Jump to content

aragorn74

Tifoso Juventus
  • Content Count

    206
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

92 Excellent

About aragorn74

  • Rank
    Juventino Soldatino
  • Birthday 08/17/1974

Recent Profile Visitors

1,703 profile views
  1. Ieri l'Inter messa con un po' di criterio in campo ci ha disintegrati. Nulla di trascendentale sia chiaro ma con un gioco fatto di attesa, con un buon filtro a centrocampo e con le ripartenze ha avuto vita facile. Umili tutti, concentrati e senza apparente sforzo hanno dominato la partita. E fossero stati più concreti ne facevano un altro paio.
  2. Pirlo dovrebbe capire che questa squadra non può fare il gioco che lui ha in mente (anche se a dire il vero non ho ben chiaro quale sia...). E considerato che siamo la Juve e non possiamo fare certe figuracce dovrebbe, con un umiltà e sano pragmatismo, adeguare il gioco all'organico che ha a disposizione. E se questo vuol dire assestare meglio la difesa e giocare di rimessa ben venga. Per me è inaccettabile venire sistematicamente colpiti in contropiede e, come hanno già evidenziato in molti, il secondo goal subito grida vendetta. Mi sa che quel vecchio volpone di Allegri aveva capito tutto con largo anticipo...
  3. Hanno vinto la partita nel reparto dove di solito si vincono e cioè a centrocampo. Lo spauracchio Lukaku è stato contenuto alla grande dal vecchietto Chiellini, l'unico che salvo stasera Ma Barella e Brozovic ci hanno surclassati. Risultato addirittura generoso per noi. E adesso credo sarebbe intelligente rivedere i nostri obiettivi, con umiltà puntiamo almeno al quarto posto. Triste anche solo da pensare ma i nostri limiti sono palesi, meglio farsene una ragione.
  4. Beccare un goal del genere è indegno per una squadra di serie A. E non è la prima volta che lasciamo buchi del genere con la differenza che se li lasci ad una squadra di un certo livello allora il goal lo prendi di sicuro.
  5. Sembriamo rassegnati alla sconfitta. Ancora una volta i limiti del nostro centrocampo sono venuti fuori e l'Inter senza strafare sta dominando la partita. Stanno dietro e appena recuperano ripartono sfruttando i buchi in mezzo, scolastici ma efficaci. Risultato che sta stretto a loro mentre noi siamo totalmente spaesati, sagra dei passaggi indietro e nessun guizzo. Finora Pirlo ne esce con le ossa rotte. Speriamo in qualche cambio, a partire da Rabiot che sarebbe da prendere a sberle. Possibile che l'allenatore non abbia ancora capito che lui e Bentancur non possono giocare assieme? Mah...
  6. Bonucci è palese che non possa affrontare Lukaku. Da anni soffre gli attaccanti fisici, vedasi le figure fatte con Zapata che di certo è meno forte del buon Romelu... Penso che lì ci giocheremo molto della nostra partita. Anche loro dietro però concedono parecchio. Dobbiamo crederci!
  7. Beh dai col Milan partiamo da sfavoriti... In campionato una sensazione nuova. Stasera buoni solo i tre punti, il solito fenomeno portoghese, l'impegno di Chiesa e qualche buona giocata di Ramsey.
  8. Subiamo contropiedi allucinanti. Va bene giocare alti ma così è da folli, considerato che abbiamo un centrocampo che viene infilato come una lama nel burro.
  9. Stasera non ci resta che vincere... Anche perché quelle davanti ci sono riuscite tutte e anche senza troppi patemi. Pure il Milan è sopra di due goal pur essendo in inferiorità numerica. E come sempre la partita si deciderà in mezzo dove i nostri avversari hanno buoni giocatori. L'assenza di Morata è un bel problema sia per stasera che per la prossima con il Milan. Massima fiducia e speriamo non sia l'ennesima sofferenza. Se non si portano a casa i tre punti allora non ci resterà che piangere...
  10. Concordo, Bettega a differenza di molti altri non si è mai nascosto, non è mai stato falsamente diplomatico, non ha mai avuto un atteggiamento ondivago. Ha sempre messo la faccia senza paura e solo per l'infinito attaccamento alla Juve. Anche lui vittima di Farsopoli e le sue lacrime di allora furono la dimostrazione di quanto fosse stato per lui terribile vedere i nostri colori infangati. Proprio come successo ad ogni tifoso vero.
  11. Di Bettega calciatore ho ricordi molto vaghi, so che mio padre, che juventino non è, me ne ha sempre parlato come di un grandissimo attaccante,completo e di classe. La cui carriera fu parzialmente rovinata da un grosso problema di salute prima e da un grave infortunio poi. Ricordo molto bene il Bettega dirigente e il suo essere juventino fino al midollo. Lui ci ha sempre difesi, in ogni circostanza come farebbe un qualunque tifoso innamorato dei nostri colori. Leggendario il suo botta e risposta con Brera negli anni '70 con il quale, in maniera esemplare, mise a tacere il decano dei giornalisti e la sua faziosità. Ecco ci fosse uno come lui a difenderci in società... Auguri leggenda!
  12. Credo che Andrea Agnelli abbia meriti enormi nei successi di questo decennio incredibile ed inimmaginabile. È giusto ringraziarlo ed è giusto riconoscergli una preparazione manageriale ed uno spessore unico nel panorama calcistico Italiano ed europeo Ma è altrettanto innegabile che per noi tifosi che viviamo tutto con passionalità risulta inspiegabile ed inaccettabile essere costantemente attaccati, insultati, vilipesi. E non si tratta solo dei media, dei giornalisti prezzolati o semplicemente faziosi ma anche dall'intero sistema calcio italiano. Dai presidenti delle altre squadre, dai giocatori delle altre squadre, dal mondo politico, dalle procure. Non credo sia sindrome da accerchiamento ma semplice constatazione di una realtà che è stata troppo a lungo sottovalutata. Questo sicuramente Agnelli non ha fatto, non ci ha difesi se non con frasi di circostanza. Qualcuno obietterà che non poteva certo rispondere ad ogni attacco ma è altrettanto vero che se tieni a qualcosa, fosse anche per motivi meramente economici, un modo per difenderti nelle sedi opportune lo trovi di certo. Il silenzio, in un ambiente di sciacalli come quello del calcio, è controproducente al limite del masochismo.
  13. Probabilmente la mia è ormai una fissazione ma anche ieri, quando ho visto le formazioni, mi sono detto che il centrocampo della Fiorentina era superiore al nostro. Il nostro cronico problema è nella zona nevralgica dove ci manca qualità, personalità e c'è una evidente incapacità nel fare filtro. Acuita dalla voglia di "stare alti" che finisce con l'esporci a contropiedi imbarazzanti (vedasi anche partite con Parma e Benevento tanto per citarne qualcuna...) Abbiamo un centrocampo mediocre e troppe ali o pseudo tali.
  14. Arbitraggio indecente ma del resto con questa partita sanno che ci eliminano definitivamente dalla corsa scudetto. Intanto Bergomi non riesce proprio a darci ragione nemmeno di fronte all'evidenza.
×
×
  • Create New...