Vai al contenuto

Juve blood

Tifoso Juventus
  • Numero contenuti

    627
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

252 Excellent

Su Juve blood

  • Livello
    anti-indeh a prescindere

Visite recenti

607 visite nel profilo
  1. Mario Mandzukić: il vero leader della Juventus

    Credimi, ho capito perfettamente qual'è il tuo pensiero. La cosa che però differisce nel nostro ragionamento, è il presupposto. Come già detto, partendo dal fatto che i giocatori non sono macchine, e quindi possono sbagliare, gli errori li metto in conto e li valuto come cosa fisiologica. Persino se Pjanic (l'esempio che citi) perdesse una palla a centrocampo. Tu evidentemente, no. C'è poi un surplus di tolleranza verso qualche errore di Mario, perché, se perde qualche pallone o sbaglia un passaggio, spesso e volentieri lo fa' da giocatore che è in una posizione di campo mediamente non sua. E soprattutto lo deve fare con la pressione degli avversari addosso proprio perché, a centrocampo siamo spesso imprecisi e frettolosi, e lui puntualmente si deve sbattere per metterci una pezza. E' vero che i numeri non mentono, ma non come li intendi tu: se come dici ha azzeccato il 56% di passaggi (quindi maggioranza), vuol dire che la prestazione è stata positiva; Se poi, come detto, in quel 56% conti anche l'incisività di procurarsi il rigore decisivo, il tutto non può che avallare il fatto che, non solo per me e parecchi altri è stato il migliore in campo, ma come dice Zebrone, è stato comunque tra i migliori per parecchie testate. Gli episodi decisivi cambiano radicalmente i voti dei giocatori. E' sempre stato così, dalla notte dei tempi. Ovviamente dal tuo punto di vista, che non tolleri quel 44% rimanente di errori, fa la coppia e quindi diventa una prestazione quasi neutra. Nel tuo caso non si parla di numeri, bensì di un'opinione applicata ai numeri. Opinione rispettabilissima, ma che non condivido.
  2. Mario Mandzukić: il vero leader della Juventus

    Non dirmi nulla, alla segnalazione del fuorigioco, ho tirato giù l'intera lista di santi sul calendario.
  3. Mario Mandzukić: il vero leader della Juventus

    Se anche a te non piacesse il giocatore, rispetterei il tuo pensiero a prescindere, ci mancherebbe.Quindi, nessuna lesa maestà. Qui si ragiona su fatti e numeri. Numeri che poi, non mentono mai. Confermo, per me è stato il migliore in campo. Per quanto riguarda la statistica, credo ai numeri che riporti, ma vale sempre lo stesso discorso. Come già risposto prima, e come ha integrato il discorso anche Milo74, un giocatore non è un robot, e può sbagliare anche il 44% di passaggi, che però vanno aggiunti al 56% di quelli azzeccati che tu citi. In quel 56% c'è la grande intelligenza tattica e la tecnica di questo ragazzo che poi, puntualmente, sfrutterà per fare la differenza.E nel totale, come giustamente dice Milo, ci sono tutte le palle che lui recupera buttate a casaccio con la solita frenesia dalla difesa ed il centrocampo. Visto che parliamo della partita col Toro, hai notato che al 94° si è messo a fare il centrale difensivo ed ha salvato una palla di testa che poteva crearci pericoli? E di chi è quel compito? Chi avrebbe dovuto saltare per anticipare l'eventuale giocatore torinista? Di certo non lui. Chi si è procurato il rigore decisivo ai fini del risultato? Sempre lui. Quindi, seppur con i suoi errori che ci possono stare, generosità, sacrificio e l'essere decisivo lo fa diventare il migliore in campo. Ovviamente questa è solo la mia opinione, poi ognuno è liberissimo di pensarla come meglio crede.
  4. Non c'è niente da fare, hanno proprio un c.u.l.o inenarrabile.
  5. Napoli Calcio: la squadra che perde scudetti in albergo

