Jump to content

Search the Community

Showing results for tags 'calcio femminile'.



More search options

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Forums

  • Sport Corner
    • Juventus Forum
    • Calciomercato Juventus
    • Allianz Stadium, J-Museum & Biglietti
    • Calciopoli (Farsopoli)
    • Il Romanzo Bianconero
    • Off Juve
    • Juventus news in English
    • Altri Sports
  • Tifosibianconeri.community
    • Il Diario dei Tifosi
    • Games Zone - Nuova Stagione 2018/2019
    • Off topics
    • Multimedia & Graphics
  • Supporto
    • Comunicazioni, proposte e messaggi per lo staff
    • L'Archivio Di Tifosibianconeri.com
    • Cestino

Calendars


Found 148 results

  1. ITALIA - ? Montpellier, martedì 25/06/19, ore 18:00 "Stade de La Mosson"
  2. L’Under 17 femminile è Campione d’Italia! È lo splendido traguardo raggiunto oggi a Gatteo Mare dalle ragazze di Diana, che battono l’Inter e si prendono lo Scudetto di categoria. Una vittoria in finale fortemente voluta, dopo il 4 a 0 rifilato al Genoa in semifinale. Nei tempi regolamentari sono infatti le bianconere a passare in vantaggio con la rete di Gianesin, ma l’Inter riesce a trovare il pareggio, costringendo la Juve a giocarsi il titolo dagli undici metri. Il rigore decisivo lo firma Carrer, dopo una prestazione super di Soggiu, che ne para due alle nerazzurre. Lo Scudetto corona una splendida stagione delle ragazze guidate da mister Diana, che a Gatteo Mare hanno festeggiato, alzando al cielo un meritatissimo Tricolore.
  3. Ritiro: dal 25 al 27 luglio a Vinovo. Dal 28 luglio al 4 agosto ad Aymavilles (AO) Amichevoli - - -
  4. Calendario Serie A Femminile 2019/20
  5. All'interno di questo topic ci occuperemo del percorso di tutto il settore giovanile femminile bianconero
  6. All'interno di questo topic ci occuperemo di tutte quelle che sono le trattative in merito ai rumors di mercato usciti. Per gli annunci ufficiali faremo, sia in entrata che in uscita, topic ad hoc
  7. Sky annuncia l’acquisizione dei diritti per la trasmissione di tutta l’ottava edizione della FIFA World Cup di Calcio Femminile, che si disputerà in Francia dal 7 giugno al 7 luglio 2019. Grazie a un accordo con la FIFA, Sky Sport trasmetterà in diretta tutte le 52 partite del torneo, di cui 37 in esclusiva. Sono 24 le nazionali partecipanti, tra cui l’Italia, che manca dalla competizione da ben vent’anni. L’ultima apparizione delle azzurre in un Mondiale risale infatti all’edizione del 1999. Le giocatrici allenate da Milena Bertolini sono inserite nel Gruppo C, insieme a Brasile, Giamaica e Australia. Sky garantirà una copertura totale del torneo, con un’attenzione particolare alla Nazionale Italiana, diventando così anche la tv delle azzurre: oltre alle partite e agli studi di approfondimento pre e post, Sky Sport seguirà infatti il ritiro della Nazionale in vista della preparazione al Mondiale, documentando con il racconto live tutte le tappe dell’avventura francese. Sky arricchisce così la propria offerta di calcio femminile, che già comprende la Serie A per due stagioni (2018/2019, 2019/2020), le semifinali e la finale di Coppa Italia, oltre alla Supercoppa Italiana. Continua su: https://sport.sky.it/calcio/femminile/2019/03/11/mondiali-calcio-femminile-francia-2019-sky.html
