Jump to content

Rivelino

Tifoso Juventus
  • Content Count

    329
  • Joined

  • Last visited

Everything posted by Rivelino

  1. al momento la nostra squadra si troverebbe meglio in un campionato di subbuteo si muove solo un calciatore alla volta
  2. credo di essere equilibrato ed obbiettivo nei giudizi calcistici, sicuramente il trascorrere di parecchi anni e le difficoltà incontrate lungo il cammino della vita mi hanno permesso di ricondurre il calcio a quello che è in realtà uno sport, una passione sfrenata per la mia Juve, grande felicità per le vittorie e certamente dispiacere per le sconfitte, ma non drammi, mai il momento attuale è senza dubbio brutto per noi e capisco che la contemporanea e continua vittoria di altre squadre, di cui riconosco i meriti, accresca in qualche fratello la percezione e la sensazione di estremo negativismo così come capisco perfettamente le tante e lecite critiche dettate dal momento, ma non gli attacchi insensati e strumentali non so dove arriveremo quest'anno, ma sono certo che, come già accaduto svariate volte nella nostra storia, presto svolteremo non comprendo, senza offesa, chi invece emette già sentenze "definitive" ora, con tanto di classifica finale e certezze assolute: siamo alla quarta/quinta di campionato, se entrate al cinema per vedere un film che fate, uscite dopo soli 10 minuti perchè avete già intuito il finale? il percorso va visuuto tutto a fianco della squadra, a maggior ragione nelle difficoltà per questo a me non piace la parola "tifoso" ma preferisco il temine "supporter" che credo renda l'idea esatta di quello che non dovremmo mai dimenticare di fare a prescindere
  3. questa è assolutamente da vincere se vogliamo finalmente iniziare il nostro campionato e risalire la classifica non importa come, non importa con quali interpreti, con che metodo c'è da lottare minuto su minuto, metro a metro e portarla a casa
  4. caicedo entrato fresco ma non vede boccia ciro non pervenuto, milinko pure lazie dominata lotirchiensen furioso
  5. le diatribe non mi hanno mai appassionato molto semplicemente credo che le squadre che hanno saputo vincere hanno trovato la giusta alchimia tra tutte le componenti essenziali: giocatori, allenatore, gruppo dirigente le qualità tecniche dei calciatori, la forza fisica di chi era magari meno tecnico, il corretto rapporto personale instaurato tra mister-giocatori e tra i giocatori stessi, la considerazione giusta verso tutto il gruppo, l'equilibrio mentale, l'armonia, il benessere generale e la grande unità d'intenti nel voler fortemente conquistare un trofeo... tante componenti fondamentali che devono concretizzarsi all'unisono perciò penso sia riduttivo ricondurre tutto a: hanno vinto i giocatori perchè l'allenatore era scarso, oppure, i giocatori erano scarsi ma l'allenatore li ha fatti vincere se si è vinto, ognuno ha fatto la propria parte ed ha avuto il proprio peso a cui bisogna dare il giusto merito senza farne una questione di nome e senza farsi offuscare da simpatie/antipatie detto questo, il mio umile pensiero sull'attualità: siamo partiti più che male, malissimo volendo forzatamente trovare una positività, da inguaribile ottimista, credo sia stato meglio pigliare subito ceffoni pesanti per riportare immediatamente tutto il gruppo sulla terra, anche chi probabilmente si atteggiava o pensava di essere superiore agli altri a prescindere e sulla terra di solito la Juve combatte e si danna sul campo, cosa che mi auguro inizino a fare da domani non mi aspetto arabeschi ma voglio iniziare a intravedere l'anima bianconera
