Jump to content

Sbicca

Tifoso Juventus
  • Content count

    320
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

59 Excellent

About Sbicca

  • Rank
    Juventino Soldatino
  1. Adoro tutti e 3 i giocatori in questione, ma è chiaro che prima o poi la loro partenza ci sarà ed è inevitabile. Per Khedira è già dallo scorso anno che se ne parla; esperienza da vendere, tatticamente è un fenomeno e nonostante il fisico che l'ha più volte tradito rimane uno dei migliori centrocampisti al mondo degli ultimi 30 anni. Va per i 33 anni, con i problemi che ha avuto e che continua ad avere può non dare garanzie e forse pure lui pensa a misurarsi in un calcio diverso (dove raccattare pure l'ultimo contratto, magari profumato). Mandzukic lo terrei, con Sarri potrebbe comunque far bene e se gestito è una risorsa in più; la Juventus sta puntando molto su Kean però e credo che molto dipenderà da Mandzukic stesso. Non è da escludere, in caso di partenza di Higuain, che l'attacco rimanga così com'è (numericamente ci siamo, aumentarne la qualità senza fare investimenti importanti è molto difficile, e l'obiettivo è investire in altre zone del campo a quanto pare). Su Matuidi non saprei; fisicamente da garanzie, immagino che molto dipenderà da come andrà il mercato e con Rabiot dato per fatto, se arriva un colpo a centrocampo, un Pogba tanto per dire, Matuidi potrebbe salutare: non ce lo vedo a fare il quinto/sesto centrocampista, e oltre ai potenziali acquisti la società sembra puntare sulla crescita di Bentancur in squadra, quindi ci starebbe una sua partenza.. Umanamente e per tanti motivi vederli andarsene tutti e tre dispiace, ma la società deve fare le proprie scelte e parliamo comunque di giocatori che hanno 32-33 anni, che vanno per i 33-34; la follia sarebbe non pensare a sostituirli in qualche modo.
  2. Senza contare che gli obiettivi, che sono mica una cosa da niente, li ha sempre centrati; unito al fatto che si è dimostrato in grado di valorizzare al meglio molti dei suoi giocatori (Mertens, Higuain, Hamsik su tutti, ma anche Rugani all'Empoli, Koulibaly, Zielinski, Loftus-Cheek, Tonelli e altri; molti dei quali senza Sarri si sono "sgonfiati"). Poi alla Juventus potrebbe pure far pena, ma forse sulla piazza, disponibili senza tanti fronzoli (quei fronzoli che magari hanno fatto saltare Guardiola), l'unico allenatore di un certo peso era Mourinho... e me le immagino le reazioni ad un Mourinho allenatore della Juventus... La Juventus voleva dare un cambio di mentalità, provare con coraggio a proporre qualcosa di nuovo e Sarri negli ultimi anni ha proposto qualcosa di nuovo. Probabilmente lo sa bene anche lui di essere una seconda scelta, ma non capisco perché scegliere Sarri, come seconda scelta, debba essere sinonimo di impreparazione: al 16 giugno la Juventus ha l'allenatore, il cui profilo si sposa con l'idea di provare a dare un'impronta differente al gioco della Juventus (di allenatori che propongono un certo tipo di gioco ad alti livelli, tolto Guardiola, vedo solo Sarri, Pochettino e Ten Hag; poi c'è Klopp che a me personalmente fa impazzire ma probabilmente è, ad oggi, più irraggiungibile di Guardiola); una società impreparata avrebbe brancolato nel buio e alla Juventus potrebbero essersi detti: proviamo con Guardiola (la trattativa c'è stata..), se non va ci si butta su Sarri. A me pare che cinque anni fa la Juventus fosse messa pure peggio. ...il punto è che non bastavano le vedove di Conte e quelle di Allegri, ora abbiamo pure quelle di Guardiola...
  3. Concordo... Personalmente a me dello stile poi frega poco; e vista la M***A tirata addosso ad Allegri che è stato sempre un gran signore direi che non sono l'unico a sbattermene dello stile, senza contare che fino a poche settimane fa erano in molti a preferire chiunque al posto di Allegri (Sarri compreso) salvo ritrovarsi ora a disperarsi per Sarri. Può essere un valore aggiunto ma a me se un allenatore si scaccola importa poco; se fa battute omofobe, c'è una società che può, giustamente, richiamarlo e multarlo e federazioni che prendono provvedimenti. Da tifoso mi aspetto risultati e in fondo Sarri ha portato a casa i risultati che doveva portare a casa, vincendo anche in Europa che non guasta (ha vinto più di Pochettino che molti vorrebbero...). Ha le sue idee e i suoi difetti; ma tutti gli allenatori ne hanno. Magari Guardiola, magari Klopp, ma dovesse arrivare Sarri non arriva l'ultimo scappato di casa: l'unica differenza è che non è un allenatore che accontenta tutti (forse solo Guardiola, ma non sono neanche così convinto...), proprio come Mourinho, Conte e molti altri. Sarò troppo ottimista, ma già il fatto che la società abbia tentato di prendere un allenatore come Guardiola per come la vedo io è un ottimo segnale: significa che ti puoi permettere giocatori e allenatori di un certo livello.
  4. Non potrebbe magari avere un peso, la sanzione, per quello che riguarda l'eventuale sostituzione di Guardiola da parte del City? Immagino che il City potrebbe incontrare delle difficoltà a sostituire Guardiola senza la partecipazione in Champions; uno scenario in cui la Juventus ha un accordo con Guardiola e il City chiede di rimandare le varie ufficialità in attesa di trovare un allenatore disposto ad accettare anche un anno senza giocare in Europa può essere plausibile? Nel caso ipotizzo che ci saranno comunque delle deadline, delle date oltre le quali non è possibile andare...
  5. Firmiamo?