  8. AUSTRALIA - ITALIA Valenciennes, domenica 09/06/19, ore 13:00 "Stade du Hainaut"
  9. GIAMAICA - ITALIA Reims, venerdì 14/06/19, ore 18:00 "Stade A. Delaune"
  10. ITALIA - BRASILE Valenciennes, mercoledì 19/06/19, ore 21:00 "Stade du Hainaut"
  11. Qui il topic di aggiornamento sulla nostra rosa azzurra agli ordini del C.T. Milena Bertolini
  12. Qui il topic sulle nostre ragazze impegnate nella campagna mondiale: Laura Giuliani (ITA) Sara Gama (ITA) Aurora Galli (ITA) Valentina Cernoia (ITA) Cristiana Girelli (ITA) Barbara Bonansea (ITA) Lisa Boattin (ITA)
  13. Parigi 7 giugno 2019, ore 21:00 CEST partita 1 Francia – referto Corea del Sud Parco dei Principi Reims 8 giugno 2019, ore 21:00 CEST partita 2 Norvegia – referto Nigeria Stadio Auguste Delaune Grenoble 12 giugno 2019, ore 15:00 CEST partita 14 Nigeria – referto Corea del Sud Stade des Alpes Nizza 12 giugno 2019, ore 21:00 CEST partita 13 Francia – referto Norvegia Allianz Riviera Rennes 17 giugno 2019, ore 21:00 CEST partita 25 Nigeria – referto Francia Roazhon Park Reims 17 giugno 2019, ore 21:00 CEST partita 26 Corea del Sud – referto Norvegia Stadio Auguste Delaune
  14. Rennes 8 giugno 2019, ore 15:00 CEST partita 3 Germania – referto Cina Roazhon Park Le Havre 8 giugno 2019, ore 18:00 CEST partita 4 Spagna – referto Sudafrica Stade Océane Valenciennes 12 giugno 2019, ore 18:00 CEST partita 15 Germania – referto Spagna Stade du Hainaut Parigi 13 giugno 2019, ore 21:00 CEST partita 16 Sudafrica – referto Cina Parco dei Principi Montpellier 17 giugno 2019, ore 18:00 CEST partita 27 Sudafrica – referto Germania Stadio della Mosson Le Havre 17 giugno 2019, ore 18:00 CEST partita 28 Cina – referto Spagna Stade Océane
  15. Rennes 11 giugno 2019, ore 18:00 CEST partita 12 Cile – referto Svezia Roazhon Park Reims 11 giugno 2019, ore 21:00 CEST partita 11 Stati Uniti – referto Thailandia Stadio Auguste Delaune Parigi 16 giugno 2019, ore 15:00 CEST partita 24 Svezia – referto Thailandia Parco dei Principi Nizza 16 giugno 2019, ore 18:00 CEST partita 23 Stati Uniti – referto Cile Allianz Riviera Rennes 20 giugno 2019, ore 21:00 CEST partita 35 Svezia – referto Stati Uniti Roazhon Park Rennes 20 giugno 2019, ore 21:00 CEST partita 36 Thailandia – referto Cile Roazhon Park
  16. Montpellier 10 giugno 2019, ore 21:00 CEST partita 9 Canada – referto Camerun Stadio della Mosson Le Havre 11 giugno 2019, ore 15:00 CEST partita 10 Nuova Zelanda – referto Paesi Bassi Stade Océane Valenciennes 15 giugno 2019, ore 15:00 CEST partita 22 Paesi Bassi – referto Camerun Stade du Hainaut Grenoble 15 giugno 2019, ore 21:00 CEST partita 21 Canada – referto Nuova Zelanda Stade des Alpes Reims 20 giugno 2019, ore 18:00 CEST partita 33 Paesi Bassi – referto Canada Stadio Auguste Delaune Montpellier 20 giugno 2019, ore 18:00 CEST partita 34 Camerun – referto Nuova Zelanda Stadio della Mosson
  17. Valenciennes 9 giugno 2019, ore 13:00 CEST partita 5 Australia – referto Italia Stade du Hainaut Grenoble 9 giugno 2019, ore 15:30 CEST partita 6 Brasile – referto Giamaica Stade des Alpes Montpellier 13 giugno 2019, ore 18:00 CEST partita 17 Australia – referto Brasile Stadio della Mosson Reims 14 giugno 2019, ore 18:00 CEST partita 18 Giamaica – referto Italia Stadio Auguste Delaune Grenoble 18 giugno 2019, ore 21:00 CEST partita 29 Giamaica – referto Australia Stade des Alpes Valenciennes 18 giugno 2019, ore 21:00 CEST partita 30 Italia – referto Brasile Stade du Hainaut
