Jump to content
Sign in to follow this  
iononsonointerista

Qui Le Vostre Domande Per...

Recommended Posts

Buongiorno innanzitutto.. quante possibilit? ci sono che Lippi vada al Milan??

Vi prego ditemi che sono poche..

Ricordo sue testuali parole: "In Italia non potrei andare ad allenare nessun'altra societ? dopo la Juventus". Speriamo non fossero di circostanza...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ricordo sue testuali parole: "In Italia non potrei andare ad allenare nessun'altra societ? dopo la Juventus". Speriamo non fossero di circostanza...

Io invece te ne riporto altre.

"La Juve ? una squadra di Gesuiti alla quale non andrei mai."

Share this post


Link to post
Share on other sites
Io invece te ne riporto altre.

"La Juve ? una squadra di Gesuiti alla quale non andrei mai."

questa me la sono persa. quando l'ha detta?

Share this post


Link to post
Share on other sites
questa me la sono persa. quando l'ha detta?

Anch'io non l'ho mai sentito dire una cosa del genere, almeno pubblicamente, anzi poche settimane fa a Torino aveva ridetto: "Cosa dovrei dire di un mio ritorno alla Juve? In un posto in cui sono stato benissimo non potrei che tornare volentieri, ma non voglio dire di pi? per non interferire con il lavoro di Deschamps che tra l'altro sta facendo benissimo"

Share this post


Link to post
Share on other sites
questa me la sono persa. quando l'ha detta?
Anch'io non l'ho mai sentito dire una cosa del genere, almeno pubblicamente, anzi poche settimane fa a Torino aveva ridetto: "Cosa dovrei dire di un mio ritorno alla Juve? In un posto in cui sono stato benissimo non potrei che tornare volentieri, ma non voglio dire di pi? per non interferire con il lavoro di Deschamps che tra l'altro sta facendo benissimo"

A? ragazzi ma che vi siete rimbambiti?? sefz

Queste sono frasi di Capello... ;)

Potrei riportarne altre tipo quelle di Zebina :"Mai alla Juve. Non potrei vivere in una citt? senza sole". ecc.

Questo per fare capire che tante frase dette poi alla fine vengono normalmente smentite dai comportamenti..

Cmq vada Lippi sar? sempre il mio allenatore preferito.

Anche se va al Milan.

Marcello ? unico.

Share this post


Link to post
Share on other sites
A? ragazzi ma che vi siete rimbambiti?? sefz

Queste sono frasi di Capello... ;)

Potrei riportarne altre tipo quelle di Zebina :"Mai alla Juve. Non potrei vivere in una citt? senza sole". ecc.

Questo per fare capire che tante frase dette poi alla fine vengono normalmente smentite dai comportamenti..

Cmq vada Lippi sar? sempre il mio allenatore preferito.

Anche se va al Milan.

Marcello ? unico.

Non valgono le trappole...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Cari giornalisti,cosa ne pensate di questo mio pezzo? Avete per caso visto la trasmissione?

Il coraggio di Michele Plastino

di Discreti Stefano

Ieri sera, tarda notte. Edizione straordinaria della sua trasmissione(Goal senza frontiere).

Avverte: ?Non cambiate canale. Il cerchio si ? chiuso.? E chi cambia penso tra me e me.

Comincia il suo resoconto. Si parla chiaramente di Calciopoli.

Plastino comincia a parlare di Quote Ifil, della Fiat in difficolt?, delle pressioni di Montezemolo e Gabetti. Tocca lo scandalo Lapo. La presunta lite Moggi-Lapo.

Traccia una visione di Calciopoli che fino ad un paio di mesi fa sembrava fantascienza e che il solo Vittorio Feltri oltre lui, dice, aveva tracciato in maniera simile.

Poi arriva la bomba:?Mancava solo un tassello a quella che per me ormai ? la mia verit??

E? arrivata questa settimana?? Suspense. ?La sponsorizzazione Fiat della Juventus?.

A quel punto ricostruisce ci? che secondo lui e non solo, ? successo questa estate.

La Fiat in grandissima difficolt? economica e di immagine aveva bisogno di una rinascita.

E ha,secondo lui, usato la Juventus per ottenerlo.

Paragona Calciopoli al libro di Agata Christie?10 piccoli indiani?.

Dichiara ?La Juventus ? l?assassina di se stessa!!! Si ? finta morta all?inizio??.

Questa frase ? entrata in me come una stilettata lacerante.

Commenta l?operato degli avvocati difensori della Juventus come qualcosa di concordato gi? dall?inizio o simile, soprattutto nella richiesta della serie B.

?Bisognava mandare via a tutti i costi Moggi e Giraudo? dice.

?Impossibile?continua, ?che un potere forte come la Juventus, si facesse schiacciare in quel modo questa estate!!?.

?E? chiaro che sopratutto i giornali di famiglia, sembra chiaro, abbiano contribuito a questa grandissima messa in scena?.

Una nuova stilettata terrificante per me.

Scosso ancora da quanto sentito ieri sera voglio concludere dicendo:

Non so se quanto dichiarato da Michele Plastino corrisponde al vero, per intero o in parte.

Ma una cosa ? per me certa:

-se anche solo il 10% di quanto da lui detto fosse vero:

la nuova dirigenza e la propriet? non se ne devono andare?

DEVONO SPARIRE PER SEMPRE!!!

Share this post


Link to post
Share on other sites
Cari giornalisti,cosa ne pensate di questo mio pezzo? Avete per caso visto la trasmissione?

Il coraggio di Michele Plastino

di Discreti Stefano

Ieri sera, tarda notte. Edizione straordinaria della sua trasmissione(Goal senza frontiere).

Avverte: ?Non cambiate canale. Il cerchio si ? chiuso.? E chi cambia penso tra me e me.

Comincia il suo resoconto. Si parla chiaramente di Calciopoli.

Plastino comincia a parlare di Quote Ifil, della Fiat in difficolt?, delle pressioni di Montezemolo e Gabetti. Tocca lo scandalo Lapo. La presunta lite Moggi-Lapo.

Traccia una visione di Calciopoli che fino ad un paio di mesi fa sembrava fantascienza e che il solo Vittorio Feltri oltre lui, dice, aveva tracciato in maniera simile.

