Jump to content

Mendrev

Tifoso Juventus
  • Content count

    1,450
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

190 Excellent

About Mendrev

  • Rank
    Juventino Pinturicchio
  • Birthday 05/05/2002
  1. Sarri è ufficiale. Domanda secca: sei contento?

    Allo stato attuale delle cose non c'è da essere contenti o meno, c'è da vivere e vedere come vanno le cose. Spesso le novità fanno bene, poi succederà quello che succederà. La vita è divertente e spesso è bello immaginare anche dinamiche per molto tempo impensabili... E se capitasse di... con lui?
  2. Inizia l'era Sarri: con quali prospettive?

    Infatti, sono curioso di vederlo lavorare in queste condizioni. Non deve fare il condottiero, colui che regge tutta la baracca e deve fare il comunicatore col grande pubblico solo nelle situazioni minime richieste
  3. Si ma non è che se poi ti stanchi di Sarri smetti di allenarti e giocare bene? Alla Juve bisogna essere persone serie.
  4. Caro Maurizio, ti scrivo ...

    Più passano i giorni e più la delusione svanisce ed inizia la curiosità. Curiosità per questo nuovo inizio, per quella che dicono sarà una rivoluzione in campo ma soprattutto per questa storia inaspettata. Mi piacciono le storie di redenzione, mi piacciono i nemici che diventano amici, che capiscono il tuo punto di vista perché lo vivono da dentro ed a volte questo tipo di amicizie ha un significato ancora più profondo. A volte invece no, ma la storia va vissuta ed è bello che non si sappia cosa succederà perché in questo modo si sogna e si vive con intensità l'incertezza. Mi piacciono le storie di quei personaggi che nella vita arrivano tardi alle svolte, che subiscono tante batoste prima di avere la loro prima vera possibilità. La storia di Maurizio Sarri è affascinante, su questo non ci sono dubbi. Quasi una storia di altri tempi. Molti hanno subito il fascino di questo personaggio, noi meno, perchè era un antijuventino. Ora invece è l'allenatore della Juventus. Mi piace pensare che sia emozionato all'idea di entrare allo Stadium domani, in giacca e cravatta, non come avversario ma come possibile artefice di quella parte di storia che va dal presente in poi, di uno dei club più importanti del mondo. Mi piace immaginarlo con le difese abbassate e le ostilità da antico nemico lasciate nel passato, percorrere affascinato i corridoi del museo, dove uomini di calcio come lui, molti dei quali partiti da niente, sono arrivati a conquistare vette altissime. Ha accettato di diventare l'allenatore della Juventus, ha accettato di aprirsi a questo mondo che prima ha odiato e forse invidiato. Ora io sono aperto a te Maurizio ed al tuo lavoro. Ti sosterrò se e finchè ne farai parte con la testa e forse giorno dopo giorno anche come le emozioni. Solo il contrario di questo, cioè se non riuscirai ad eliminare del tutto le tue ostilità, sarà garanzia di insuccesso.
  5. Inizia l'era Sarri: con quali prospettive?

    Sono diventato giorno dopo giorno sempre più curioso della novità. A livello di prospettive, dopo 8 scudetti consecutivi, la squadra migliore in assoluto in Italia con CR7, come minino devi sapere che devi vincere lo scudetto altrimenti non accetti di venire alla Juve. Il suo cavallo di battaglia è il bel gioco, quindi farci vedere delle belle partite è più che doveroso, qui non ha scuse, qui deve fare solo l'allenatore. Alla champions io direi di non pensarci proprio, anzi anche per quanto riguarda lo scudetto direi di cominciare a pensare che 8 consecutivi è già un bel numero.
  6. Caro Maurizio, ti scrivo ...

    Esatto, che lo capisca in fretta cosa vuol dire perchè qui non c'è tempo da perdere. E lui si trova in una posizione di grande responsabilità, sportiva e umana. E' giusto che venga lasciato lavorare, per il bene di tutti, ma la nostra diffidenza tocca a lui cancellarla. Qui la stima bisogna sudarsela e l'amore bisogna vincerlo. Benvenuto nel mondo in cui tutto è una sfida.
  7. Capitolo preparatori atletici

    Speriamo che qualcosa da questo punto di vista cambi. Certo dare la colpa ad Allegri anche per gli infortuni mi sembra troppo, la Juve ha avuto tanti altri professionisti che lavoravano alla preparazione e forse tra le migliori tecnologie del campo. Cosa sia andato storto non è chiaro, ma spero loro lo abbiano già individuato.
  8. Secondo me è successo qualcosa della quale non verremo mai a conoscenza. In gioco questa volta c'erano delle cose molto grandi. Sono curioso di conoscere la sentenza Uefa per aggiungere un altro tassello alla vicenda. Speriamo quantomeno si siano poste delle basi per una collaborazione futura, vedremo.
  9. La Juve di Maurizio Sarri

    Questo è vero, ma solo un anno fa nella Juve era ancora decisivo. Oltre all'età ed al fisico c'è una forte componente mentale nelle sue scarse prestazioni. E' vero, però ce ne saranno di giocatori migliori di Icardi? Secondo me ne abbiamo pure di migliori in casa, Kean per esempio.
  10. La Juve di Maurizio Sarri

    Icardi no però, meglio Gonzalo. Sarà più vecchio ma è un campione ed io gli voglio bene.
  11. Benvenuto Mister e buon lavoro. Ovviamente sono deluso, ma la situazione è questa e bisogna dare anche a lui la sua possibilità. La prima cosa positiva che mi viene in mente è che Sarri ha più da guadagnare che da perdere. Qualora perderà ci diremo che avevamo ragione e cambieremo pagina. Ma finché ci sarà da vincere dovremo sostenere tutti e Forza Juve sempre. La Juve è difficile Maurizio, come lo era per Max accolto a sputi e mandato via dopo 5 scudetti.
  12. Come vedreste Maurizio Sarri alla Juve?

    Tutto il periodo di Cristiano Ronaldo da noi, praticamente... che tristezza.
  13. Chi sarà il prossimo allenatore della Juventus?

    Zeman?
  14. Serve un altro Trap.

    Sono abbastanza grande per aver visto l'apice del milan di berlusconi e conosco quelle dinamiche ed anche altre. La mia era una battuta, forse stupida, che non ha senso spiegare. Quello che io penso invece, è che chiamare quel club squadradelpresidentedelconsiglio è un po' limitante e può confondere, specialmente collegandolo con Trapattoni, che arrivò alla Juve parecchi anni prima dell'ingresso nel calcio di Berlusconi.
  15. Serve un altro Trap.

    La squadra del presidente del consiglio sarebbe la squadra di Conte? Questo confonde un po' Comunque rispondendo seriamente, è chiaro che il calcio sia cambiato moltissimo. Trapattoni era una forse una scommessa ma non era un innovatore, aveva del carisma e delle grandi capacità di comunicare con i campioni e l'avvocato di queste cose ne sapeva. Allora bastava questo, oltre ad avere una delle squadre più forti. Adesso serve qualcuno preparato almeno quanto i migliori in Europa, considerando l'utilizzo di tecnologie che permettono di studiare la propria squadra e quelle avversarie.
×