Jump to content

B&W Pride

Tifoso Juventus
  • Content Count

    860
  • Joined

  • Last visited

Everything posted by B&W Pride

  1. scusa non ce l’ho con te ma post come questo sviliscono la nostra societá. I risultati di questi anni sono risultati della Juve nel suo complesso, non di Allegri. Allegri é stato un ingranaggio all’interno di un meccanismo che si é rivelato “nel complesso” superiore agli avversari. In formula uno non vince chi ha il miglior motore, o chi ha la migliore aerodinamica, o chi ha la migliore elettronica o il miglior pilota.... Vince sempre chi ha il miglior “pacchetto” di tutti questi elementi. Vogliamo dire che Allegri ha dato il suo contributo? Ok, sono daccordissimo, ma a sentire che senza Allegri non avremmo vinto nulla, non avremmo incassato i soldi della champion’s, avremmo preso sberle a destra e a manca.... proprio non ci posso stare! É giusto chiedere che ad allegri non vengano imputate colpe per il riscaldamento globale e l’inflazione cilena ..... ma poi bisognerebbe anche evitare di attribuirgli la scoperta del fuoco e l’invenzione della ruota.
  2. É un’opinione. La rispetto ma ha il valore che ha. Altri potrebbero dire che il predecessore non ha ottenuto gli stessi risultati di Allegri perché non erano “pronte” le altre componenti. Cosí come la stessa cosa si potrá dire (e sará detta) nel caso Sarri dovesse vincere la Champion’s. Siamo nel campo delle ipotesi e delle opinioni. I fatti invece dicono che in questi anni la Juve é cresciuta nel suo complesso per meriti che vanno oltre l’operato delle singole componenti. Per me Allegri, Conte , Sarri, non saranno mai né il demonio, né Re Mida.... ma sempre e solo degli ingranaggi all’interno di un meccanismo piú grande.
  3. La crescita della Juve in questi 8 anni a livello di competitivitá internazionale é frutto del lavoro di tutte le componenti (societá, allenatore, giocatori, ambiente), non soltanto di una. Allegri ci ha messo del suo, é innegabile, ma da qui all’essere identificato come l’artefice Unico della ritrovata credibilitá internazionale ce ne passa..... Oltre al fatto che affermare questo di fatto sminuisce i meriti della nostra societá. Io preferisco sempre riferire vittorie e sconfitte alla Juve nel suo complesso. Poi possiamo soffermarci sul contributo dato dalle singole componenti, ma imputare tutti i meriti o demeriti di un evento a una singola componente é , secondo me, intellettualmente scorretto. La stessa cosa direi se quest’anno dovessimo riuscire a vincere la champion’s. Non sarebbe la champion’s di Sarri. Sarebbe la champion’s di tutta la Juve (coronamento di un lavoro pluriennale), a cui Sarri avrebbe dato il suo contributo come lo avrebbero dato le altre componenti.
  4. Perdonami ma ho giá abbondantemente risposto ad entrambe le domande poco fa in questo topic. Basta che ti rileggi le mie risposte a Bradipo e trovi espresso in maniera molto esaustiva il mio pensiero. Ad ogni modo ti faccio un riassunto qui sotto : 1) no 2) no
  5. Ecco vedi, parlare di questo mi interessa e appassiona. Se il confronto parte dalla condivisione di un fatto oggettivo, trovo stimolante ascoltare opinioni diverse dalle mie. Mi annoio quando pur di confutare le altrui opinioni si finisce col negare anche i fatti piú oggettivi.
  6. Scusa, ma anche questa volta non ci siamo capiti.... io ho scritto tutt’altro di quanto tu asserisci e non ho mai confutato la necessitá di avere una buona organizzazione difensiva.... Ho detto solo che é stra-evidente la diversa idea tra Sarri e Allegri su come organizzare la fase offensiva (tra l’altro guardandomi bene da dare giudizi di merito). Se vuoi provare a confutare questo.....
  7. Come ha fatto notare Joyce si estremizzano i concetti per rendere piú chiaro un pensiero. Ma é ovvio che poi la veritá non stia mai (o quasi) agli estremi. Sta poi a chi legge di valutare se le semplificazioni apportate sono o non sono consone al contesto in cui sono applicate. Tra Sarri e Allegri é stra-evidente che c’é una diversa attenzione all’organizzazione della fase di possesso. Vogliamo mettere un punto fermo su questa cosa, o vogliamo continuare a cavillare se il gioco di Allegri sia completamente anarchico o con una certa percentuale di organizzazione?