Poi arriva la bomba:?Mancava solo un tassello a quella che per me ormai ? la mia verit??

E? arrivata questa settimana?? Suspense. ?La sponsorizzazione Fiat della Juventus?.

A quel punto ricostruisce ci? che secondo lui e non solo, ? successo questa estate.

La Fiat in grandissima difficolt? economica e di immagine aveva bisogno di una rinascita.

E ha,secondo lui, usato la Juventus per ottenerlo.

Paragona Calciopoli al libro di Agata Christie?10 piccoli indiani?.

Dichiara ?La Juventus ? l?assassina di se stessa!!! Si ? finta morta all?inizio??.

Questa frase ? entrata in me come una stilettata lacerante.

Commenta l?operato degli avvocati difensori della Juventus come qualcosa di concordato gi? dall?inizio o simile, soprattutto nella richiesta della serie B.

?Bisognava mandare via a tutti i costi Moggi e Giraudo? dice.

?Impossibile?continua, ?che un potere forte come la Juventus, si facesse schiacciare in quel modo questa estate!!?.

?E? chiaro che sopratutto i giornali di famiglia, sembra chiaro, abbiano contribuito a questa grandissima messa in scena?.

Una nuova stilettata terrificante per me.

Scosso ancora da quanto sentito ieri sera voglio concludere dicendo:

Non so se quanto dichiarato da Michele Plastino corrisponde al vero, per intero o in parte.

Ma una cosa ? per me certa:

-se anche solo il 10% di quanto da lui detto fosse vero:

la nuova dirigenza e la propriet? non se ne devono andare?

DEVONO SPARIRE PER SEMPRE!!!

Non so quanta fantascienza ci sia, ma io personalmente penso una cosa dall'inizio di calciopoli: una cosa del genere non travolge la Juve se la "famiglia" per lo meno non "toglie le protezioni". Perch?? La risposta la sanno eventualmente in pochissimi a saperlo, io non sono tra quelli

Share this post


Link to post
Share on other sites

x Luigi Schiffo"

- Secondo te ? possibile che la Juve spenda 7-10 ml per Frings che ? un giocatore che a Novembre far? 31 anni? Io sinceramente sono un p? dubbioso pure sul rendimento che ci potr? garantire. E' possibile un ritorno di Emerson?

- Come pensi sia stato gestito Bojinov quest'anno? Io penso malissimo. Ha 21 anni, ha giocato pochissimo e comunque ha fatto 5 gol in campionato. Non vorrei che si ripetesse lo stesso errore di Henry! Ma quanto bisognerebbe pagarlo per riscattarlo? Un giorno leggo 3.5 per la met?, un altro 7.

Grazie ciao

Share this post


Link to post
Share on other sites
x Luigi Schiffo"

- Secondo te ? possibile che la Juve spenda 7-10 ml per Frings che ? un giocatore che a Novembre far? 31 anni? Io sinceramente sono un p? dubbioso pure sul rendimento che ci potr? garantire. E' possibile un ritorno di Emerson?

- Come pensi sia stato gestito Bojinov quest'anno? Io penso malissimo. Ha 21 anni, ha giocato pochissimo e comunque ha fatto 5 gol in campionato. Non vorrei che si ripetesse lo stesso errore di Henry! Ma quanto bisognerebbe pagarlo per riscattarlo? Un giorno leggo 3.5 per la met?, un altro 7.

Grazie ciao

1) Onestamente mi auguro che quei soldi vengano spesi per Almiron, che ha prospettive maggiori e ricopre un ruolo pi? raro da trovare rispetto a Frings. Che sia possibile un ritorno di Emerson non lo so, ma non lo escludo e me lo auguro: piuttosto che prendere Frings che in Italia non ha mai giocato meglio un altro giocatore di et? avanzata, ma sicuro al mille per mille.

2) Secondo me la Juve con Bojinov sta sbagliando e non poco. Sta facendo vedere grandi doti tecniche e caratteriali. Sarebbe un peccato farselo scappare per sei milioni (a me risulta questa cifra, ma poco cambia), salvo rimpiangerlo quando esploder? definitivamente altrove. Questo secondo me vale Stoichkov e per altro con Palladino forma una coppia naturalmente ben assortita. Al dopo Del Piero-Trezeguet, quando ci si pensa?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per Luigi Schiffo:

Come vedi il futuro dei quattro giovani pi? forti della juve? Mi riferisco a Criscito, Chiellini, Marchisio e Palladino: li vedi tutti alla juve nella prossima serie A? pensi che rientrino tutti nel progetto, o che qualcuno verr? sacrificato per obiettivi di mercato pi? importanti?

Grazie in anticipo

Share this post


Link to post
Share on other sites
Per Luigi Schiffo:

Come vedi il futuro dei quattro giovani pi? forti della juve? Mi riferisco a Criscito, Chiellini, Marchisio e Palladino: li vedi tutti alla juve nella prossima serie A? pensi che rientrino tutti nel progetto, o che qualcuno verr? sacrificato per obiettivi di mercato pi? importanti?

Grazie in anticipo

Chiellini e Palladino hanno le qualit? e l'esperienza per garantire il loro apporto anche in una Serie A da Champions, Marchisio secondo me ha bisogno di farsi ossa e fisico in una squadra da met? classifica per un paio d'anni, vista la delicatezza del ruolo (alla Conte, per intendersi). Quanto a Criscito, mi ha francamente stupito il prezzo del riscatto di met? cartellino, ma non ho avuto modo di vederlo all'opera con continuit?. Comunque mi pare che il Genoa di Gasperini non abbia nella difesa il punto di forza... Se si punta su Chiellini come centrale, che di fianco ci vuole un uomo di sostanza ed esperienza, possibilmente italiano (Barzagli?) o con lunga militanza in Italia (Samuel?). Io poi farei allenare Chiellini specificamente da Ciro Ferrara a Vinovo.... A proposito di italiani, credo che non bisogni dimenticare che le vittorie degli anni passati hanno dimostrato come si siano fondate su un gruppo "nazionale" folto e di qualit?. E' bene non dimenticarlo tra tutte queste trattative iniziate, fantasticate o concluse (Salihamidzic e Grygera)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per voi tutti giornalisti...Cosa ne pensate?

