Jump to content

Eorlingas

Tifoso Juventus
  • Content Count

    4,936
  • Joined

  • Last visited

Everything posted by Eorlingas

  1. Shhhhhh non rovinargli il sogno di sentirsi i Poirot della situazione Volete un po di disciplina? Mettiamo un Tudor Vero!!!
  2. Qualcuno di voi anime gentili con i superpoteri e il dono della predizione mi passerebbe i numeri del lotto già che c'è?
  3. Cosa non vi hanno insegnato gli ultimi 3 anni per quanto riguarda la stampa? -Racconto delle vicende in casa Juve completamente autoriferito e basato su supposizioni giornlistiche(il belgiuoco, i giovani, la champions etc. quando una società sria non farebbe valutazioni del genere mai) -Mosse di mercato indovinate in parte solo quando si tratta di avere a che fare con dirigenti interni al sistema italia e i colpi dalll'estero colgono quasi sempre tutti di sorpresa. I giornalisti sono infilati in un cul de sac dove da un lato devono per fora parlare della Juve tutti i giorni(perchè sia che la si ami o la si odi catalizza l'attenzione più di tutte le altre) dall'altro convivere col fatto che non riescono ad ottenere informazioni interne. I giornalsti sulla Juve sanno poco o nulla.
  4. Sembra il formato della Coppa dei Campioni del 1992 al contrario. Nel 92 ci furono sedicesimi, ottavi e poi 2 gironi da 4 le cui vincitrici si affrontarono in finale(Barcellona-Samp)
  5. Dire "Non prendiamo Aguero perchè dobbiamo ringiovanire e abbassare il monte ingaggi" è una minchiata colossale. Il ringiovanire la squadra e abbassare il monte stipendi lo valuti su tutta la rosa non sul valore simbolico di un solo giocatore. Se ad esempio pigli Aguero, ti togli dalla rosa in una botta sola Dybala, Rabiot, Ramsey e entra gente come Locatelli o Aouar nel complesso hai sia ringiovanito la rosa che fatto plusvalenze importanti che abbassato il monte stipendi. Queste valutazioni si fanno su tutta la rosa. P.s- Aguero più che Tevez mi ricorderebbe molto l'arrivo di Dani Alves
  6. Occhio che se in una botta escono Dybala, Rabiot, Ramsey e Ramsey si libera un botto di spazio nel monte stipendi. E sarebbero 3 plusvalenze mica da ridere.
  7. Questo potrebbe essere il degno erede del topic di Ronaldo(a sua volta degno erede del topic di Aguero)
  8. Io lo dico: Togli lo scatto di Mbappe e sembra in tutto e per tutto la descrizione di Zizou
  9. Quando ci si renderà conto che senza senatori e gruppi storici non esistono proprio le squadre sarà troppo tardi.
  10. Per quanto adori Gasperini(lo avrei voluto già dopo quello che ha fatto a Genova)in questo momento non ha senso cambiare allenatore. Allegri e Sarri non sono stati mandati via per i risultati sportivi, ma perche(per esaurimento fisiologico il primo e per incompatibilità il secondo) non c'erano i presupposti per lavorare ancora assieme in un clima ottimale fra mister, giocatori e dirigenti. Al netto dei prevedibili risultati di quest'anno(fisiologici imho) l'impressione forte è che Pirlo sia seguito, ascoltato e sostenuto da tutti. Per adesso(e sottolineo scaramanticamente per adesso) questo è il primo anno dopo tanti dove non mi pare sia ancora uscita mezza voce di screzi fra allenatore e uno o più giocatori. Non è un caso. Pirlo probabilmente è protetto dai senatori e dai dirigenti e i più giovani inevitabilmente lo vedono come una semidivinità in virtù del suo vissuto da calciatore(che è una cosa che fa tantissimo in uno spogliatoio di giocatori, specie se forti). Qualcuno può reputarsi una cosa negativa, ma per un allenatore se ti ritrovi in queste condizioni, esperto o no è l'ambiente perfetto in cui lavorare, al netto delle pressioni. A meno che non si spacchi completamente lo spogliatoio stile 2009/10 e finiamo decimi in campionato resterà dov'è.
