Jump to content

Nero VS Bianco

Tifoso Juventus
  • Content Count

    107
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

9 Neutral

About Nero VS Bianco

  • Rank
    Juventino e Moggiano

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

  1. Io questa operazione più che la guardo, la riguardo, la valuto e la rigiro e più mi sembra che la Juve l'ha preso in quel posto. Spero di sbagliarmi.
  2. Sono 36 perché… 1) Sono 36 perché “il ciclo Juve è finito”, “hanno costruito un Milan da Scudetto”, “questa Inter è da Scudetto” e “sarà l’anno del Napoli”. 2) Sono 36 perché l’emozione del gol di Trezeguet a San Siro, su assist di Del Piero in rovesciata!, non la si cancella con un atto notarile. 3) Sono 36 perché “il Milan ha acquisito il diritto alle prestazioni sportive del calciatore Leonardo Bonucci”. 4) Sono 36 perché la punizione perfetta di Del Piero, da 30 metri, ad ammutolire la San Siro nerazzurra, è un ricordo indelebile nella NOSTRA memoria. 5) Sono 36 perché a Udine, sotto 2-1, in dieci, abbiamo vinto sei (!) a due! 6) Sono 36 perché Paparesta non è mai stato sequestrato da nessuno! 7) Sono 36 perché “li mortanguerieri nooooo”. 8) Sono 36 perché “la prescrizione salva l’Inter. Fu illecito sportivo” (Repubblica, 4 luglio 2011). 9) Sono 36 perché “guarda il contesto socialeeeee”. 10) Sono 36 perché “[Quella di calciopoli è stata] una sentenza pazzesca, e non perché il calcio sia un ambiente pulito. Una sentenza pazzesca perché costruita sul nulla, su intercettazioni difficilmente interpretabili e non proponibili in un procedimento degno di tal nome. Una sentenza pazzesca perché punisce chi era colpevole solo di vivere in un certo ambiente, il tutto condito da un processo che era una riedizione della Santa Inquisizione in chiave moderna. (…) Vuoi vedere che per coprire uno scandalo di dimensioni ciclopiche hanno individuato in Luciano Moggi il cattivo da dare in pasto al popolino? (Enzo Biagi, 16 agosto 2006). 11) Sono 36 perché Dybala, all’Olimpico, al minuto 93, l’ha messa all’angolino. 12) Sono 36 perché nessuno ci ha ancora spiegato come sia “concettualmente ammissibile l’assicurazione di un vantaggio in classifica che prescinda dall’alterazione dello svolgimento o del risultato di una singola gara” 13) Sono 36 perché nessuno di noi ha contestato la squadra, ma tutti li abbiamo sostenuti, li abbiamo spinti al traguardo e ci abbiamo creduto, sempre e fino alla fine! 14) Sono 36 perché “è emersa l’esistenza di una rete consolidata di rapporti, di natura non regolamentare, diretti ad alterare i principi di terzietà, imparzialità e indipendenza del settore arbitrale, instaurati, in particolare fra i designatori arbitrali Paolo Bergamo e Pierluigi Pairetto (ma anche, sia pur in forma minore, con altri esponenti del settore arbitrale) ed il Presidente dell’Inter, Giacinto Facchetti” 15) Sono 36 perché a San siro, un paio di settimane fa, l’hanno capito tutti (anche quelli che fanno finta di no) cosa vuol dire veramente “fino alla fine” 16) Sono 36 perché “il Bologna non fallì per colpa di Moggi. Gazzoni condannato” (Tuttosport, 13 maggio 2018) 17) Sono 36 perché noi, in albergo, non abbiamo perso né dimenticato niente (anzi una volta, nel 2014, lo abbiamo vinto pure in albergo) 18) Sono 36 perché “lo scudetto 2006 lo ha vinto la Juve” (Alvaro Recoba, 5 ottobre 2012) 19) Sono 36, perché erano 35. E poi è entrato Douglas Costa. 20) Sono 36 perché “91 punti! Teste di c****!” 21) Sono 36 perché quando eravamo a +6 a due giornate dalla fine, con +16 di differenza reti, non abbiamo sparato neanche un mortaretto 22) Sono 36 perché il campionato 2005-2006 non è mai stato messo sotto inchiesta 23) Sono 36 perché il Napoli sarebbe primo se avesse battuto Fiorentina e Toro, ma ha perso 3-0 con la Fiorentina e ha pareggiato 2-2 con il Toro. E allora sono proprio 36. 24) Sono 36 perché “La cosa straordinaria è che dopo Calciopoli si è ritrovata la strada della serietà professionale e c’è spazio per tutti, nulla è prevedibile, e il pubblico si può veramente divertire, con un campionato che non diventa scontato dopo sette partite.” (Aurelio de Laurentiis, 20 ottobre 2008) 25) Sono 36 perché “finalmente il VAR”, “eh ma col VAR”, “viva il VAR”, “si fa un uso sbagliato del VAR”, “così non VAR”, “ci hanno rubato otto punti col VAR” 26) Sono 36 perché, sul campo, la Juventus Football Club, ha prevalso su tutti gli avversari precisamente 36 volte! 