Cobolli Gigli lascia. Fine della presidenza pi? discussa della storia della Juve.

di Discreti Stefano

Erano mesi che circolavano queste voci.

Il presidente della Juventus, Cobolli Gigli, a Giugno passer? il testimone.

Fino a ieri sera, mai vi erano state per? conferme in merito.

Ora ci sono.

Intervenendo come ospite alla trasmissione ?La Juve ? sempre la Juve?, incalzato dalle domande degli opinionisti Antonello Angelini e Massimo Zampini, sotto la conduzione del presentatore Marco Venditti, Cobolli Gigli ha svelato tutto.

?La Juventus in questo momento ? rappresentata dalla mia faccia. Nel bene e nel male. Ma dalla prossima estate non sar? pi? cos??questo ha, a grandi linee, detto il presidente Juventino in diretta. Accortosi di quanto detto, ne ha preso atto ?mi avete fatto dire una cosa che ancora non si doveva sapere?. Con questo messaggio si ? praticamente congedato dalla trasmissione.

Un?ora di risposte. Di risposte che tanti tifosi juventini aspettavano da mesi e che ancora in parte continuano ad aspettare.

I dubbi rimangono certo. Impossibile dimenticare. Ma ieri Cobolli Gigli con grande cortesia ha risposto a tutto ci? che gli ? stato chiesto.

Da Calciopoli all?antipatia per l?Inter. Dalla lotta intestina di cui parlano Ostellino e altri giornalisti alle trasmissioni "nemiche" che puntano sempre il dito contro la Juve.

Dallo scudetto ingiustamente indossato dalla squadra di Moratti alla permanenza in maglia bianconera di Trezeguet, Camoranesi e Buffon.

Proprio su quest?ultimo, poi, il Presidente si ? sbilanciato, facendo, secondo me e non solo, capire che a Giugno andr? via. ?Mai all?Inter? ha dichiarato.

Andr? al Milan quindi, aggiungo io.

D?altronde Buffon aveva l?accordo con i rossoneri gi? lo scorso anno.

Il trasferimento ? stato solo rinviato di un anno.

Buffon e Cobolli Gigli a fine campionato lasceranno la Juve.

Il regno di Cobolli Gigli durer? quindi poco pi? di 1 anno.

Come verr? ricordata nel tempo questa sua Presidenza?

Come la Presidenza pi? breve nella storia della Juventus?

Come la Presidenza che ha accettato una pena congrua a fronte di un processo mediatico che niente ha a che vedere con la parola Giustizia?

O come la Presidenza del dopo Tsunami calcistico?

Ai posteri la sentenza.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Cari giornalisti e cosa ne pensate di questo mio altro pezzo?

Tratto dal mio blog

Grande Juve anche senza Buffon

di Stefano Discreti

Sta per terminare l?anno pi? difficile nella storia della Juventus (da Maggio 2006 a Maggio 2007).

Uno tsunami di potenza unica che ha rischiato pi? volte di mettere a repentaglio, addirittura, la sopravvivenza della squadra pi? gloriosa in Italia e tra le pi? gloriose al mondo.

Ora che finalmente, sul campo come sempre, la Juventus ? prima con largo margine e pronta a vincere la competizione in cui partecipa, i tifosi bianconeri si interrogano sul futuro che li attende.

Forte ? la voglia di avere sin da subito rivincite contro chi, ingiustamente pensano tanti, ha messo in dubbio le vittorie passate ottenute sul campo e rivendicate, anche di recente, con orgoglio da Pavel Nedved.

La paura del tifo bianconero nasce sopratutto dalla permanenza o meno in maglia bianconera del portiere pi? forte del mondo Gigi Buffon.

Vendendolo, si darebbe idea di obiettivi futuri ridimensionati?

Buffon ? indispensabile?

La mia risposta ? no. Chiaramente no.

La Juventus, nel corso della sua maestosa storia ha fatto a meno di campioni ben pi? forti e con tasso di juventinit? pi? alta di Buffon.

Sivori, Vialli, Roberto Baggio, Zidane. Qualche nome importante tanto per rendere l?idea.

Il vero nocciolo della questione sta nella cifra che eventualmente verrebbe ricavata dalla propriet? Juventina per la sua vendita.

Se la cessione di Buffon avvenisse, come detto ieri da Alessio Secco, a fronte di oltre 50-70 milioni di euro, non bisognerebbe pensarci su un solo attimo.

Non dimentichiamoci che la Juventus ha tra le proprie fila il portiere pi? promettente degli ultimi 15 anni sfornato dal vivaio juventino, come detto anche, recentemente, dall?allenatore della Primavera Chiarenza.

Affiancando a Mirante un portiere, anche esperto, di sicuro affidamento e a basso costo, la Juventus potrebbe investire la grande somma ricavata per costruire una grandissima Juve, completando le lacune tecnico tattiche in tutti i settori rimanenti.

Mirante non ? Buffon e forse non lo sar? mai. Anzi togliamo anche il forse.

Di Buffon ne nasce uno ogni 20 anni. Forse.

Ma il portiere non ? cos? fondamentale per una squadra di vertice.

Lo dimostra il Milan Sacchiano e Capelliano, che domin? in Italia e nel mondo con i vari Pazzagli, Antonioli, Sebastiano Rossi e Giovanni Galli.

Lo dimostrano anche i record della Juve di Capello, con Abbiati tra i pali.

Buoni portieri, ma non fenomeni. Proprio come Mirante.

Costruendo un giusto mix tra i giovani di sicuro futuro come Chiellini, Criscito, Palladino e Marchisio e i campioni che verrebbero acquistati con il capitale ricavato.

Mantenendo i pi? forti dell?attuale rosa, sventolando forte le uniche vere due bandiere juventine Del Piero e Nedved sar? grande Juve anche senza Buffon.

Tutti sono utili, nessuno ? indispensabile.

Ancora di pi? se giochi nella Juventus.

Squadra che prima di tutto punta su grandi uomini, prima ancora che grandi campioni.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Cari giornalisti e cosa ne pensate di questo mio altro pezzo?

