Jump to content

Eorlingas

Tifoso Juventus
  • Content Count

    4,762
  • Joined

  • Last visited

Everything posted by Eorlingas

  1. Nel calcio evidentemente non ce ne è coviddi
  2. Le considerazioni sulla mancata competitività dei campionati ci stanno ma peccano di lungimiranza e guardano solo al proprio. E molto spesso sono solo fasi determinate da cicli e dal mancato sfruttamento del potenziale di un club. Siamo in una fase dove generalmente abbiamo visto campionati poco competitivi, con squadre egemoni(a parte l'Inghilterra). Ma l'errore è pensare che la situazione sia la medesima. I motivi che hanno portato all'egemonia della Juve nell'ultimo decennio in Italia sono strutturalmente molto diversi da quelli che hanno visto il Bayern dominare in Germania etc. Noi in questo sbagliamo. Guardiamo gli altri paesi e cerchiamo itintivamente le somiglianze e non le differenze. Tendiamo a guardare alla Spagna e consideriamo l'Atletico Madrid una sorta di Roma o di Napoli, quando in realtà i Colchoneros hanno ben altra bacheca, di titoli ne han vinti 10 e hanno vinto tutte le competizioni internazionali(TUTTE, Mondiale compreso, un hunicum) ad eccezione della Champions. P.s. Dovremmo smetterla di sminuire e dare per scontati i titoli vinti in questi 9 anni. Il caso della Juve è diverso ed estremo rispetto pure all'epoca(Il PSG un anno è finito terzo il Bayern si è fatto fregare 2 titoli di fila dal BVB). E di questi 9 campionati vinti di fila possiamo considerarne sostanzialmente dominati solo 4: Il secondo e il terzo di Conte e il primo e l'ultimo di Allegri. -Il primo lo abbiamo vinto da sfavoriti assoluti e non avevamo ancora la potenza economica che abbiamo ora. -Il Quinto lo abbiamo vinto con una rimonta ai limiti del disumano, in un campionato dove NESSUNO qui dentro a dicembre pensava allo scudetto). -Il Sesto lo abbiamo vinto e condotto, ma la Roma(che l'anno dopo sarebbe arrivata in semifinale CL) ci è arrivata a 4 punti, segno che la differenza l'hanno fatta gli scontri diretti con le big. -Il Settimo all'89' a San Siro lo avevamo perso. -Il Nono lo abbiamo vinto senza la miglior difesa e senza il miglior attacco, facendo solo una cosa meglio di tutti gli altri, vincere quasi tutti gli scontri diretti(o meglio, non perderne quasi nessuno) Non dovremmo darle per sontate certe cose.
  3. Un giocatore giovane, semisconosciuto pure da sua madre che viene preso all'insaputa di tutti, nonostante occupi lo slot da extracomunitario, cosa che lo fa diventare il motivo del mancato arrivo di Suarez. Considerato in partenza come uno dei fallimenti strategici di Paratici. Poi inizia la stagione e nel giro di 3 mesi si mangia tutto e tutti e diventa insostiuibile nel centrocampo bianconero. Chiaro che bisogna vedere se continua eh... Ma perchè non sono minimamente sorpreso?
  4. E' il motivo per il quale Chiellini ha lodato ripetutamente la sua prestazione nel post-partita.
  5. Se c'è una cosa che mi ricorderò di Pjanic è quando sono andato a vedere Juve-Milan di Coppa Italia nel 2017. Ce lo avevo letteralmente davanti quando stava per calciare la punizione del 2-0 e ho visto mio fratello prendere il telefono per filmare il tiro. Vedendo che lo aveva già tirato fuori lui ho evitato di fare altrettanto per vedere bene quello che stava per succedere. La doveva ancora tirare ma di fatto eravamo già sul 2-0. Non sono mai stato in tutta la mia vita così sicuro che la palla sarebbe entrata come quella volta lì. Il primo anno con Ronaldo di punizioni glie ne hanno fatta calciare praticamente 1 sola e l'ha messa dentro(a Napoli) Sotto quel lato era una sentenza, come ne ho viste veramente poche. Ingeneroso farlo passare per un pipponazzo qualunque. Parliamo del playmaker titolare fisso di una squadra che ha vinto 4 scudetti, 2 coppe Italia ed è arrivata in finale di champions con un percorso piuttosto netto(dove fino a quando non si è acciaccato era stato peraltro fra i migliori). Detto questo cederlo così è stato un capolvoro. Ci siamo guadagnati un plusvalenzone e un giocatore che per quanto magari non ha la sua fantasia, ha dei pregi enormi, oltre che essere molto più giovane ma avere comunque una grssa esperienza. Pur con prestazioni altalenanti, la Jve di quest'anno, nell'applicazione pare enormemente migliorata sotto 2 aspetti. Il primo è la pressione, quando proviamo a farla e siamo tendenzialmente in partita la facciamo molto bene(anche ieri col Napoli per dire). Il secondo è la capacità di reggere quella avversaria. Con Arthur in campo, per quanto si sia visto poco siamo migliorati enormemente nel reggere e aggirare la pressione avversaria. Arthur non ha la fantasia e nemmeno i gol i canna di Pjanic, ma ha un controllo orientato, un c**o basso una protezione del pallone e una capacità di reggere l'uomo addosso che Pjanic non ha. Siamo riusciti molte volte ad uscire in palleggio da dietro e con azioni manovrate a poci tocchi in verticale, saltare la prima linea avversaria e arrivare sulla trequarti opposta in tempo zero. Lui in questo centra molto.
