Vai al contenuto

Socrates

Amministratore
  • Numero contenuti

    109811
  • Iscritto

  • Ultima visita

  • Days Won

    8

Socrates last won the day on August 17

Socrates had the most liked content!

Reputazione Forum

3008 Excellent

2 Seguaci

Su Socrates

Profile Information

  • Sesso:
    Male
  • Scrive da:
    The Netherlands
  • Interessi:
    Love is not what you say. Love is what you do.

Visite recenti

10015 visite nel profilo
  1. In Italia, per colpa anche dei media che provocano le polemiche in continuazione, non potrete mai godervi la vita in serenitá. C'é solo una soluzione: guardare le partite e poi spegnere il televisore non ascoltando le chiacchiere da bar dello sport del dopopartita. Fate cosí e evitate le discussioni con gli amici/colleghi/parenti tifosi di altre squadre e vivrete tranquilli.
  2. Paulo Dybala vestirà la maglia numero 10

    Hai ragione. Infatti ho postato quest'articolo sui social omettendo la storia del dietrofont. Anche Sorrentino crede alla buonafede di Paulo con cui ha giocato a Palermo e di cui é amico.
  3. Chievo, Giaccherini: “La non esultanza? La Juventus mi ha dato tanto” Il rigore trasformato dal grande ex non è bastato ai gialloblù. Fonte: https://bit.ly/2L6CM6R Per uno che rovinò il debutto con la maglia del Milan di Zlatan Ibrahimovic, sconfitto 2-0 a Cesena nel 2011, fare lo scherzetto alla Juventus di Cristiano Ronaldo era quasi ordinario. Emanuele Giaccherini c’ha provato a spaventare la sua ex squadra, spiazzando Szczesny per il rigore del provvisorio 2-1, ma alla fine i bianconeri hanno rimesso la testa davanti, grazie all’infinita varietà delle opzioni a disposizione di Allegri: “Cosa insegna questa partita alla Juventus? Che forse non devono mai dare nulla per scontato – ha detto Giak al termine della gara ai microfoni di Sky Sport – Dopo il vantaggio si sono un po’ seduti, oggi ce l’hanno fatta, ma penso che non potranno fare tante altre partite così. A noi invece insegna che dobbiamo lottare su ogni pallone e contro ogni avversario, solo così potremo raggiungere il nostro obiettivo”. Pur potenzialmente importante, il rigore non è stato festeggiato da Giaccherini, che aveva parlato anche alla vigilia della partita: “Avevo già deciso che non avrei esultato in caso di gol. Ho molto rispetto per la Juventus, è una società che mi ha dato tanto”.
  4. Sky Sport - La bimba che ha accompagnato in campo CR7: "Ho messo lo smalto solo per lui". E quei salti... https://www.facebook.com/615122952214176/videos/571889689896578/ Fonte: https://bit.ly/2Myudqk Cristiano Ronaldo fa sognare. Non gli ultras bianconeri, ma anche chi entra in contatto con il marziano sbarcato in Serie A. Ad esempio la giovanissima Emma Sofia, la giovanissima tifosa (sì, della Juve), che ieri ha accompagnato CR7 nel suo primo ingresso in campo nel nostro campionato. Mentre teneva la mano del numero uno sul prato del Bentegodi, non poteva che sorridere, ma si è presa anche un bello spavento. 'Colpa' del salto di Ronaldo, che ha deciso di sgranchirsi le gambe prima di raggiungere i compagni. Un balzo non da poco, che ha preoccupato Emma Sofia, come hanno prontamente ripreso le telecamere di Sky Sport. Passato il piccolo spavento, poi, di nuovo mano nella mano, con il portoghese che le ha regalato anche un sorriso gigante che sicuramente non dimenticherà. Sky riporta anche le parole della bimba: “Papà, ha fatto due salti grandi grandi”. E lei, in quella mano che stringeva quella dell'idolo di tutti, aveva messo anche lo smalto per il suo primo appuntamento galante: "Se mi tiene la mano lo noterà...", ha detto. E nel suo sorriso, nei suoi sogni, c'è forse l'essenza più bella del calcio.
  5. CRISTIANO, NUMERI PAZZESCHI ED IL BENTEGODI IMPAZZISCE Fonte: https://bit.ly/2PjH65Y La gara di Cristiano Ronaldo ai raggi x e’ semplicemente pazzesca. Anche se non ha segnato, il portoghese è stato costantemente al centro del gioco e ha dimostrato di essere quel campione straordinario che tutti conosciamo. Cinque tiri, sei occasioni da gol lo propongono come il calciatore più pericoloso della partita. Due i falli subiti, un po’ pochi, solo un pallone perso, quarto giocatore dallo scatto più veloce con 30,4. DUE RONALDO DIFFERENTI - Cristiano Ronaldo si è mosso su tutto il fronte d’attacco. Nel primo tempo alternandosi con Dybala in posizione più centrale con azioni pericolose sia in solitaria che a conclusione di un’azione di squadra. Nel primo tempo anche tante giocate di fino e spettacolari che hanno esaltato il pubblico. Il meglio, però, Ronaldo lo ha mostrato nella ripresa quando ha avuto vicino Mario Mandzukic che gli ha dato una grossa mano. Partendo dall’esterno ha forse offerto il meglio con Sorrentino che gli ha negato il gol in diverse occasioni. Allegri ha commentato cosi la gara di Ronaldo: “Una partita fatta di ottimi momenti nel primo tempo, dove non l'abbiamo mai imbeccato. Si è dato da fare, ha avuto occasioni per fare gol anche nel primo tempo, con quel tiro che è uscito e che è andato sul portiere. Nel secondo tempo ha tirato tantissimo in porta. E' un giocatore... non è che c'è bisogno di dirlo, è un giocatore che si sta integrando bene nel gruppo e quindi sono molto contento di lui e di tutta la squadra”. RONALDO DI SQUADRA - in tanti lo avevano descritto come individualità, ma il portoghese ieri nei movimenti e in tutto il resto ha fatto capire e vedere come già si senta parte della squadra. Integrato perfettamente e già leader della squadra, ha battuto con personalità una punizione impegnando Sorrentino. Per il primo gol bisognerà attendere, nel frattempo, Ronaldo ha fatto vedere cose incredibili ed il Bentegodi lo ha applaudito ad ogni tocco.