Tratto dal mio blog

Grande Juve anche senza Buffon

di Stefano Discreti

Sta per terminare l?anno pi? difficile nella storia della Juventus (da Maggio 2006 a Maggio 2007).

Uno tsunami di potenza unica che ha rischiato pi? volte di mettere a repentaglio, addirittura, la sopravvivenza della squadra pi? gloriosa in Italia e tra le pi? gloriose al mondo.

Ora che finalmente, sul campo come sempre, la Juventus ? prima con largo margine e pronta a vincere la competizione in cui partecipa, i tifosi bianconeri si interrogano sul futuro che li attende.

Forte ? la voglia di avere sin da subito rivincite contro chi, ingiustamente pensano tanti, ha messo in dubbio le vittorie passate ottenute sul campo e rivendicate, anche di recente, con orgoglio da Pavel Nedved.

La paura del tifo bianconero nasce sopratutto dalla permanenza o meno in maglia bianconera del portiere pi? forte del mondo Gigi Buffon.

Vendendolo, si darebbe idea di obiettivi futuri ridimensionati?

Buffon ? indispensabile?

La mia risposta ? no. Chiaramente no.

La Juventus, nel corso della sua maestosa storia ha fatto a meno di campioni ben pi? forti e con tasso di juventinit? pi? alta di Buffon.

Sivori, Vialli, Roberto Baggio, Zidane. Qualche nome importante tanto per rendere l?idea.

Il vero nocciolo della questione sta nella cifra che eventualmente verrebbe ricavata dalla propriet? Juventina per la sua vendita.

Se la cessione di Buffon avvenisse, come detto ieri da Alessio Secco, a fronte di oltre 50-70 milioni di euro, non bisognerebbe pensarci su un solo attimo.

Non dimentichiamoci che la Juventus ha tra le proprie fila il portiere pi? promettente degli ultimi 15 anni sfornato dal vivaio juventino, come detto anche, recentemente, dall?allenatore della Primavera Chiarenza.

Affiancando a Mirante un portiere, anche esperto, di sicuro affidamento e a basso costo, la Juventus potrebbe investire la grande somma ricavata per costruire una grandissima Juve, completando le lacune tecnico tattiche in tutti i settori rimanenti.

Mirante non ? Buffon e forse non lo sar? mai. Anzi togliamo anche il forse.

Di Buffon ne nasce uno ogni 20 anni. Forse.

Ma il portiere non ? cos? fondamentale per una squadra di vertice.

Lo dimostra il Milan Sacchiano e Capelliano, che domin? in Italia e nel mondo con i vari Pazzagli, Antonioli, Sebastiano Rossi e Giovanni Galli.

Lo dimostrano anche i record della Juve di Capello, con Abbiati tra i pali.

Buoni portieri, ma non fenomeni. Proprio come Mirante.

Costruendo un giusto mix tra i giovani di sicuro futuro come Chiellini, Criscito, Palladino e Marchisio e i campioni che verrebbero acquistati con il capitale ricavato.

Mantenendo i pi? forti dell?attuale rosa, sventolando forte le uniche vere due bandiere juventine Del Piero e Nedved sar? grande Juve anche senza Buffon.

Tutti sono utili, nessuno ? indispensabile.

Ancora di pi? se giochi nella Juventus.

Squadra che prima di tutto punta su grandi uomini, prima ancora che grandi campioni.

Poche parole: senza Buffon la Juve ? pi? debole, chiunque vada in porta al suo posto. Sec cessione dolorosa ci deve essere, che non sia dell'unico che non ha uguali al mondo.

domanda ad entrambi: come vedete Deschamps il prossimo anno in bianconero? merita la riconferma?

Un allenatore fondamentalmente non deve fare danni e saper leggere le partite, il resto deve farlo la societ? allestendo una rosa all'altezza e gestendo i momenti e le situazioni critiche. Quest'anno Deschamps ha dimostrato per la sua parte di avere i requisiti giusti (magari ? stata la societ? a mancare un po'...), ma piuttosto che farlo ricominciare senza rinnovo del contratto e con la spada di Damocle di una cacciata se le cose non vanno subito bene, meglio lasciarsi bene a giugno. Mi sembra una persona intelligente e preparata, che conosce bene l'ambiente Juve e con cui si pu? aprire un discorso serio (e sottolineo serio) a medio-lungo termine, che punti magari anche alla valorizzazione dei giovani cresciuti in casa. L'importante, comunque, ? che la squadra per la Serie A sia fatta in accordo con il tecnico della prossima stagione, secondo una logica tattica e tecnica ben precisa e non affastellando giocatori che qualcuno dovr? poi gestire. Navigando a vista non si va molto lontano.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Che ne dite?

De Santis contro tutti. Calciopoli o Farsopoli?

di Stefano Discreti

Nel giorno in cui la terza sezione del T.A.R. del Lazio ha respinto il suo ricorso avverso la sentenza della Corte Federale dello scorso 27 Luglio,

l?ormai ex arbitro Massimo De Santis, intervenendo come ospite in una nota trasmissione sportiva, con grande determinazione e convinzione ha, in diretta, vivisezionato lo scandalo di Calciopoli punto dopo punto.

Ha iniziato criticando pesantemente la giustizia sportiva e i suoi tempi:

?per distruggere la mia carriera sono bastate poche ore, negandomi il sogno di una vita meritatamente guadagnato sul campo, mentre per il pedinamento che ho subito da parte dell?Inter, a distanza di oltre 6 mesi dalla mia testimonianza, tutto ancora tace?.

Ha difeso poi, con forza, i suoi diritti :

?il processo che ha partorito la sentenza pi? ingiusta nella storia del calcio ? durato pochissimi giorni. Sono stati aboliti gradi di giudizio e ci ? stato vietato di portare prove e testimoni a discolpa. Impossibile provare a difendersi con quei tempi. Li? ho capito che tutto era gi? scritto e che non c?era possibilit? alcuna di esser assolti?.

Per questo De Santis dice di non credere pi? nella giustizia sportiva e in attesa di leggere le motivazioni della sentenza del T.A.R. del Lazio, affila i denti per quello che, secondo lui, sar? l?unico vero processo giusto.

