Jump to content

nicolaj198vi

Tifoso Juventus
  • Content Count

    3,676
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    12

Everything posted by nicolaj198vi

  1. A naso, mi sembra come minimo un approccio molto al limite. Un po’ come la differenza tra elusione vs evasione fiscale. Però questa è materia da avvocati, non so francamente...
  2. Credo si riferisca al gene E (uno dei 3 che si cerca di rilevare con la PCR), che è vero non essere specifico di SARS-CoV-2. Quindi essere positivi solo al gene E non indica in maniera assolutamente certa una positività a SARS-CoV-2; quel campione potrebbe contenere un virus diverso con un gene E estremamente simile, e quindi confondibile. Quello però che omette di dire, non che ne sia tenuto, è che l'altro virus col gene E molto simile è SARS-CoV (quello che ha causato l'epidemia di SARS del 2003, il cugino stretto insomma di questo qua). Non essendoci in corso epidemie anche di SARS-CoV, diventa abbastanza indicativa anche una positività al gene E. Tanto che le linee guida dell'OMS per la diagnosi molecolare dicono che anche la positività ad un singolo gene bersaglio, in campioni provenienti da Paesi con diffusa circolazione di SARS-CoV-2, è da considerarsi valida. Questo però è un ragionamento che faccio senza sapere esattamente che kit diagnostico abbiano usato in quel laboratorio, quindi va preso con le pinze; servirebbe avere informazioni in più, che al momento non abbiamo ma credo (spero) verranno fornite alla Procura Federale, o a chiunque altro di competenza.
  3. Credo che Immobile, Leiva e Strakosha siano fuori. A meno che non continuino con i magheggi stem*****e...
  4. Io non so chi abbia detto questa roba, ma ti posso garantire che è una cagata senza il benché minimo senso dal punto di vista scientifico. Nessun gene è infettivo. I geni sono istruzioni per fare pezzi di virus, che a loro volta sono contenuti ovviamente nel genoma del virus stesso. È il virus ad essere infettivo, non i suoi geni. Se tu rilevi pezzi di genoma virale in un campione, la ragione è che c’è del virus nel soggetto da cui è stato prelevato il campione (al netto dei margini di affidabilità del test). Nel caso del molecolare, i falsi positivi sono <2%; i tamponi rapidi sono meno precisi, ma se rilevano una positività tu la pigli come positività, oppure passi al molecolare per toglierti il dubbio. Non ti inventi cazzate tipo “gene non infettivo”. Quello lo fai solo per pararti il c**o una volta che ti beccano con le mani nella marmellata. Peraltro poi non si capisce come mai debbano esserci squadre che fanno il molecolare (Juventus e Sampdoria lo so per certo), e poi salta fuori che qualcuno farebbe i test rapidi.
  5. Ma di quali leggi stiamo parlando? Mica ti obbliga nessuno a giocare eh...se il regolamento non ti piace chiedi la rescissione del contratto.
  6. Si, e la corte europea dei diritti dell’uomo...ma smettetela dai!
  7. No. Il “protocollo” cerca di consentire lo svolgimento regolare dei tornei minimizzando il più possibile lo scazzo per dei ragazzi viziati pagati una barcata di soldi. Questo fa quel pezzo di carta. Avessero voluto minimizzare i rischi avrebbero imposto come minimo ai gruppi squadra di starsene in ritiro durante il corso della stagione agonistica, ed ai club di predisporre una bolla di sicurezza limitando al minimo i contatti con l’esterno. Questo è il punto vero di tutto ‘sto schifo, parliamoci chiaro.
  8. Sono d’accordo al 100% con te. Però andrebbe stoppato tutto, ripensato tutto, e solo dopo ripartire. Qua non parliamo di questo; c’è solo l’ASL che blocca una squadra, agendo extra-protocollo. Col Napoli che peraltro non intende mettere i suoi in isolamento. Francamente, è una porcata così.
  9. Quello in teoria non sarebbe mestiere dell’ASL. Però considerata la situazione sarebbe stato opportuno spendessero due parole in più.
  10. Io, come noto ai più, sono schifosamente critico nei confronti di questo supposto “protocollo”, che reputo ridicolo, inefficace, ed in definitiva una presa per il c**o. Però questa roba dell’ASL è una porcata che non ha alcun senso, da nessun punto di vista. Si fosse trattato di stoppare tutto e ridiscutere un protocollo fatto per bene, l’avrei trovato sensato. Così, si fottano.
  11. Ripeto: quello UEFA non è un protocollo, è una presa in giro. D’altra parte alla UEFA interessa esclusivamente che il circo rimanga in piedi col minimo sforzo possibile. Sono gli stessi dementi conclamati che in pieno dilagare dei contagi continuavano a far giocare le partite di coppa a porte aperte. La baracca la chiuderanno se non si mettono in testa che serve un protocollo vero, non semplicemente aumentare il numero dei tamponi; ma nemmeno lo prendono in considerazione, figuriamoci. Poi perdonami, quella che tu chiami isteria io la chiamo lungimiranza; cioè, molto semplicemente, capire in anticipo che la situazione può diventare ingestibile, e chiedere che ci si muova anticipando gli eventi, piuttosto che inseguendoli sempre. Però oh, la terza giornata è appena iniziata, abbiamo 4 squadre su 20 con positivi...a me non sembra che questo pseudo-protocollo stia funzionando granché bene. Magari sarebbe il caso di metterlo in discussione, Il Protocollo...magari eh!