    Ancora un record. Mostruosi.
  6. Mario Mandzukić: il vero leader della Juventus

    Il 50% di passaggi a chi? Ed in quale partita? Iniziamo col dire che Mario, dovrebbe essere un finalizzatore, e quindi ricevere i passaggi più che farli. Nonostante tutto, di passaggi ne fa e pure buoni, come anche l'altra sera col Toro, dove ha crossato da "ala" destra, ha fatto da sponda per Dybala che poi sbaglierà la coordinazione per segnare, ha dato una palla col contagiri a Cristiano mettendolo davanti alla porta. Oppure vogliamo parlare di quando con l'Udinese, in area, stoppa di testa, difende e poi da una palla perfetta per la sassata di Cristiano? O del meraviglioso tacco per Cancelo contro la Fiorentina mettendo anch'egli davanti alla porta? Questi solo alcuni esempi, ma potrei andare avanti. E comunque, dando per buona la tua tesi, ti rendi conto da solo che, un centravanti che si fa km e km, avanti e indietro per il campo, marcando, proteggendo, lottando su ogni pallone che poi riesce addirittura a trovare il guizzo per segnare o far segnare tutti goals decisivi, qualche passaggio lo sbagli pure. E' fisiologico. Umano. A meno che pensiamo che i giocatori siano delle macchine, allora è un altro discorso.
  7. Mattia De Sciglio

    Tralasciando la prova di Berna, dove tutta la squadra è stata inguardabile, questo ragazzo, senza avere chissà quali doti tecniche, sta sfoderando delle buonissime prestazioni. E l'ha fatto mediamente, ogni volta che Allegri lo ha convocato, anche in passato. Per certi versi, mi ricorda Pessotto: anche lui non aveva grande tecnica, ma ogni volta che giocava la sua prestazione era sistematicamente oltre la sufficienza.Di una costanza impressionante.
  8. Mario Mandzukić: il vero leader della Juventus

    Come scritto nell'altro topic della tassa, anche ieri sera migliore in campo per dedizione. Questo è un giocatore totale con due palle stratosferiche. Sarebbe da clonare per averne quattro o cinque a disposizione. Quando concluderà la carriera, lo rimpiangeremo.
  9. La “tassa” Mario Mandzukic

    Ieri sera, solita partita generosa, a tutto campo. Come scritto nel sondaggio, l'ho visto fare il terzino lottando pallone su pallone, si è improvvisato regista a centrocampo con un paio di buoni filtranti, ci ha tolto le castagne da fuoco per l'ennesima volta procurandosi il rigore che sarà poi decisivo, segna il secondo goal che poi sarà annullato per fuorigioco di Cristiano, ed infine, allo scadere, ha deciso di provare il ruolo di centrale salvando una palla velenosa in area. Giocatore totale. E dopo c'è chi si chiede perché Allegri insiste nello schierarlo. Forse, semplicemente, perché capisce di calcio.
  10. Tanto per cambiare, si sbatte a tutto campo, in un paio d'occasioni s'è addirittura improvvisato regista di centrocampo con due passaggi filtranti niente male, si procura il rigore che sarà DECISIVO, ed al 94°, trasformatosi in centrale, salverà di testa una palla pericolosa in area nostra. Migliore in campo, Mario. Voto: 7
  11. Napoli Calcio: la squadra che perde scudetti in albergo

    Un po' come i granata ieri sera. Che ovviamente, hanno sfoderato una super prestazione con la Juve, ma quando incontra i ciucciarielli, puntualmente si scansa, aprendosi a goleade. Solo nelle ultime quattro volte che si sono incontrati, hanno preso dai folkloristici la bellezza di 13 goals. Quisquilie.
  12. Vero, ce l'hai messa tutta, ma io sono come la Juve, quando è il momento, asfalto e non mi prendi più Vabbè, quindi, niente bonifico, niente citazioni negli almanacchi, almeno un gagliardetto l'ho vinto o rimarrà solo la gloria?
  13. Cagliari - ciucciarielli 1-2
  14. UEFA Champions League 2018-19

    Che giornata meravigliosa, non riesco a smettere di ridere pensando a sti quattro pagliacci
×