Incalzato dalle domande degli opinionisti in studio, De Santis si ? difeso cos?:

?a partire dal famosissimo Juventus-Parma della stagione 1999-2000 sono stato accusato di far parte di una cupola che gestiva il Calcio in maniera illecita, additandomi in proposito di poteri che mai avrei potuto solo immaginare di avere.

La presenza di una ?Combriccola Romana? ? figlia della totale fantasia umana, mentre per quanto riguarda il reato di associazione a delinquere, di cui sono accusato ingiustamente, credo che il tutto sia stato semplicemente formulato per giustificare le indagini e poter utilizzare le intercettazioni telefoniche come prove. Anche perch? prove vere, alla fine, non ce ne sono.?

L?ormai ex arbitro ha poi parlato degli organi federali e del fatto che proprio loro hanno consigliato in passato tutta la classe arbitrale di intrattenere rapporti con i dirigenti sportivi con incontri, cene e contatti telefonici.

Fenomeno questo che, dice, era diffuso in tutte le squadre professionistiche del sistema calcio.

Ha continuato poi a difendersi, attaccando:

?alcune cose mi hanno particolarmente colpito in questo anno che ha cambiato la mia vita e non solo professionalmente:

- quando l?avvocato della Federcalcio mi ha promesso sconti in sede di Arbitrato, in cambio della mia collaborazione, se avessi ammesso colpe, anche che non avevo;

- le tantissime telefonate avute, in particolare, con Meani e Facchetti di cui non vi ? traccia nell?informativa dei Carabinieri;

- il perch?, per altri arbitri, non si sia indagato a fondo, come ad esempio, per la famosa telefonata tra Collina e Meani , in cui il sig. Meani dice chiaramente a Collina che avrebbe chiuso il ristorante esclusivamente per potergli permettere un incontro segreto con Galliani.?

Ricorda a tal proposito che nessun altro arbitro ? stato giudicato e condannato, ma solo per difetto di giurisdizione.

Si ? arrivati a parlare poi della partita che ? valsa la sua condanna: Lecce ? Parma.

La partita che avrebbe dovuto salvare la Fiorentina, avvalendosi delle migliaia di combinazioni possibili e del suo ?capolavoro?.

Il noto giornalista Michele Plastino presente in studio, a tal proposito gli ha espresso totale solidariet? a fronte di un accusa impossibile da accettare.

De Santis, incalzato dal bravo opinionista Massimo Zampini, ? tornato poi sulle dichiarazioni fatte qualche settimana fa nella trasmissione televisiva del giornalista Fabio Ravezzani, che tanto hanno infastidito molte persone soprattutto per aver tirato in ballo la memoria del compianto Facchetti:

?tra le persone che hanno commentato, mi stupisce il fatto che proprio il sig. Moratti che sa di queste telefonate, si sia indignato. Lui che poi, prima di ogni partita veniva sistematicamente nel mio spogliatoio?.

A Plastino che a questo punto gli domanda il perch? non ha denunciato a suo tempo tutto questo, risponde:

?all?epoca era prassi assai comune per tutti e quindi non pensavo fosse reato o comunque sbagliato.

Di certo al processo penale parler? e dir? tutto di questo e far? vedere sui tabulati che queste telefonate ci sono.?

De Santis ha chiuso infine la puntata, lasciando accese due micce che sono pronte ad esplodere in sede processuale, dichiarando che:

1) ha ricevuto pressioni prima di Milan ? Juventus 2004-2005 affinch? avesse dichiarato nel referto di non aver visto il famoso fallo di Ibrahimovic, in modo di poter far squalificare lo svedese con la prova tv;

2) un dirigente della F.I.F.A. lo chiamava spesso a nome dell?Inter.

Ad un anno di distanza dalla scoppio di Calciopoli, tantissime cose sono ancora inspiegabili e visto come ? stato affrontato il processo in sede di giustizia sportiva, non ce ne stupiamo minimamente.

Se abolisci gradi di giudizio, vieti prove e testimoni a discolpa, e costringi avvocati a leggersi migliaia di faldoni accusatori in pochi giorni non c?? alternativa d?altronde.

Se, ora che gli sar? concesso, gli indagati presenteranno prove inconfutabili contro l?accusa di colpevolezza si potrebbe anche arrivare a trasformare il grande scandalo Moggiopoli-Calciopoli nell?agghiacciante Farsopoli, ovvero ?storia della pi? grande farsa del secolo?.

Share this post


Link to post
Share on other sites

per Ugo e Luigi, volevo segnalarvi questo topic che contiene una grave denuncia, ironicamente scritta similarmente all'intervista dell'ex back office della Juve Capobianco a repubblica, su come veniva gestita la figc negli anni scorsi.

possibile che nessun organo di stampa ne voglia parlare?

http://www.j1897.com/forum/index.php?showtopic=51156

"Cos? hanno distrutto il calcio" rivelazioni di un super testimone

11/05/2007

ROMA - Due premesse. La prima: ?Tutto quello che dir? ? documentato e dimostrabile?. La seconda: ?Sono in causa con la Figc davanti al tribunale del lavoro di Roma. Ho cominciato a lavorare in Figc nel 1992. Poi nel maggio del 2005, dopo che ho potuto appurare che il calcio era gestito dietro pressioni politiche ed economiche, in barba a leggi e regolamenti, essendomi sempre rifiutato di "sporcarmi" le mani, venendo puntualmente discriminato, ho iniziato a protestare e da allora mi hanno chiesto le dimissioni, pena che mi avrebbero reso la vita infernale?. "Nel mezzo del", dipendente della Figc, ? un tipo cos?. Uno a cui piace parlare chiaro, diretto e, soprattutto, dire le cose esatte. Fino ad oggi, le inchieste erano accusate tutte di avere un punto debole: non si capiva per quale motivo, al di l? di evidenti interessi di carriera e di posizione, gli arbitri italiani avrebbero dovuto rendere servigi a alle societ? piu' potenti nel panorama pallonaro. Ora, per la prima volta, si capisce come gli arbitri ?venivano ripagati?. Spiega "Nel Mezzo del": ?Ci sono un alto numero di buoni arbitri, che appena venivano promossi alla Can, pensavano che il loro compito fosse arbitrare in Serie A, e non assecondare il progetto voluto da Franco Carraro, con la compiacenza del Coni, che il sistema arbitrale doveva far vincere lo scudetto e premiare in campo le sette societ? con alle spalle il gotha della finanza italiana; questi arbitri che non si adeguavano dopo un anno venivano dismessi e addio denaro, addio carriera arbitrale e addio anche futuro dirigenziale?.

