Jump to content

Search the Community

Showing results for tags 'allegri'.



More search options

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Forums

  • Sport Corner
    • Juventus Forum
    • Calciomercato Juventus
    • Juventus Women
    • Allianz Stadium, J-Museum & Biglietti
    • Calciopoli (Farsopoli)
    • Il Romanzo Bianconero
    • Off Juve
    • Juventus news in English
    • Pronostici & Scommesse
    • Altri Sports
  • Tifosibianconeri.community
    • Il Diario dei Tifosi
    • Games Zone - Nuova Stagione 2019/2020
    • Off topics
    • Multimedia & Graphics
  • Supporto
    • Comunicazioni, proposte e messaggi per lo staff
    • L'Archivio Di Tifosibianconeri.com
    • Cestino

Find results in...

Find results that contain...


Date Created

  • Start

    End


Last Updated

  • Start

    End


Filter by number of...

Joined

  • Start

    End


Group


AIM


MSN


Website URL


ICQ


Yahoo


Jabber


Skype


Location


Interests

Found 11 results

  1. Come da titolo, semplice sondaggio. Nessuna provocazione e mera attività esplorativa sull'umore dei tifosi. Il primo che comincia a far polemica va fuori immediatamente.
  2. http://www.juventibus.com/studio-evolutivo-cuadrado-terzino/ Vorrei evidenziare un interessante articolo nel quale, a mio personale giudizio, l'unico fattore poco preso in considerazione è lo stato altalenante di forma di questo indiscusso bravo giocatore che ormai ha un'abitudine consolidata a giocare ANCHE bene la fase difensiva. Per quanto mi riguarda è una soluzione che predeligo molto rispetto a quella di Sturaro terzino. Per esempio il cambio Licht-Cuadrado di sabato sera in luogo di quello fatto da Allegri (Sturaro) avrebbe potuto aggiungere qualcosa nell'ultima mezz'ora ?
  3. La Juventus ha deciso il contesto Pur dominando il possesso, il Napoli ha sbattuto contro la perfetta partita difensiva della Juventus. Condividi: 292 Napoli e Juventus sono arrivate alla prima sfida stagionale con la squadra di Sarri in vantaggio di 4 punti su quella di Allegri. Vincendo aveva l’occasione di consolidare ulteriormente il proprio primato in classifica, mettendo ancora più distanza tra sé e i principali rivali. Ma la partita era attesa anche perché era considerata un importante test per certificare definitivamente la crescita del Napoli, al confronto con i campioni d’Italia degli ultimi 6 anni. Allegri ha provato a ridimensionare l’importanza della partita, ma la Juventus rischiava di allontanarsi troppo dalla capolista, minando ulteriormente, dopo le 2 sconfitte già subite in campionato, le certezze sulla propria solidità. Sulla carta, leggendo i titolari scelti da Allegri, si poteva pensare a uno schieramento con un centrocampo a 3, almeno in fase di possesso palla, e invece, fedele ai precedenti scontri avuti con il 4-3-3 di Maurizio Sarri, il tecnico juventino ha scelto un 4-4-1-1 piuttosto rigido in entrambe le fasi, con Matuidi spostato sulla fascia sinistra e Douglas Costa ad occupare quella destra, con Khedira sul centro destra e Pjanic sul centro sinistra. In maniera nemmeno troppo sorprendente, Asamoah è stato preferito ad Alex Sandro come terzino sinistro, perché più adatto al controllo di Callejon e alla gestione posizionale dei suoi tagli sul secondo palo, anche per una somiglianza tra il ghanese e lo spagnolo nella frequenza di corsa. Da parte sua, senza l’assillo di dover gestire difensivamente il gioco aereo di Mario Mandzukic (assente per infortunio), Maurizio Sarri ha risolto l’unico dubbio che aveva preferendo Mario Rui a Maggio, con Hysaj riportato nel suo ruolo più naturale di terzino destro. [...] La partita che voleva Allegri Per Maurizio Sarri la vera sfida tattica era quella di schivare le trappole che prevedibilmente Massimiliano Allegri avrebbe disseminato per il campo. La Juventus avrebbe fatto di tutto per impedire al Napoli di sviluppare il proprio gioco offensivo, fatto di un fitto passing-game orientato alla destrutturazione della compattezza difensiva avversaria per mezzo di inviti al pressing e ricerca degli half-spaces. Allegri, per vincere, avrebbe dovuto far di tutto per piegare a proprio vantaggio il gioco del Napoli. La sfida l’ha vinta Allegri, e non solo per il risultato finale. Ancora una volta, il tecnico livornese ha dimostrato il suo talento nel preparare la singola partita, in funzione delle qualità dei propri giocatori e degli avversari. La gara ha seguito l’andamento tattico voluto dalla Juventus e alcuni dati sono abbastanza esplicativi di come sia riuscita a rovesciare le tendenze