  6. Sorrentino: "Dybala mi ha scritto, è un amico e si è scusato. CR7 campione con la C maiuscola. E la Juve può migliorare tantissimo" Fonte: https://bit.ly/2PmKOfd Stefano Sorrentino, ai microfoni di Sky Sport, ha commentato la giornata di ieri, con un Chievo-Juve al cardiopalma, l'incrocio con CR7 e il brutto scontro che l'ha costretto in ospedale. Questo quanto evidenziato da TMW: "Stavo meglio 24 ore fa, la botta non l’avevo ancora presa (ride, ndr). Prima di entrare in campo mi sono detto che avrei dovuto provare a fermare Cristiano Ronaldo in tutti i modi, ce l’ho fatta nel vero senso della parola. Lo scontro c’è stato, io poi ho saputo solo stanotte che mi ero scontrato con lui. Dal momento in cui mi sono girato per andare in volo, non mi ricordo più nulla. Ricordo che qualcuno mi ha messo le mani in bocca per tirarmi fuori la lingua e a quel punto ho ripreso conoscenza. Sono cose che succedono in campo. Esultanza Dybala? Mi ha scritto Paulo, scusandosi perché non si era reso conto della gravità della situazione ed esultava per il gol che io non sapevo nemmeno di aver preso. Sono cose che succedono, Paulo è un amico, abbiamo giocato insieme a Palermo e so perfettamente che è in buona fede. Non mi direbbe mai una bugia". "Tempi di recupero? - ha proseguito -. A sentire i dottori ci vorrà qualche settimana, ma voglio provarci già per domenica prossima. So che sarà difficile, per il naso ci sarà una mascherina, il problema sarà il collo per via del trauma cranico. Dovremo vedere giorno per giorno, non sarà così semplice. CR7? Un campione con la C maiuscola, da un momento all’altro può decidere le partite. Quando nel secondo tempo si è spostato sulla nostra destra, avendo forse un po’ più di libertà, ha dimostrato quanto sia grande nelle giocate negli spazi ristretti. L’ho detto prima della partita, il sogno di ogni piccolo bambino è giocare in Serie A contro dei campioni. A 39 anni, anche se non sono più un bambino, ho cercato di godermi la giornata di ieri con quella spensieratezza e l’esperienza della mia età. Di solito è lui che prende falli, io posso dire di essere stato uno dei pochi ad averlo subito. Chievo? Noi non siamo partiti benissimo, dopo 2-3 minuti hanno segnato e hanno gestito metà del primo tempo come volevano. Poi alla lunga siamo usciti fuori, abbiamo dato loro del filo da torcere. Siamo stati bravi a rientrare in partita e a passare in vantaggio, poi la differenza l’hanno fatta i campioni. Per noi è stato complicato quando hanno cominciato a giocare praticamente fissi nella nostra area. Sono contento della prestazione della squadra e sono sicuro che ci toglieremo delle soddisfazioni. Juventus? La Juve può migliorare tantissimo. Basti vedere la panchina bianconera, con Mandzukic, Matuidi ed Emre Can, gente che ha giocato la finale del Mondiale. Sono fortissimi, una grandissima squadra. Ma davanti a loro hanno trovato un Chievo battagliero. Dobbiamo essere una squadra di rompiscatole, ieri lo siamo stati. Con le indicazioni del mister proveremo a toglierci tante soddisfazioni. Dovremo correre più degli altri per portare a casa più punti. Ieri non ci siamo riusciti, ma avevamo di fronte una delle squadre più forti del mondo".
  7. La Juventus si gode Cristiano 'Stachanov' Ronaldo Il fuoriclasse portoghese non perde tempo e torna immediatamente a lavoro, con un'intensa seduta mattutina in palestra Fonte: https://bit.ly/2L5SOOw Il momento tanto atteso dai tifosi della Juventus è arrivato, si è consumato, per un tratto di partita è stato forse abbandonato, complice un risultato che non premiava la grande mole di gioco espressa, salvo poi tornare al centro dell'attenzione dopo il 90', con la pancia piena per quei tre punti agguantati in maniera ormai quasi insperata. L'esordio di Cristiano Ronaldo in Serie A, seppur non bagnato da un gol, non ha tradito le aspettative ed il Bentegodi ha accompagnato ogni suo tocco di palla con fragorosi boati. «Mi ha impressionato», il commento sincero di Max Allegri, ma le foto di CR7 pubblicate stamattina su 'Instagram' dal diretto interessato e dalla compagna Georgina riportano alla mente le recenti dichiarazioni di Evra, uno che conosce bene sia la Juve che il fuoriclasse ex Real Madrid: «Non andate a cena da lui, si allena sempre». Cristiano ha mostrato una condizione atletico-fisica niente male, certamente migliorabile, ma se si considerano il Mondiale giocato e la preparazione coi nuovi compagni iniziata soli dieci giorni fa, c'è da restare esterrefatti. Per chi avesse ancora qualche dubbio, il noto social network a tema fotografico racconta di un Ronaldo già alle prese con un'intensa seduta in palestra. Perché a 33 anni e con 5 Palloni d'Oro e 5 Champions League in bacheca, uno come lui, continua a cullare l'ambizione di migliorarsi ancora. Lo dimostra in campo, con sudore e sacrificio, ma lo dimostra anche fuori. Un esempio? L'ostinazione con cui ha voluto ad ogni costo, sin dal primo giorno, pubblicare contenuti social accompagnati da didascalie in lingua italiana. Non ha fatto eccezione oggi: «Buona domenica», il messaggio per tutti i tifosi juventini.
  8. 10 - Paulo Dybala