  8. Ecco uno dei tanti casi su cui non siamo d’accordo su un “fatto”. Non intendo rientrare nella diatriba, sia perché OT, sia perché come detto prima, l’argomento non mi appassiona piú. Faccio solo notare che la frattura tra le due fazioni non nasce mai dalla non accettazione delle reciproche opinioni (se espresse come tali), ma sempre dalla non condivisione dei fatti. Per me é un dato certo (ribadito dallo stesso Allegri) che lui faccia parte di una scuola di allenatori che lasciano grandissima libertá ai giocatori nella fase di possesso. Cosí come é oggettivo che Sarri o Conte o Guardiola siano molto piú attenti e meticolosi nel preparare la fase di possesso. Mi sono guardato bene dal dire che una filosofia sia meglio o peggio dell’altra. Ho semplicemente constatato un dato di fatto evidente a tutti. Su questo fatto poi molti costruiscono le loro opinioni. Quello che é sbagliato, secondo me, é, come hai fatto tu, attaccare i fatti per confutare le opinioni che non ti piacciono. Finché non riusciremo, da entrambe le parti, a trovare un accordo almeno sui fatti piú evidenti e oggettivi, topic come questo saranno sempre destinati a degenerare.
  9. Ps: Allegri come tutti, a volte trollava, altre no. Ma in 5 anni abbiamo imparato a capire quando l’una e quando l’altra. Quando diceva di non studiare gli avversari trollava, quando ribadiva a piú riprese litigando con ogni opinionista che “il compito di un allenatore é quello di fare meno danni possibile limitandosi a dare organizzazione difensiva e lasciando ai giocatori massima libertá in fase di possesso” non trollava. Era la sua visione con tutti i pregi e i difetti che ne sono conseguiti in questi 5 anni.
  10. Ti ho giá dato ragione dicendo che ovviamente poi tutto passa dal raggiungimento o meno degli obiettivi e che ora é troppo presto per fare un paragone “oggettivo” sulla qualitá dei due allenatori. Ma ammetterai che in linea del tutto ipotetica (per ora) , a paritá di risultati é preferibile vedere la tua squadra che gioca per “tritare” l’avversario, che non vederla addormentare le partite anche per 80 minuti appena passati in vantaggio. Poi vabbé, siamo in 14 milioni e tra i tanti ci sará sempre l’eccezione di qualcuno che preferisce la seconda, ma questo é un fattore fisiologico e non cambia l’oggettività di quanto detto sopra.
  11. Fatico a seguirti.... mi spiace. Mi stai dicendo cose che non c’entrano nulla con quello che ho scritto io (e citando cose che io non ho mai scritto). Penso che sui temi da te riportati dovresti confrontarti con altri. A me interessava parlare di tutt’altro e credo di averlo fatto. Davvero, non per fare polemica, ma dalle tue risposte continua a trasparire che non hai capito nulla del mio post inizale. Ti invito a rileggerlo con piú attenzione... e se ancora non cambierá nulla ti chiedo scusa io perché evidentemente non mi sono espresso correttamente. In ogni caso ti ribadisco, non sono minimamente interessato a discutere degli argomenti da te proposti.
  12. Peró al di lá della scelta degli esempi ci sono le parole dei due allenatori che ci hanno spiegato la loro filosofia di calcio. Queste possono essere paragonate perché arrivano direttamente da loro. Per esempio , sullo stesso argomento ad uno sentivamo sempre dire “dobbiamo restare calmi e gestire il risultato”, all’altro : “non voglio gestire il vantaggio, voglio aumentarlo”. Poi é ovvio che tutto passa attraverso il raggiungimento o meno dell’obiettivo che entrambi gli allenatori si sono posti. Ma é abbastanza oggettivo che a paritá di risultati vedere la tua squadra che gioca per incrementare il vantaggio é preferibile che non vederla gestire per 70 minuti su 90.
  13. Come ho detto prima, questa é una delle tantissime opinioni spacciata come “fatto” per supportare il proprio pensiero sul nostro ex allenatore. Questa diatriba non avrá fine fintanto che non faremo tutti uno sforzo per separare definitivamente tutto ció che era “opinione” da tutto ció che era ed é un “fatto”.
  14. Provo a dare ragione a entrambi . Secondo me é OGGETTIVO che quest’anno la squadra gioca diversamente dagli anni scorsi, come é OGGETTIVO che motivo del cambiamento sia la mano dell’allenatore (ed era pertanto SOGGETTIVA l’opinione di chi vedeva nella qualitá dei giocatori l’origine del nostro gioco utilitaristico). É Invece SOGGETTIVO dire che una filosofia calcistica é migliore o peggiore di un’altra. Soprattutto ora che l’era Sarri é appena cominciata e non abbiamo alcuna certezza sul quanto durerá e dove ci porterá. Personalmente sono molto contento del cambiamento e quest’anno ho ricominciato a divertirmi guardando le partite. Ma non posso affermare che questo sia un fatto Oggettivo, é semplicemente una mia opinione (che potrebbe anche cambiare in base a cosa succederá in futuro).