del gioco del Napoli, portandolo al di fuori della propria comfort-zone. Il Napoli sviluppa mediamente il 47% del proprio gioco sulla fascia sinistra e solo il 26% su quella destra, ma i bianconeri hanno costretto la squadra di Sarri a ribaltare il lato d’attacco preferito, limitando al 33% gli attacchi subiti dalla sinistra degli azzurri e forzandoli al 42% su quello destro. La direttrice di passaggio più utilizzata è stata quella tra Albiol e Hysaj, con il pallone che è transitato dal centrale spagnolo al terzino destro per 27 volte, ad ulteriore testimonianza della capacità della Juventus di orientare a proprio piacimento il flusso del gioco degli avversari. Il giocatore che effettua più passaggi nella squadra di solito è Jorginho, che mediamente ne gioca più di 20 del secondo, Koulibaly. I due costituiscono quindi la primaria fonte di gioco nell’impostazione arretrata della manovra azzurra. Nella partita con la Juventus, invece, i giocatori che hanno effettuato più passaggi sono stati Albiol e Hysaj, mentre il peso nella costruzione bassa di Jorginho e Koulibaly è stato contenuto dall’ottimo lavoro difensivo di Dybala e Higuain. Ancora: la Juventus, forte della superba protezione del cuore dell’area di Benatia e Chiellini (20 spazzate in coppia sulle 46 totali della squadra) ha concesso l’esterno al Napoli e lo ha forzato di conseguenza ad attaccare con una delle sue armi più spuntate, costringendo la squadra di Sarri all’enormità di 41 cross, il doppio rispetto al solito, e il doppio rispetto anche alla solita proporzione tra totale dei passaggi e cross. E dei 41 cross, solo uno è stato effettuato da Insigne, il più pericoloso in questo fondamentale con le sue traiettorie verso il lato debole attaccato da Callejon. [...] cliccare sul link per l'articolo intero: http://www.ultimouomo.com/napoli-juventus-fondamentali/ adoro sti ragazzi,uno dei pochi siti dove davvero si parla di calcio giocato e basta
  4. Apro questo topic dopo la conferenza stampa in cui Allegri ha sostanzialmente confermato la sua permanenza sulla panchina bianconera anche l'anno prossimo. Juve, Allegri: "La percentuale di permanenza? Altissima" La sua percentuale di permanenza in Juve? "Altissima, ci incontreremo con la società e valuteremo sul futuro. Se domani riuscissimo a non subire gol, saremmo la squadra meno battuta di tutti i campionati italiani". https://www.tuttomercatoweb.com/juventus/?action=read&idtmw=1112752
  5. 6 anni. Sono passati 6 lunghissimi anni dall'apripista verso questo percorso vincente. 6 anni in cui abbiamo dimenticato cosa significasse aver paura di perdere uno scudetto. Perchè questa è: PAURA. Una sensazione a cui non siamo più abituati a vivere ne tantomeno, e sopratutto, a gestire (noi tifosi, chiaramente). Non voglio che sia un topic di critica, ma un topic di omaggio verso un percorso che ci ha praticamente fatto dimenticare cosa significhi temere di non farcela. Negli ultimi anni siamo stati abituati a dominare tutto e tutti ne confini nazionali, vivendo con la convinzione che, in un modo o nell'altro, avremmo avuto la svolta che ci avrebbe spinto per andarci a prendere ogni anno quel meritato trofeo, buttando vagonate di testosterone in campo e azzannando ogni avversario in maniera cosi dominante da non conoscere altro se non la convinzione nei propri mezzi e potercela fare sempre e comunque. Solo e soltanto quella. Ma ora, stiamo tornando a provare una strana sensazione. Una dannata, bruttissima e rognosa sensazione. Rendiamoci conto di cosa è stata capace di fare questa squadra, questa società, con Conte prima e Allegri poi, con tutti gli annessi e connessi del caso: CI HANNO FATTO DIMENTICARE COSA SIA LA PAURA. Ma ce lo dobbiamo prendere. Dobbiamo andarcelo a prendere. Perchè non abbiamo dimenticato che possiamo farcela sempre e comunque. Contro tutto e tutti.
  6. Domani verrà fuori un verdetto. Pensi che inciderà nella prossima settimana? Se passate in finale si va lisci e tranquilli, se invece va male, tutti i cupi? E l'aspetto mentale di questo risultato ti preoccupa? "Innanzitutto siamo in un momento bello, perché manca un mese e mezzo e ci stiamo giocando la possibilità di andare in finale di Coppa Italia, la possibilità di andare in semifinale di Champions e per lo scudetto siamo al momento ancora primi. Quindi, al momento più di questo non potevamo fare assolutamente. Poi la negatività che c'è, questo alone di negatività, è una cosa che io detesto, credo che vedere le cose in positivo sarebbe meglio. Credo che negli ultimi tre anni la squadra abbia