Jump to content

Search the Community

Showing results for tags 'calciomercato juventus'.



More search options

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Forums

  • Sport Corner
    • Juventus Forum
    • Calciomercato Juventus
    • Juventus Women
    • Allianz Stadium, J-Museum & Biglietti
    • Calciopoli (Farsopoli)
    • Il Romanzo Bianconero
    • Off Juve
    • Juventus news in English
    • Pronostici & Scommesse
    • Altri Sports
  • Tifosibianconeri.community
    • Il Diario dei Tifosi
    • Games Zone - Nuova Stagione 2019/2020
    • Off topics
    • Multimedia & Graphics
  • Supporto
    • Comunicazioni, proposte e messaggi per lo staff
    • L'Archivio Di Tifosibianconeri.com
    • Cestino

Find results in...

Find results that contain...


Date Created

  • Start

    End


Last Updated

  • Start

    End


Filter by number of...

Joined

  • Start

    End


Group


AIM


MSN


Website URL


ICQ


Yahoo


Jabber


Skype


Location


Interests

Found 17 results

  1. Juventus, Demiral o Rugani come "acconto" a gennaio per Donnarumma La giornalaccio rosa dello Sport di oggi fa apre con il possibile trasferimento di Gianluigi Donnarumma alla Juventus. Il portiere del Milan è in scadenza nel 2021 e con un ingaggio da 6 milioni che difficilmente potrà essere riproposto da Elliott per ragioni di bilancio. Dall'altra parte, Donnarumma difficilmente accetterà una riduzione e per questo che la Juventus è pronta a inserirsi per giugno, sacrificando così Wojciech Szczesny, anch'egli in scadenza 2021. POSSIBILE CONTROPARTITA Da escludere uno scambio fra i due, dato che il Milan attuale rappresenterebbe un declassamento per il portiere titolare della Juventus. Rossoneri che cercano un centrale e i bianconeri avrebbero due elementi che potrebbero fare al caso di Pioli: Demiral e Rugani. Ragion per cui potrebbero essere persino i rossoneri a fare la prima mossa a gennaio. L'arrivo di uno dei due giocatori sarebbe, di fatto, un acconto per il trasferimento a giugno di Gigio. https://www.tuttomercatoweb.com/serie-a/juventus-demiral-o-rugani-come-acconto-a-gennaio-per-donnarumma-1314846 Il giocatore è più che valido, oltre che giovanissimo, ma, a mio parere, prima di smantellare un reparto dove abbiamo comunque un titolare valido, preferirei si spendessero tempo e risorse per colmare le lacune, che ci portiamo avanti da anni, nel settore nevralgico.
  2. "In effetti credevo che progettare un sogno riguardasse l'aspetto visivo, ma ha più a che fare con le sensazioni, l'atmosfera. Ma che succede quando cominci a giocare con la fisica di tutto questo?" ------------------------------------------------------------- Come di consueto, seguiamo gli ultimi giorni di mercato da oggi fino a domani alla chiusura. Si raccomanda di rendere vivibile la discussione e di non creare spam selvaggio.
  3. Caceres a quanto pare ha ripreso da dove ci aveva lasciato: infortunandosi. edit: a quanto pare è una fake news sparsa sui social in ogni caso fisicamente non è affidabile Chiellini problema al polpaccio Rugani inadatto contro le squadre che non siano Chievo Bologna e Frosinone Barzagli finito Bonucci torna fra un mese se va bene De Sciglio NON è un centrale di difesa Con i 20 milioni di Audero e i 10 di Benatia bisogna provare ad anticipare qualche operazione programmata per l’estate, che sia Romero o De Ligt Se non si agisce nelle prossime 24 ore contro l’Atletico vedremo la replica di stasera
  4. "In effetti credevo che progettare un sogno riguardasse l'aspetto visivo, ma ha più a che fare con le sensazioni, l'atmosfera. Ma che succede quando cominci a giocare con la fisica di tutto questo?" ------------------------------------------------------------- Come di consueto, seguiamo gli ultimi giorni di mercato da oggi fino a domani alla chiusura. Si raccomanda di rendere vivibile la discussione e di non creare spam selvaggio.
