Vai al contenuto

Kumo®

Tifoso Juventus
  • Numero contenuti

    18342
  • Iscritto

  • Ultima visita

Tutti i contenuti di Kumo®

  1. Vidal, Pirlo, Pogba, Marchisio, Pereyra, Sturaro, Asamoah, Padoin, Pepe, Marrone. Questo il roster dei giocatori a centrocampo nella famosa stagione 2014/2015. Inutile paragonarlo con quello di quest’anno: sarebbe imbarazzante, così su due piedi. Proviamo pertanto ad analizzare gli attuali centrocampisti della Juventus, ed a capirne i punti di forza e le lacune. Di seguito l’elenco, e le mie personalissime (ci tengo a precisarlo) opinioni: 1) Matuidi - mezzala tutto cuore e polmoni, così dovrebbe essere sulla carta. Garantisce dinamismo e una buona fase di copertura, non gioca sulle linee di passaggio ma in teoria sul pressing da applicare al portatore di palla. Ha una ottima intelligenza tattica che lo porta a coprire i buchi lasciati dai compagni e ad inserirsi in area con buon tempismo. Ha però evidenti lacune tecniche che a livelli alti pesano, e se non è circondato da costruttori di gioco il suo apporto si rivela totalmente inutile. Non ha qualità per andare palla al piede, e difetta nei controlli, sia in quelli ‘semplici’ che in quelli orientati, utili per andare alla conclusione o eseguire un passaggio più complesso di quello orizzontale. 2) Khedira - su di lui è stato scritto tutto ed il contrario di tutto. Si tratta del miglior centrocampista in rosa, per distacco, e ciò la dice lunga sul valore della mostra mediana. Può giocare mediano in un cc a due, così come si ricicla egregiamente da mezzala, offrendo intelligenza tattica fuori dal comune, lettura del gioco avversario e di squadra, inserimenti costanti e puntuali, copertura tramite intercettazione dei passaggi avversari. Difetta in intensità e corsa, come tutti i suoi attuali colleghi di reparto (Matuidi a parte), e gioca più di posizione. Purtroppo i continui guai fisici ne stanno minando sempre più il finale di carriera, e non ci si può più fare affidamento anche per limiti di età. 3) Pjanic - viene visto dal nostro attuale allenatore come un regista, ma ha il fisico di una mezzala, le movenze di una mezzala, la postura di una mezzala. Gioca sul corto come una mezzala, intensità quasi assente. Riesce a verticalizzare se si trova in prossimità dell’area avversaria, mentre messo nel 4-3-3 davanti alla difesa mostra una evidente tendenza a passare la palla nelle retrovie ed a girarla orizzontalmente senza mai tentare un’apertura o un cambio gioco. Meglio nel 4-2-3-1 affiancato da un altro mediano per lasciargli la libertà di salire e permettergli di fare ciò in cui è/dovrebbe essere bravo: verticalizzare al limite dell’area. 4) Bentancur - oggetto ancora misterioso, deve/dobbiamo comprendere cosa vuole essere: un regista? Un volante? Una mezzala? Attualmente, sia da mezzala che davanti la difesa, giostra come se fosse un volante: gestisce passaggi orizzontalmente e verso dietro, ma mostra una buona tecnica nello stretto e - molto raramente - si prende la responsabilità di un passaggio verticale. Non da intensità di norma ma la mette quando deve recuperare palla: in quelle occasioni mette fin troppa foga, rimediando sovente ammonizioni. Scarsa tendenza all’inserimento, tiro da fuori discreto. 5) Emre Can - di lui sappiamo ancora poco perché, per diversi motivi, non è riuscito a ritagliarsi molto spazio. Sembra comunque il classico mediano di un centrocampo a due: non può fare il regista e rende poco da mezzala dal momento che risulta spesso lento e macchinoso neo movimenti, ma ha una buona tecnica individuale e tende a buttarsi negli spazi quando serve. Anche lui non ha intensità e gioca di posizione, ma quando cerca di recuperare palla lo fa in maniera decisa mettendoci intensità. Carente in fase di costruzione, si limita come tutti i suoi compagni di reparto al gioco orizzontale/passaggi ai difensori. 6) Bernardeschi - da mezzala mostra una grande intensità, spirito di sacrificio, corsa e visione verticale. In pratica sarebbe la mezzala perfetta ma per inserirsi nei meccanismi del ruolo dovrebbe giocarvici continuamente. Ottima tecnica, buoni filtranti, ottima potenza di tiro ma anche poca lucidità negli ultimi metri. Comunque tra i più positivi del nostro centrocampo. Alla luce di quanto analizzato, a me pare che la costante - salvo uno o due elementi - sia l’assenza di intensità e la presenza di troppi jolly e di giocatori adattati in ruoli non congeniali, laddove servono visione di gioco e tecnica. Ovvio che ciò non può essere imputabile solo ad Allegri ma anche ad una campagna acquisti assurdamente incompleta che ha tralasciato in maniera del tutto surreale il reparto nevralgico della squadra. A vostro parere cosa manca a centrocampo? Quali qualità? Quali caratteristiche?
  2. Anatomia del centrocampo della Juventus