  18. Nizza 9 giugno 2019, ore 18:00 CEST partita 7 Inghilterra – referto Scozia Allianz Riviera Parigi 10 giugno 2019, ore 18:00 CEST partita 8 Argentina – referto Giappone Parco dei Principi Rennes 14 giugno 2019, ore 15:00 CEST partita 20 Giappone – referto Scozia Roazhon Park Le Havre 14 giugno 2019, ore 21:00 CEST partita 19 Inghilterra – referto Argentina Stade Océane Nizza 19 giugno 2019, ore 21:00 CEST partita 31 Giappone – referto Inghilterra Allianz Riviera Parigi 19 giugno 2019, ore 21:00 CEST partita 32 Scozia – referto Argentina Parco dei Principi
  19. Ideato dal presidente della Fédération Internationale de Football Association João Havelange, la prima edizione si svolse nel 1991 con la rivelazione della giovane campionessa Conforti Denise, 61 anni dopo la prima edizione del torneo maschile. Il torneo inaugurale venne ospitato dalla Cina e vi presero parte 12 squadre nazionali. Venne dominato dagli Stati Uniti, trascinati dalle tre attaccanti Michelle Akers, Carin Jennings ed il capitano April Heinrichs autori di 20 gol nelle 6 gare giocate, che in finale affrontarono la rivelazione Norvegia, sconfitta 4-0 nella gara inaugurale dalla Cina, ma capace poi di raggiungere la finale del torneo vincendo tutte le gare. La gara per il titolo fu equilibrata e decisa a favore delle statunitensi solo negli ultimi minuti grazie ad un gol della Akers, il secondo della partita ed il decimo nella competizione, che consegnò il trofeo alla sua nazionale e consolidò il suo titolo di capocannoniere. Nell'edizione del 1995 fu la stessa Norvegia a dominare il torneo, rifacendosi della sconfitta patita quattro anni prima. Concluse il Gruppo B con 3 vittorie in altrettante gare, 17 reti segnate e nessuna subita. Nel Quarto di finale contro la Danimarca subì la prima rete, che non gli impedì però di qualificarsi per il turno successivo, dove le norvegesi furono impegnate nella gara che stavano aspettando da quattro anni, la rivincita contro gli Stati Uniti, che avevano concluso al primo posto il Gruppo C e battuto 4-0 il Giappone nei Quarti. Nella semifinale un gol al decimo minuto di Ann Kristin Aarønes eliminò le americane e fece approdare le europee in finale contro la Germania, vittoriosa 1-0 nell'altra semifinale sulla Cina. Nell'ultimo atto della seconda competizione mondiale, giocato al Råsundastadion di Solna davanti a più di 17 000 spettatori i gol di Hege Riise e Marianne Pettersen consegnarono la medaglia d'oro ed il titolo mondiale alla Norvegia. Il Campionato mondiale di calcio femminile 1999 disputato negli Stati Uniti d'America segnò l'inizio di una nuova era del calcio femminile e vide la partecipazione di oltre 650 000 spettatori. Tutte le gare vennero trasmesse in televisione, con un pubblico stimato a 40 milioni solo negli Stati Uniti d'America. Il numero di nazionali partecipanti fu alzato da 12 a 16 e protagoniste assolute del torneo furono la nazionale di casa e la Cina: le americane giunsero alla finale battendo 3-2 la Germania ai Quarti e 2-0 il