  5. "In effetti credevo che progettare un sogno riguardasse l'aspetto visivo, ma ha più a che fare con le sensazioni, l'atmosfera. Ma che succede quando cominci a giocare con la fisica di tutto questo?" ------------------------------------------------------------- Come di consueto, seguiamo gli ultimi giorni di mercato da oggi fino a domani alla chiusura. Si raccomanda di rendere vivibile la discussione e di non creare spam selvaggio.
  6. "In effetti credevo che progettare un sogno riguardasse l'aspetto visivo, ma ha più a che fare con le sensazioni, l'atmosfera. Ma che succede quando cominci a giocare con la fisica di tutto questo?" ------------------------------------------------------------- Come di consueto, seguiamo gli ultimi giorni di mercato da oggi fino a domani alla chiusura. Si raccomanda di rendere vivibile la discussione e di non creare spam selvaggio.
  7. "In effetti credevo che progettare un sogno riguardasse l'aspetto visivo, ma ha più a che fare con le sensazioni, l'atmosfera. Ma che succede quando cominci a giocare con la fisica di tutto questo?" ------------------------------------------------------------- Come di consueto, seguiamo gli ultimi giorni di mercato da oggi fino a domani alla chiusura. Si raccomanda di rendere vivibile la discussione e di non creare spam selvaggio.
  8. "In effetti credevo che progettare un sogno riguardasse l'aspetto visivo, ma ha più a che fare con le sensazioni, l'atmosfera. Ma che succede quando cominci a giocare con la fisica di tutto questo?" ------------------------------------------------------------- Come di consueto, seguiamo gli ultimi giorni di mercato da oggi fino a domani alla chiusura. Si raccomanda di rendere vivibile la discussione e di non creare spam selvaggio.
  9. Le strade della Juventus e di Simone Zaza si separano. Il calciatore giocherà la prossima stagione nel West Ham: di seguito il comunicato ufficiale. ACCORDO CON IL WEST HAM FC PER LA CESSIONE DEL CALCIATORE SIMONE ZAZA Torino, 28 agosto 2016 – Juventus Football Club S.p.A. comunica di aver perfezionato l’accordo con la società West Ham United Football Club Limited per la cessione a titolo temporaneo, fino al 30 giugno 2017, del diritto alle prestazioni sportive del calciatore Simone Zaza a fronte di un corrispettivo di € 5 milioni. Il contratto prevede, inoltre, l’obbligo per il West Ham FC di acquisire il calciatore a titolo definitivo qualora il calciatore disputi un determinato numero di partite ufficiali nel corso della stagione 2016/2017. Il corrispettivo della cessione a titolo definito è stato fissato pari a 20 milioni, pagabili in due esercizi, e potrà incrementarsi di ulteriori € 3 milioni al verificarsi di determinate condizioni nel corso della durata contrattuale. Potenza, istinto, classe, voglia e capacità di segnare gol pesanti. Pesantissimi. Questa può essere una sintesi efficace dei 12 mesi di Simone Zaza in maglia bianconera, rappresentati ancora meglio da questo gol: Un gol che ricordiamo tutti, e molto bene. La data è quella del 13 febbraio, la Juve ospita il Napoli capolista, una vittoria permetterebbe il sorpasso in classifica, un pareggio lascerebbe i partenopei al primo posto. Siamo sullo 0-0 e la partita si avvicina ai minuti finali. Simo è entrato da poco, e si inventa questo gol. Un tiro da fuori, cui Reina non può opporsi nonostante ci provi. Un tiro da fuori che significa vittoria e, con il senno di poi, probabilmente Scudetto. Non a caso i tifosi bianconeri lo hanno votato come “Gol dell’anno”: da quel 13 febbraio, la Juve la vetta non la lascerà più. Diciannove le sue presenze in Campionato, con cinque reti. Cui sommare 3 partite in Coppa Italia (2 gol) e due in Champions, coronate da questo gran gol: Sono numeri che certificano la sua qualità: Zaza ha avuto la miglior media gol su 90 minuti, 0.8 – in tutte le competizioni, e anche la migliore media tiri della sua squadra (4,1) e tiri nello specchio (1,6) fra tutti i bianconeri. Giocatore onnipresente, ha praticamente coperto tutte le aree del campo, di sua stretta e competenza e non solo, come mostra questa grafica: Zaza saluta la Juventus con tre trofei nella sua personale bacheca, che sono poi le tre scintillanti coppe portate a casa quest’anno: la Supercoppa di Shanghai, lo Scudetto e la Coppa Italia. Trofei vinti anche (e vi abbiamo appena raccontato perché) grazie alle sue reti, che resteranno incise nella storia bianconera. Grazie, Simone, e buona fortuna! (juventus.com) http://www.juventus.com/it/news/news/2016/grazie-di-tutto--simo-.php
