Jump to content

CRAZEOLOGY

Tifoso Juventus
  • Content Count

    8,430
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    6

Everything posted by CRAZEOLOGY

  1. Hey gente accampata da anni e anni sulla riva, guardate cosa sta galleggiando sull'acqua: Tonno rosso (Thunnus thynnus )
  2. Bruttissima notizia. Ci era più utile di quello che molti pensano. Quelli come lui, Morattiani vari insomma, sono gli unici che con le loro sciocchezze tengono ancora vive certe nostre battaglie. Battaglie che combattono solo alcuni sparuti tifosi rancorosi, perché se aspettiamo il vigile ciao core. Una maglia bellissima. Qualcuno la faccia vedere a quegli squagliapiombi crucchi dell'adidas.
  3. La storia del prestito chiesto da FCA Se ne sta molto parlando, per via delle garanzie che dovrebbe dare lo stato italiano e perché il gruppo ha sede fiscale e legale all'estero https://www.ilpost.it/2020/05/17/fca-prestito-italia/ La solita faccia tosta torinese. Dovrebbero chiederlo a Boris Johnson, visto che ormai sono inglesi. O ancora meglio, agli olandesi. Il fatto che pagherebbero degli interessi è una falsa questione. La garanzia la mette lo stato italiano, e quindi se la casa automobilistica che ancora fa la tipo coi freni a tamburo davanti, dovesse avere dei problemi grossi, (potrebbe capitare visto che Marchionne non c'è più), i rischi sono che ci tocchi sborsare, per coprire le loro mancanze. Un paese serio li farebbe pedalare. E questo a prescindere da un'eventuale ritorno in Italia. Troppo facile cambiare quando fa comodo. Per non parlare delle tante promesse del passato, riguardo alla ristrutturazione di Mirafiori ecc. Tutte balle.
  4. SCUDETTO? LA LAZIO NON VINSE NESSUNO SCUDETTO.
  5. - Anche se i risultati in champions non ci hanno premiato, gli ultimi 8 anni sono stati gestiti benissimo dal punto di vista sportivo. Non si può vincere sempre tutto e tutti gli anni. Ogni tanto qualche problema è fisiologico che ci sia, non se ne può fare sempre una questione di stato. Da questo punto di vista bisogna solo fare i complimenti, a lui e a tutto lo staff juve in generale (giocatori, dirigenti, ecc). La bacheca parla chiaro. - Buoni anche i risultati relativi al fatturato. Si poteva fare meglio? Forse si, forse no. Forse più si che no, in particolare con alcuni sponsor. Ma il problema è che il fatturato è legato a molteplici fattori, di cui alcuni sono anche qua sotto... Comunque se gli introiti sono lievitati la gestione ha i suoi meriti. Alcuni tifosi e molti club lamentano l'aggressività commerciale e l'aumento dei prezzi di alcuni beni e servizi. Vero. Ma nessuno costringe nessuno ad acquistare nulla. Basta che ogni tanto nella vita, invece solo di piagniucolare, si tirino fuori gli attributi e si rinunci ad aprire il portafoglio se il prezzo lo si ritiene ingiusto. Altrimenti va bene così. La Juventus è un bene voluttuario. Anche io non concordo con molte scelte sui costi commerciali di alcuni beni e servizi, ma questo non vuol dire nulla. Quindi AA ha ragione nei fatti e nei numeri. Che ci piaccia o meno. L'operato non sarà esente da difetti, ma è ampiamente positivo per forza di cose. (ora vederemo cosa cambierà col COVID...) Invece: - Per ciò che riguarda il marketing ha realizzato un record difficilmente eguagliabile, le due peggiori prime maglie consecutive della storia della Juve. Due oscenità. Da licenziare tutti all'istante. - Per non parlare del fatto che è stato buttato al secchio lo stemma più bello della nostra storia, per sostituirlo con un logo da ristorante giapponese. Da licenziare tutti all'istante. - Per ciò che riguarda le componenti mediatiche, una media da retrocessione. Parlano quando devono stare zitti, stanno zitti quando devono parlare. E poi ogni tanto sparano anche cazzatone di grosse dimensioni. Da licenziare tutti all'istante. - Per quanto riguarda le battaglie farlocche nei tribunali e nei tribunalini, o postriboli se vi piace di più, viene da tempo ridicolizzato in ogni sede, praticamente da qualunque impiegatuccio dello stato, della federazione, e di qualunque ente interpellato. Il