Quindi il sistema arbitrale subiva pressioni?

?Basta ascoltare le intercettazioni e la domanda sarebbe superflua...?.

Si tratta di affermazioni pesanti, se ne rende conto?

?Saranno pure pesanti, ma sono tutte facilmente dimostrabili. Sorrido solo al pensiero che a parlare di regali e scandalizzarvi del sistema calcio siate voi giornalisti, quando una volta l'anno venivate chiamati a raccolta dalla Figc all'Hotel Parco de' Principi per ritirare il vostro gadget e continuare a riverire un sistema centrato sulla corruzione, sull'antisportivit? e sul non mettere su carta stampata le notizie che avrebbero fatto conoscere all'opinione pubblica cosa ? stato realmente il calcio negli ultimi anni ?.

A quando risalgono i casi in questione?

?A partire dalla stagione 1999/2000?.

Chi sono questi arbitri?

?Questo non ho intenzione di dirlo, al momento, ma qualcuno queste affermazioni le ha fatte all'ufficio indagini, ma nessuno ne ha tenuto conto, si ? voluto dar credito a qualcuno che invece, oggi, sappiamo aver detto una infinit? di bugie?.

Quanto ci rimetteva economicamente un arbitro se non si adeguava a quel sistema?

?Allora un neoimmesso riusciva a guadagnare oltre 100 milioni di lire a stagione, senza contare che arbitrare in Serie A, se hai anche un'attivit? in proprio, a livello di immagine ti fa guadagnare, senza muovere un dito?.

Dalle intercettazioni ? emerso che Bergamo e Pairetto erano in ottimi rapporti con la Juve.

?Bergamo e Pairetto piu' che con la Juve, lo erano con tutte le societ? che li avevano scelti e che, grazie a un governo federale compiacente a quel sistema, venivano remunerati con 250 mila euro a stagione, quindi ? chiaro che facessero buon viso a qualsiasi situazione. Anche loro per garantirsi un futuro erano costretti dal sistema ad adeguarsi a quel nuovo modo di concepire un sistema arbitrale alla merce' dei poteri forti?.

Perch? si ? deciso a raccontare queste cose proprio adesso?

?Veramente io ho raccontato tutte queste cose da parecchio tempo e chi mi conosce puo' confermarlo. Solo che molti giornalisti hanno solo estrapolato alcune mie dichiarazioni per colpire solo la parte che si voleva far fuori dal mondo del calcio, anzi spesso "usando il virgolettato" mi hanno fatto affermare cose mai dette, per quel che mi riguarda valgono le mie deposizioni agli organi inquirenti. E' talmente evidente di come hanno rovinato lo sport piu' amato degli italiani, che sono i veri raggirati in questa vicenda, con la complicit? di politici, giornalisti, e magistrati?.

Cominciamo dai giornalisti?

?Sulla questione giornalisti vale il principio del conflitto di interessi, ci sono diverse societ? calcistiche (Inter, Milan, Fiorentina, Roma, Napoli, l'attuale dirigenza della Juventus ndr) i cui proprietari sono anche nei patti di sindacato di quasi tutti i principali media italiani, i giornalisti scrivono quello che gli editori chiedono e quindi ecco come ? spiegabile il processo mediatico fatto a Moggi la scorsa estate?.

Un premio scudetto ai giornalisti. E sul sistema calcio le inchieste hanno raccontato tutto?

?Per niente!!! Vi sono documenti ufficiali che testimoniano di come lo sport sia stato gestito per interessi economici. E stranamente non si capisce come mai ancora non si sia andato a spulciare il bilancio della Figc, da li' si potrebbero scoprire cose, queste si', davvero inquietanti e ribadisco c'e' la vicenda delle false fidejussioni che mostra vizi di forma allucinanti, se uno dei pochi magistrati imparziali rimasti in Italia volesse riaprire quel fascicolo scoprirebbe cose molto interessanti...?.

Cosa si puo' dire?

?Ma guardi basterebbe che gli organi inquirenti si rifacessero alle interpellanze parlamentari fatte dal Gruppo Misto del Senato nella precedente legislatura e facessero delle semplici verifiche per appurare se vi sono stati reati con uso di denaro pubblico, ad esempio tramite il commissionamento di fantomatici progetti al costo di 150.000 euro ciascuno?.

A cosa servivano questi progetti?

?Ma mi rifaccio alle parole del Senatore Villone, il quale giustamente ha spiegato che in Italia prende sempre piu' piede un sistema illegale di tangenti, mascherato sotto la forma di commissioni di studio. Riuscire a stabilire le attivit? illegali da quelle legali ? semplice...basta valutare se questi progetti siano poi stati utilizzati realmente o siano solo stati una forma di tangente a tutti gli effetti?.

Che per? adesso non ha pi? nulla a che vedere con la nuova Figc.

?Che mi risulti questi tipi di studi di settore esistono ancora, l'unica differenza ? il costo, adesso vengono pagati 180.000 euro..... Poi c'e' la vicenda di cui ha parlato il Senatore Cossiga che aspetta sempre una risposta da parte del Ministro Melandri su come ? possibile che il Direttore Generale della Figc, quindi colui che decide come spendere il denaro pubblico, sia un dipendente di una societ? privata, tale "Value Partner", e che il suo stipendio di 25.000 euro al mese venga versato a questa societ? privata, consorella di una societ? di cui parla Minchetti nel suo libro "Il baco del corriere". Poi ? tutta una farsa in Figc continuano a operare tutte le persone che sarebbero stati i tramiti di quel sistema di cui hanno parlato la scorsa estate. La sig.ra Fazi come il Sig. Manfredi continuano a lavorare in Figc, l'avv. Gallavotti continua a difendere le cause della Figc, gli uomini di Carraro continuano tutti a lavorare al suo interno. Direi che ? cambiato poco o nulla. L'attuale Segretario della Figc era il capo del personale all'epoca del trasferimento della Fazi e questo signore vuole farci credere che lui non sappia nulla in merito a quella vicenda??".

