Jump to content

Tar

Tifoso Juventus
  • Content Count

    2,437
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

346 Excellent

About Tar

  • Rank
    Pronti? VIA!
  • Birthday 01/10/1976

Profile Information

  • Gender
    Not Telling

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

  1. Gli operatori non ce la fanno a trasmettere 3 partite in contemporanea. Infrastrutture e operatori raschiano il fondo per raccogliere il più possibile. DAZN non credo abbia problemi particolari a trasmettere le partite in parallelo... A tutti interessano solo i soldi
  2. Preferisco perdere ai giochi sulle Console, mi costano meno. Capisco benissimo e per me andrebbero aboliti, figurati, però poi tornerebbe quello da "bar"... In effetti l'osservazione non è affatto errata e non l'avevo considerata.
  3. Ceferin si schiera con il calcio più ricco e più dopato economicamente dagli arabi, ovvero il calcio inglese. Ma anche in terra nostrana non colgono il fatto che se Agnelli non avesse distribuito milioni, dirigenti e allenatori, ormai qui da noi il calcio sarebbe paragonabile a quello della Serie B inglese. Agnelli ha preso a modello il calcio tedesco tentando in ogni modo di far crescere tutto il settore, per tenerlo a galla. Comunque un bel ridimensionamento c'è già stato e anche la Juve in termini sportivi è crollata e al prossimo giro non potrà permettersi nulla di più e nulla di tutto questo. Il rischio è assolutamente calcolato Ad esempio in Germania, Haaland andrà al Bayern Monaco e tutti i migliori calciatori saranno fagocitati dal calcio inglese, forse Ceferin per il bene del calcio vuole questo.... Il problema è sempre il solito, i politici sono sempre stati un grosso problema da gestire per i popoli in qualsiasi ambito. La separazione dei ruoli è poi fondamentale quando c'è di mezzo il denaro. I politici raccolgono e distribuiscono denaro, ovvero amministrano, ma è risaputo che chi raccoglie e chi distribuisce devono essere enti separati, perché è più che provato che vengano commessi azioni fraudolente avendo a disposizione entrambi i poteri. Il politico Ceferin, per il bene del calcio, sotto Covid, ha portato il suo stipendio da 1,5 milioni a 2,2 milioni. Altre azioni per il bene del calcio non vengono indicate nemmeno da lui, quando si espone nelle interviste. Doveva solo ascoltare e mediare. Per quanto ci riguarda, bisognava subito passare la serie A a 18 squadre.
  4. Non ho mai scommesso 1 euro sul calcio... Punti di vista
  5. Io sono abbonato a DAZN da sempre e mi è pervenuta la medesima comunicazione. Diciamo che lo scopo di questo messaggio è solo psicologo, in modo che l'utente quando poi paga 19,90 viene illuso dal fatto che il prezzo è più che giusto... Insomma, sono le solite strategie commerciali. Resta il fatto che DAZN è molto più scalabile o elastico di Sky. Non hai bisogno del decoder, non hai bisogno di un app, puoi disdire in qualsiasi momento, lo puoi vedere in due contemporaneamente. In conclusione, è il giusto compromesso ed è molto più equo di Sky. È una rivoluzione che prima o poi renderà obsolete le altre soluzioni.
  6. Io parlo dall'interno e ho ben presente quali sono i problemi infrastrutturali... Le cose vanno molto a rilento.
  7. Inoltre gli operatori non sono per nulla attrezzati a sopportare il traffico oltre un certo limite.... e siamo già al limite. Purtroppo gli operatori sono un collo di bottiglia non indifferente, un po' come i caselli in autostrada, dove per poterci confluire e pagare, invece di fare una normale uscita, devi colare cemento per chilometri e creare infrastrutture enormi (i caselli..) per poter pagare.... e con meno uscite....