  15. Sí, le nostre sono tutte opinioni, ma più volte le si é sostenute con altre opinioni spacciate per “fatti”. É questo che ha creato la frattura e il comportamento che tu hai definito “infantile”. Io personalmente non ho problemi ad accettare un’opinione anche diametralmente opposta alla mia. Mi infastidisco peró se per sostenerla mi porti una serie di altre tue opinioni spacciandole per veritá assolute. Su Allegri e Sarri, concordo con te, é un fatto che Allegri ha ottentuto ottimi risultati, ed é un’opinione quello che ciascuno di noi pensa sul “come”. Poi peró ci sono altri fatti e altre opinioni più di dettaglio che sono stati usati impropriamente per sostenere le proprie o confutare le altrui opinioni. Non voglio fare esempi ma ricordo molto bene moltissimi post (dall’una e dall’altra parte) che pur di supportare la propria opinione su Allegri, spacciavano per veritá assolute opinioni che arrivavano a sminuire anche la nostra storia, le nostre vittorie, la nostra rosa.... Concordo con te che ora é giunto il momento di dire basta e andare avanti ma per farlo potrebbe essere di aiuto capire come tutto é cominciato e tornare a mettere ordine tra fatti e opinioni.
  16. Non hai capito. É ovvio che le caratteristiche dei giocatori impattano sul gioco della squadra (c’é bisogno di dirlo?????) Quello che ho detto io (a mero titolo di esempio) era riferito al contesto. É stato piú volte detto che con khedira, pjanic, matuidi non si poteva fare un calcio basato sul fraseggio. Ebbene, era un’opinione e non un fatto perché é stato dimostrato che sí, le loro caratteristiche impattano sul nostro gioco (come dici tu), ma no, non sono cosí scarsi da non riuscire a fare 3 passaggi di fila come qualcuno qui dentro sosteneva.
  17. Brad scusami ma su Allegri tutto é cominciato quando, da entrambe le parti, si sono cominciati a confondere “i fatti” con “le opinioni”. E tutto finirá quando torneremo a separarli. Perché a me puó anche non piacere Allegri e la sua filosofia di calcio (opinione che ho tutto il diritto di esprimere) ma é un fatto, ad esempio, che abbia vinto molto sulla nostra panchina grazie alla sua ottima capacitá di gestire il gruppo per 5 anni (quando non é raro vedere allenatori che perdono il controllo del gruppo dopo anche solo 2 mesi). Allo stesso modo posso essere un grandissimo estimatore di allegri, ma é un fatto (da lui stesso rivendicato in ogni occasione) che ritenesse di non dover organizzare la fase offensiva e lavorasse, da questo punto di vista, con l’obiettivo di “fare meno danni possibili”. Filosofia diametralmente opposta a quella del nostro nuovo allenatore. Si puó dire che é nostra opinione di preferire l’una o l’altra filosofia. Non si puó dire che: “é un fatto che con certi giocatori non si puó fare un certo tipo di calcio” ..... perché poi appena succede il contrario é inevitabile che a qualcuno venga voglia di farlo notare. É un comportamento infantile? Forse si, peró sono tante le ferite aperte e tante le opinioni spacciate nel tempo per “fatti” su cui é difficile resistere alla tentazione di dire “ io lo avevo detto”. Io, personalmente, come te ho deciso di non scrivere più nulla sul nostro ex allenatore.... ma non per “maturitá”, quanto piuttosto perché l’argomento non mi appassiona più come prima. Ora abbiamo cambiato allenatore e solo a lui dedicheró il mio tempo. Sul vecchio allenatore mi tengo la mia opinione, ma non voglio più dedicargli un minuto del mio tempo (se non per celebrare i trofei arrivato sotto la sua gestione).
  18. Se avesse dato quel rigore (che non era rigore ) avremmo comunque vinto. Mancava piú di metá partita e fino ad allora li avevamo presi a pallate.... e avremmo continuato a farlo. Inoltre, se dobbiamo ragionare coi se e coi ma, la domanda piú opportuna da farsi sarebbe “come doveva finire quel campionato se all’andata contro le *****e non ci fosse stato annullato un goal valido e dato un rigore sacrosanto (questo sí) per fallo di West su Inzaghi?
  19. Ziliá.... se chiedi a tua moglie, dopo baresi e prima di deligt c’é stato un certo Paolino Montero a farla divertire con doti da fuoriclasse.
  20. .....fammici pensare....... No. peró la prima lettera é la stessa.
  21. Io sono convinto che Ndonio esploderá del tutto quando i cerebrolesi dei suoi attuali tifosi cominceranno a dargli del “gobbo dopato di m...”. Il che accadrá appena si staccheranno da noi in campionato o usciranno dalla Champions. Il primo (il degustatore di caffé corretti) ha giá cominciato ieri.... a breve arriveranno gli altri é lí vedremo Ndonio sbroccare del tutto. Sto solo aspettando, sono giá pronto coi pop-corn a godermi tutta la scena.
  22. Credo che nel video manchino i primi 6 perché se ne vedono solo 18. Ad ogni modo la cosa incredibile é che di quei 18, 8 sono passaggi a un tocco e 9 a 2 tocchi. Solo Pjanic in una occasione tocca la palla 4 volte (senza tuttavia rallentare il ritmo dell’azione). Se penso che l’anno scorso giocavamo sempre a 5/6 tocchi......
  23. Ha parlato quello cresciuto in un ambiente in cui bastava bere un caffè per correre il doppio degli avversari.... Occhio Sandrino che tutti quei caffè corretti ti hanno fatto male.....
  24. Che brutto il goal del pipita! Ho nostalgia di musetti e gabbioni.....
×
×
  • Create New...