Jump to content

Akhenaton

Tifoso Juventus
  • Content count

    15,275
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    12

Akhenaton last won the day on May 29 2018

Akhenaton had the most liked content!

Community Reputation

2,410 Excellent

1 Follower

About Akhenaton

  • Rank
    Juventino Le Roi
  • Birthday 05/02/1987

Profile Information

  • Gender
    Not Telling
  1. Non ha vinto manco quest’anno. Sarei curiosa di vedere cosa farebbe in Italia, con una rosa come quella di allegri
  2. Visualizza altri Tweet di Alfredo Giacobbe L’impressionante progressione della produzione offensiva dell’Ajax. Contro l’Ajax, tra andata e ritorno, sono emerse tutte le difficoltà strutturali della Juventus di Allegri, in particolare i problemi nell’uscire dal pressing avversario. A conti fatti, su 180 minuti, la Juventus è riuscita a dare l’idea di essere in totale controllo solo per la prima metà della gara di ritorno. Senza giocatori offensivi in grado di cambiare “passo” a metà partita (senza Douglas Costa, cioè), Allegri ha scelto di sacrificare Cancelo dal primo minuto per poterlo utilizzare più avanti, magari riflettendo anche sull’eventualità supplementari. Tuttavia, la Juventus non è riuscita a capitalizzare la prima parte di gare aggressiva e intensa, ad eccezione del gol su calcio piazzato. A posteriori possiamo riflettere su quanto sarebbe stato prezioso il lavoro di cucitura e rifinitura che il portoghese sa fare, nonostante il suo ingresso non sia stato particolarmente incisivo (oltre a un bel cross per Kean). De Sciglio ha giocato una buona partita difensiva, ma come prevedibile è stato meno presente in fase propositiva, su una fascia che oltretutto per l’Ajax era stata amputata delle proiezioni offensive di Mazraoui, con un Sinkgraven mai realmente messo in difficoltà. A questo punto della competizione è chiaro come il sole che l’Ajax è – e sarà – un cliente scomodo per chiunque: arrivare in semifinale senza aver mai perso una trasferta, in un torneo in cui si è affrontato Bayern Monaco, Real Madrid e Juventus è il giusto premio per una squadra dalla forte identità tattica e dotata di una personalità sorprendente nell’imporla. La squadra di Ten Hag ha rimontato la Juventus avvelenandola con il suo stesso veleno: resistendo strenuamente all’impatto aggressivo iniziale e attendendo il momento propizio per venire fuori, col gioco, sfruttando le migliori doti a disposizione. Il gioco posizionale dell’Ajax, fatto di rotazioni e riaggressioni da manuale, è la confezione perfetta per i cioccolatini tecnici a disposizione, che sembrano nati per questo tipo di filosofia (sicuramente alcuni sono stati scelti per questo, almeno Neres, Ziyech e Tadic, tutti pagati poco più di una decina di milioni quando il loro talento non era più un segreto per nessuno), e riescono a portarla a livelli interpretativi offensivi toccati da pochissime altre squadre negli ultimi anni. Insomma, Allegri ha perso la gara sul suo terreno preferito, la gestione dei momenti, e con le sostituzioni non è riuscito a raddrizzare la situazione. Forse è simbolico che una sconfitta del genere sia arrivata contro una squadra che rappresenta, ideologicamente, l’antitesi di molte posizioni a tema tattico prese dallo stesso allenatore della Juventus nel corso degli ultimi anni, proprio quando ha potuto contare su una rosa più competitiva che mai e su Cristiano Ronaldo (che ha trovato comunque il modo di segnare due gol tra andata e ritorno, timbrando il cartellino) che non giocherà la semifinale di Champions League per la prima volta negli ultimi 9 anni. Con il campionato in chiusura e di fatto già vinto è arrivato il momento di riflessioni in casa Juventus, per programmare il futuro e correggere quelle piccole grandi imperfezioni emerse quest’anno. Soprattutto se, come garantito dallo stesso Allegri, non è previsto un cambio in panchina. Dall’altra parte, dobbiamo ormai inserire l’Ajax tra i favoriti per la vittoria finale. Nessuno poteva prevederlo, e il bello della Champions League è proprio questo. Disamina perfetta purtroppo ci si è messa anche la sfiga perché dybala si è rotto in corsa, ma alcuni problemi mostrati ieri sera sono cronici, su tutti l’incapacità Di uscire dal pressing avversario
  3. Paulo Dybala vestirà la maglia numero 10