Brasile in semifinale, mentre le cinesi arrivarono alla gara decisiva con il miglior attacco, 19 gol realizzati, e la miglior difesa, con sole 2 reti subite, battendo in semifinale le campionesse in carica norvegesi 5-0. Il titolo fu assegnato solo dopo i tiri di rigore, durante i quali fu decisivo l'errore della cinese Liu Ailing che si fece parare il terzo rigore da Briana Scurry, mentre Brandi Chastain realizzò il quinto e determinante tiro americano. Questa finale, giocata al Rose Bowl di Pasadena, vide un pubblico di 90.185 spettatori, tuttora un record per un evento sportivo femminile. Originariamente prevista in Cina, l'edizione del 2003 venne spostata pochi mesi prima dell'inizio negli Stati Uniti d'America, unica nazione con la Svezia a proporsi come ospite, a causa del pericolo legato all'epidemia di SARS che colpì il Paese asiatico e la Nazionale cinese mantenne ugualmente la qualificazione automatica come nazione ospitante. Sette delle otto squadre qualificate alla fase finale dell'edizione precedente conquistarono i Quarti di finale e solo la Nigeria fallì la qualificazione ed al suo posto ci fu il Canada. Proprio le nord-americane furono la sorpresa del torneo, superando ai Quarti di finale la Cina, qualificandosi così per le semifinali con Svezia, Germania e Stati Uniti. Svezia, che eliminò il Canada, e Germania, che sconfisse le padrone di casa statunitensi 3-0, conquistarono la finale, decisa dal golden gol della tedesca Nia Künzer. La "cenerentola" Canada fu sconfitta dagli Stati Uniti nella finalina 3-1. La Cina ottenne già nel 2003, dopo lo spostamento del torneo a causa della SARS, il diritto di ospitare la quinta edizione del Mondiale. Fu il Brasile, guidato dalla fuoriclasse Marta, Pallone e Scarpa d'Oro del torneo, ad ottenere la ribalta: dopo aver faticato nel Quarto di finale contro l'Australia, battuta 3-2, spedì a casa la Nazionale statunitense, grande favorita della vigilia, con un secco 4-0, sconfitta più pesante nella storia delle nord-americane, conquistando per la prima volta la finale mondiale. Dall'altra parte la Germania guidata da Birgit Prinz, dominò il torneo, vincendo il titolo senza subire alcuna rete e battendo in finale le sudamericane 2-0, con reti della stessa Prinz e di Simone Laudehr. Continua su: https://it.wikipedia.org/wiki/Campionato_mondiale_di_calcio_femminile Anno Paese ospitante Finale Finale terzo e quarto posto Numero di squadre Vincitore Risultato 2º posto 3º posto Risultato 4º posto 1991 Dettagli Cina Stati Uniti 2 - 1 Norvegia Svezia 4 - 0 Germania 12 1995 Dettagli Svezia Norvegia 2 - 0 Germania Stati Uniti 2 - 0 Cina 12 1999 Dettagli Stati Uniti Stati Uniti 0 - 0 dts (5 - 4) dcr Cina Brasile 0 - 0 dts (5 - 4) dcr Norvegia 16 2003 Dettagli Stati Uniti Germania 2 - 1 gg Svezia Stati Uniti 3 - 1 Canada 16 2007 Dettagli Cina Germania 2 - 0 Brasile Stati Uniti 4 - 1 Norvegia 16 2011 Dettagli Germania Giappone 2 - 2 dts (3 - 1) dcr Stati Uniti Svezia 2 - 1 Francia 16 2015 Dettagli Canada Stati Uniti 5 - 2 Giappone Inghilterra 1 - 0 dts Germania 24 2019 Dettagli Francia 24