  11. Mio padre è un milanista molto moderato, che il calcio lo seguiva soprattutto da bambino e oggi segue soprattutto il Rugby, che è il suo sport preferito. Però è molto bello parlare con lui soprattutto quando racconta dei calciatori che vedeva lui da bambino/ragazzo, soprattutto Pelé, Rivera e Cruijff, che considera il piu forte di tutti. E se vedo il tifo calcistico in maniera(seppur molto passionale) sana, senza vederla come una guerra lo devo principalmente a lui, che di insegnamenti ne ha dati tanti: Da milanista accompagnò suo nipote a vedere l'inter che faceva ritiro precampionato nella nostra città. Un altra volta ci accompagno ad un torneo che giocavamo con la nostra squadra in Francia. C'era un clima orribile e tesissimo per alcune decisioni dell'arbitro, che per proteste aveva pure espulso il nostro mister(capo scout con il signore sempre in bocca peraltro ). Per una gara fra bambini. Dopo la partita c'erano allenatore e genitori che stavano ancora battibeccando con l'arbitro. Mio padre li ha insultati tutti uno per uno dicendogli di vergognarsi per l'esempio che stavano dando. Dopo di che ha preso sia me che mio fratello e ce ne siamo andati a casa per conto nostro. Esempio.
  12. Don Balon è il Tuttosport di Spagna. Avrebbe AD ORA poco senso perchè ti ritroveresti di fatto nella situazione di partenza di quest'anno(certo con ppiù tempo per preparare la stagione) e ricominciare da capo. Pirlo, a meno di catastrofi clamorose tipo spogliatoio distrutto, andamento da zona retrocessione, risse, faide interne con giocatori e dirigenti o roba simile resterà.. Detto questo Gasperini certamente meriterebbe la chance e rimane il tecnico che più di tutti mi ricorda Lippi(quindi approverei).
  13. Beh mica tanto. Un conto è approcciarsi a questa situazione di partenza con un progetto e una rosa già avviata, un altro è farlo con una rosa rifatta, un intero reparto completamente rivoltato da capo a piedi e un allenatore nuovo. Pirlo ha dalla sua il fatto che conosce bene l'ambiente e ha uno status che lo rende, anche da inesperto, uno al quale chiunque risponde con rispetto e una certa dose di riverenza, ma a parte quello è partito da zero. La possibilità di fare un ritiro, di conoscere con calma i giocatori, di testarlo in test allenanti, la possibilità di usare un intera settimana per preparare una partita e lavorare sui concetti. La conoscenza del tuo compagno. Sono cose piccole ma che nella crescita di una squadra fanno tutta la differenza del mondo. Quest'anno inoltre sia in Italia che all'estero tutte le altre avevano progetti più avviati e collaudati. Alcune hanno letteralmente la stessa squadra o lo stesso allenatore(o entrambi) da anni.
  14. Finalmente qualcuno lo dice!!! Se proprio i nerazzurri devono tornare a vincere lo scudetto(e inevitabilmente succederà) meglio quest'anno paradossalmente. Cosi li potremmo perculare a vita e infilarli in un loop senza ritorno Anni a parlare di aiutini, ladri, disprezzo e poi per vincere di fatto ci devono copiare mettendosi dmi gobbi in casa(perché al dilà dell'egoismo professionale, Conte rimane un "gobbo".)