Ma l'attuale segretario, quello che ha avallato un trasferimento cambiando la serratura di una porta, e che non ha neanche sentito il dovere di testimoniare quello che sapeva su tutta questa vicenda?

"S?. ? ancora l?. Ma quello che ? piu' ridicolo ? che in questa vicenda tutti stanno recitando una parte (Borrelli compreso...). Ma dico: ? implicato con uno dei punti cardine della vicenda calciopoli e noi ce lo teniamo...?

Non si ? mai accorto della rete svizzera di Moggi?

?Ma vede io sinceramente non me n'ero accorto, solo ascoltando le intercettazioni mi sono chiesto come mai gli inquirenti non l'avessero portata alla ribalta la scorsa estate. Io credo che come racconto' un guardalinee della Can gi? nel 2004, che faceva da accompagnatore a partite Uefa dell'Inter, Moggi era venuto a conoscenza delle intercettazioni illegali che erano state commissionate alla Polis e per non essere ascoltato si era ingegnato con le sim straniere?.

Sembra esserci un rapporto strano tra gli orologi e la Juventus...

?Questa domanda mi sembra una barzelletta... tutte le societ? omaggiavano gli arbitri in quel sistema, per cercare di accaparrarsi le loro "simpatie". La cosa ridicola ? che in tema di orologi credo che la Roma abbia qualcosa da dire piu' di tutte le altre societ?.... mi poteva anche chiedere del rapporto tra l'Inter e gli elettrostimolatori...questa ? faziosa, mi perdoni.... ?.

Le istituzioni.

?Moggi e Giraudo in Figc, dopo anni di militanza in quel mondo, avevano molte amicizie. Diciamo che, cosa che peraltro avviene quotidianamente nella ns. societ?, nelle loro operazioni cercavano di far fruttare le loro amicizie. Quello invece che di scandoloso non ? stato analizzato ? il doping amministrativo, Carraro, mettendo i suoi uomini negli organi chiave, riusciva ad influenzare fallimenti, iscrizioni ai campionati, tutto nell'interesse del gruppo per cui lavorava, questo si' ha reso il calcio molto poco credibile...?.

La Gea.

?Sorrido quando nominano la Gea.... sembra fosse solo di Moggi e invece sappiamo che era un giocattolo per i figli dei poteri forti con dietro la Romafides di Capitalia, che controlla anche le aziende di De Laurentis. Che fosse un'anomalia del calcio italiano ? innegabile, peccato che si sia scoperto solo adesso... operava da parecchi anni e alle sue feste c'era il gotha dello sport italiano.... voler far credere che fosse solo una gallina dalle uova d'oro per la famiglia Moggi ? immorale?.

Si rende conto che con questa intervista continueranno a renderle la vita impossibile?

?Guardi io ho una malattia genetica progressiva che gi? mi rende la vita molto difficile, con una infinit? di formazioni tumorali alle mie terminazioni nervose.... ma voglio proprio vedere la corruzione italiana e l'indecenza di questa societ? fino a che punto si spinger?.... a me basta non aver venduto la mia coscienza, potevo anche io accusare il bersaglio facile e oggi sarei tranquillo e beato, ma preferisco rifarmi a una frase di Giovanni Falcone ?Un uomo fa quello che ? suo dovere fare, quali che siano le conseguenze personali, quali che siano gli ostacoli, i pericoli o le pressioni. Questa ? la base di tutta la moralit? umana.?.

di Marco Mensurati

FONTE QUELLO CHE NON SCRIVERA' MAI LA REPUBBLICA

Share this post


Link to post
Share on other sites

http://www.juventus1897.it/articolo.asp?id=4456

E se la Juventus riscattasse Boijnov?

L?ormai certa partenza di David Trezeguet, lascia un grande vuoto nel centro dell?attacco juventino.

Per la possibile sostituzione del franco-argentino sono stati accostati al nome della Juventus:

Gilardino, Huntelaar, Kalou e Adebayor.

Tutti giocatori con le caratteristiche da uomo d?area di rigore alla Trezeguet.

Tutti giocatori, inoltre, dal costo elevato.

E se la Juventus decidesse, invece, di cambiare completamente tipo di gioco?

Ormai in Europa si sta, diffondendo sempre pi? l?attaccante di movimento.

Quello che apre i varchi per i centrocampisti. Quello che tira da ogni posizione. Quello che fa movimento su tutto il fronte d?attacco. Quello che spesso retrocede a centrocampo e si interscambia con i compagni di squadra.

Trezeguet ? da sempre uno dei cecchini pi? forti in circolazione ma tutto gli si pu? dire tranne che sia mai stato un attaccante dinamico.

D?altronde nelle partite in cui non arrivano cross a sua disposizione ? praticamente inesistente. Nullo.

E in una Juventus dinamica e giovane come sar? quella di Mister Ranieri, il sostituto di Trezeguet, la formazione bianconera potrebbe gi? avercelo in casa.

Basta riscattarlo; prima per? che sia troppo tardi.

Valery Boijnov, seppur giovanissimo ha gi? dimostrato di avere doti tecniche al di sopra del comune.

In fondo il suo vero problema alla Juventus ? stato il rapporto conflittuale con Didier Deschamps.

Ma visto che ormai l?allenatore transalpino non c?? pi?, perch? non riflettere bene prima di rispedire al mittente questo campioncino?

D?altronde il costo della met? del cartellino del giocatore, non ? proibitivo.

E tra le altre cose, alla Fiorentina interessano giocatori bianconeri come Balzaretti ad esempio.

Una rosa d?attacco composta da Del Piero, Boijnov, Palladino e l?ormai certo neo-juventino Iaquinta, sarebbe un attacco completo per movimento, tecnica e profondit? di gioco.

Forse mancherebbe una torre da sfruttare, in quelle partite in cui sbloccar il risultato rimane assai difficile per la disposizione tattica degli avversari.

Per colmare questa lacuna, la quinta punta potrebbe esser o Rolando Bianchi o il giovane Ray Volpato, che nei movimenti e modi di fare ricorda il primo Christian Vieri.