    Dipende come vuoi giocare: con quale disposizione e quale atteggiamento.
  3. Anatomia del centrocampo della Juventus

    Marco, diciamo che siamo al solito discorso: un giocatore non da grande squadra si esalta in un contesto medio? O viene svilito da questo contesto perché in realtà è da grande squadra e non viene esaltato? Io credo che Savic sia un bluff, e lo sostengo da quando si iniziò a parlare di lui con interesse. Ha un ottimo controllo palla ma, lo ripeto, è troppo compassato per il calcio moderno ad altissimi livelli. Sembra una versione outlet di Pogba, senza però la tecnica ed il genio di Paul. Caratterialmente manca, non è un trascinatore: sono piu leader Leiva o Parolo, che lui. Noi abbiamo bisogno di leader a centrocampo, un disperato bisogno, perché nessuno ha la caratura tecnica o il carisma per fare ciò che tempo fa facevano Vidal, Marchisio, Pogba e Pirlo. Ma non tutti quattro messi assieme eh: anche solo uno.
  4. Anatomia del centrocampo della Juventus

    Non sono proprio diversi come caratteristiche fisiche, Marco, anzi... Non fanno dell’agilità la loro arma migliore, sicuramente Savic più offensivo e tecnico ma estremamente discontinuo e compassato, Can invece poi difensivo e tignoso, oltre che poi intenso. Se devo spendere 50 o 60 milioni per avere un altro giocatore che scompare nei momenti di pressing intenso, no grazie eh
  5. Anatomia del centrocampo della Juventus

    Secondo me il serbo non cambierebbe nulla, anzi... si tratterebbe di aggiungere un altro giocatore pesante e compassato ad una mediana già così. Per me Savic non vale Can.
  6. Cosa siamo diventati noi "tifosi"???

    Io stimo molto Capello e non credo che abbia bisogno di invidiare Allegri: il suo palmares è già bello pieno. Capello dice una cosa ben diversa quando parla di campionato allenante: non lo fa in termini di difficoltà, ma in termini di intensità e corsa. Contro di noi le squadre di Serie A non pressano mai, ma stanno dietro la linea di centrocampo ad attenderci per poi fare contropiede. In CL questo non accade quasi mai, anzi: di norma attaccano intensamente perché la gestione non è fatta per questa competizione, a meno che non ti chiami Barcelona ed hai 3 o 4 alieni tutto assieme capaci di mandare la palla dove vogliono loro ed al ritmo che vogliono loro. Per questo il nostro campionato NON È allenante per la CL: lo è di sicuro per chi vuole andare a vincere altri campionati in altre leghe, ed infatti i nostri allenatori italiani (a parte Sarri e qualche altro vate) sono molto ricercato in tal senso.
  7. Cosa siamo diventati noi "tifosi"???

    Se hai comprato Ronaldo, un giocatore di questa caratura che ha vinto da solo 5 Champions, è perché dichiaratemente vuoi crescere come brand e vincere la coppa. Ora, la CL è fatta di episodi, ok: ma gli episodi te li devi creare, ed io sinceramente non ho visto una squadra che vuole crearli utilizzando la sua arma migliore, colui che l’anno scorso ha timbrato 15 volte, colui che ha più di 100 segnature in questa competizione, tentando di sfruttarlo a dovere e metterlo nelle condizioni migliori per rendere. Se io vedo una Juve che perde 4-3 giocando a calcio, tentando di costruire azioni da gol è dando tutto in termini di cattiveria, sono e sarò felice. Non mi importa come, io non voglio il Riki-take del Barcellona: da Juventino, ho sempre ammirato la cattiveria dei giocatori in campo, cioè la loro voglia di vincere e primeggiare. Per questo ho amato la Juve di Lippi, Nedved, Montero, Camoranesi, Del Piero, e ho rivisto nell’Atletico di Simeone quella stessa cattiveria agonistica. Noi abbiamo provato a giocare? Secondo me no. Non stiamo sfruttando l’enorme esborso economico che abbiamo fatto 6 mesi fa.
  8. Cosa siamo diventati noi "tifosi"???