  6. acquisti, cessioni, dirigenti, calciatori, allenatore, da 51 anni a questa parte ho sempre seguito con grandissima attenzione e passione la parte "sportiva" della Juventus rispetto a ciò, faccio davvero fatica a comprendere come tanti oggi possano davvero essere molto più interessati a discorsi economici, bilanci, plusvalenze, minusvalenze etc., tanto da farci sopra discorsi contorti e tanto da farci (apparentemente) una malattia come fossero colpiti personalmente nelle finanze o meglio, capisco la logica di dipendenza forza economica - forza sportiva e comprendo chi per passione e attitudine lavorativa maneggia numeri e calcoli e quindi intraprende in modo naturale il ragionamento (ma leggendo si individuano subito), ma credo, senza offesa, che gran parte dei rimanenti ci marci sopra per attaccare o piangere a prescindere
  7. penso sia più probabile che oggi "tutti" non sapessero nulla come al solito e dovendo incrementare ulteriormente like e visualizzazioni nelle ultime ore di mercato andassero, e tuttora vanno, giù pesante di fantasia (tradotto: minchiate a raffica)
  8. Ripercorro a memoria 50 anni di mercato e potrei sbagliare ma... In passato facemmo tante cessioni (non mi riferisco a prestiti) di giocatori titolari in prima squadra, anche molti campioni con la C maiuscola, nemmeno vecchi, per seguire nuove strade, innovarsi, rilanciarsi senza più voltarsi indietro, andando incontro anche ad annate non buone ma certamente di preparazione per nuovi successi. Ora, escludendo Cannavaro che dopo il Real tornò per 1 solo anno (2009) quando eravamo ancora disastrati post calciopoli ed il pendolino Caceres (però in ottica riserve) con 3 andate e ritorni, bisogna risalire agli ultimissimi anni per trovare un intenso (rispetto alla storia precedente) via vai: Bonucci, Buffon, Kean e probabilmente Pjanic. Dal 2017 ci si è inspiegabilmente ancorati al "già noto" tralasciando gli ottimi insegnamenti del passato. Fra l'altro, le novità non sono necessariamente costose se si impara di nuovo ad individuarle per tempo mettendo il naso fuori dall'ufficio.
  9. Ciuameni ha 2 cose positive: il nome straniero che riempie la bocca e stuzzica fantasia il fatto che tutti si chiedano chi sia questo, dovesse mai arrivare, gli garantirebbe almeno 2 mesi di esenzione dalle critiche non male direi
  10. da sempre trovo insopportabile la sosta nazionali stavolta ancor di più, vorrei giocasse la Juve subito per non dover avere per 15 giorni negli occhi e nella mente l'horror di ieri sera vorrei vedere immediatamente nella squadra una fiammata d'orgoglio e dignità, anche se non bastassero per fare risultato, ma vorrei vederli...
  11. si può anche perdere, possibilmente non con l'empoli in casa quello che mi da molto fastidio è che in campo non c'è un minimo di coesione e soprattutto solidarietà... un esempio? sul gol subito si vede chiaramente Rabiot che capisce immediatamente come andrà a finire e bellamente immobile (passa qualche secondo di tempo) attende sino al gol per sbattere le braccia stizzito guardandosi attorno come ad addossare la colpa ad altri 10 "minchioni" non degni, secondo lui, del suo livello...
  12. considerazioni personali sparse il paragone continuo con altre squadre è un esercizio inutile e stucchevole, a maggior ragione se come modello di gestione si guarda all'inda perchè fresca vincitrice dell'ultimo campionato, senza considerare un lungo periodo dove probabilmente tutti gli altri ambivano a copiarci che negli 11 titolari, e quindi nelle riserve, non abbiamo purtroppo una serie di eccellenze come la nostra amata squadra meriterebbe, non lo si scopre ora: negli ultimi anni TUTTI i giocatori, per una ragione o per l'altra, sono stati attaccati ferocemente e, aldilà di strumentalizzazioni o prese di posizione preventive, è chiaro che qualche problema di fondo esiste da un po' quello che si è perso via via, secondo me, è la cosiddetta spina dorsale della squadra, con gente