giudizio in questo caso è difficile da dare, perché non si capisce se ci è o ci fa. Diciamo che almeno formalmente, valutando solo gli esiti, si tratta anche qui di un fallimento tale che il licenziamento sarebbe doveroso. O le sue dimissioni. Se poi ci sono delle cose sottobanco che non sappiamo non lo so.... Potrebbe anche essere... boh... Possiamo solo riferirci all'oggi, il domani lo valuteremo quando arriverà. Va ricordato però che più sentenze sfavorevoli si collezionano, più sarà difficile un giorno eventualmente ottenere giustizia. In questa prospettiva infatti, è impossibile che lui non abbia presente questo dato, ergo le battaglie vengono probabilmente fatte per far finta di essere gobbo e affezionato ai due scudetti scippati. Un modo per nascondere a scoppio ritardato l'affetto sincero della famiglia e dei suoi satelliti con la banda degli onestoni longobardi ai bei tempi della Telecom di Tronchetti/Buora/Moratti. Far finta oggi di fare una guerra per gli scudetti funziona giusto con il fessacchiotto gobbo medio, probabilmente molto disinformato. Per chi le cose le sa, la battaglia finta di cui sopra diventa addirittura un'aggravante. Una pantomima anche qui da licenziamento istantaneo in tronco. E ci aggiungerei anche altro, ma lasciamo perdere. - Per quanto riguarda i rapporti con la tifoseria rancorosa (le curve manco le considero), siamo posizionati saldamente sulla vergogna. Il trattamento riservato a costoro, che nei tempi di Cobolli hanno fatto di tutto per aiutare proprio AA a sedersi sulla prima poltrona della Juventus, è stato davvero schifoso. Fare causa a dei piccoli e ininfluenti tifosi, mentre ci sono giornalisti che quotidianamente denigrano e sputano sul club, e che la passano liscia senza nessun timore, è la più grossa vergogna che abbia visto in vita mia in questo ambito. Anche qui da licenziamento istantaneo in tronco. E ci aggiungerei anche altro, ma lasciamo perdere. Chiudo. Bravo quindi solo per la parte sportiva ed economica. Che però son cose che possono fare anche altri bravi dirigenti d'azienda. Anche dirigenti non necessariamente gobbi. Per tutto il resto, da dimenticare, lui e i suoi nipoti, di cui uno dei due è anche il suo capo. Non c'è una vera juventinità in questa gente, c'è solo il possesso del club nel senso più bieco e volgare del termine. La Juve è loro e ne fanno quello che vogliono, senza rispettare nessuna regola morale specifica. I tifosi si possono solo adattare. Sono come il primo Cellino che passa in fin dei conti. Perché invece la famiglia in passato aveva, prima di questa ultima e grigia generazione, due caratteristiche uniche. La prima era che la Juventus era un vero e proprio pezzo della famiglia e della sua storia che si perdeva nei decenni addietro. La seconda era che grazie alla prima caratteristica i membri della famiglia stessa, o comunque molti di loro se non altro, praticamente già nascevano innamorati del club. Fin dai primi passi, da bambini, erano già gobbi dentro. Ora quella Juve è morta. Anche grazie a questi personaggi, giovani yuppies grigi, che guardano solo alle tangibilità e alle convenienze in ogni situazione. Ora la Juve è come la Jeep. Un'azienda. Così è, che ci piaccia o meno. Peccato, è stato bello finché è durato.... Ma è la vita... Tutto prima o poi finisce. E noi siamo stati fortunati, perché è durato comunque tantissimo, e molti di noi ne hanno vissuto almeno un bel pezzo. Grazie Juventus dei tanti bei ricordi che ci hai lasciato. Ti auguro un giorno di ottenere giustizia e di avere qualcuno in sella che ti voglia bene davvero. Crazeology (il bambino innamorato di te che ti ha sempre potuta vedere solo dal buco della serratura)
  6. Che sono sfigati dentro lo so, ma non sono giustificabili. E' che non vengono praticamente mai sputtanati come si deve. Tutti i media li hanno sempre leccati e protetti. E' questo il punto che mi schifa di più. E visto quello che viene fatto costantemente a noi, i principali colpevoli per conto mio stanno a Torino. Un'omertà connivente che rende questo paese ancora più incivile di quello che dovrebbe essere.