  6. Goduria immensa!!!! Chiellini ha voluto sottolineare la rova difensiva di Kulusevski e CR7 sottolineandone più volte l'importanza. E ha ragione
  7. Io continuo a pensare che potenzialmente con Arthur e McKennie alla lunga 2/3 del centrocampo titolare li abbiamo sistemati. E il terzo piu adatto se non è lui è uno che gli somiglia davvero molto.
  8. Bernardeschi dopo molte partite veramente sottotono oggi ha ricominciato a far i suoi consueti "3 passi" che ci erano piaciuti i primi 2 anni da noi. Quelli con i quali mangia 1 metro all'avversario dopo il primo tocco di palla. E anche di grinta e condizione molto meglio. Speriamo sia il primo segnale di ripresa. Per lui e per noi
  9. E zitti zitti un trofeo a casa ce lo portiamo anche quest'anno. Partita a scacchi nel primo tempo. Nel secondo siamo nettamente venuti fuori noi. Pressavamo bene, arrivavamo sempre prima su quasi ogni palla. Meglio nella riconquista. Sczezny disumano. Cuadrado "Ficarreggiante". Bene in generale i difensori. Arthur è salito in cattedra nella ripresa e da un po di partite la da anche più spesso in verticale. Ottimo l' ingresso di Bernardeschi, finalmente molto bene stasera. È sempre bellissimo vincere in faccia a Varriale!!!
  10. Spero vivamente di vedere Locatelli da noi l'estate prossima.
  11. Certo, perché in Francia, Germania e Spagna la playstation non c'è e stanno ancora a giocare ad acchiapparella.... Non Parlo di te, sia chiaro, ma il come uno possa essere talmente scemo nel profondo da credere veramente ad una spiegazione talmente semplice e credersi pure un grande statista mentre lo dice(come ho letto più volte qui dentro) mi lascia sempre perplesso. Questa te la quoto al 1000%. Mi pare di aver capito che molte società qualche anno fa hanno cominciato a prendere di petto il problema e hanno cambiato criteri, metodi di allenamento ed educativi. Il punto è che se viene improntato un lavoro di questo tipo prima che se ne vedono gli effetti ci vuole tempo(ed è il motivo per il quale pennivendoli da strapazzo come Sconcerti che vanno da tempo a decantare sventure e fallimenti ad ogni occasione di farlo sul momento sono, per l'appunto, dei pagliacci senza né arte né parte). In ogni caso c'è sempre un piccolo fattore che non considera mai nessuno. Il fatto che non è che ci sono pochi bambini appassionati di di calcio rispetto a prima. È che ci sono pochissimi bambini IN GENERALE. L'Italia è un paese vecchio e demograficamente squilibratissimo con un Età media di 45 anni e gli aver 60 che sono quasi il 20% della popolazione.
  12. A Crucia' Mi fa piacere, ma continui a starmi comunque sul c****
  13. Scusa, non voglio offenderti, ma è' un discorso un po banalotto e abbasanza superficiale da quasi tutti i punti di vista(il che fa abbastanza ridere considerando che la tua è una critica alla superficialità presunta di una generazione di calciatori). Inanzitutto c'è un equivoco grosso come una casa, ovvero il fatto che tu conti solo dal Post-2006, quando la generazione di cui parli si è A)formata B)affacciata nel professionismo poco prima. I Millennials del calcio italiano hanno dato comunque 5 giocatori alla nazionale campione del mondo del 2006. Quel mondiale poi, per il periodo in cui si è svolto, è diverso dagli altri. Non è stato il trionfo di una generazione di calciatori ma un enorme passaggio di testimone collettivo. Quasi ogni squadra aveva i grandi all'ultimo giro, una manciata di giocatori nel pieno della carriera e dei giovani promettentissimi che avrebbero segnato i 10 anni successivi. C'erano tutti i palloni d'oro vinti dal 97 ad OGGI(un arco di 20 anni) C'erano già le basi embionali per le 2 successive nazionali campioni del mondo. C'erano Ronaldo e Zidane al loro ultimo mondiale e CR7 e Messi al loro primo balletto. I motivi per i quali la generazione successiva quella dei Totti dei Del Piero etc. non ha brillato come la precedente sono tanti e molteplici e dipendono da una serie di fattori del tipo: 1)Sono semplicemente SCARSI tecnicamente. 