    Togliere la stella potrebbe significare dare ancora più importanza ad un uomo che non la merita. Non ha mai perso occasione di dimostrarsi uomo piccolo e pieno di rancore; ha sputato più volte sulla Juventus, l'ha fatto quando allenava l'Arezzo e l'ha fatto dopo sia con le parole che con i comportamenti. Personalmente sono convinto che deve più Conte alla Juventus che viceversa: prima di allenare la Juventus Conte era un signore qualunque, un allenatore di serie B; in pieno scandalo calcioscommesse è stato difeso e supportato da una società che poteva salutarlo con una pedata nel c**o a fine stagione, se non subito. La stella dimostra che lui ha fatto parte della storia della Juventus, quello che ha fatto nel bene e nel male rimarrà; ma la Juventus è sopra Antonio Conte, e alla Juventus di quello che fa e che farà Antonio Conte non deve fregare nulla: rimarrà un nome e un cognome scritto, associato a una persona che, inseguendo il proprio ego, con arroganza, ha fatto di tutto per perdere la stima di chi l'ha sempre sostenuto. Quella stella dovrebbe ricordarci che purtroppo la storia della Juventus è fatta anche da uomini piccoli piccoli, il cui nome è scritto di fianco a uomini che non hanno barattato la propria dignità.
  6. Finale Europa League, Figuraccia UEFA

    Purtroppo non solo la UEFA. Personalmente credo che l'organizzazione di certi eventi debba essere affidata sempre a chi è in grado di organizzarli al meglio e in paesi che possono garantire lo svolgimento di queste manifestazioni nella più totale serenità. A costo di giocare sempre negli stessi stadi... Dagli europei in Ucraina, ai mondiali e alle olimpiadi in Brasile, ai futuri mondiali in Qatar, ai gran premi corsi in mezzo ai deserti per compiacere sceicchi e pascià, alle finali in Arabia... Purtroppo lo sport, seguire lo sport, sta diventando sempre più complicato. E' vero che si allargano gli orizzonti, che gli sponsor sono diventati la spina dorsale di ogni manifestazione, ma non si può prescindere dal fatto che lo spettacolo deve essere godibile e accessibile a chi vuole parteciparvi. Penso che uno degli apici massimi si sia toccato con la Supercoppa in Arabia, grazie al quale hanno messo su un teatrino per giustificare la scelta che prevedeva anche un ruolo sociale per il riscatto delle donne arabe, c'è sempre una giustificazione (che lascia spesso senza parole) tipica di chi fa politica...
  7. I buu razzisti: ci siamo ancora

    La cosa che fa più schifo è la malafede di certi giornalisti e certi personaggi interni alle società (presidente del Cagliari per primo). Fare finta che non ci siano stati ululati fino al gol o, ancor peggio, dire di non averli sentiti sarebbe da punire quanto il gesto stesso. Quando i tifosi della Juventus fanno una cosa simile vengono GIUSTAMENTE massacrati da stampa e opinione pubblica; non mi pare che stavolta stia avvenendo la stessa cosa e questa è malafede. Il razzismo è un problema serio, che esiste e va combattuto ma prima di combatterlo andrebbe ammesso senza tante giustificazioni; in questo caso va reso onore ad Adani che non ha usato giri di parole e non ha corretto il tiro in corsa quando ha avuto davanti il presidente del Cagliari che sparava s********e.
  8. Ripartire dalla qualità

    Non so se è stato già detto, visto che non ho letto tutte le pagine della discussione, ma a me non sembra che al Real Madrid manchi atletismo; soprattutto lo scorso anno ci hanno messo sotto sul piano atletico. Il punto è che negli ultimi anni al Real Madrid hanno fatto una cosa che non avevano mai fatto prima e cioè acquisti mirati; con le possibilità economiche che hanno non è un caso se quando hanno smesso di sperperare soldi hanno iniziato a vincere. Certo hanno speso molto per i giocatori che volevano, ma hanno sfruttato a pieno la potenza economica. Inoltre hanno cominciato a vincere e a far paura quando la Champions ha smesso di essere un'ossessione per loro (cosa non da poco...) Riguardo a cosa deve ripartire la Juventus non lo so; la qualità c'è, anche se altrove ce n'è un po' di più, e lo dimostrano i risultati recenti; secondo me in questi due anni ha perso un po' proprio in termini di atletismo (Pogba e Vidal, lo stesso Tevez) più che in termini di qualità (davanti non c'è mai stata qualità come quest'anno forse). Mettiamoci poi che da noi le assenze pesano come macigni e che sono effettivamente un po' troppe (lungi da me dare colpe ma è un dato di fatto: giocatori come Matuidi, Mandzukic, Cuadrado sono mancati oltremodo, e non solo ieri...).
  9. Bentancur, il futuro play della juve