  7. Ho rivisto qualche immagine di quel giorno in tv, e dopo 18 anni ancora mi scandalizzo quando risento le parole polemiche di dentimarci dopo la partita. Lui sperava che la Lazio avesse giocato così bene per se stessa e non per fare piaceri ad altri (ossia noi). Cioè secondo il suo modo distorto di vedere il mondo, la Lazio avrebbe dovuto tirarsi giù le braghe e farsi inchiappettare senza opporre nessuna resistenza. Che poi vista la situazione dello stadio e di alcuni giocatori non è che si fosse tanto distante da quella situazione eh. Ma non è bastato. Ma guarda che ci vuole una bella faccia da tolla, un'arroganza esagerata, e un'antisportività oscena per fare dei discorsi del genere davanti ad una telecamera. E questo essere dopo tutto quello che ha combinato (lui e i suoi amichetti a dire il vero) in quegli anni non si è mai fatto manco un giorno di galera. Tutte le volte ci penso, per alcuni minuti mi vien voglia di andare a vivere all'estero. Bleah! Che schifo di gente!
  8. 1- Ci sono delle fasi storiche. A volte nascono tanti talenti tutti assieme, a volte no. 2- Sicuramente nel corso del tempo la componente fisico/atletica ha preso il sopravvento sulla parte tecnica, non ci sono dubbi. Infatti spesso, quando si parla dei confronti tifoidei/pipparoli/da giornalai tra i campioni del passato e del presente, non va dimenticato questo aspetto. Nel senso che se oggi giocassero Pelè, Maradona, e via dicendo, forse non sarebbero forti come lo erano ai loro tempi. E più si va indietro e peggio diventa. Pur mettendoci, nello stesso filone delle riflessioni, anche l'elemento importante che anche loro, OGGI, si allenerebbero con gli strumenti e le conoscenze scientifiche di OGGI, forse alcuni di quei giocatori OGGI non giocherebbero. Per esempio, Sivori oggi sarebbe un professionista di serie A? Boh... Chissà. Non abbiamo la controprova. Diciamo che se a quei tempi uno era fortissimo, OGGI non sarebbe certo un pippone, ma secondo me una buona metà di quelli che hanno fatto i professionisti del pallone 30/40 anni fa, OGGI forse sarebbero in serie C, e quelli più piccoli e gracili fisicamente forse sarebbero a lavorare in fabbrica o nella lista dei disoccupati. 3- Certo è che il talento però va anche un po' cercato, voluto. Il sistema sport in generale (calcio, tennis, basket, ecc) mi sembra invece che in questa fase storica stia molto sull'idea che con un buon fisico e con il lavoro atletico si possa ottenere qualunque cosa. Ed è sbagliato. Sarebbe come se io facessi dei corsi intensivi di disegno sperando di diventare fenomenale. Sicuramente migliorerei di brutto le mie capacità ora inesistenti nel campo, ma da lì a farlo diventare un lavoro o diventare un odierno Raffello/Caravaggio/ ecc... Beh... Ciao core! Note. Ultimamente mi è capitato di rivedere spezzoni di vecchie partite su rai sport, (90/80/70 ecc), e ci sono dei momenti in cui vedi che i piedi del passato erano molto migliori rispetto a quelli odierni, anche in giocatori di terzo piano. D'altro canto a volte vedi che la parte atletica era inferiore in modo sensibile rispetto ad oggi. Lo scatto da fermo quasi inesistente, ecc. Contropiedi che oggi si farebbero all'epoca non li facevano perché gli mancava lo sprint, ecc. Era proprio un altro calcio. Ma vale anche per altri sport. Guardare una grande e leggendaria partita di basket degli anni 70 e guardarne una odierna è nettamente diversa. Diversa nel gioco, diversa nel fisico degli interpreti, ecc. E' la vita ragazzi. Ogni pezzo di storia ha la sua storia.
