Jump to content

Mendrev

Tifoso Juventus
  • Content Count

    1,479
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

203 Excellent

About Mendrev

  • Rank
    Juventino Pinturicchio
  • Birthday 05/05/2002

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

  1. Ieri era abbattuto eccome, secondo me aveva previsto una partita diversa ed un risultato diverso. Nonostante non avesse tutta questa voglia di parlare, ha portato avanti la sua strategia: "noi siamo inferiori, loro sono tra i più bravi, la differenza di esperienza è enorme, noi abbiamo appena iniziato" e poi la ciliegina "abbiamo giocato alla pari". In questo modo prova a limitare i danni nella testa di una squadra che ci stava credendo, ma molto di più si è parato il c**o. Quando Conte non arriva a vincere mette le mani avanti, ieri mi ha ricordato le sue parole dopo le partite contro il Bayern nel 2013. Parole di rinuncia totale, che furono il prologo al tanto amato tema del ristorante da 100 euro.
  2. Gli auguro che questa parentesi duri poco, poi vada ad allenare altrove e ci scorderemo di questa stupidaggine.
  3. Ah cavolo... un piccolo grande cambiamento: la squadra quando è in vantaggio continua ad attaccare invece di arretrare a difesa del risultato. (non è una critica ad Allegri)
  4. Io sono molto legato a questi due giocatori, gli voglio proprio bene. l'esplosione di Gonzalo però è forse la cosa che mi fa più contento, per quello che ha vissuto, per essersi sentito come un pacco postale, perchè sta dando tutto quello che ha e sta dimostrando il campione che è. E quanto godo...
  5. Contento del suo goal, ma l'atteggiamento e la prestazione da grande giocatore, vincente.
  6. Se questo è solo l'inizio allora forse potremmo assistere ad un bel upgrade. C'è da considerare che Sarri ha a disposizione una rosa piena di giocatori con le palle quadrate, se tutto gira come deve girare lui deve soltanto preoccuparsi di insegnare le sue idee, perchè una base del genere sulla quale lavorare non capita a chiunque.
  7. Loro sono un'insidia, ma se gira come deve girare...
  8. Non entro nel merito di Conte e non darei la stella ad Allegri solo perchè tolta a Conte. E' chiaro che la questione delle stelle ha bisogno di un cambiamento, diciamo ammodernamento. Nel frattempo abbiamo vinto 8 scudetti e ci sono dei calciatori che meriterebbero la stella senza neanche porsi troppo la domanda. Ed ovviamente anche gli allenatori avrebbero diritto ad un'importante menzione, specialmente Max Allegri.
  9. Che poi sta cosa del professionismo è una grande cazzata secondo la mia opinione. Nel senso che loro possono fare i professionisti quanto vogliono ma il calcio gira intorno alla passione, fa i soldi grazie alle emozioni ed allo stato d'animo dei tifosi. Quindi c'è da aspettarsi delle reazioni emozionali alle loro azioni, che possono essere condivisibili o meno. Chiamare stupidi quelli che hanno fatto la petizione non è una scelta giusta, perchè non si tratta di un atteggiamento violento, ma di una reazione emozionale pacifica. Se ci lamentiamo che non esistono più le bandiere e poi crediamo a queste stupidaggini sui "professionisti", allora andiamo a sminuire quelli che per le maglie hanno dato tutto, quelli che hanno rinunciato ad una carriera gloriosa altrove per giocare in serie B, quelli che hanno firmato i contratti in bianco per rimanere ancora un anno da noi, quelli che hanno preferito smettere piuttosto che giocare in una squadra rivale, quelli che hanno rinunciato a vincere la Champions perchè erano troppo legati a questi colori. I trofei che ha vinto in bianconero non glieli toglie nessuno, ma la stella dovrebbe essere un attestato di stima, un certificato di amore, per alcuni tifosi, quindi anche revocabile nel caso in cui si assumesse un comportamento contrario a quello che reputiamo Juventinità. Adesso, secondo il mio punto di vista, Conte non ha fatto qualcosa di tanto grave da togliergli la stella, ma è giusto anche ascoltare le opinioni dei tifosi delusi e rispettarle, specialmente se queste sono pacifiche. Qualcuno sta dimenticando cosa è stato per noi appassionati il fango degli anni 90 e quanto ha potuto condizionare la vita di noi appassionati, non miliardari, quello che è successo dal 2006 in poi. Se il signor Conte è un ricco professionista è grazie a molti appassionati ai quali dell'idea di professionismo nel calcio gliene frega una cippa, ed il rispetto non lo tirasse in ballo solo quando gli pare a lui. Poi si sfoga pure sul modo sbagliato con cui si vive il calcio in Italia. Antonio sveglia, farsopoli ha legittimato questo modo di M***A di vedere il calcio, ha legittimato l'alibi dei perdenti e le polemiche feroci, tutto quello che non piace a te, professionista tiepido o caldo quango gli conviene. E tu siedi lì, nel posto dove fanno bene sia il caffè che le telefonate. E ti aspetti che io, che ti difendevo quando ti davano del ladro e del dopato non provi nulla? Ma proprio ciao Antonio, respect.
  10. Gattuso è un grande, di quelli che li ami anche se sono avversari e che magari un po' rimpiangi di non aver visto nella maglia che ami. Poi è un uomo tutto d'un pezzo, che pensa con la sua testa e non deve dare conto a nessuno. Furore agonistico e rispetto sportivo ai massimi livelli. Fossero tutti come lui gli avversari, il calcio italiano sarebbe il paradiso dello sport duro e leale.
  11. Il più grande numero 8 della storia della Juve! Ti voglio bene Claudio e sono orgoglioso di aver vissuto la tua carriera da quasi coetaneo.
  12. L'effetto conte dura quanto più durano i risultati e l'entusiasmo (sempre parlando del primo anno). Alla Juve ha trovato un ambiente, un'ambizione ed una voglia di faticare che non ha all'inter, appena la continuità verrà a mancare non troverà gli stessi appoggi che ha trovato in bianconero, però potrebbe anche non succedere e ci facciamo fregare lo scudetto da uno che sembra stia facendo una battaglia ossessiva personale verso il mondo. Spero non avvenga e che la Juve sia furba ad approfittarne.
  13. Al momento ha un vantaggio però: il fatto che si trova in un contesto in cui è più facile venire osannato dai media, piuttosto che criticato e portato sul filo dei nervi come succedeva da noi.
×
×
  • Create New...