  12. Eh...non si riesce nemmeno ad abolire l’inutile Nations Leaugue...
  13. Positivo nel gruppo squadra dell’Atalanta. Siamo alla 3a, ed è cosa, il quarto club ad avere dei positivi? Così non si può nemmeno pensare di continuare la stagione. Stoppare tutto per 15gg, mettere a punto un protocollo VERO (aka bolle di isolamento per ogni singolo club), e riprendere. Altre opzioni efficaci non ne esistono. Questo pseudo-protocollo fa acqua da tutte le parti.
  14. Ma i compromessi stanno bene anche a me. Non concordo con Lega e via dicendo sul genere di compromessi; le squadre andrebbero tenute in ritiro per l’intera durata della stagione, altrimenti salta la stagione. Questo sarebbe il vero compromesso che ti minimizza i rischi preservando quanto più possibile il regolare svolgimento della stagione. Qua invece abbiamo le squadre appese alla speranza che ogni giocatore d’Europa adotti, su base volontaria ed in autogestione, una serie di comportamenti individuali che minimizzino i rischi. Buona fortuna proprio...
  15. Ci sono vie di mezzo tra il “rischio zero” (che non esiste), e ripetere la stessa minchiata fatta con Genoa-Napoli. Una di queste vite di mezzo è, molto semplicemente, recuperare Juve-Napoli durante la sosta. I tesserati delle rispettive squadre saltano le s********e delle nazionali. Poi, ripeto: si parla di regole di un protocollo che non è, di fatto, un protocollo ma una presa per il c**o. Boh...a me sembra tutta una grandissima cazzata, gestita da grandissimi cazzoni. Ma vabbè...
  16. Come no? Perin e Schone erano positivi. Hanno, ovviamente, schierato quelli che al momento erano “negativi” (falsi negativi), però dei casi in squadra li avevano, saltati fuori a ridosso della partita. Si è dimostrato un errore. Adesso il Napoli è nella stessa identica situazione; prima di fare un’altra minchiata, direi che sarebbe il caso di stoppare il Napoli per un turno e avere più tempo per monitorare i giocatori. O vogliamo giocarla e poi lunedì bestemmiare ogni divinità pagana nel caso saltassero fuori nuovi positivi partenopei? Fossi il presidente della Juventus FC non li manderei in campo, anche a costo di una sconfitta a tavolino. Comunque se non mettono a punto, club per club, dei VERI protocolli di isolamento il campionato non lo si termina quest’anno...
  17. Sono d'accordo. Infatti ho detto ieri che per me sono non solo Lega e Federazione ad esser state facilone ed approssimative, ma pure la stessa UEFA. Il calcio, a livello continentale, andava riaperto solo dopo essersi assicurati che i club avessero compreso la necessità di isolarsi dall'esterno, e predisposto strategie adeguate per farlo.
  18. Ma rimandassero ‘ste due c**** di gare e stop. Per le nazionali di ‘st*****o non si da la disponibilità dei tesserati, e si recuperano le partite durante la pausa.
  19. Ma guarda io non so nemmeno cosa prevedano gli accordi per casi di questo genere. Ammesso che fossero stati messi in preventivo. Quello che sto contestando è che esista un protocollo di sicurezza. No, non esiste. Esiste solo “fare più controlli”, che da nessuna parte del mondo ed in nessun settore viene considerato un protocollo di sicurezza. Il protocollo di sicurezza sarebbe quel sistema di norme comportamentali cui attenersi in modo da minimizzare il rischio. Io, per quanto riguarda i calciatori professionisti, non ne vedo. Questi fanno esattamente quello che facciamo tutti, mascherina e via dicendo; solo che si espongono a vicenda ad un rischio che è superiore a quello cui ci esponiamo noi a lavoro coi colleghi. Ergo, nessun protocollo.
  20. Non esiste nessun “protocollo stringente”. Fare tamponi ogni tot giorni non è un protocollo stringente. È come se dicessimo che una centrale nucleare ha protocolli di sicurezza stringenti in virtù del fatto che monitorano i livelli di radiazioni ogni tot giorni. Embè?! Un protocollo stringente deve prevedere una cornice di operatività giornaliera che riduca i rischi al minimo possibile; ti deve dire, in parole povere, cosa puoi fare e come farlo, e cosa no. Lasciare i tesserati di un club liberi di fare quello che vogliono, andare dove vogliono, incontrare chi vogliono, perché tanto poi gli facciamo il tampone non è un protocollo stringente. È una presa per il c**o. Tanto quanto lo sarebbe dire agli operatori di una centrale nucleare di comportarsi come vogliono, che tanto poi tiriamo fuori i contatori geiger e vediamo come butta. È una enorme cazzata. E questo lo sa chiunque abbia cognizione di cosa siano dei veri protocolli di sicurezza stringenti.
  21. Io francamente preferirei che i nostri non scendano in campo con un rischio abbastanza alto di trovarsi a stretto contatto con dei potenziali falsi negativi.
×
×
  • Create New...