27) Sono 36 perché Insigne ha parlato tanto, ma poi ha segnato meno gol di Khedira 28) Sono 36 perché “senza Moggi non vincerete più”, “senza Conte non vincerete più”… 29) Sono 36 perché Ziliani, Pistocchi, Varriale, Tancredi Palmeri, Luca Telese, Anna Trieste, Carlo Alvino, Auriemma, Paolo Bonolis e tanti tanti altri questa mattina ci provano a parlare, ma rosicano, rosicano, rosicano… 30) Sono 36 perché abbiamo fatto 92 punti (uno in più dell’anno scorso, con una partita in meno) e abbiamo superato quota 90 per il terzo anno consecutivo. 31) Sono 36 perché erano 29, ne abbiamo aggiunti sette di fila (7 DI FILA!), e quindi fa proprio 36 32) Sono 36 perché nel 2011 la società fatturava meno di 200 milioni e oggi ne fattura 450! 33) Sono 36 perché “alla Juve non devi toccare l’orgoglio!” 34) Sono 36 perché il primo numero che abbiamo in testa, già da questa mattina, è il 37! 35) Sono 36. E undici (11!) li abbiamo vinti con un fenomeno in porta, che tanto ci ha fatto esultare, e tanto ci farà piangere sabato prossimo 36) Sono 36. E questo lo dedichiamo a Erika. Sono 36, ma ogni volta è come se fosse la prima. Quest’anno, se permettete, un po’ di più. https://www.juventibus.com/sono-36-perche/
  3. Non ditemi che devo stare calmo di Fabio Cocco Non ditemi che devo stare calmo. Sono i giocatori e l’allenatore che devono stare calmi, mica io, che sono un semplice tifoso. Sono incazzato nero, è bene dirlo e non ostentare superiorità. Non mi interessa di essere accusato di disfattismo, non credo che #moriremotutti, sono perfettamente consapevole di quello che è successo ieri sera e che può accadere nello sport professionistico. Lo hanno detto Bonucci e Allegri: i giocatori hanno allentato la tensione, staccato la spina e le modalità dei gol subiti lo testimoniano. Il fatto che sia spiegabile non fa però scemare la mia rabbia. Con la stessa logica con la quale si dice “le partite devono essere chiuse quando ne hai la possibilità” anche i campionati devono essere portati a casa quando puoi. Scusatemi, ma la Juventus non è la squadra sempre affamata, cannibale, cinica, cattiva, che vuole vincere sempre? E accettiamo serenamente questo calo di tensione? #finoallafine vale per noi tifosi quando tifiamo o vale anche per chi scende in campo? Con l’Atalanta ci siamo raccontati che era un campo veramente difficile, che loro sono in forma, sono la rivelazione del campionato e i due gol li abbiamo presi per distrazione causa semifinale incombente ma tranquilli, lo vinciamo in casa con il Torino, aspettando comodi comodi in divano la Roma che perde o pareggia con OverPerformance Milan, non esiste che non vinci un derby in casa. Poi con il Torino succede che loro segnano sull’unico tiro in porta, su punizione e noi sbagliamo innumerevoli occasioni, ma anche qui, state sereni, tanto la Roma mica vince a Milano. E invece la Roma asfalta il Milan, senza neppure troppo sforzo e ricomincia il balletto delle rassicurazioni: andiamo a vincerlo a Roma, così è pure più bello, gli alziamo lo scudo in faccia, basta un pareggio, due risultati su tre. E siamo a ieri sera: testa altrove, abbiamo dovuto fare turnover, la partita importante è mercoledì che c’è la finale di Coppa Italia e, infine, il grande classico “sconfitta che ci farà bene” “serve concentrazione” “serve l’atteggiamento mentale giusto”. Sembra quasi piacevole essere costretti a sostenere a questo sforzo supplementare di energie mentali e fisiche. E ci ritroviamo adesso a dire: “ma no, ma non è un problema, tanto, vuoi non fare tre punti contro il Crotone in casa o col Bologna in trasferta?” Già vi sento, anzi, già vi leggo: “vabbè ma non avrai mica paura del Crotone vero? Vuoi vincere la Champions e ti fai problemi?” No, non ho paura del Crotone, io non ho paura di nessuna squadra. NESSUNA. Ho solo paura di partite già viste in passato, con il braccino, con valanghe di gol sbagliati sotto