    Dybala sorry for Sorrentino snub https://www.football-italia.net/126446/dybala-sorry-sorrentino-snub Aug 19, 2018 Paulo Dybala apologised for celebrating a Juventus goal while Chievo goalkeeper Stefano Sorrentino lay unconscious. “I was wrong.” Mario Mandzukic’s goal was eventually disallowed in chaotic scenes during Juve’s 3-2 victory at the Stadio Bentegodi on Saturday. Cristiano Ronaldo had collided with Sorrentino, leaving him momentarily out cold, before goal-line technology confirmed the ball had crossed the line. Dybala and captain Giorgio Chiellini were criticised on social media for celebrating the goal while Chievo teammates rushed to check on Sorrentino. When this was pointed out to him on Instagram by a supporter, Dybala was repentant. “You’re right! I didn’t realise what was happening at that moment. I was wrong.” Sorrentino regained consciousness within a few seconds, but was taken to hospital with a fractured nose and suspected head trauma.
  9. Paulo Dybala vestirà la maglia numero 10

    Dybala si scusa: polemiche per l’esultanza con Sorrentino a terra, poi il dietrofront La Joya chiede scusa su Instagram. Fonte: https://bit.ly/2wcffvS Chievo-Juventus verrà ricordata non solo per il debutto in Serie A di Cristiano Ronaldo con la maglia della Vecchia Signora, ma anche per un episodio che ha visto protagonisti alcuni giocatori bianconeri e che ha generato polemiche tra i tifosi. Dybala e Chiellini sono stati accusati sui social di essere stati poco sensibili rispetto ad una situazione che si è venuta a creare in campo durante il match disputato ieri sera a Verona. EPISODIO E SCUSE – L’attaccante bianconero e Chiellini, infatti, in occasione del gol di Mandzukic, poi annullato, segnato con il portiere del Chievo Sorrentino a terra, non sono riusciti a trattenere la propria gioia, esultando e alzando le braccia al cielo. I due, presi di mira sui social, sono stati accusati e rimproverati tanto da dover intervenire per scusarsi. La Joyaargentina, infatti, accusata su Instagram, ha risposto al tifoso che gli ha fatto presente l’accaduto, scusandosi per il gesto poco consono alla situazione: “Hai ragione! Non mi sono reso conto del momento. Ho sbagliato”. Da vero campione, Dybala ha fatto dietrofront.
×