  15. Beh dai, effettivamente Polpetto oggi è a Milano. Scherzi a parte, Pogba in questa Juve mi intriga ma al tempo stesso non mi convince. Arrivasse penso che verrebbe messo più o meno dove oggi gioca Ramsey o al posto di McKennie accanto ad Arthur. Messo come Ala in non possesso ma in realtà come mezzala Trequartista facendogli fare i compiti che svolge Ramsey(o che ha svolto Kulusevski a Cagliari), quindi impiegato più in avanti rispetto ad adesso,probabilmente diventerebbe offensivamente devastante come nessuno, ma: A)Non so quanto potrebbe aiutare nel pressing, che è il fattore dove rispetto alle ultime 2 stagioni siamo sensibilmente migliorati B)Ogni discorso su quel ruolo(quindi vale anche per un Aouar o per lo stesso Kulusevski) secondo me passa in secondo piano fino a quando non capiremo dove Pirlo vuole mettere Dybala, perchè secondo me è proprio li che lo vuole piazzare(se resta), quindi Polpetto dovrebbe scalzare McKennie. C)Pogba da noi l'ho adorato per tutto tranne per il fatto che ti faceva SISTEMATICAMENTE perdere 1 tempo di gioco nel palleggio. Però ehi, ammetto sarebbe intrigante, anche se forse io preferirei più un qualcosa di simile a Marchisio.
  16. Condivido tutto quello che dici tranne il punto in grassetto. Perchè invece la storia e i numeri della Juve dicono che da quando ci siamo interessati alla coppa(colpevolmente più tardi rispetto agli altri) e abbiamo avuto la squadra per farlo, dalla fine degli anni 60 siamo una delle POCHISSIME squadre a presentarci con una certa regolarità in fondo. E no, non basta l'esito di una partita secca per definire la competitività di una squadra. Non sono mai passati più di 12 anni senza che ci presentassimo almeno 1 volta in finale. Solo il Bayern ha avuto nel tempo questa regolarità. Quando pensiamo al fatto che sono passati 25 anni dall'ultima coppa vinta, ricordiamoci che è capitato(e capita) anche alle altre squadre. Vedi proprio i Bavaresi che dal triennio magico a metà anni 70 han dovuto aspettare fino al 2001 per vincere, ai rigori di nuovo la coppa, perdendone 3 di fila nel mezzo, di cui l'ultima in modo oltre l'atroce. Il Realmadrid quando si è presentato ad Amsterdam contro di noi nel 98 non arrivava in finale da quasi 20 anni e non la vinceva da più di 30(e difatti è forse quella che ricordano più volentieri, perchè l'hanno attesa tanto e perchè è forse l'unica volta che hanno vinto la coppa da sfavoriti sulla carta.) E ricordati che noi stessi in realtà parliamo di maledizione/ossessione da relativamente poco tempo(da dopo la finale di Manchester) e oggettivamente di tutte le finali che abbiamo perso, le ultime 2 erano le più difficili da vincere assieme a quella del 73'. La Juventus non ha niente che non va in quanto a competizione per la Champions. Se arrivi da 50 anni in media 1 volta ogni 6-7 anni a giocarti la finale vuol dire che sei assolutamente competitivo. Ha solo raccolto meno di quanto ha seminato. Non ci manca niente per vincere la 3' Champions( a parte vincere la champions, ovviamente)
  17. Le imperfezioni, gli investimenti che non rendono, la necessità di rimescolare le carte di una squadra sono cose normali, fisiologiche e che piaccia o no, inevitabili. Al netto di queste la dirigenza della Juve attuale nel complesso è forse la cosa più vicina alla parola "incriticabile" che esista nel mondo del calcio(assieme ai bavaresi, ma curiosamente di loro questo appena 1 anno fa non lo avrebbe detto nessuno). Trofei a pioggia(è inutile che li elenco), competitività internazionale, fatturato e potenza di fuoco triplicata e infine una gestione dell'emergenza che ad ora la vede, seppur non benissimo, comunque in condizioni ben più serene e promettenti non solo rispetto ai concorrenti italiani ma pure di quelle che sono state in questi annj le più agguerrite in campo europeo(parlo delle due spagnole). Voler azzerare tutto perché per 1 anno non vinci lo scudetto dopo 9 di fila è da TSO. Se l'aspettativa del tifoso medio è quella secondo il quale lo scudetto è una formalità e la champions qualcosa che programmi e che se non vinci hai fallito tutto, il problema non è della società. È del tifoso che ha perso completamente il senso della realtà. P.s. Non voglio immaginare se fosse esistito il forum nella stagione 98/99 Suicidi di massa degni del Maracanazo
  18. Delusione che ci sta. Ma faccio una gran fatica a capire chi e rimasto sorpreso dalla partita di Porto sinceramente. Il calcio vero non ha niente a che becere con quello che ci raccontiamo qui o che leggiamo di giornali.