  9. Che poi da regolamento il var comunque manco sarebbe potuto intervenire sull'episodio. Solo in Italia possono generarsi situazioni così ridicole e schifose. I tifosi napo-lesi (lesi soprattutto cerebralmente) non potevano che dare retta a questo personaggio assurdo e fosco. Il problema grosso è che nella fase 3 bisognerebbe costruire nuove carceri, perché c'è troppa gente impunita che continua a restare nella società civile, a volte anche con cariche importanti (sia pubbliche che private), che invece dovrebbe stare al gabbio.
  10. Ha sempre considerato nostri quegli scudetti. Ed è l'UNICO che ha avuto il coraggio di dirlo già durante l'estate del 2006 durante i mondiali, facendo inca**are il panzone massone Rossi Guido. Che minacciò addirittura di mandare a casa chi avesse proferito parola di nuovo sull'argomento. Tutti gli altri, miti compresi, non hanno mai avuto i co*****i di aprire bocca seriamente sull'argomento. Riguardatevi cosa disse Del Piero al processo di Napoli. Ciao core... Fabio ha seguito il portafoglio e la carriera. Non essendo un tifoso della Juve ci può anche stare cogliere un'occasione che non ricapita mai più. Per andare in serie B dovevi avere un altro tipo di affezione verso il club. E comunque la dirigenza voleva monetizzare. Per conto mio pure il pallone d'oro si è strameritato, perché di fatto in quel mondiale non sbagliò neanche un intervento. Buffon fu eccezionale, ma Cannavaro per due anni è stato di una bravura imbarazzante. L'unica vera colpa fu quando mesi dopo, per giustificare la sua partenza, inventò più volte scuse differenti. Mentre bastava dire la verità. Ma anche su questo, basta leggere questo topic per capire che molti Juventini vivono su marte. Non gli va mai bene niente. Pensano che ogni persona che veste la nostra maglia deve diventare gobba fino al midollo. Ma solo se è forte, sennò fotte sega. Poi se se ne va è un pezzo di M, mica un professionista a cui fanno offerte superiori. Vorrei vedere chiunque di noi, al posto loro, se a botte di milionate saremmo tutti duri e puri. Se se... già me lo vedo. E comunque, da quando ha giocato con noi, non ha mai detto una parola fuori posto contro la Juve. Anzi. Ci ha sempre portato su un piatto d'argento. E rileggete con attenzione il post iniziale. Ha reso onore a chi è rimasto e ha spiegato, come ha fatto di recente anche Sarri, che quando vieni da noi cominci a vedere la Juve in modo diverso.
  11. Giuseppe Gazzoni Frascara http://www.giulemanidallajuve.com/newsite/articoli_dettaglio.asp?id=5949 Bravo Mario!
  12. Le richieste dei risarcimenti ad oggi non sono andate in porto, e dubito che vadano in porto ora che è morto, se per caso sono ancora pendenti. Ma visto i pastocchi con Victoria 2000, tutto sommato ha vissuto tranquillo fino alla fine. Non gli hanno fatto sostanzialmente nulla. Una delle tante vergogne d'Italia.
  13. E' morto l'ex-presidente del Bologna GAZZONI FRASCARA, grande accusatore della Juve di MOGGI. Un altro di quelli che predicavano bene ma razzolavano male. Un altro di quelli che non ha mai pagato il conto con la giustizia.
