagliato a un'attivita' sportiva in cui la parte ludica si e' totalmente persa.
  2. dalla realta', dai ragazzini che sentono la pressione del dover essere vincenti sin da subito - magari inculcata da genitori frustrati ed allenatori nel posto sbagliato
  3. ma assolutamente no, e se si', che vita triste...da piccoli (e anche da meno piccoli) bisogna prima di tutto divertirsi, senno' che gusto c'e' chi ha bisogno di allenamenti duri dalla piu' giovane eta' vuol dire che non possiede il talento per quello sport
  4. Sono due facce della stessa medaglia - da una parte i ragazzini sotto allenamento tipo professionisti da subito, dall'altra quelli sedentari. E' passato totalmente in secondo piano l'aspetto ludico e sociale dello sport.
  5. Sono proprio gli allenamenti moderni che rovinano tanti ragazzi - subito infarciti di tatticismi, schemi e privati del poter esprimere le proprie individualita' in un contesto di squadra.
  6. Il grosso problema dei mini calciatori e dei mini cestisti e' che solitamente quelli che sono campionissimi a livello microbi (come dice un mio amico) poi inevitabilmente si perdono quando arriva la puberta' e magari nello stesso tempo tanti ragazzi vengono scartati troppo presto mentre si dovrebbe attendere che compiano il loro processo di maturazione fisica - soprattutto a livello di coordinazione. Lo sport da piccoli dovrebbe insegnare a stare insieme, a comportarsi in una squadra, non a raccogliere trofei inutili. Ed i ragazzi a scuola dovrebbero fare quanti piu' sport possibili, non a specializzarsi in tenera eta'.
  7. Il grosso problema dei bimbi delle nati nel nuovo millennio e' che, conducendo uno stile di vita sedentario, hanno poca resistenza fisica rispetto a quello che ci si dovrebbe attendere. Sono fiacchi.
  8. Non e' tanto la mancanza di talento, e' che tutti i giocatori finiscono per assomigliarsi per movimenti, tecnica di tiro, persino strutture fisiche. Poi e' quasi sparito il dribbling vero e proprio, sostituito dallo scatto in velocita'. Il problema della mancanza di talento e' in Italia. Si e' passati da Baggio, Del Piero, Vieri, Totti e Pirlo a Bernardeschi, Chiesa, Insigne, Belotti, Immobile. Gente che vent'anni fa avrebbe faticato a trovarsi un posto da titolare o quasi in una squadra di club.
  9. Spiace umanamente per una persona che non sembrava affatto malvagia, anzi. Ma non e' che ne capisse granche' della pallacanestro. Non sapevo nemmeno che era stato messo li' da De Michelis.
  10. Quanto ha speso l'Atalanta nelle varie sessioni di mercato?
  11. Esatto. Vogliono distanziarsi ulteriormente come elite. Magari gli riesce e dura un paio di stagioni - molto presto pero' quest'elite rimarra' sola soletta mentre lo sport "popolare" rifondera' squadre e societa' mentalmente piu' sane e meno megalomani. Almeno e' quello che auspico. Che poi sta NBA del calcio porta con se' l'enorme differenza di concetto di sport, squadra, franchigia che si ha in Europa e oltreoceano. La' per interessi economici spostano squadre da citta' a citta', sarebbe praticamente impossibile farlo in Europa. Immaginate il Milano San Germano, Romanchester Unito, Barcellentus, Real Arsenal...
  12. Con questo tipo di discorso ci sarebbero sempre le solite a disputarsi le coppe, dividendosi i soldoni e scavando voragini ulteriori con gli altri club "minori". Non basta questo calcio business, facciamolo diventare ancora piu' business ed ancora meno calcio. Guai se qualche club "piccolo" si permette di affacciarsi li' davanti. La penso proprio al contrario di AA, e sara' anche perche' questo modello che pompano sempre di piu' mi sta facendo venire sempre piu' il voltastomaco.
  13. Cristiano Zanetti oggi varrebbe minimo 30 milioni. Fece veramente delle belle partite, aveva carattere e pure visione di gioco. Uno Sturaro piu' compassato, meno veloce, ma piu' tecnico.
×
×
  • Create New...