  10. Come da titolo, aggiorniamoci qui per il passaggio di Pogba allo United. Chiaro puro e semplice: il primo che spamma va fuori senza se e senza ma. Provate solo a farlo e a rendere illeggibile questa discussione, e poi vedete voi. Stiamo per perdere un fuoriclasse, vi avviso che non è aria.
  11. "L’Unione Sportiva Sassuolo Calcio comunica di aver completato la seguente operazione di mercato: LIROLA KOSOK Pol Mikel ('97, difensore): acquisito a titolo di prestito biennale dalla Juventus F.C."
  12. La difesa bianconera si arricchisce di un nuovo, importante, tassello. Parliamo di Medhi Benatia, difensore marocchino classe 1987. La società e il giocatore hanno siglato oggi un contratto che lega le parti fino al 30 giugno 2017. Questo il comunicato ufficiale: ACCORDO CON IL BAYERN MÜNCHEN PER L’ACQUISIZIONE TEMPORANEA DEL CALCIATORE MEDHI BENATIA Torino, 15 luglio 2016 – Juventus Football Club S.p.A. comunica di aver perfezionato l’accordo con la società tedesca FC Bayern München AG per l’acquisizione a titolo temporaneo, fino al 30 giugno 2017, del diritto alle prestazioni sportive del calciatore Medhi El Mouttaqui-Benatia a fronte di un corrispettivo di € 3 milioni da versare a seguito del rilascio del transfer internazionale. Il contratto prevede, inoltre, la facoltà per Juventus di esercitare, entro il 30 maggio 2017, il diritto di opzione per l’acquisizione a titolo definitivo del calciatore per un corrispettivo di € 17 milioni pagabili in due esercizi. Scarica il comunicato Medhi Benatia, difensore di nazionalità marocchina, è nato in Francia, a Courcoronnes, il 17 aprile 1987: dopo due stagioni, al Tours e al Lorient, passa nel 2008 al Clermont, dove milita per un biennio, segnando due reti in 57 presenze. Il dato non è di poco rilievo: nonostante il suo ruolo, dal suo arrivo al Clermont Benatia segnerà in tutti gli otto campionati disputati (15 marcature totali). Ma torniamo alla storia: le due buone stagioni a Clermont gli valgono nel 2010 la chiamata dell’Udinese e in Friuli Medhi si ferma per tre stagioni, giocando 80 partite in Serie A (sei gol) e 17 in competizioni europee, segnando all’Atletico Madrid in Europa Leaguenell’ottobre 2011. Il difensore passa poi alla Roma (siamo nella stagione 2013/14). 33 partite e ben 5 reti in serie A, più 4 presenze in Coppa Italia: è una grande annata, in cui Medhi mostra tutte le sue doti, oltre al grande numero di reti, sempre parametrate al suo ruolo, il giocatore si fa notare come quello che completa più respinte difensive in campionato, la bellezza di 210. Numeri che, la stagione successiva, gli valgono la chiamata del Bayern Monaco, e con la squadra bavarese Benatia milita nelle ultime due stagioni, vincendo due campionati e una Coppa di Germania,giocando in Bundesliga 29 partite (due gol), disputandone 4 in Coppa di Germania e ben 13 in Champions League, competizione in cui trova la rete ancora una volta contro una squadra spagnola, il Barcellona, nel 2015. A questi numeri vanno aggiunte 42 presenzee una rete con la maglia della nazionalemarocchina. Medhi è un difensore di classe, con un destro delicato e ottimo senso della posizione e dei movimenti difensivi, favorito anche da una prestanza fisica non indifferente (basti pensare che è alto 190 cm). Doti, queste, che lo rendono semplicemente perfetto per la difesa Campione d’Italia. (juventus.com)
  13. Juventus-Benatia, c’è l’accordo con il Bayern: respinto l’ultimo assalto del Milan Medhi Benatia - Bayern Monaco Gianluca Di Marzio 13-07-2016 20:33 Mehdi Benatia e la Juventus, ora ci siamo. Il difensore classe '87 è ormai ad un passo dai bianconeri nonostante l'inserimento del Milan, il cui ultimo assalto però non ha dato l'esito sperato. Il Bayern Monaco, infatti, ha rispettato l'impegno preso con la dirigenza bianconera con le due società che dunque hanno trovato l'accordo. La Juventus conta di definire gli ultimi dettagli e di formalizzare l'arrivo di Benatia alla corte di Allegri già in queste ore. L'ex Roma e Udinese è pronto a tornare in Italia, la Juventus lo aspetta... http://gianlucadimarzio.com/news-cat/juventus-benatia-trattativa-in-dirittura-darrivo-respinto-lultimo-assalto-del-milan/ Mamma mia che squadrone che stiamo facendo