Senza grossi esborsi economici, la Juventus potrebbe colmare la partenza di Trezeguet, avere un ottimo attacco e mantenere il budget d?investimento per il mercato, da spendere per i settori che pi? necessitano di rinforzi: difesa e centrocampo.

Si potrebbero investire, quindi, i 40/50 milioni in primis per rinnovare il contratto di Camoranesi, che va ritenuto incedibile per il suo esser unica vera fonte del gioco juventino..

E poi per comprare quei 2-3 campioni che servono nell?ossatura centrale della squadra.

Ancora una volta Alessandro Del Piero da bravo capitano ha colto nel segno, con le sue parole:

?I soldi non sono molti. Vanno spesi bene!?.

Riscattare Boijnov e confermare Camoranesi sarebbe un investimento a rendimento certo.

Cos? come gli acquisti di Gabriel Milito, Heinze e Gilberto Silva.

Sembra sin troppo facile per esser vero?..

Cosa ne pensate voi?

Share this post


Link to post
Share on other sites
http://www.juventus1897.it/articolo.asp?id=4456

E se la Juventus riscattasse Boijnov?

L?ormai certa partenza di David Trezeguet, lascia un grande vuoto nel centro dell?attacco juventino.

Per la possibile sostituzione del franco-argentino sono stati accostati al nome della Juventus:

Gilardino, Huntelaar, Kalou e Adebayor.

Tutti giocatori con le caratteristiche da uomo d?area di rigore alla Trezeguet.

Tutti giocatori, inoltre, dal costo elevato.

E se la Juventus decidesse, invece, di cambiare completamente tipo di gioco?

Ormai in Europa si sta, diffondendo sempre pi? l?attaccante di movimento.

Quello che apre i varchi per i centrocampisti. Quello che tira da ogni posizione. Quello che fa movimento su tutto il fronte d?attacco. Quello che spesso retrocede a centrocampo e si interscambia con i compagni di squadra.

Trezeguet ? da sempre uno dei cecchini pi? forti in circolazione ma tutto gli si pu? dire tranne che sia mai stato un attaccante dinamico.

D?altronde nelle partite in cui non arrivano cross a sua disposizione ? praticamente inesistente. Nullo.

E in una Juventus dinamica e giovane come sar? quella di Mister Ranieri, il sostituto di Trezeguet, la formazione bianconera potrebbe gi? avercelo in casa.

Basta riscattarlo; prima per? che sia troppo tardi.

Valery Boijnov, seppur giovanissimo ha gi? dimostrato di avere doti tecniche al di sopra del comune.

In fondo il suo vero problema alla Juventus ? stato il rapporto conflittuale con Didier Deschamps.

Ma visto che ormai l?allenatore transalpino non c?? pi?, perch? non riflettere bene prima di rispedire al mittente questo campioncino?

D?altronde il costo della met? del cartellino del giocatore, non ? proibitivo.

E tra le altre cose, alla Fiorentina interessano giocatori bianconeri come Balzaretti ad esempio.

Una rosa d?attacco composta da Del Piero, Boijnov, Palladino e l?ormai certo neo-juventino Iaquinta, sarebbe un attacco completo per movimento, tecnica e profondit? di gioco.

Forse mancherebbe una torre da sfruttare, in quelle partite in cui sbloccar il risultato rimane assai difficile per la disposizione tattica degli avversari.

Per colmare questa lacuna, la quinta punta potrebbe esser o Rolando Bianchi o il giovane Ray Volpato, che nei movimenti e modi di fare ricorda il primo Christian Vieri.

Senza grossi esborsi economici, la Juventus potrebbe colmare la partenza di Trezeguet, avere un ottimo attacco e mantenere il budget d?investimento per il mercato, da spendere per i settori che pi? necessitano di rinforzi: difesa e centrocampo.

Si potrebbero investire, quindi, i 40/50 milioni in primis per rinnovare il contratto di Camoranesi, che va ritenuto incedibile per il suo esser unica vera fonte del gioco juventino..

E poi per comprare quei 2-3 campioni che servono nell?ossatura centrale della squadra.

Ancora una volta Alessandro Del Piero da bravo capitano ha colto nel segno, con le sue parole:

?I soldi non sono molti. Vanno spesi bene!?.

Riscattare Boijnov e confermare Camoranesi sarebbe un investimento a rendimento certo.

Cos? come gli acquisti di Gabriel Milito, Heinze e Gilberto Silva.

Sembra sin troppo facile per esser vero?..

Cosa ne pensate voi?

Se veramente ci sono 50 milioni per il mercato, perch? mettersi a vendere David Trezeguet? Non vedo nessun motivo logico per un'operazione del genere, al di l? di ogni disquisizione tattica: se non ci sono emergenze di bilancio, rinunciare al centravanti pi? forte della storia moderna della Juventus sembra un'azione insensata. Chiede come Buffon? Benissimo con 4,5 milioni all'anno per tre anni si arriva a 13,5 milioni. Chi si compra con quella cifra? Dopodich? sono il primo a dire che sei milioni per Bojinov sono un investimento modesto a confronto dell'apporto cheil giovane bulgaro pu? garantire al reparto offensivo, anche come seconda linea. D'accordo invece sull'insostituibilit? di Camoranesi, non a caso l'Italia ha dovuto nazionalizzarlo...non ci sono altri giocatori con le sue caratteristiche, fondamentali per sbloccare le partite.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Egr. Luigi,

io ho letto recentemente che Joaquin ? attualmente sul mercato ... Non sarebbe perfetto per sostituire Camoranesi? In meglio secondo me ...

C'? qualche speranza secondo te? O qualche ragione che andrebbe in contrasto con la mia idea?

Share this post


Link to post
Share on other sites

salve vorrei rivolgere una domanda, a tutte le penne. secondo voi, la juve quando torner? grande? sapete dirmi se la campagna di rafforzamento del prossimo anno, sar? all'altezza?grazie

Share this post


Link to post
Share on other sites

salve vorrei rivolgere una domanda, a tutte le penne. secondo voi, la juve quando torner? grande? sapete dirmi se la campagna di rafforzamento del prossimo anno, sar? all'altezza?grazie

.penso .penso .penso bbbbbbbbbooooooooooooohhhhhhhhhhhhhhhhhh sefz

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now
Sign in to follow this  

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...