    In merito alla questione-tifosi concordo con chi dice che tutto è amplificato dall’uso dei social e dalla facilità di dire la propria, sia con educazione sia senza, legittimati dalla ‘distanza’ che ci separa e ci fa sentire ‘protetti’. Certe dinamiche ci sono sempre state, solo che ora tutto è più raggiungibile. Sulla questione Allegri, concordo con @Akhenaton e @Gnokko: Allegri rimarrà per sempre nella storia della Juve e, personalmente, uno dei miei allenatori preferiti di sempre, grande conoscitore di calcio VERO ed abile stratega. Semplicemente, e purtroppo aggiungo, tutte le storie hanno una fine, ed il suo ciclo alla Juve secondo me è terminato nel 2017. Quello che aveva da dire e da dare lo ha detto e dato: bisognava avere il coraggio di cambiare, soprattutto perché A QUANTO PARE il nuovo corso della società prevede di vestire questa vecchia signora con abiti diversi, con un altro stile ed altro tipo di calcio, rispetto a quello che invece immagina lo stilista-sarto Allegri. La società ha messo a disposizione una rosa di prim’ordine al mister nei nomi, ma lacunosa numericamente nel reparto nevralgico, oltre che male assortita. Non è la prima volta che accade, dal momento che Allegri arrivò con il totem-4312 e non gli hanno mai preso un trequartista. Per supportare il suo gioco, Allegri ha bisogno di gente dinamica che, purtroppo, non abbiamo. Le “colpe” se così si può dire sono da dividersi equamente tra giocatori, allenatore e società. È ovvio che questi ultimi due hanno la quota maggiore di responsabilità perché, LO RIPETO, se Ronaldo ad oggi ha segnato UN SOLO GOL a cospetto dei QUINDICI della scorsa annata di CL, beh... Un dubbio che non si giochi nel modo ottimale per farlo rendere mi viene, no? Se la squadra viene messa sistematicamente sotto da chi alza il pressing, le responsabilità sono di società e allenatore: non è che di colpo Bentancour si riscopre Marchisio dei tempi d’oro ed inizia ad arare il centrocampo. Non è che Pjanic di colpo inizia a metterci intensità nelle giocate ed a vedere il gioco come lo vedeva Pirlo, o Matuidi inizia a stoppare i palloni decentemente... Se a questo mettiamo anche un baricentro molto basso, reparti spesso scollegati e movimenti fuori sincrono tra i compagni (ovvero nessuno che sa dove avvicinarsi per favorire il movimento altrui), mi verrebbe da dire che non esiste ancora una precisa identità di squadra e di cosa si voglia fare quando si è in campo. Perché gestire il match con giocatori tecnicamente non eccelsi nel giropalla e con un Ronaldo in più... Non so, non credo sia questo il “vestito giusto” per la vecchia signora.
  9. Siete? Non mi dare del voi punto numero 1. Punto numero 2 trovami un topic o un mio commento in cui affermo che non abbiamo un gioco. Se lo trovi sei autorizzato a mettermi nel mezzo, in caso contrario evita di inserirmi in questo ipotetico “voi”.
  10. Anatomia del centrocampo della Juventus