  14. Come da titolo, Pado al Cagliari per 0,6 mln pagabili in 3 anni. Ciao Pentacampione. #GraziePado
  15. : "A tutti i tifosi Juventini, premesso che si tratti per me di una cosa assolutamente inusuale scrivere sui social (di cui sono sprovvisto, questo è di mia moglie) ed infatti è la prima volta che lo faccio, penso che in questa occasione sia assolutamente necessario esprimere da parte mia un ringraziamento particolare a tutto il popolo bianconero che in questi anni mi ha dimostrato costantemente il suo affetto. So assolutamente che un semplice grazie non può bastare a spiegare la mia gratitudine verso tutto l'ambiente Juventino: questi sono giorni in cui provo sentimenti contrastanti, da una parte sono carico a mille per la nuova avventura che mi attende, dall'altra provo un grande nodo alla gola per quello che sto lasciando e che con questa lettera voglio ringraziare. GRAZIE innanzitutto a tutti i miei compagni che ho avuto in questi 5 anni, ognuno di voi mi ha dato e lasciato qualcosa di speciale ed importante, difficilmente avrò la fortuna di trovare un altro gruppo così unito e solido in ogni occasione, per me è stato un onore immenso giocare con tutti voi e vi ringrazio di avermi fatto sentire importante e apprezzato all'interno del gruppo. GRAZIE agli staff tecnici di Mister Conte e Mister Allegri dai quali ho potuto imparare cose nuove e vincenti. GRAZIE ad ogni persona che ha lavorato a contatto con noi (Matteo Fabris, dottori, fisioterapisti, magazzinieri, marketing) e chi lavora costantemente "dietro le quinte" e a "fari spenti" dando il suo fondamentale contributo ai successi recenti. GRAZIE alla società (presidente, direttori Marotta e Paratici, Pavel Nedved) migliore che possa esserci, il cui obiettivo è sempre quello di migliorare e grazie a questo spirito è riuscita ad essere avanti anni luce rispetto a tutti in Italia e lo diventerà anche a livello europeo e che mi ha dato la possibilità di confrontarmi ad un livello altissimo come la champions. GRAZIE alla bellissima città di Torino, dove sono nati i miei amati figli e che rappresenterà sempre per la nostra famiglia lo scenario di ricordi meravigliosi. E GRAZIE a tutti i tifosi che in questi anni ci hanno fatto sentire il loro appoggio e personalmente mi hanno apprezzato nonostante le mie qualità mediocri per il livello Juventus ma che hanno capito che in ogni occasione ho cercato di onorare la maglia dando tutto me stesso: i vostri complimenti mi fanno provare sinceramente un po' di vergogna perché penso di non meritarmeli e per questo vi sarò eternamente grato. Me ne vado via felice e con profonda soddisfazione e fierezza pensando di aver dato anche solo un briciolo di contributo a tutti i trionfi che abbiamo avuto la fortuna di avere in questi ultimi 5 anni. In poche parole GRAZIE JUVE!!!! Vi saluto tutti con grande affetto, facendovi un grande in bocca al lupo per il futuro. Simone Padoin". http://m.tuttomercatoweb.com/juventus/?action=read&idnet=dHV0dG9qdXZlLmNvbS0zMTAwMjk lacrime
  16. DANI ALVES deixa el Barça! El lateral brasiler marxa a la JUVENTUS. Explicat al @QTJugues #mercato https://mobile.twitter.com/gerardromero/status/735538792275267586?p=v