    col senno di poi sarebbe dovuto entrare bentancur e non kean, a fare quel lavoro abbiamo perso perchè allgri non è stato speculativo
  4. Mattia De Sciglio

    ieri de sciglio ha giocato una buona partita nel complesso non è scarso come lo dipingete, è una riserva il problema non è il livello della riserva, il problema è che da mesi il titolare è impresentabile
  5. IL SUPERMEGASONDAGGIONE

    sicuri sicuri per me solo TEK CHIELLINI, BONUCCI, CANCELO, SPINAZZOLA BENTANCUR RAMSEY BERNARDESCHI RONALDO KEAN pjanic da valutare in base alle offrte e alle possibili alternative matuidi e rugani ok ma come alternative perin come riserva va bene gli altri meno li vedo meglio sto, con l'enorme incognita di dybala. manduzkic non doveva rinnovare, non può + fare il titolare
  6. Uno stop, non una fine

    che abbiamo fatto una figura di M***A credo perchè va bene tutto ma credo che il 90% di tifosi pur considerando l'ajax una signora squadra dopo il pareggio dell'andata pensasse di passare a maggior ragione dopo l'1a0 e invece abbiamo fatto un secondo tempo peggiore di quello di cardiff
  7. Massimiliano Allegri: Topic Unico

    gli allenatori dopo un po' vanno cambiati, tutti. sarebbe stato meglio cambiare l'anno scorso, già l'hanno tirata troppo per le lunghe quando i segnali c'erano tutti. se non trovano una soluzione concordata agnelli cacci il grano per l'esonero e trovi un sostituto all'altezza, come fanno i club ambiziosi che non si lasciano imbrigliare dai contratti.
  8. Game Of Thrones

    ecco cosa ricordava ma poi quanto è scarsa Emilia clarke madonna mia la odio
  9. Stagione enorme, meritava di più per fortuna non se lo fila nessuno nonostante abbia pochi rivali al mondo. Bene che non sia mediatico, se no lo venderebbero
  10. Massimiliano Allegri: Topic Unico

    Avrebbero dovuto salutarsi l’anno scorso. Stasera l’ha persa lui, ma l’ha persa come conseguenza di un anno intero in cui non è stato in grado di plasmare la squadra e darle un senso. Rosa costruita male, ma così come gli anni scorsi è stato un suo merito trovare la quadratura nonostante sia un aziendalista che prende quel che gli viene dato, quest’anno ha la colpa di non aver trovato nessunissima soluzione tattica. Abbiamo Ronaldo e non riusciamo a dargli un pallone, non riusciamo ad uscire dal pressing, mandzukic è titolare fisso perché fisicamente prestante, facciamo solo cross...questo è un gioco da Frosinone non da Juventus
  11. Emre Can

    Uno di quelli da cui ripartire perché giocatore moderno (e con le palle). sperando che la prossima stagione per lui sia più fortunata di questa
  12. speriamo si faccia sentire ai piani alti.
  13. Uno stop, non una fine

    Vincerla puoi vincerla sempre anche solo di c**o, però una squadra deve programmare per giocarsela al meglio. Noi negli ultimi anni abbiamo raggiunto altissimi livelli ma non l’abbiamo vinta e quest’anno anziché migliorare siamo tornati indietro
  14. Uno stop, non una fine

    Apprezzabile ma francamente uno stop è una pausa in un percorso che ha un traguardo, qua il traguardo lo vediamo col binocolo e la squadra è vecchia. Non l’abbiamo vinta in questi cinque anni, non sono affatto ottimista per il futuro
  15. Paulo Dybala vestirà la maglia numero 10

    Almeno a sto giro si è impegnato non so se questo sia rincuorante o preoccupante
×