forte nei 4 ruoli fulcro, dal portiere all'attaccante, attorno ai quali abbiamo sempre costruito le nostre vittorie anche innestandogli attorno calciatori non di primo livello ma funzionali al gruppo ed al raggiungimento degli obiettivi capitolo 4 anni di contratto al mister: negli ultimi 2 anni sono state insistenti le voci di rottura fra squadra ed allenatore, che certo hanno inficiato anche sui risultati. Credo che il contratto "lungo" sia anche un segnale della società ai calciatori, del tipo: il mister "è sicuro", se non va bene a questo giro andate "voi" fuori dalle balle... poi nella vita ormai lo sappiamo che un contratto, per lungo che sia, può benissimo essere interrotto da una delle 2 parti, sia che si vinca sia che si perda (tenuto conto che non sappiamo nemmeno cosa sta scritto esattamente in quel contratto e magari è pure più facile di quel che si creda o per cui ci si dispera) cr: si è sempre sottolineato il fatto che la "sua macchina organizzativa" è molto complessa e che, quindi, anche eventuali trasferimenti devono essere organizzati per tempo. Ciò consente a lui di pianificare ed alla società "cedente" di ricercare profili adatti alla sostituzioni. Beh, scremando da simpatie o antipatie, è indubbio che il suo addio sia stato rocambolesco, nei modi e nei tempi. Non mi addentro oltre ma il fatto non è stato un buon presagio sulla nostra stagione calcio giocato: la stagione è appena iniziata ed è lunghissima. Si è partiti molto male ma, aldilà dei 2 risultati e nonostante sia persona ottimista, stavolta le sensazioni sono negative, sia a caldo durante i match, sia a mente fredda (vedi sopra) ma è la mia 50esima stagione di Juve e se non andrà bene mi dispiacerà certamente ma non farò drammi (che nella vita sono ben altri): è uno sport, dove per più di metà della mia vita la mia squadra del cuore mi ha regalato vittorie e per i rimanenti anni no. Ci sta alla grande, i tifosi di altre squadre non hanno avuto questa fortuna. detto questo, scusandomi per la lungaggine, sempre forza Juve!!
  13. comunque, aldilà delle discussioni su schemi e disposizioni in campo che ammetto non avermi mai appassionato, da tifoso mi fa piacere, mi da più garanzie, che a gestire l'immediato post Ronaldo in panca vi sia un allenatore esperto e dotato della necessaria serenità mentale
  14. iniziamo ogni anno la sessione di calciomercato sempre con tante aspettative e poi la chiudiamo completamente distrutti invocando l'inizio del calcio giocato in questi giorni invece leggo spesso che alcuni attendono già la prossima estate "per i colpi che verranno".. indomiti!
  15. infatti non ricordavo quella sua indiscussa "peculiarità" per sminuirla, anzi ho appunto evidenziato che in momenti topici o di magra ci tirava fuori dalle secche questo mancherà
  16. Numericamente verrà certamente sostituito. I gol non mancheranno, tutte le squadre del globo li fanno. Quello che probabilmente mancherà quest'anno sarà quel "lampo" cazzuto e spesso decisivo in momenti topici o di magra che ha sempre distinto cr da tutti gli altri
  17. il biennio covid ha di fatto eliminato le differenze di forza economica delle squadre di a, in pratica appiattendole tutte verso lo zero oggi, al pari di tutti gli altri, trattiamo tipologie di calciatori che se in passato avessimo visto accostati per esempio ad una sampdoria non ci avremmo nemmeno fatto caso ma se li avessero associati alla nostra squadra come minimo avremmo sorriso purtroppo annaspiamo nella difficoltà come tutti, la speranza è di uscirne per primi
  18. gobbo vero ma la sua ricca dose di mal parole se l'è portata a casa perchè "non si voleva levare dal gazzo accettando proposte dal qatar e simili"..il "mercenario"... letto qui è, non da altre parti
×
×
  • Create New...