  14. E' stato il più grande comico della storia del calcio. Ok, è interista. Ok, ha fatto quello che il clan dei torinesi gli ha imposto di fare. Ok, era in malafede. Ok tutto quello che si vuole. Ma come comico è ad oggi inarrivabile. Tavecchio e altri nella storia ci si sono avvicinati giusto un pochino, certo, non lo nego. Cobolli però è stato il numero 1 con enorme distacco dal secondo. Il talento non si compra. Basti guardare Agnelli, che non è tanto tanto tanto diverso negli intenti, e che pure lui in quanto a scivoloni qualche buon colpetto l'ha dato ogni tanto, eppure è lontano anni luce dal talento cristallino di Giovanni. Cobolli in pochissimi anni ha realizzato i gol che per tanti altri personaggini del palloncino ci vorrebbero tre vite a testa. Come lui nessuno mai. Mi manca tantissimo, lui rinfrescava le mie giornate con delle sparate geniali. Bei tempi andati.... Mi alzavo al mattino con l'ansia addosso di sapere cosa si sarebbe inventato di volta in volta, su qualunque argomento, e lui non mi deludeva mai. Un genio assoluto. Oggi invece mi alzo al mattino e realizzo che siamo in mano al vigile interista e al nipote interista del vigile interista, che poi è anche il capo del vigile interista, e affogo in un mare grigio di profonda tristezza. Ho accettato con il tempo la morte definitiva del club nel 2006. Ho sopportato mio malgrado, grazie a Cobolli, i primi anni post lutto per via del grande spettacolo comico offertomi gratuitamente. Oggi invece, che si fa finta che non sia successo niente, il dramma del 2006 che diventò una divertente pantomima tra il 2006 e il 2010, si è trasformato in una oscenità. Nel frattempo Il clan degli spioni non ha visto un giorno di galera, nessuno ha avuto manco un punto di penalizzazione, hanno rubato i nostri scudetti impunemente, hanno rubato il nostro futuro impunemente (visto quello che eravamo nel 2006, credo che tra il 2006 e il 2010 avremmo potuto spaccare tutto e tutti per anni). Nel frattempo la maglia della Juventus è diventata la maglia dell'Udinese prima, e del Palio di Siena poi. Nel frattempo lo stemma della Juventus è diventato un freddo è spento logo commerciale. Nel frattempo la Juventus ha vinto meritatamente tanti scudetti, che senza i processi e la giustizia necessaria, restano simili a quelli che si vincono alla playstation. Siamo nel pieno di un'era virtuale. Ho tanta nostalgia di Cobolli, almeno mi facevo quattro risate.
  15. Vanno presi con le molle. Loro sono intrattenimento, non giornalismo. La questione vera è che ne sono consapevoli solo in parte, infatti sono tutti molto pompati. Tutti, persino gli Juventini. Sanno tutto loro, e chi sta a casa non capisce mai una cippa. Non sanno manco dialogare da pari a pari con chi telefona da casa. Loro sono professionisti e chi sta a casa ben che vada è un simpatico imbecille. L'unica persona che gradisco abbastanza in tutta quella struttura è Mimmo Pesce, che infatti fa l'intrattenitore/comico non il "giornalista". E ho detto tutto. Peccato, alcuni di loro sarebbero anche persone intelligenti, ma il fatto di avere buoni ascolti e il fatto di leggere notizie tutto il giorno per motivi di lavoro li fa sentire piccoli dei.
  16. "Avvisato"? Avvisato de che? Eh cos'è, minacciano anche la gente adesso? Ma va. Cacatelle giornalistiche. A fine anno valuteranno. E se fosse una società seria farebbe anche autocritica riguardo alle scelte economiche complessive. No perché non vorrei che poi paga, eventualmente, solo il dirigente sportivo di turno. L'analisi andrebbe anche fatta un po' più in alto.
  17. Una delle poche canotte originali che ho è la sua. Credo anche che come persona, rispetto ad altre del suo mondo, avesse una marcia in più, perché sapeva osservare e imparare da chiunque. Mi ero fatto l'idea che gradualmente avrebbe imparato a fare grandi cose anche fuori dal campo. Non lo sapremo mai. Per non parlare di sua figlia, ancora così giovane. Tristissima notizia. Sarai sempre il mio 24 preferito. RIP
  18. Questa foto che aveva sempre nel portafoglio però vale più di mille parole. Da non crederci. Destino totale, robe da film.
  19. Da qualunque parte guardo tutta la vicenda, (malattia, ospedale, sla, lega calcio, tv, giornali, storia del calcio gobbo, storia del calcio italiano, storia del paese, ecc, ecc, ecc, ecc) , è tutto uno strano labirinto di emozioni contrastanti. Sono senza parole, da tutti i punti di vista.
