Jump to content

TrezAleVed

Tifoso Juventus
  • Content Count

    763
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

154 Excellent

About TrezAleVed

  • Rank
    Juventino El Cabezon

Recent Profile Visitors

2,767 profile views
  1. Il gioco di Sarri (quello già visto in altri contesti) prevede in primis un pressing molto alto e difesa alta. Queste cose per poterle fare, con una certa costanza nei 90 minuti, devi avere due cose: uomini adatti ed età media bassa. Non abbiamo gli uomini adatti e nemmeno l'età media che è parecchio elevata; spiego. DC non regge, per come gioca, 90 minuti. Qualsiasi suo precedente allenatore non lo ha mai costantemente schierato titolare, un motivo ci sarà. Che sia fisico o di tenuta atletica a quei ritmi. Ronaldo ha 34 anni..., Pipita 31, Kedira lasciamo stare. Matuidi corre ma mal si adatta a palleggiare. Ramsey fisicamente non offre (per ora) garanzie. Rabiot ? Boh. A mio giudizio Sarri chiederà il prossimo anno determinati giocatori per poter affinare il suo modulo tattico. Quest'anno dovremo fare di necessità virtù: cambieremo spesso modulo e uomini in funzione delle situazioni. Per me vedremo molto un modulo con il trequartista e DC spesso subentrante a fare il 433. In questo senso quest'anno è di transizione.
  2. Io noto invece che sono diverse le volte in cui ci siamo complicati da soli la vita. Sarebbe interessante, ma qualcuna me la ricordo, contare le volte in cui dopo un gol fatto ne abbiamo subìto un altro subito dopo. Praticamente un calo di attenzione, un gol da una situazione banale. Cosa che mette te in crisi e invece galvanizza gli avversari. Quest'anno a differenza degli anni precedenti, non rinunciamo a giocare ma caliamo di attenzione. Gli anni scorsi invece si notava di più (mia sensazione) una rinuncia nostra al gioco (che già latitava di suo...) Quindi da una parte gli avversari che conto la Juve vogliono mettersi in mostra, da una parte il calo dopo il gol che ci complica la vita sino al 70esimo dove poi oggettivamente gli altri calano e per noi entrano i Dybala o i Costa....
  3. Buffon e Higuain non li considero nuovi acquisti, ma graditissimi e positivissimi ritorni. Danilo 6: timido e approssimativo in alcune fasi di gioco. Di certo non evidenzia l'esperienza che dovrebbe avere per età e squadre in cui ha giocato Demiral 5, ma da rivedere; il timore che sia sceso nell'ultimo posto delle gerarchie calcistiche la dice lunga....Per aggressività e temperamento c'è. Il problema è che ne mette troppo. Ad ogni modo l'età sta dalla sua parte e di occasioni se ne merita diverse prima di essere bocciato. Ramsey 5: a quell'età se non hai continuità sei un quasi pacco. Devi giocare e ritagliarti un posto fra i titolari. Non si ammettono scusanti, le qualità le ha tutte tranne la tenuta fisica (e dici poco...) Rabiot 5: va bene che non giocava da un anno, va bene che non aveva il ritmo partita, ma (come per Ramsey) devi far veder quando entri che non sei approssimativo nelle cose elementari (tocchi, appoggi, marcature): per me non dura alla Juve. DeLigt 8: ha 19 anni ed è stato infilato in un frullatore. Ne sta uscendo e bene, con qualche difficoltà ma anche in modo intelligente (non vuole strafare). Per me ha capito di avere un'occasione importantissima con l'infortunio di Chiellini e la sta sfruttando. Il voto non è per le prestazioni ma per la situazione che sta affrontando. Bene così. Paratici/Nedved 4: Alla luce dell'età e delle prestazioni di CR7 (forse lo si poteva immaginare), il solo pensiero che avevano già venduto Dybala ed avrebbero voluto vendere Higuain, il solo pensiero che avrebbero voluto dar via qualche altro centrocampista per fare spazio a Rabiot e Ramsey, mi vengono i brividi. Oggi in attaco ed a centrocampo i migliori sono "i soliti noti". Senza Dybala ed Higuain non saremmo primi in classifica ed a centrocampo saremmo in assoluta e perenne emergenza (visto il minutaggio concedibile e Kedira e Ramsey).
  4. si teneva braccio e spalla all’indietro, come a tenere teso il petto all’infuori
  5. Capello dice che ha detto qualcosa non in italiano ma che è in italiano è molto simile.... Ho paura a dirlo...
  6. Io gli ho visto uno strano bozzo all’altezza del costato quando aveva la maglietta sollevata. Speriamo sia stata solo una mia impressione. Sembrava brutto