  17. Centrale di centrocampo, dalle spiccate doti tecniche, Miralem Pjanic è uno di quei calciatori capaci di cambiare il volto di un’azione anche con un solo tocco di palla. A partire da oggi metterà le sue qualità al servizio della Juventus. La società ha infatti siglato un accordo con la Roma per il passaggio del centrocampista bosniaco in bianconero. ACCORDO CON L’A.S. ROMA PER L’ACQUISIZIONE DEL CALCIATORE MIRALEM PJANIC Torino, 13 giugno 2016 – Juventus Football Club S.p.A. comunica di aver perfezionato l’accordo con la società A.S. Roma S.p.A. per l’acquisizione a titolo definitivo del diritto alle prestazioni sportive del calciatore Miralem Pjanic a fronte di un corrispettivo di € 32 milioni. Gli effetti economici e patrimoniali di tale acquisizione avranno effetto a decorrere dalla stagione sportiva 2016/2017. Juventus ha sottoscritto con lo stesso calciatore un contratto di prestazione sportiva quinquennale. Il suo destro delicato, la precisione abbinata alla potenza e alla visione di gioco, fanno di Pjanic uno dei centrali offensivi più dotati che ci siano in Serie A. Se aggiungiamo anche le sue capacità balistiche, per esempio nel battere i calci di punizione, è chiaro come il centrocampo bianconero si sia ulteriormente arricchito di qualità. Le doti di Pjanic sono chiare fin da quando il giocatore muove i primi passi nel mondo del calcio, in Lussemburgo. Accade nel 2004, quando Miralem ha solo 14 anni (il giocatore nasce a Tuzla, Bosnia, nel 1990) e milita nell’Under 19 dello Schifflange. Viene notato dalla squadra francese del Metz, che per tre stagioni lo fa crescere nelle sue giovanili e poi, a 17 anni, lo lancia in Prima Squadra. 32 presenze e 3 gol in campionato, cui sommare 6 apparizioni e una rete in Coppa di Francia gli valgono, nel 2008, il passaggio al Lione. Ed è in riva al Rodano che Miralem mostra a pieno tutte le sue qualità: fino al 2011 disputa 90 partite in Ligue 1, mettendo a segno 10 gol; bottino che aumenta considerando i 6 match nelle coppe nazionali (Coupe de France e Coupe de la Ligue) e i 25 in ambito internazionale (sei le reti per lui). Dalla Ligue 1 alla Serie A: nel 2011 Pjanic passa alla Roma, di cui è titolare fin dal suo arrivo. Lo confermano le 159 presenze e 27 reti in campionato, le 9 apparizioni (una rete) in Coppa Italia e le 17 in Champions League, competizione nella quale Miralem segna due reti. Da oggi, il curriculum del calciatore si tinge di bianconero. (juventus.com) http://www.juventus.com/it/news/news/2016/pjanic---bianconero-.php CHI E' MIRALEM PJANIC??? Miralem Pjanić (Tuzla, 2 aprile 1990) è un calciatore bosniaco, ex centrocampista della Roma ora passato alla Juventus e della Nazionale bosniaca. Detto "Il Pianista", "Il Piccolo Principe" o "Giotto", è bosniaco di nascita, ma è cresciuto calcisticamente in Lussemburgo. Muove i primi passi nel FC Schifflange 95, per poi passare nelle giovanili del Metz, squadra con la quale debutta tra i professionisti. Nell'estate del 2008 si trasferisce al Lione, dove si afferma come una delle migliori speranze del calcio europeo, grazie alle sue prestazioni nel campionato francese e in Champions League. Nel 2011 passa alla Roma e nell'estate del 2016 a Torino sponda bianconera. Titolare inamovibile della sua Nazionale, nel 2014 contribuisce in modo importante alla storica partecipazione ai Mondiali di calcio. Il giocatore è figlio d'arte (il padre giocava nella seconda divisione jugoslava), è in possesso di due cittadinanze: bosniaca e lussemburghese, Paese nel quale si rifugiò con la sua famiglia poco dopo lo scoppio della guerra in Bosnia. Soprannominato Giotto, parla ben sei lingue: bosniaco, inglese, tedesco, lussemburghese, francese ed italiano. Centrocampista completo è dotato di una buona velocità, un ottimo controllo di palla, un ottimo tiro, in particolare dalla distanza, di un'eccellente visione di gioco grazie alla quale fornisce numerosi assist ai compagni e grande abilità nel dribbling, in particolare nello stretto, che gli permette di esibirsi in incredibili serpentine. Può ricoprire sia il ruolo di intermedio di centrocampo che quello di trequartista. Col tempo sotto la gestione di Rudi Garcia ha imparato anche a ricoprire il ruolo di mezz' ala sviluppando anche l'abilità d'intercettazione della palla con verticalizzazione immediata. Nel 2010 è stato inserito nella lista dei migliori calciatori nati dopo il 1989 stilata da Don Balón. Abile nei calci piazzati, quando giocava con la maglia dell'Olympique Lione, si allenava spesso a calciare le punizioni assieme a Juninho, come confermato da