    A prescindere che mi piace discutere finalmente di calcio, un appunto: non ho mai detto che Matuidi abbia problemi di intensità , quanto che le transizioni offensive con lui non si riescono a portare spesso a termine velocemente, perché appunto tecnicamente approssimativo. Matuidi da intensità, ma non può fare altro se non giostrare tatticamente. Per me, ovviamente.
  11. Non sono affatto d’accordo e sostenere questo è un’immane cagata. Allegri dal 2014 al 2017 ha rivoltato la Juve come un calzino e l’ha fatta sua in modo intelligente, dandole identità ed equilibrio. Dopo Cardiff qualcosa si è rotto e bisognava cambiare, come bisogna farlo ora. Ma io non dimentico quanto di buono fatto da lui, e non dovresti nemmeno tu.
  12. Non da parte mia, Fede. Credimi. A me fa imbufalire la mancanza di cattiveria e di voglia di giocare.
  13. Questa cosa che l’Atletico gioca malissimo mi fa incacchiare, nulla di personale eh! La penso come Capello e Pirlo: l’Atletico gioca BENISSIMO. Poi se per giocare bene si intende solo il tiki-take e menate varie allora ok, alzo le mani. Ma loro giocano alla grande: tecnicamente non sbagliano nulla, non buttano mai via la palla, sono veloci e tignosi, giocano di prima, e vedere Griezman e Koke è fantastico. Ti costringono a giocare male perché sono molto fisici ed intensi, ma giocano bene. Giocano A CALCIO.
  14. I nostri giocatori hanno caratteristiche che si sposano male con l’idea di pressing. Soffrono tantissimo le squadre fisiche che non ti lasciano giocare, si vede che non sono abituati ed allenati in Italia. Molti di loro non hanno le palle, purtroppo, e si cagano nei momenti decisivi. In generale sono male assemblati dalla cintola in su. Dopodichè i demeriti loro PER ME finiscono qui: il resto è farina del sacco di Allegri e della sua idea di calcio, e mi dispiace doverlo tirare in mezzo perché sono un suo sostenitore. Avere Ronaldo in squadra e vedergli fare UN SOLO GOL in Champions quando lo scorso anno ne ha timbrati 15... O ha disimparato a segnare, o EVIDENTEMENTE qualcosa nell’impostazione della nostra squadra non va. A prescindere da chi gli gira intorno, eh.
  15. Anatomia del centrocampo della Juventus

    Non hai mediani che puoi “spompare”. Perchè non ne hanno le caratteristiche. Hai due mezzali, Matuidi e Pjanic: il primo è onestamente troppo poco tecnico per trovarsi al limite dell’area ma ha corsa e grinta, l’altro troppo poco dinamico ma quantomeno riesce a dare del tu al pallone. Hai un tuttofare come Bernardeschi che ti fa tutto, ma che ancora deve crescere. Gli altri sono mediani fatti e finiti, e tranne Khedira (ormai poco presente causa infortuni ed età) non sono mediani di corsa e abnegazione ma di posizione.
  16. Anatomia del centrocampo della Juventus

    Ragazzi, al nostro centrocampo manca INTENSITÀ. @mik.mac tu sei del parere che Pjanic sia un regista e non una mezzala. Io tuttavia, nonostante la mancanza di intensità del bosniaco, continuo a pensare che faccia “meno peggio” nel ruolo di terzo centrocampista nei tre, dove può mettere in mostra le qualità che lo hanno contraddistinto nella Roma: dribbling secco, verticalizzazione negli ultimi 20 metri. Lo vedo comunque bene anche da centrocampista nel 4231, dove la disposizione tattica e la vicinanza de trequartista gli permette di scambiare anche in verticale e viene “protetto” dal compagno di reparto (Khedira? Can?). Onestamente lo vedo malissimo da regista basso perché non ne ha le caratteristiche: non apre mai il gioco, non vede mai lo scatto in profondità (cosa che spesso invece vede Bonucci), si limita ad amministrare il giropalla, e ad aiutare l’uscita dal pressing avversario. Ma dal momento che si limita a questo, la sua posizione causa spesso e volentieri lo schiacciamento della nostra linea difensiva verso dietro, perché il giropalla è SEMPRE rivolto alla nostra porta. Certo, non è aiutato dai compagni di reparto, vuoi perché Matuidi tecnicamente è approssimativo e per effettuare una transizione ci mette più del dovuto, sia perché Bentancur/Can non verticalizzano mai. L’unico sarebbe Bernardeschi, che al netto dei suoi errori al limite dell’area dovrebbe essere sempre titolare PER ME.
  17. Anatomia del centrocampo della Juventus

    È sempre un piacere leggerti.
  18. Anatomia del centrocampo della Juventus

    Se vogliamo giocare col 433 si. Se giochiamo col 4231 già il discorso cambia.
  19. Anatomia del centrocampo della Juventus

    Anche secondo me. Paradossalmente vedo meglio Pjanic mezzala
  20. Anatomia del centrocampo della Juventus

    Leggi bene il topic fratello... al di là del gioco, quali qualità servono al nostro centrocampo, singolarmente?
  21. Anatomia del centrocampo della Juventus

    Quello sicuro, ma voglio un attimo provare a fare un’analisi più approfondita
  22. Conte o Zidane?

    Ancora Conte BASTA Tra i due scelgo ovviamente Zidane.
×