Jump to content

Colpo_Grosso***

Tifoso Juventus
  • Content Count

    3,409
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

357 Excellent

About Colpo_Grosso***

  • Rank
    S C A R R E D
  • Birthday 05/22/1983

Profile Information

  • Gender
    Male
  • Location
    Rijeka - Fiume

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

  1. Si', ma c'e' una bella differenza fra il mettere su qualche chilo e metterne 15 dopo pochissimo che si e' smesso. O c'ha un metabolismo lentissimo o ci da dentro da mattina a sera...
  2. La scorsa stagione lo vidi col Sassuolo e fu praticamente un "colpo di fulmine". Lettura del gioco, tempismo perfetto e cattiveria nei limiti giusti. Questo gioca gia' con l'esperienza di un veterano e ricorda un po' i difensori vecchia maniera come piacciono a me.
  3. Piu' che altro, l'unico giocatore al quale viene perdonato di tutto e viene giustificata ogni caz.zata per la tenuta da Calimero e per aver vestito maglie che non sono a tinte bianconere.
  4. Costruito con materiale scadente come lo Stadium
  5. Esatto, Kantrida. E' decisamente pittoresco e con una bella vista. Lo vorrebbero ristrutturare, ma e' un'opera a perdere, non tanto per lo stadio in se' - lo butti giu' e ne fai un altro - quanto per questioni logistiche, di infrastrutture. Tutta la citta' e' letteralmente a ridosso sul mare (tipo Genova, ma molto piu' piccola), con un'arteria principale che divide la strettissima fascia costiera dalle alture dei vari quartieri e pensare di fare uno stadio di una certa importanza senza dover stravolgere il capitolo vie d'accesso vuol dire essere fuori strada. Hanno gia' rifatto uno stadio (si pensava solo ad un campo d'allenamento) vicinissimo alla circonvallazione che e' accessibilissimo e praticamente in posizione ideale per quanto riguarda il capitolo traffico. Le foto parlano abbastanza chiaro.
  6. Bel topic da affrontare in maniera trasversale e con tanti spunti. Con gli anni, la presenza sempre piu' cospicua di soldi ed il professionalismo preso come esempio esclusivo e' cambiato proprio il modo di intendere, fare e raccontare sport. E' cambiato il modo di divertirsi, e' cambiato il modo di andare a vedere la partita. A mio avviso in peggio, poi sicuramente a molti piacera' il nuovo corso perche' riflette i tempi moderni ed ai tempi moderni bisogna adattarsi e seguire la corrente. Vivo ad uno sputo da uno degli stadi piu' caratteristici del mondo, quello di Fiume, costruito in un ex cava di pietra a 50-100 m dal mare e sormontato dalle rocce a strapiombo. Vicino c'hanno fatto un campetto per le varie scuole calcio, ci passo vicino molto spesso e mi soffermo ad osservare come si allenano e crescono calcisticamente i ragazzini di oggi. Quello che ho notato e' che, forse anche ad allenatori rigidi e schematici che pensano di avere a che fare con professionisti da inserire in qualche schema, c'e' un'eccessiva attenzione per gli esercizi mirati e la tattica e poco spazio per il divertimento, la creativita' che secondo me sono qualcosa di assolutamente fondamentale in ogni sport, per non parlare della parte in cui viene accentuato il gioco di squadra. Inoltre una marea di genitori crea in questi ragazzi troppe aspettative mettendo loro pressione perche' c'e' questa moda del considerare ogni bambino come un genio incompreso. Invece di togliergli lo stress di una societa' gia' di per se' pompata, ti ritrovi ragazzini di 7-8-9 anni trattati da adulti, ma privi di quella maturita' che renderebbe comprensibile questo atteggiamento. In questo senso che c'entra poco con lo sport mi e' venuto in mente come oggi i bambini anche molto piccoli vengano vestiti con abiti da adulti, solo in taglie microscopiche. Ai miei tempi (si', l'ho detto) i bambini vestivano come bambini e gli adulti come adulti, con ovviamente quella fascia di mezzo dove ognuno cerca lo stile piu' adatto alla propria personalita' passando anche fra esperimenti discutibili.
  7. Pantani era una persona profondamente infelice e spaesata che in cima alle salite cercava il senso della vita e l'annientamento dei propri demoni. Non credo che fosse "pulito", nessuno lo era, gli anni '90 nel ciclismo sono stati un laboratorio di trasfusione ambulante. E' stato fatto fuori da tanta gente che poi ha fatto finta di piangerlo. Per me il ciclismo ha chiuso definitivamente il 14 febbraio 2004 e credo che oggi sia bombato, ma solo in maniera diversa.
  8. Mi ha fatto sbellicare con "Sono vent'anni che non ho la febbre"...e ti credo, con tutta la šljiva che tracanni. Jebote, baš si srbin, Siniša. Non credo ci sia bisogno di terapie particolari, con un po' di grappa passa tutto.
  9. Speriamo che l'abbia beccata in tempo. Per lui e per la sua famiglia.
  10. - Olanda-Uruguay mondiali 1974, nasce di fatto il calcio moderno - Legge Bosman, liberalizzazione totale nel calcio, cosa che a mio avviso ha portato le differenze fra grandi e piccoli a un livello disumano ed irragiungibile - Coppa delle Coppe 1999, finisce un'era
  11. Gara 7 vista a casa di una leggenda di TV Capodistria, Sergio Tavčar che ha pure improvvisato una telecronaca finche' c'e' stata qualche parvenza di partita. Poi e' venuta fuori la squadra che sapeva cosa fare in campo, ma gia' nella serie lo si era intuito. Sassari, oltre ai propri limiti, e' andata fuori giri. Complimenti alla Reyer.
  12. Scudetto all'Inter e Coppa del Mondo 2022 assegnata di diritto al club di Appiano Gentile, unica so(r)cieta' a non essere mai stata in B e a vincere la Coppa del mondo per le nazionali.
×
×
  • Create New...