quest'ultimo e già nel 2009 il bosniaco era considerato il suo erede tra le file dell'OL. Miralem inizia la sua carriera nel club lussemburghese del Fc Schifflange (prima divisione) dopo vari infortuni che lo hanno relegato spesso in tribuna. Già allora l'allenatore del club nota il suo talento e decide di metterlo in prima squadra già da giovanissimo. Dopo aver militato nella squadra lussemburghese dello Schifflange, è giunto al Metz nel 2004 e, dopo alcune stagioni nelle squadre giovanili, fa il suo debutto il 18 agosto 2007 contro il PSG, gara terminata 0-0. Il 15 dicembre realizza contro il Sochaux, rete che non servirà ad evitare la sconfitta ai granata. Conclude la sua stagione totalizzando 38 presenze e 4 reti. Il 1º agosto 2008 si trasferisce a titolo definitivo al Lione per 7,5 milioni di euro. Fa il suo debutto il 2 agosto contro il Bordeaux. Il 24 febbraio 2009 fa il suo debutto in Champions League contro il Barcellona, partita terminata 1-1. chiudendo la sua prima stagione con 24 presenze, senza alcuna rete all'attivo. Nella stagione successiva, si afferma come uno dei migliori giovani sul palcoscenico europeo, anche grazie al compagno di squadra Juninho Pernambucano, dal quale apprende specifiche qualità balistiche nel calciare le punizioni. Il 19 agosto 2009, nel giorno del suo debutto stagionale, segna il suo primo gol in Champions League contro l'Anderlecht partita valevole per i Preliminari di Champions League, gara vinta dai francesi 5-1. Pochi giorni dopo, il 22 agosto, segna nella gara vinta 3-0 contro l'Auxerre il suo primo gol in campionato con la maglia del Lione. L'11 marzo 2010 segna inoltre il gol del pareggio contro il Real Madrid nel ritorno degli ottavi, rete che permette alla sua squadra di passare ai quarti di finale. Termina la stagione con 53 presenze e 11 reti. Nel periodo successivo, disputa un'altra stagione su buoni livelli, senza però ripetere l'exploit di quella precedente. Conclude la sua esperienza al Lione, dopo aver totalizzato 121 presenze condite da 16 reti. Il 31 agosto 2011 la Roma acquista il calciatore a titolo definitivo per 11 milioni di euro. Esordisce con la nuova maglia l'11 settembre 2011 nella gara casalinga contro il Cagliari persa per 1-2.. Il 20 novembre 2011 segna il suo primo gol contro il Lecce, il primo con la maglia giallorossa, rete che risulterà decisiva per la vittoria finale. Nella prima parte della stagione successiva parte spesso dalla panchina, visto un difficile rapporto con il neo tecnico Zeman; diverrà invece titolare fisso con l'arrivo in panchina di Rudi Garcia, nella stagione 2013-2014. Con il tecnico francese la Roma ottiene due secondi posti consecutivi, ai quali Pjanić contribuisce rispettivamente con 6 (2013-14) e 5 reti (2014-15). La stagione 2015-2016 è particolarmente brillante sul piano realizzativo: Pjanić con 12 gol supera il proprio record di marcature stagionali del 2009-10 con l'Olympique Lyonnais di 11 marcature. L'8 maggio 2016 nella vittoria per 3-0 contro il Chievo si porta a 10 gol in campionato andando per la prima volta in doppia cifra in campionato. Ha esordito a livello di Nazionale con la maglia del Lussemburgo ai campionati europei Under-19, Paese dove è cresciuto calcisticamente. successivamente ha dichiarato di voler giocare per la Bosnia, debuttando da prima con la Nazionale Under 21. Il 20 agosto 2008 fa il suo esordio nell'amichevole contro la Bulgaria, gara finita con la vittoria dei bulgari per 2 a 1 risultando, a 18 anni, il più giovane esordiente della Nazionale. Durante un'altra gara amichevole vinta 2-1, questa volta contro il Ghana, il 2 marzo 2010, segna la sua prima rete in Nazionale. Il 3 giugno 2014 viene inserito nella lista dei convocati della Nazionale Bosniaca che parteciperà ai Mondiali di calcio. Il 16 giugno fa il suo esordio nella gara contro l'Argentina, partita vinta dall'Albiceleste 2-1. Il 25 giugno segna nella vittoria 3-1 contro l'Iran, successo che risulterà inutile ai fini del passaggio del girone. Conclude la competizione con 3 presenze ed 1 rete. (wikipedia.org)
×
×
  • Create New...