  19. L'esempio principe in questo senso è La Juve del Lippi Bis. Praticamente la stessa squadra ma fra quella del primo e del secondo anno ci fu un abisso in termini di prestazioni.
  20. Perche noi ricordiamo l Amauri dall'anno dopo in poi che era una roba davvero irritante. Ma lui è un altro che probabilmente se non gli fosse saltato il crociato avrebbe avuto un altra carriera. Nel primo anno da noi faceva reparto praticamente da solo. Di lui mi ricordo soprattutto: -La partita contro di noi quando ci fece doppietta(primo con gol da seconda punta vera sotto il 7 peraltro) -La partita col Milan -La vittoria a Catania con gol di Poulsen, che l'abbiamo vinta praticamente perché lui da solo ha alzato il baricentro della squadra con lavoro sporco fino a prendersi i calci piazzati da dove poi è arrivato il gol. Poi dall'anno dopo è diventato R2-D2(senza l'insolenza) e lo abbiamo salutato nel disastro collettivo.
  21. Prendi questa stessa IDENTICA squadra e mettila la prossima stagione con: -1 anno di esperienza e conoscenza reciproca e del contesto(ambiente, schemi, rapporti con compagni e allenatore) -Una preparazione pre-stagionale VERA E questa squadra fa già un un tipo di stagione senza molte delle problematiche di quest'anno. Poi chiaro che i giusti nomi al posto giusto sono richiesti. Ma a questa squadra serve meno di quello che sembra.
  22. Ne aggiungo una mezza: Ero seriamente convinto che l'ultimo anno di Allegri saremmo arrivati almeno in finale. E non tanto per la presenza di Ronaldo. Quell'anno quando volevamo metterci a giocare sul serio facevamo letteralmente spavento. E ad eccezione dell'andata a Madrid(e della sconfitta ininfluente con gli svizzeri) quell'anno avevamo fatto in coppa una prestazione più bella dell'altra, compresa la sconfitta interna con lo UTD, che a dispetto del risultato fu probabilmente la migliore. Sembrava una squadra pronta, matura, consapevole. Era sulla carta quella tatticamente più completa. Eravamo in grado di dominare il campo e soffocare gli avversari come di arroccarci e farli rimbalzare senza nessuna differenza(vedi la lezione di calcio all'Old Trafford). Ero convinto che con l'Ajax(che temevo tantissimo, ma non tanto per la rumba al Madrid, ma per le streghe che avevano fatto vedere al Bayern nei gironi, quella fu impressionante) saremmo comunque passati, che il Tottenham lo avremmo tolto di mezzo e che se avessimo beccato il City al suo posto(più forte di noi IMHO ma con meno esperienza) avremmo sofferto le pene dell'inferno ma l'avremmo sfangata. Poi quando pure Douglas Costa si è rotto 1 ora prima della partita mi sono convinto che saremmo usciti. Avevamo troppi giocatori rotti o in condizioni precarie(e infatti Dybala si ruppe a metà partita), senza cambi, contro quelli, che erano fisicamente al top, giocavano in maniera soprannaturale(mai vista una squadra giocare con quella precisione di passaggi a quel ritmo per tutta la durata della partita, mai) e avevan pure 4-5 individualità mica male. Alla lunga distanza sarebbero usciti fuori(e così fù). E sono ancora convinto che senza quell'ecatombe di infortuni tutti assieme l'avremmo sfangata e pure senza penare troppo. E per gli stessi motivi di sopra ero STRASICURO che a Porto avremmo sofferto le pene dell'inferno. Mezza squadra titolare fuori, con l'aggravante che la metà mancante era chirurgicamente quella che fa girare l'altra metà, senza mezzo costruttore di gioco e senza riferimento davanti, contro il Porto che sia davanti alla sua porta che davanti alla tua gioca con tutta la squadra in mezzo metro.
×
×
  • Create New...