Vai al contenuto

orcaloca

Tifoso Juventus
  • Numero contenuti

    1061
  • Iscritto

  • Ultima visita

Reputazione Forum

86 Excellent

Su orcaloca

  • Livello
    Juventino Pinturicchio

Visite recenti

961 visite nel profilo
  1. Topic politico III: una nuova speranza

    qui mi ha deluso, non che mi aspetti chissà che. nel merito ha ovviamente ragione, ma lasciar degenerare il linguaggio è grave quanto prendere una posizione sbagliata.
  2. chi vincerebbe la superlega oggi?

    sì, la simulazione è basata sulle indiscrezioni. io preferirei stagione regolare e playoff. ma sono tante le partite in più: 92 contro 48 prima dei playoff o quarti.
  3. chi vincerebbe la superlega oggi?

    la formula è quattro gironi con le prime due ai quarti
  4. chi vincerebbe la superlega oggi?

    a onor del vero: "Currently ranked eighth on the Euro Club Index, Napoli were not among the 16 potential European Super League teams but their quality absolutely justifies their presence in such a competition as they have shown so far in Liverpool's Champions League group." e d'altra parte: "Arsenal, Borussia Dortmund, Manchester United, Roma, Inter Milan, AC Milan and Marseille all look a fair bit behind the others currently."
  5. chi vincerebbe la superlega oggi?

    qui l'articolo di bbc.com: https://www.bbc.com/sport/football/46102393 qui la tabella con la simulazione proposta da Gracenote: Quarter-final Semi-final Runner-up Winner Barcelona 86.4% 62.5% 15% 27.6% Juventus 89.9% 59.3% 15.3% 22% Bayern Munich 88.2% 49.8% 13.5% 12.3% Manchester City 65.2% 37.3% 10.4% 9% Paris St-Germain 84.5% 42.2% 11% 8.8% Real Madrid 74.5% 37.5% 9.8% 7.5% Atletico Madrid 67.1% 31.3% 7.4% 5.2% Liverpool 57.1% 22.7% 5.6% 2.9% Chelsea 34.6% 15.6% 3.8% 2.1% Arsenal 35.2% 10.3% 2% 0.8% Borussia Dortmund 32.8% 10.7% 2.3% 0.7% Manchester United 33.2% 9.3% 2% 0.7% Roma 13.8% 4.3% 0.9% 0.3% Inter Milan 23.6% 5.2% 0.8% 0.2% AC Milan 10.2% 1.8% 0.3% 0% Marseille 3.7% 0.4% 0% 0% a voi il commento
  6. allegri è stato chiaro nella conferenza pre partita: a ridosso dell'area pjanic da sinistra e dybala da destra, da più lontano cr7.
  7. Topic politico III: una nuova speranza

    phelps è un economista di grande reputazione, non per caso un premio nobel, e trenta o quarant'anni fa era uno anche uno dei macroeconomisti più influenti. ma il consenso è quello che descrive in questa frase, e non solo sul 2010. i test che propone nell'articolo non mi sembrano particolarmente convincenti. le politiche fiscali sono e sono state efficaci, in molte circostanze. ma naturalmente oggi, in italia, sono una follia improponibile. e chi le propone, secondo me, non lo fa perchè crede davvero possano funzionare, ma per ragioni di consenso e per alzare il livello dello scontro con le istituzioni europee.
  8. Topic politico III: una nuova speranza

    sarà fantascientifico, ma c'è chi riassicura il debito italiano che detiene contro il rischio di default e ridenominazione. l'andamento è abbastanza simile a quello dello spread... http://www.lavoce.info/archives/55610/italia-senza-paracadute/
  9. Topic politico III: una nuova speranza

    propongo? stavo mettendo nero su bianco l'ipotesi peggiore possibile. ma secondo me le conseguenze peggiori non sarebbero nemmeno quelle economiche (che potrebbero essere anche diverse, nel senso di chi le subisce), ma quelle civili. è uno scenario da svolta autoriataria. io credo perderà prima di tutto nelle urne, spero da qualcosa di simile ai verdi tedeschi. ma non è fantascientifico.
  10. Soddisfatti del rendimento di Ronaldo?

    mi ha sorpreso in positivo la continuità del rendimento, è praticamente sempre in partita. forse solo una volta si è un po' spento perchè non riusciva a buttarla dentro in nessun modo.
  11. Topic politico III: una nuova speranza

    come scrive @Ilcampodice36 è complicato da prevedere. ma un'altra ipotesi potrebbe essere: scommettere forte sulla vittoria dei vari criptofascismi europei a maggio. nel frattempo: non ripagare il debito (e non riconoscere gli interessi). o pagare delle quote simboliche, come abbiamo fatto negli anni '30 del secolo scorso. magari selettivamente, come in un fallimento. no alla bce e alle istituzioni finanziarie considerate ostili, con l'argomento del furto di sovranità. sì ai cittadini italiani: prima gli italiani! se l'abbandono della moneta unica diventa una prospettiva (più) credibile, chi esce prima (probabilmente) guadagna in termini relativi. svaluta il debito (anche se cittadini italiani comprassero tutto il debito ripudiato) e "svaluta" la nuova moneta. se questo scenario apocalittico dovesse diventare plausibile (e qualcuno che ci spera tra i gialloverdi c'è) il presidente della repubblica non potrebbe non intervenire, secondo me. sarebbe un colpo di stato, per quanto non convenzionale. d'altra parte, l'argomento sarebbe: la volontà espressa dei popoli europei. ricorderebbe un po' la brexit, una scelta irrazionale ma suffragata...
  12. Topic politico III: una nuova speranza

    sarebbe ora sì, non da ora. il meccanismo asimmetrico attuale è nato per favorire la convergenza fiscale e quindi permettere la cessione di sovranità. ma la convergenza non c'è stata e le crisi non aiutano.
  13. Topic politico III: una nuova speranza

    spero tu abbia ragione e che qualcosa di simile ai verdi tedeschi (mi heimat es su heimat) faccia, in europa, numeri simili ai verdi tedeschi. d'altra parte, fino a che non si costruiscono strumenti di politica fiscale europei non è chiaro perchè i numeri degli europeisti dovrebbero crescere. soprattutto in caso di nuove crisi (che molti si aspettano e si aspettano con epicentro l'italia), con la banca centrale che sembra aver esaurito lo spazio di manovra...
  14. Topic politico III: una nuova speranza

    è una lettura molto forzata. einaudi da presidente, proprio perchè era presidente, non decideva delle politiche. soprattutto, miracolo economico e presidenza einaudi non coincidono. ovviamente le periodizzazioni sono in una certa misura arbitrarie, ma il miracolo nel senso più ampio prende tutti gli anni '50 e '60 e nel senso più stretto gli anni della crescita al 6% (59-63), la presidenza einaudi finisce nel '55...
×