Vai al contenuto

ImperoBianconero

Tifoso Juventus
  • Numero contenuti

    94
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

87 Excellent

Su ImperoBianconero

  • Livello
    Juventino Godot
  • Compleanno 12/09/1966
  1. Vincere è l'unica cosa che conta

    Il significato di questa frase è semplicissimo, ed è che: la vittoria, e solo quella, deve essere il tuo costante obiettivo, e devi lottare in continuazione per migliorarti e raggiungerlo. NON significa, invece, che devi (o puoi) vincere SEMPRE. E nemmeno che, se non vinci, sei una M***A. Quello è il significato degli ossessionati, e degli sfigati. Per vincere devi fare tutto ciò che è sportivamente nelle tue possibilità. A volte ci riuscirai, altre volte no. Quando non ci riuscirai, dovrai accettare la sconfitta e trarne ciò che ti servirà per vincere domani. Perché vincere non è la cosa più importante – cioè la cosa che maggiormente conta. E' l’UNICA. E il tuo pensiero deve essere sempre quello. Solo se il tuo pensiero sarà sempre lì, continuerai ad avere la possibilità di vincere. (Leggi bene: la POSSIBILITA’ di vincere, non la CERTEZZA). Con tutto il rispetto per la tristezza del tifoso deluso, ma chi si sceglie come motto “Cardiff è il capolinea della mia passione”, non ha capito granché dello spirito di questa frase.
  2. Il Forum

    Bella discussione, ma inutile. Cerco di spiegare il perché. L’origine e la fonte di tutti i mali è la funzione di “sfogatoio” che ha finito per avere il “forum” – che invece vorrebbe essere un’ area aperta alla discussione. Detta in altre parole, chi scrive sul forum non lo fa perché è alla ricerca di risposte, ma soltanto per affermare un’esigenza psicologica di affermazione di un certo stato d’animo. E lo stato d’animo che più di tutti richiede questo tipo di sfogo, è quello che definiamo “rabbia” o “frustrazione”. Non è l’unico, ovviamente: anche stati d’animo più positivi, come la gioia, richiedono la condivisione, ma sono meno potenti. Non è un caso che i “topic” di discussione sulle vittorie della Juventus siano in genere brevi e poco movimentati; mentre quelli aperti dopo una sconfitta o una prestazione insoddisfacente siano lunghi tre o quattro volte tanto e si “infiammino” facilmente. A questo, potete aggiungere alcuni fatti arcinoti: che la discussione attraverso internet, cioè sostanzialmente con sé stessi davanti a uno schermo, tende a trascendere le normali regole di logica e dialettica, per diventare mera rissa verbale; che l’anonimato e la distanza accentuano l’aggressività, la straffottenza e l’autocompiacimento… eccetera eccetera In definitiva, i “forum” non sono lo strumento dove cercare una discussione costruttiva. Pretendere che lo siano, e cercare di dare delle regole per arrivare a questo obiettivo, è meritorio ma utopistico.
×