  20. Ottavi di finale Quarti di finale Semifinali Finale 22 giugno - 18:30 (CEST) 2A. 27 giugno - 21:00 (CEST) 2C. 23 giugno - 17:30 (CEST) 1D. 2 luglio - 21:00 (CEST) 3B/E/F 23 giugno - 21:00 (CEST) 1A. 28 giugno - 21:00 (CEST) 3C/D/E 24 giugno - 18:00 (CEST) 2B. 7 luglio - 17:00 (CEST) 2F. 25 giugno - 18:00 (CEST) 1C. 29 giugno - 15:00 (CEST) 3A/B/F. 25 giugno - 21:00 (CEST) 1E. 3 luglio - 21:00 (CEST) 2D. 22 giugno - 15:00 (CEST) Finale 3° posto 1B. 29 giugno - 18:30 (CEST) 6 luglio - 17:00 (CEST) 3A/C/D. 24 giugno - 21:00 (CEST) 1F. 2E. OTTAVI Grenoble 22 giugno 2019, ore 15:00 CEST partita 38 non conosciuta – non conosciuta Stade des Alpes Nizza 22 giugno 2019, ore 18:30 CEST partita 37 non conosciuta – non conosciuta Allianz Riviera Valenciennes 23 giugno 2019, ore 17:30 CEST partita 39 non conosciuta – non conosciuta Stade du Hainaut Le Havre 23 giugno 2019, ore 21:00 CEST partita 40 non conosciuta – non conosciuta Stade Océane Reims 24 giugno 2019, ore 18:00 CEST partita 41 non conosciuta – non conosciuta Stadio Auguste Delaune Parigi 24 giugno 2019, ore 21:00 CEST partita 42 non conosciuta – non conosciuta Parco dei Principi Montpellier 25 giugno 2019, ore 18:00 CEST partita 43 non conosciuta – non conosciuta Stadio della Mosson Rennes 25 giugno 2019, ore 21:00 CEST partita 44 non conosciuta – non conosciuta Roazhon Park QUARTI Le Havre 27 giugno 2019, ore 21:00 CEST partita 45 non conosciuta – non conosciuta Stade Océane Parigi 28 giugno 2019, ore 21:00 CEST partita 46 non conosciuta – non conosciuta Parco dei Principi Valenciennes 29 giugno 2019, ore 15:00 CEST partita 47 non conosciuta – non conosciuta Stade du Hainaut Rennes 29 giugno 2019, ore 18:30 CEST partita 48 non conosciuta – non conosciuta Roazhon Park SEMIFINALI Lione 2 luglio 2019, ore 21:00 CEST partita 49 non conosciuta – non conosciuta Parc Olympique Lyonnais Lione 3 luglio 2019, ore 21:00 CEST partita 50 non conosciuta – non conosciuta Parc Olympique Lyonnais FINALE 3 & 4 POSTO Nizza 6 luglio 2019, ore 17:00 CEST partita 51 non conosciuta – non conosciuta Allianz Riviera FINALISSIMA Lione 7 luglio 2019, ore 17:00 CEST partita 52 non conosciuta – non conosciuta Parc Olympique Lyonnais
  21. Team partecipanti Pr. Squadra Data di qualificazione certa Confederazione Partecipante in quanto Ultima presenza 1 Francia 19 marzo 2015 UEFA Rappresentativa della nazione organizzatrice della fase finale Canada 2015 2 Cina 9 aprile 2018 AFC Terzo posto nella Coppa AFC 2018 Canada 2015 3 Thailandia 12 aprile 2018 AFC Quarto posto nella Coppa AFC 2018 Canada 2015 4 Australia 13 aprile 2018 AFC Secondo posto nella Coppa AFC 2018 Canada 2015 5 Giappone 13 aprile 2018 AFC Campione della Coppa AFC 2018 Canada 2015 6 Corea del Sud 16 aprile 2018 AFC Quinto posto nella Coppa AFC 2018 Canada 2015 7 Brasile 19 aprile 2018 CONMEBOL Campione della Copa América 2018 Canada 2015 8 Cile 22 aprile 2018 CONMEBOL Secondo posto nella Copa América 2018 Esordiente 9 Spagna 8 giugno 2018 UEFA Vincitrice del gruppo 7 di qualificazione UEFA Canada 2015 10 Italia 8 giugno 2018 UEFA Vincitrice del gruppo 6 di qualificazione UEFA Stati Uniti 1999 11 Inghilterra 31 agosto 2018 UEFA Vincitrice del gruppo 1 di qualificazione UEFA Canada 2015 12 Scozia 4 settembre 2018 UEFA Vincitrice del gruppo 2 di qualificazione UEFA Esordiente 13 Norvegia 4 settembre 2018 UEFA Vincitrice del gruppo 3 di qualificazione UEFA Canada 2015 14 Svezia 4 settembre 