  20. La famiglia Agnelli per intero, di liberale non ha NULLA. E' così proprio storicamente. Quando si è dovuta fare una campagna stampa contro Tizio o Caio, laddove si rendeva necessario e utile, non si è mai tirata indietro. Politici, imprenditori, ecc. Compresi Moggi e Giraudo, tra gli altri. E in qualche occasione si sono pure pappati a prezzo di saldo gli avanzi. Ma con tutta la buona volontà, anche a voler considerare il presupposto amorale e brutalmente logico che per conservare certe condizioni economiche e di potere a quei livelli non devi guardare in faccia a nessuno, quanto meno un bel po' di seria informazione successivamente avrebbero potuto farla. Senza diffamare nessuno, bastava solo analizzare e diffondere i fatti. Ma si sono ben guardati di farlo. Segno che anche loro hanno tante tante tante cose brutte da nascondere. Meglio non scoperchiare il vaso di Pandora. AA liberale una bella cippa.
  21. Continuate a non capire. Il punto è che gli imbrogli c'erano, ma a Milano. Il punto mica è solo togliergli lo scudetto. Il punto è come minimo ridare i due a noi. E poi discutere anche di un bel po' di cosette.... Ed è questo il motivo per cui tutta la battaglia di Agnelli è una farsa. Su di loro mai una parola fuori posto, mai una campagna stampa contro, mai nulla. Si sono ben guardati dal fare la dovuta informazione. L'han dovuta fare JU29RO e GLMDJ, ossia poche decine di tifosi. Il vigile ha fatto solo qualche chiacchiera/battutina su prescrizioni e simili. E' solo tutto un volgare wrestiling, e senza manco grandi attori/protagonisti. Un wrestiling di serie c, pure mal recitato. Questa gente non tifa Juve, tifa se stessa. Sarebbero tutti da rottamare. Pezzo del mio post nella pagina precedente.
  22. 03-12-2019 ELKANN, L'ULTIMO GEDI - ECCO PERCHÉ I DE BENEDETTI HANNO VENDUTO ''REP'' E TUTTO IL CUCUZZARO: LA PARTECIPAZIONE IN GEDI GLI È COSTATA UN BUCO DA 170 MILIONI NEI CONTI E NON POTEVANO PIÙ PERMETTERSI L'EMORRAGIA - IL CDR DE ''LA STAMPA'', CHE DA PREDA RISCHIAVA DI DIVENTARE LA CRONACA DI TORINO DI ''REPUBBLICA'', TORNA PADRONA E FESTEGGIA L'OPERAZIONE. MENTRE QUELLO DE ''L'ESPRESSO'' È DECISAMENTE ALLARMATO - https://www.dagospia.com/rubrica-2/media_e_tv/elkann-39-ultimo-gedi-ecco-perche-de-benedetti-hanno-venduto-220736.htm
  23. E' che benedizione delle finali non si può sentire, anche se capisco la voglia di agganciarsi un po' intellettualmente all'altro topic, sia chiaro. C' è una maledizione. Quella c'è. Se poi si vuole vedere anche l'altro lato della medaglia, ok. Il considerare l'arrivare in finale tante volte un fatto comunque positivo non lo considero affatto sbagliato, almeno in termini generali. In particolare quando sento i milanisti che dicono che la Juve non è una squadra storicamente da champions. Ma de che? Il problema è che poi in finale c'è la maledizione e non si vince, perché qualcosa di solito succede. Ma se giochi 9 finali, all'interno di un certo numero di decenni e non tutte assieme, sei una squadra da champions. Che poi si perda è tutto un altro discorso. Senza contare che la Juve cmq ha alzato anche altre diverse coppe europee. No perché sennò dovremmo dire che il Nottingham Forest è una squadra da champions. Ma anche no! Detto questo, dato che non da mo mi sono parecchio rotto le balle di questo preciso torneo e dei pasticci di vario tipo che tutte le volte ne vengono fuori (e non tanto del fatto che si perde con facilità), io praticamente me ne frego. Seguo solo campionazzo e Coppa Italia. E se la Juve dovesse giocare nuovamente la Uefa EL la seguirei volentieri (anche se di solito non frega una cippa a nessuno, per me resta un torneo molto importante).
×
×
  • Create New...