  8. A molti sfugge una cosa molto importante, ovvero che il problema non è DAZN.... il problema è dell'infrastruttura presente nel nostro paese, dove ad oggi stiamo ancora aspettando Il progetto SOCRATE (acronimo di Sviluppo Ottico Coassiale Rete Accesso TElecom) partito ufficialmente nel 1995 Spesi 5 miliardi di lire per servire 1,5 milioni di abitazioni (3milioni di lire ad abitazione e il progetto prevedeva 12 miliardi per 10 milioni, ovvero circa 1milione a famiglia, quindi già ampiamente fuori dalle stime). Peccato sia stato interrotto perché ormai chi doveva mangiare aveva già la pancia piena, altrimenti la nostra bella infrastruttura in fibra avrebbe fatto invidia a chiunque (il costo maggiore non era stendere la fibra, ma i lavori di predisposizione...). Ti potevi fare la moviola in casa da solo ed avere la tua telecamera personale allo stadio, magari in tribuna, con il tuo bel sistema di realtà virtuale che ti consentiva di essere praticamente in campo con i calciatori Adesso è improponibile pensare alla messa in opera di una tale infrastruttura, a meno di non pagare ancora una volta a caro prezzo la corruzione politica con i soliti costi esorbitanti e fuori controllo, perché ormai nessuno più si vergogna di prendere denaro pubblico, anzi è ormai un pregio e se la fai franca sei un eroe. La politica si è mangiata tutto, ma in carcere ancora non si vede nessuno... forse ho una visione errata della società. Articolo del Sole24 di circa 6 mesi fa... Banda larga, Italia maglia nera in Europa per velocità L’infrastruttura italiana risulta tra le peggiori con una media di 23 Mbps, meno della metà di Spagna e Francia. L’Europa in testa nel mondo Didattica a distanza, smart working, 5G, domotica. Il futuro è tracciato e la strada da percorrere per assecondarlo è chiara: potenziare le infrastrutture digitali. In due parole, banda larga (si parla di banda larga di base quando la velocità di connessione supera almeno i 2 megabit al secondo). Dichiarata infrastruttura strategica dal governo, la chiave per restare al passo con l'evoluzione dell'economia e della società, in Italia è decisamente arretrata e poco sviluppata, tra le peggiori in Europa. Già nel 2010 la Commissione europea aveva stabilito come obiettivo per il 2020, quello di raggiungere con la banda larga ultraveloce il 50% delle famiglie in Ue. Una quota che nel 2015 l'Italia ha esteso all'85%, nell'ambito della strategia italiana per la banda ultralarga. È chiaro che il nostro paese è ancora molto lontano dal traguardo e questo nonostante l'Italia si collochi nella regione del pianeta più veloce in assoluto. Lo conferma il report Worldwide Broadband Speed League 2020, compilato dalla britannica Cable, secondo cui in Italia la velocità media in download è di 23,18 megabit al secondo. In tutta l'Europa Occidentale fanno peggio di noi soltanto Città del Vaticano (19,12 Mbps) e le Isole Far Oer (15,47). I nostri vicini ci staccano invece di diverse lunghezze: la Spagna raggiunge una velocità media di 55,84 Mbps, la Francia arriva a 51, la Germania a 42 e anche l'Austria ci supera (di poco) toccando i 27 Mbps. Per trovare altre nazioni europee con connessioni più lente di quella italiana bisogna spostarsi in Europa Orientale, dove seguono l'Italia in classifica solo Kosovo (20,30), Bosnia Erzegovina (15,66), Albania (12,36) e Macedonia del Nord (11,48). Il test usato dallo studio è quello della velocità media di download di un film di 5 giga (ad alta risoluzione). Da noi ci vuole poco meno di mezz'ora, mentre in Liechtenstein, primo posto nella classifica globale, ci vogliono poco meno di 3 minuti con una velocità media superiore alla nostra di 10 volte (229,98 Mbs). Seguono nella classifica l'Isola di Jersey (218,37), Andorra (213,41), Gibilterra (183,9) e Lussemburgo (118,05). La top ten mondiale è quasi tutta europea (tranne Hong Kong, l'unica a interrompere l'egemonia europea all'ottavo) con Islanda (116,88) e Svizzera (110,45) al sesto e settimo posto, chiusa dal nono posto di Monaco (104,98) e dal sorprendente decimo posto dell'Ungheria (99,74). Colpisce il fatto che le prime cinque nazioni al mondo per velocità di banda siano “microstati”, favoriti certo dalle piccole dimensioni – che rendono più facile dotare l'intero paese con fibra ottica – ma anche per la loro ricchezza acquisita da regimi fiscali molto vantaggiosi. L'Italia dunque tra i fanalini di coda in tutta Europa, ma anche a livello globale, contando il fatto che nel mondo la velocità media ha ormai raggiunto i 24,83 Mbps (+50% rispetto al 2019)