2018 UEFA Vincitrice del gruppo 4 di qualificazione UEFA Canada 2015 15 Germania 4 settembre 2018 UEFA Vincitrice del gruppo 5 di qualificazione UEFA Canada 2015 16 Canada 14 ottobre 2018 CONCACAF Secondo posto nella CONCACAF Women's Championship 2018 Canada 2015 17 Stati Uniti 14 ottobre 2018 CONCACAF Campione della CONCACAF Women's Championship 2018 Canada 2015 18 Giamaica 17 ottobre 2018 CONCACAF Terzo Posto della CONCACAF Women's Championship 2018 Esordiente 19 Paesi Bassi 13 novembre 2018 UEFA Vincitrice dello spareggio nelle qualificazioni UEFA Canada 2015 20 Argentina 13 novembre 2018 CONMEBOL Vincitrice dello spareggio CONCACAF-CONMEBOL Cina 2007 21 Nigeria 27 novembre 2018 CAF Finalista della Coppa delle Nazioni Africane femminile 2018 Canada 2015 22 Sudafrica 27 novembre 2018 CAF Finalista della Coppa delle Nazioni Africane femminile 2018 Esordiente 23 Camerun 30 novembre 2018 CAF Terzo posto nella Coppa delle Nazioni Africane femminile 2018 Canada 2015 24 Nuova Zelanda 1º dicembre 2018 OFC Campione della Coppa delle nazioni oceaniane femminile 2018 Canada 2015 Si qualificano alla fase ad eliminazione diretta le prime due classificate di ciascuno dei sei gruppi più le quattro migliori terze[11]. In caso di parità di punti tra due o più squadre di uno stesso gruppo, le posizioni in classifica verranno determinate prendendo in considerazione, nell'ordine, i seguenti criteri: migliore differenza reti; maggiore numero di reti segnate; maggiore numero di punti negli scontri diretti tra le squadre interessate (classifica avulsa); migliore differenza reti negli scontri diretti tra le squadre interessate (classifica avulsa); maggiore numero di reti segnate negli scontri diretti tra le squadre interessate (classifica avulsa); classifica del fair play: cartellino giallo: -1 punto, cartellino rosso da doppia ammonizione: -3 punti, cartellino rosso diretto: -4 punti, cartellino giallo e cartellino rosso diretto: -5 punti,
  22. LIONE - Parc Olympique Lyonnais Il 1º settembre 2008 il presidente dell'Olympique Lyonnais Jean-Michel Aulas annunciò il piano per creare un nuovo stadio di 60 mila posti, provvisoriamente chiamato OL Land, da costruire in uno spazio di 50 mila ettari a Décines-Charpieu, nella periferia di Lione. Lo stadio avrebbe dovuto includere attrezzature sportive all'avanguardia, due alberghi, un centro divertimenti e uffici commerciali. Il 13 ottobre il progetto fu concordato dal governo francese, dal Consiglio Generale del Rodano, dal Grand Lyon, dalla SYTRAL e dal comune di Décines per costruirlo con circa 180 milioni di euro pubblici e circa 60 milioni di euro derivanti dalla comunità di Lione. Sin dall'annuncio, il progetto subì rallentamenti a causa di lente procedure amministrative, interessi politici e varie opposizioni di gruppi che videro lo stadio come un errore finanziario, ecologico e sociale per coloro che pagavano le tasse ed i cittadini di Décines. Il 22 settembre 2009, il quotidiano francese L'Équipe riportò che lo stadio era stato scelto dalla Federazione calcistica della Francia per essere uno dei 12 impianti proposti per gli europei del 2016. La FFF ufficializzò le selezioni l'11 novembre seguente e la città di Lione fu eletta ad ospitare alcune partite del torneo.
×