porta, contro un avversario spalle al muro che gioca alla “vincere o morire”. Ora abbiamo un tarlo mentale, una piccola ombra in tutte le nostre certezze, che basti pochissimo per rovinare tutto, non è vero che “tanto alla fine in qualche modo la porti a casa”. L’idea stessa di essere passati dalle infinite possibilità all’obbligo di dover fare tre punti cambia la situazione. Non volevo vincere a marzo/aprile stile Bayern, non mi interessano i record di punti o i record di distacco, abbiamo la possibilità di vincere tre titoli e di fare la stagione che potrebbe passare alla storia del calcio, ma proprio per questo sarebbe stato opportuno chiudere prima possibile lo scudetto. Sono sicuro che batteremo il Crotone, e domenica sera rileggendo questo pezzo ci faremo tutti quanti delle grasse risate, io per primo. Ora potete tranquillamente ricoprirmi di insulti, dire che non capisco nulla, farmi passare per disfattista (nel qual caso vi consiglio di rileggere), usatemi pure come parafulmine, ho le spalle grosse. Ho totale fiducia in questa squadra e in Allegri, ma come ne abbiamo esaltato le imprese non possiamo mettere la testa sotto la sabbia, fare finta che vada tutto bene. Si può criticare senza pretendere la testa di qualcuno o senza dare degli incapaci a tutti: nelle tre partite in cui potevamo chiudere matematicamente il discorso scudetto abbiamo fatto due punti, segnato quattro reti e subite sei. Questo è un dato di fatto, sono tre match point sprecati e non si può tornare indietro. Adesso pensiamo a vincere la Coppa Italia, domenica portiamo a casa il campionato. A quello che dovremo fare il 3 giugno ci penseremo da lunedì prossimo. http://www.juveatrestelle.it/non-ditemi-che-devo-stare-calmo/
  4. Ma davvero vogliono inserire anche Rugani come contropartita??? Ditemi che non è vero, ditemi che Marotta non è impazzito!!! Ditemi che non diamo via il nuovo Barzagli. Rassicuratemi vi prego!!!
  5. Ju29ro mi a insegnato a non accettare le condanne ne le sentenze quando le verità al di la di ogni ragionevole dubbio sono o possono essere altre. E cosi sarà per me in eterno. E' un giorno triste oggi. Non "chiude" solo un sito di verità ma finisce un epoca. Non sarò mai sufficentemente grato a Ju29ro (ma anche a giulemanidallajuve e a questo forum) di avermi informato sulla farsa del 2006 impedendomi di precipitare nel votice del populismo becero del sentimento popolare, dell'inesorabile bugia costruita ad arte, siete stati utili, utilissimi all'analisi dei fatti e alla verità, fantastici, eroici, magnifici, e allo steso tempo inutili alla "verità" sancita, perchè dopo un epoca di processi rancori e rabbie, Moggi, Giraudo e la Juventus hanno perso sul campo e ha vinto l'inter e l'antijuventinismo in generale. Una vittoria immeritata che più immeritata non si puo, rubata palesemente con tanto di prove di malafede, ma purtroppo la storia la scrivono i vincitori (anche se il campo a dimostrato tutt'altro) gli altri possono solo non accettarla e leggere ju29ro. Tramandare ju29ro. Sono juventino Sono moggiano Sono "una vedova" sono "rancoroso di serie C" sono "squadrista" sono "pagliaccio e barbone" sono un "gobbo di m***a" sono un "ladro che deve solo stare zitto" sono un "gobbo che gli è andata bene" sono uno "che doveva essere radiato" sono ju29ro Grazie in eterno
  6. Una domanda tecnica: Se il reato di associazione a delinquere è stato perscritto perche scaduti i termini vuol dire che le sentenze di primo e secondo grado (sull'associazione a delinquere) dei processi ordinario e abbreviato sono stati annullati (quindi non veritieri)??? Ringrazio chi mi potrà rispondere con chiarezza.
  7. E' l'assurdità del reato di pericolo, (per dirne una: chi ha una patente di guida dovrebbe essere messo in galera perchè è un potenziale pirata omicida) percui questo tipo di reato essendo un'assurdità nell'atto pratico, non vale per nessuno ma vale per Moggi, essendo possessore e "presunto" distributore di schede svizzere non essendo un reato possederle ne regalarle, percui Moggi è colpevole, anche se è innocente, per il semplice fatto che è colpevole di potenziale pericolo di delinquere.
×
×
  • Create New...