giocato un po' di finali, abbia vinto un paio di Coppe Italia, ha vinto due scudetti, se una volta pareggi non è che succede niente. Alla fine l'importante è raggiungere gli obiettivi. E anche vero che ci sono gli avversari ed è anche difficile vincere. Altrimenti qui vincere è la normalità, invece no, vincere è straordinario, perché vince una sola squadra alla fine di tutto. Oltretutto stiamo parlando di una squadra che negli ultimi tre anni ha fatto una finale di Champions, ha vinto due coppe Italia, ha vinto due scudetti, si sta giocando un'altra finale di Coppa Italia, si sta giocando la semifinale di Champions, e lotta per il terzo scudetto: più di questo non si può fare. Questo è poco ma sicuro. Piaccia o non piaccia. E nella stagione come nelle partite, ci sono momenti in cui giochi bene, momenti in cui giochi meno bene, l'importante però è avere l'obiettivo chiaro. E non è facile da raggiungere. Perché i ragazzi stanno facendo delle cose straordinarie, perché ci sono anche gli avversari, perché vincere sempre è impossibile. Però la crescita avuta dalla squadra sia a livello Italiano, ma soprattutto a livello internazionale penso sia una crescita importante. Credo che questo sia il miglior risultato, indipendentemente dallo scudetto vinto. In questo momento la Juventus in Europa è una squadra rispettata, è questa la cosa più importante. Perché dopo quando alla fine io sento dire - e qui chiudo - che la Juventus ha perso sette finali, cinque finali... quante ne ha perse? Sette. Se si rovescia la cosa, la Juventus ha giocato nove finali... è diverso. Perché gli altri non le giocano. Poi le finali le giochi, le vinci, o le perdi, intanto le giochi. È una cosa rovesciata che diventa positiva. Qui si vede tutto negativo, porca miseria. Ma che non va per nulla bene. Buona giornata". Sempre con te, mister...
  7. Primo posto in classifica in Serie A, semifinale di Coppa Italia e passaggio ai quarti di finale di Champions League quasi ipotecato: stagione fin qui più che positiva per la Juventus, che però guarda anche al futuro. Che potrebbe ancora essere caratterizzato dal connubio con Massimiliano Allegri, nonostante le voci che vorrebbero l'allenatore attratto dalle sirene della Premier League. A confermarlo è stato l'amministratore delegato bianconero Beppe Marotta, intervenuto ai microfoni dei cronisti presenti a margine della riconferma alla presidenza della FIGC di Carlo Tavecchio: "Allegri? È sempre vicino, questo argomento è oggi privo di contenuti perché noi abbiamo un ottimo rapporto - ha confermato Marotta -. Noi siamo contenti di lui e lui è contento di noi, quindi il problema non si pone. Andiamo avanti insieme per cercare di coronare con risultati importanti questa stagione. Sicuro al 100%? Credo proprio di sì, non ci sono in questo momento dei motivi ostativi". DM
  8. e niente, non ne usciamo più. vinci 5 scudi, sembri condannato a vincere il sesto di fila e allora infiammano, con una pancia gonfissima di vittorie, le lamentele sulla juventus di allegri che gioca male. siamo italiani, abbiamo vinto 4 mondiali giocando alla nostra maniera (giocando fondamentalmente male) mentre altre nazionali dal gioco blasonato (olanda doesn't ring a bell?) si prendevano tantissime pacche sulle spalle epperò tornavano a casa con le pive nel sacco rimanendo con zero titoli nel palmares. eppure eppure, sulla spinta dei guru che infestano giornali e televisioni (e noi sempre con la pancia gonfissima di vittorie) non riusciamo a dormire bene la notte, vinciamo ma giochiamo male ci vuole il bel giuoco. adoro allegri e il suo calcio ateo, così italiano, che esiste senza aver bisogno di credere nei dogmi, che porta a casa i risultati senza pretendere di insegnarti a vivere e convincerti che esiste solo un modo (quello religioso) di interpretare le partite. forza allegri e forza il suo calcio ateo, che non crede alle menate, che lascia i guru a spippettarsi a vicenda su quale dio (ops tecnico) incide di più nelle vittorie, che si ricorda che il calcio non è la danza artistica o il pugilato dove vinci ai punti. a calcio si vince sbattendola in rete e possibilmente senza subire gol, si vince credendoci anche quando giochi con mezza squadra fuori, dando il massimo con il materiale a disposizione e facendo esordire un sedicenne. forza max, miglior allenatore della juventus dai tempi di lippi
  9. Sky Sport ‏@SkySport 1 min1 minuto fa #UltimOra #Juventus: #Allegri in sede per trattare il rinnovo del contratto, l’attuale accordo scade a Giugno 2016. #SkyCalciomercato
×
×
  • Create New...