    L'impressione è buona e mi sembra anche abbastanza duttile; può giocare al posto di Pjanic, perchè sembra avere una buona visione di gioco, e al posto di Khedira. Può rivelarsi un arma importante e a centrocampo io credo anche in Sturaro: pure lui potrà fare bene quest'anno giocando nel suo ruolo naturale.
  10. E' una mia opinione ma se Caceres fosse stato sano, sia di fisico che mentalmente, avremmo parlato di uno dei migliori difensori del mondo... Purtroppo però terzini alla Alex Sandro (tipologia di terzino perfetta per noi, così come per qualsiasi squadra) non ce ne sono tanti in giro (sul mercato poi neanche a parlarne): giovani interessanti ci sono ma sono scommesse e non è un caso se, come accade qui dentro, si invoca Spinazzola. Secondo me Howedes potrebbe benissimo finire ad alternarsi con Lichtsteiner a destra e relegare De Sciglio a riserva di Alex Sandro, magari dando anche qualche cambio a Chiellini e Barzagli...
  11. Senza contare poi che attualmente in rosa ci sono Asamoah, Bernardeschi e Douglas Costa che potrebbero giocare a centrocampo in situazioni d'emergenza; ovviamente ci si augura non si presenteranno e con 6 centrocampisti per 2/3 posti sarebbe proprio sfiga... Ci ho messo anche Douglas Costa perchè con Guardiola al Bayern Monaco ha giocato molte partite in quel ruolo con buoni risultati (anche se secondo me è sprecato in quella posizione del campo).
  12. Sulla fascia ci gioca prevalentemente in nazionale e finchè c'è stato Lahm, ha giocato sempre a sinistra (titolare al Mondiale 2014 e ad Euro 2016); non è un motorino, ma non mi pare si faccia problemi a spingersi in avanti. La cosa che mi piace di lui è che, non è un pasticcione e in fase difensiva ha tempi giusti e sa il fatto suo. Vista la sua duttilità, con Lichtsteiner che non regge più 50 partite a certi ritmi, con De Sciglio che deve lavorare sodo e trovare serenità (almeno questa è la mia opinione), con Alex Sandro titolare fisso a sinistra che comunque avrà bisogno di rifiatare ogni tanto e con l'attuale situazione dei centrali (tutt'altro che tragica), magari arrivasse Howedes. Oltretutto ha anche un certa esperienza e ciò non guasta...
  13. Sul lato atletico posso essere d'accordo. Tecnicamente Howedes mi pare che sia molto sottovalutato; è un ottimo difensore, ha senso della posizione e, pur non essendo Bonucci, non ha i piedi di legno tipici dei difensori. Molto meno pasticcione di Caceres (giocatore che mi è piaciuto comunque molto). Forse ci si dimentica che parliamo di un titolare di quella che è la nazionale campione del Mondo; anche se a leggere alcuni commenti pare che sia lui il punto debole della Germania...
  14. C'è da considerare che il prossimo anno potrebbe prendere, numericamente, il posto di Khedira, con operazioni, per il centrocampo, sulla falsa riga di Bernardeschi e Douglas Costa; quest'anno è chiaro come, per la società, la priorità fosse prendere degli esterni d'attacco. A me piace molto Milinkovic-Savic, conosco poco Emre Can e un acquisto del genere mi sarebbe piaciuto; per il resto Matuidi è un giocatore sottovalutato da molti (a me è sempre piaciuto molto) e sono convinto che tornerà molto utile.
  15. Vincere è l'unica cosa che conta

    Credo significhi cercare la vittoria ad ogni costo, dare tutto, sapendo che la sconfitta fa parte del gioco; vincere è l'unica cosa che conta come a dire vincere è l'unico obiettivo, non esiste giocare per arrivare secondi, ma arrivare secondi, o ancora più indietro, non è un dramma se hai dato tutto per vincere. Significa costruire le vittore anche sulle sconfitte. Significa che quando vinci qualcosa non hai fatto nulla perchè c'è altro da vincere; con la consapevolezza che godere troppo a lungo delle vittorie non porta ad altre vittorie Significa che quando perdi devi accettare la sconfitta con la consapevolezza che andrà presto gettata alle spalle. Fare tesoro di una sconfitta, imparare qualcosa, rendere merito agli avversari quando vincono con merito. Tutte cose che non si ottengono rimuginando sulle sconfitte; chi ha rimuginato troppo sulle sconfitte non ha mai imparato a vincere.
×