  9. Semplicemente gli operatori telefonici sono al collasso e l'infrastruttura italiana non reggerebbe. Lo so perché ci lavoro e puntualmente vanno già in sofferenza ad oggi, quando ci sono le partite su DAZN... e non parliamo solo di rete fissa, ma anche di rete Mobile... e la rete non la mette a disposizione DAZN, ma gli operatori. Diversamente sarebbe stato il collasso perché nessuno più investe nel rinnovamento infrastrutturale e tecnologico e l'unico fulcro è il risparmio, al costo di utilizzare infrastrutture a apparati ormai quasi obsoleti.
  10. In questa storia, mi fanno sorridere gli arabi, che giocano con i petroleuro. In tutto questo discorso, non capisco dove spariscono tutti i miliardi che invece confluirebbero ai club nel caso della SuperLeague. Possibile che l'UEFA divori più lei con la sua struttura, che tutti i club europei messi insieme? Non ci mettono gli stadi, non ci mettono l'organizzazione (tutta a carico dei club), zero rischi sul business (tutto a carico dei club), ci mettono due palline per i sorteggi, e tanti, ma tanti politici di M***A... Questa impressione è sbagliata? Come dicono nel video, campionati a 16 squadre, SuperLeague, Coppa Campioni, Coppe, Uefa e Nazionale con scontro diretto, via un bel po' di politici, tutti i tornei nazionali equiparati e si parte con la girandola... 30 parite in campionato, (16 squadre) 4 coppa nazionale (solo serie A a 16 squadre) 4 coppa campioni (8 vincitori campionati + 8 tra le 32 altri campionati) 4 coppa coppe (8 vincitori coppe nazionali + 8 tra le 32 altri campionati), 8 coppa uefa ( gli esclusi da champions, coppa coppe, uefa e superlega), 18 superlega (20 squadre) e ti vedi nella maggior parte dei casi solo partite di altissimo livello. Al massimo 56 partite a stagione
  11. Gli avevano comprato il meglio che c'era in Italia, indebolendo la 2a e la 3a in classifica... i campionati li abbiamo vinti al Calciomercato, con Higuain (90 milioni) e Pjanic (40 milioni) al loro top della forma... e poi altra ciliegina con Ronaldo a 100 milioni. Tutti giocatori già affermati e rodati e non ragazzini dell'Under21 come invece si è trovato Pirlo, nell'unica stagione in cui nessuno ha cambiato per via del Covid... tranne noi. Intanto lo svezzamento se lo sono pappati in parte Sarri ed in parte Pirlo, il quale ha affrontato forse il periodo peggiore per entrare nel modo degli allenatori... Zero precampionato, la squadra intera forse l'ha vista a dicembre, mentre Allegri arriverà tranquillo. Siamo pronti al tutti dietro, con la difesa schierata a sperare nello 0a0, aspettando che il Tevez, Ronaldo, Higuain di turno risolvano la partita? Zero schemi, il calcio semplice, i giocatori più forti in tutti i ruoli e lui che si professa allenatore, quanto in realtà è forse solo un manager che ha sempre il grosso c**o di arrivare nel momento di deserto totale nel calcio italiano... Per me questo è un gigantesco passo indietro e credo proprio che tornerò a non guardare la noiosissima Juventus di Allegri. Vedo dei forti parallelismi tra il BOX Ferrari e la dirigenze Juventus, in merito alle enormi cagate che fanno ogni anno, nonostante abbiano ingenti quantità di denaro da investire... non so come mai...
  12. Con questa formazione ed Allegri, arriviamo 4i in un campionato che sarà sicuramente più scadente di quello appena trascorso...
  13. Max è quello che ha fatto fuori Cancelo... dopo una stagione. Quel Cancelo, a 23 anni... in questa stagione 40 presenze nel City e finale di Champions.. lo vedo proprio bene Allegri con tutti questi ragazzini in squadra e da formare...
×
×
  • Create New...