2)Sviluppati con metodologie di allenamento discutibili in voga da un certo periodo in poi che hanno generalmente privilegiato la formazione tattica e fisica dei giocatori alla tecnica di base(c'è un accusa di Allegri molto specifica in tal senso) 3)Molti di quelli che promettevano A)Non sono stati in grado di gestirsi caratterialmente nonostante l'immenso talento(vedi Cassano). B)Hanno avuto degli exploit di alto livello ma durare alla lunga molto poco(vedi Gilardino) C)Hanno subito ad un certo gravi infortuni senza i quali la carriera sarebbe probabilmente stata diversa(su tutti Marchisio e Giuseppe Rossi). Poi ve ne sono tane altre, il contesto diverso a livello di competitività nazionale, i cambi di moduli che tendono a favorire ruoli e giocatori determinati piuttosto che altri etc. Ma soprattutto una generazione di calciatori e quello che raccoglie su un campo professionistico è frutto SEMPRE di un lavoro che è iniziato almeno 10 anni prima. Questo parlando solo dei Millennials, che hanno un percorso ormai in via di discesa finale e spareranno le loro ultime cartucce fra quest'anno, l'europeo e il Mondiale in Qatar Della generazione sucessiva, delle leve dal 96' in poi(quella di Chiesa, di Donnarumma,Kean, Barella e Zaniolo per intenderci) non si possono fare giudizi ora, perchè sono diversi, cresciuti in un contesto diverso e probabilmente sviluppati calcisticamente con metodologie diverse. Quindi il giudizio per loro va sospeso, perchè hanno appena iniziato.
  14. C'è una bella differenza fra il giocare sottotono o sotto ritmo e giocare male. Lo scorso anno facevamo una fatica bestiale a creare occasioni da gol nitide. Non occupavamo quasi mai a dovere gli spazi nell'area avversaria e non riuscivamo praticamente mai a fare in modo che uno dei nostri giocatori in area fosse libero di calciare senza doversi inventare una giocata di classe per liberarsi al tiro(vedi i gol di Dybala alle milanesi). Quest'anno è già capitato parecchie volte che che ci ritrovassimo anche con 2 uomini in area soli a calciare(vedi il gol di McKennie a Barcellona) Tendenzialmente anche nelle partite più blande creiamo enormemente di più. Attacchiamo bene gli spazi. Occupiamo tendenzialmente bene l'area avversaria. Con il Sassuolo peraltro abbiamo concesso come palle gol nitide relativamente poco. Ripeto, un conto è giocar male, un conto è giocare a basso ritmo. P.s. Sono aumentati considerevolmente i gol non tanto dai centrocampisti, quanto delle ali. Kulusevaki e Chiesa han fatto 8 gol in 2. È lo stesso numero di gol che Berna, Costa e Cuadrado avevano messo assieme lo scorso anno in tutta la stagione.
  15. Ma più che altro diamine, pure in un periodo storico come questo qui ci sono dei poveracci che riescono davvero a vivere le partite a questo modo. O addirittura proprio per quello Che pena. Ma il torrentismo non vi piace da seguire? Un po più tranquillo, no? Ma vivetevela tranquilla e spegnete la playstation.
  16. Con l'Atalanta per la qualità (quella di Morata ancora non me la spiego). Stasera a quantità non ricordo niente del genere da diverso tempo. Sia nel primo tempo che nel secondo abbiamo costruito tantissimo(pur facendo IMHO una partita non eccezionale contro una squadra, checchè se ne dica, davvetro davvero forte).
  17. CHIEDETE SCUSA A DANILO P.s. Non ricordo una partita nostra nel passato recente con così TANTE palle gol cannate. Ho perso il conto.
  18. 23 anni Gioca con entrambi i piedi Corre avanti e indiero Rapporto precisione di calcio/velocità di calcio parecchio elevata. Fisicamente integro, Segna più di tutte le nostre ali messe assieme
  19. L'unica vera cosa che si può concretamente fare per vincere la coppa è................ Vincere la coppa
  20. "Quel c**** di nessuno... è Andrea Pirlo! Un tempo era nostro giocatore. Lo chiamavano Il Maestro." "Il regista." "Pirlo non era esattamente il regista. Era quello che mandavi ad umiliare il f***** Regista. Pirlo è intuizione pura, visione totale e genio assoluto. Una volta l'ho visto saltare tre uomini da fermo con una finta. Una c****... di finta."
×
×
  • Create New...