Jump to content

nicolaj198vi

Tifoso Juventus
  • Content Count

    2,962
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    5

nicolaj198vi last won the day on March 18

nicolaj198vi had the most liked content!

Community Reputation

2,531 Excellent

2 Followers

About nicolaj198vi

  • Rank
    Juventino Pinturicchio
  • Birthday 03/23/1986

Recent Profile Visitors

4,119 profile views
  1. Io francamente preferirei che i nostri non scendano in campo con un rischio abbastanza alto di trovarsi a stretto contatto con dei potenziali falsi negativi.
  2. Non ho figli, no. Lavoro, quello si. Me ne sono accorto che la vita è un po’ diversa da prima; anche la situazione che stiamo affrontando è un po’ diversa da quella cui eravamo abituati. Non vedo niente di “estremamente difficoltoso”; vedo disagi, quello è chiaro, e colpiscono anche me. Ma niente di onestamente così estremo. Credo che ci sia chi vive giornalmente, da sempre, in condizioni molto peggiori delle nostre durante un evento eccezionale. Se ce la fanno loro, possiamo farcela anche noi direi. Sopratutto visto e considerato che la soluzione arriverà, si tratta solo di aver pazienza e stringere i denti.
  3. Ma esattamente, nella vita di noi gente comune, cosa ad oggi è così estremamente difficoltoso da fare?
  4. Questo sarebbe l'ideale. Ci prendiamo i 3 punti, e non rischiamo contatti ravvicinati con qualche untore. Mi roderebbe il c**o solo in ottica fantacalcistica, visto che mi perderei i bonus di Ronaldo...
  5. Che i tamponi non siano perfetti, e diano falsi positivi (molto raramente) e falsi negativi (meno raramente), è cosa nota da sempre. Ci ho scritto uno o due post chilometri a riguardo, a febbraio o marzo. Non esistono test diagnostici perfetti. Nessuno. Zero. Tutti hanno un margine di errore. Semplicemente, Lega Federazione e anche UEFA hanno optato per la “soluzione” più comoda: fare più tamponi. Peccato che questa non è una soluzione reale, e non lo è mai stata a nessun livello; tant’è che le misure di distanziamento sociale e riduzione del rischio vengono fatte applicare a miliardi di persone. La banalissima considerazione da fare sarebbe stata: visto che i calciatori, giocoforza, sono più a rischio di contagiarsi a vicenda tra partite ed allenamenti, per loro vanno applicate misure di distanziamento e prevenzione più stringenti del normale. Oltre a fare più test. Mentre si è deciso di fare le cose a coppola di m*****a, come si dice dalle mie parti. A che servono i consulenti? A questo servono. A non fare cose a coppola di m*****a.
  6. Io non credo che siano stati particolarmente disattenti, paragonando il loro comportamento a quello della “gente comune”. Il problema è che noi non passiamo un terzo delle nostre giornate a stretto contatto fisico con altre persone, quindi tra di noi i contagi viaggiano a velocità ridotta rispetto a chi svolge il tipo di attività giornaliera che deve necessariamente svolgere un calciatore. Quindi i loro protocolli devono essere più stringenti. I loro, e quelli di chi gli gravita attorno giornalmente, dall’allenatore al magazziniere.
  7. Dirgli: “questo è come dovete gestire i contatti con le persone da oggi fino alla fine della stagione agonistica. Questo si può fare, quello no; lì ci puoi andare, lì no” e via dicendo. Tu club X hai un problema: devi mantenere i tuoi tesserati COVID-free. Esattamente come hai il problema di mantenere i tuoi giocatori il più possibile infortunio-free. Così come hai gente che di mestiere fa il preparatore, il fisioterapista, il medico sportivo per minimizzarti questo problema potenziale, allo stesso modo ti servono degli stronzi che sappiano come minimizzarti il problema “esposizione al COVID”. Cosa che al Genoa evidentemente non hanno, altrimenti non avrebbero mezza rosa contagiata. La domanda a questo punto è lecita: altri club lo hanno?
  8. Esattamente. Anche perchè il rischio altrimenti sarebbe continuare ad avere positivi a catena in altre squadre, facendo saltare completamente la stagione. Adesso tutto sommato la situazione sarebbe ancora gestibile con misure minime (rinviare le gare di Genoa e Napoli). Certo è che le squadre vanno isolate in maniera seria, perchè stavolta è toccato al Genoa ma bisogna fare in modo che non capiti ad altre. I club prendano dei consulenti e si facciano mettere a punto dei protocolli di isolamento. Non vedo altro modo. Questa roba andava normata dalla UEFA: le squadre che applicano protocolli di isolamento rigorosi hanno il via libera, le altre si attaccano al c**** e saltano la stagione.
  9. E' un punto che ancora non è chiaro, e dipende da parecchi fattori (ad esempio, incide anche il tipo di prelievo del tampone: quello intra-nasale da risultati più attendibili di quello faringeo, ma è più invasivo). Se quelle positività del Genoa (post Perin-Schone per intenderci) venissero confermate, quei calciatori erano infetti durante la partita, non lo metto nemmeno in dubbio.
  10. Sul versante della gestione dilettantesca della cosa sono perfettamente d’accordo.
  11. Che te devo dì, speriamo! Ma sono due situazioni un po’ diverse quelle di Genoa e Perugia, lì se non ricordo male di sintomatici non ne avevano.
  12. Le probabilità che possano essere falsi positivi sono <1%, quelle che possano essere falsi negativi >10%, anche abbondantemente...
  13. Ragà non voglio trasformare questo topic in "COVID 2.0", però chi ha seguito quello dovrebbe aver chiaro il perché i tamponi siano suscettibili di falsi negativi più di quanto non lo siano di dare falsi positivi. Il caso del Genoa, se mai ce ne fosse ancora di bisogno, è un'ulteriore conferma: sono stati testati, e questa decina o più hanno dato dei falsi negativi. Con il Napoli potrebbe benissimo accadere lo stesso, visti i tempi ristretti.
  14. A parte sistemare le cose sui protocolli di isolamento, perché è evidente che le falle ci sono, bisognerà che Lega e Federazione diano una linea chiara sui rinvii o meno. Perchè al momento la regola dice che chi chiede il rinvio è alla mercè della squadra avversaria; se quella rifiuta o scendi in campo o prendi la sconfitta a tavolino. È evidente che lasciare questa discrezionalità alle squadre non sia possibile.
  15. Cantiere aperto. Mi astengo dal dare giudizi definitivi su chiunque, da Pirlo a Frabotta. Sul medio periodo, servirà trovare una quadra entro dicembre, perdendo per strada meno punti possibile. E’ una banalità come considerazione, ma tant’è. Non la vedo impossibile; difficile, ma non impossibile. Occhio coi giudizi sommari da tribunale del popolo, siamo alla seconda di campionato.
×
×
  • Create New...