  7. Condivido la tua riflessione; rispetto a qualche anno fa ci sono meno spunti per argomenti nuovi ed oggetto di serio dibattito. Un dato di fatto tuttavia è che la Juve vince e quindi lascia meno spazio a critiche e discussioni di un certo tipo. Io preferisco comunque un po' di noia in più nel forum ma avere una Juve vincente e convincente.
  8. Aggiungo alle tue ed alle mie considerazioni iniziali che Rabiot e Ramsey sono di fatto stati chiusi prima dell'idea di prendere Sarri. Sono acquisti avallati e funzionali ad un gioco che prevedeva un allenatore diverso (Allegri). Su DeLigt sono d'accordo anche io. Per me è ottimo.
  9. Dopo 10/38 di Campionato, guardando i numeri, al di là delle considerazioni sul modulo, su Sarri ed argomentazioni varie, mi soffermo sugli esiti della campagna acquisti 2019estiva, nella quale metto sul banco degli imputati il nostro duo Nedved-Paratici. In pratica escludendo il solo DeLigt che, con Chiellini in campo, avrebbe giocato senz'altro la metà dei minuti rispetto a quelli giocati oggi, il resto dei nuovi giocatori è stato a mio giudizio ampiamente deficitario. SI può con certezza dire che solo i "nuovi ritorni" (Buffon ed Higuain) hanno dato ampie garanzie per i loro rispettivi ruoli. Si può con certezza dire che non è stato acquistato un vero titolare per la stagione 2019-2020 Abbiamo sempre i soliti problemi di "tenuta fisica" di questo o quel giocatore (Danilo-Ramsey), ovvero poter affermare: è un prospetto e sarà un titolare (DeLigt, Ramsey). Il solo DeLigt mi convince in tal senso per caratteristiche, età e ruolo. Rabiot decisamente un'incognita, di certo non un titolare. Insomma una campagna assolutamente discutibile e per me deficitaria, dove a mio giudizio abbiamo rischiato davvero di creare situazioni grottesche (vendita di Dybala-Matuidi-Kedira-Can), che per una concatenazione interplanetaria di eventi fra Manchester, Parigi e Milano, siamo riusciti ad evitare...
  10. Cross, Fondo e Fasce. Significa allargare il gioco, permettere che i tuoi giocatori andando più spesso a giocare sugli esterni, creino difese più allargate, difensori che si preoccupano di più di marcare l'uomo esterno che non fare densità nella zona centrale dell'area. Non significa necessariamente effettuare il classico cross per la giocata all'inglese. I nostri giocatori che agiscono sugli esterni, per caratteristiche ed indicazioni ricevute, si preoccupano di più di accentrarsi per cercare giocate e tocchi stretti. I vari Cuadrado, Matuidi, ma anche Kedira, Sandro, quando arrivano in zona si accentrano e/o la scaricano internamente. Evidentemente gli viene detto.
  11. Varietà, adattarsi alle situazioni della partita, cambi di posizioni e modulo in corsa, non necessariamente significa snaturare il pensiero di un allenatore. Qui abbiamo uno che si ostina a chiedere ai suoi giocatori di praticare lo stesso tema. Al massimo gli chiede di alzare il ritmo. Contro un pullman schierato al limite dell'area dove il trequartista e l'attaccante si trovano 4-5 difensori schierati, non puoi ostinarti a cercare triangolazioni tacchi e tocchi per liberare un tiro difficile. Non gli si chiedono soluzioni allegriane, ma è stato evidente che in un paio di occasioni Rabiot sul fondo ha messo due palle davvero interessanti, cosa che si deve fare in tali situazioni. Si tratta di una variante, tutto sommato semplice... che non snatura nessuno
  12. Ma il cross non solo finalizzato al colpo di testa.Allarghi i difensori, crei i presupposti per inserimenti e spazi al limite dell’area, un rimorchio una sponda un tiro sporco. invece fra Dybala che cerca di incunearsi, Berna che non fa nulla, CR che aspetta palla al limite o cerca il triangolo da fermo... Un punto di domanda incredibile. Non sono una vedova, ma Allegri queste partite le cambiava. Poi magari non le vinceva, ma il tema tattico rimane con Sarri il medesimo ed a volte il meno adatto.
  13. Sarri non cambia le partite in corsa. Il suo piano tattico, in modo quasi presuntuoso, non prevede l’adattamento alle partite, agli avversari, alle situazioni di gioco. Eppure in modo abbastanza scolastico, anziché sfondare in mezzo contro gli Iveco con i cingolati e le ruspe, forse basterebbe il classico tema: allargare le difese, cercare il fondo e trovare l’inserimento o il cross. Il gioco largo. Gli interpreti li abbiamo: Cuadrado, Alex Sandro, lo stesso Matuidi che spesso occupa quella posozione. anche perché poi arrivano lo stesso i cross forzati, da posizioni però sbagliate. Contro la Juve ci si schiera sempre “a pullman”. Possibile che il piano tattico non preveda altro che lo sfondamento centrale ?
×
×
  • Create New...